Letteratura femminile

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

Descrizione: Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Milena Edizioni

Collana: Letteratura erotica

Anno: 2015

ISBN: 9788898377350

Trama

Le Vostre recensioni

A commento de “Il basilico raccolto all’alba“, pubblichiamo l’intervista all’autrice di Milena Edizioni.

La redazione di i-libri.com

_________________________________________

Intervista a Eugènie Gènin 

D – Qual è la differenza, a tuo avviso, tra erotismo e pornografia?
R – Ė erotico un istinto animale che si mette in testa di diventare poesia; ma anche quello che resta fedele alla propria natura. Ė pornografico tutto ciò che resta a metà strada, che tradisce la propria natura per il solo piacere di apparire, vendere, guadagnare. La linea è sottile e, a volte, nemmeno si vede ma c’è e oltrepassarla senza accorgersene è davvero facile.

D – E la correlazione tra lentezza ed erotismo?
R – Erotismo e lentezza sono correlati perché solo nella lentezza si ha il tempo di cogliere tutti quei microscopici particolari che rendono erotica una trama. Si dice erotico e si pensa al sesso, alla scena di sesso, ma non è vero. Ė il processo mentale che porta un corpo ad eccitarsi o a desiderare a creare l’erotismo e qualsiasi processo è di per sé lento per natura. Poesia ed erotismo sono invece legati per quanto descritto nella prima domanda: il punto di partenza e quello di arrivo. Solo attraverso il suono delle belle parole e della metrica impeccabile, possiamo rendere umano un atto che di umano non ha nulla.

D – Perché leggere un libro erotico oggi?
R – Perché in un periodo storico dove il sesso è ovunque: Tv, internet, etc. etc… fare un passo indietro spegnendo tutte queste immagini a portata di un click e riaccendere la fantasia per lasciarla correre su righe che odorano d’inchiostro, potrebbe farci riappropriare del tempo che abbiamo bisogno per scoprirci e capirci.

D – A tuo avviso, qual è la zona più erogena del corpo femminile e quale quella del corpo maschile?
R – Per esperienza credo che ognuno faccia specie a sé, femmina o maschio che sia. Ma se proprio devo dare una risposta dico collo per le donne e pancia per gli uomini.

D – La tua parola preferita e quella che non ti piace affatto.
R – Anima, la mia preferita. Morale, quella che più odio. Infatti studio la prima e combatto la seconda. Ogni giorno della mia vita.

D – Con quale scrittore o scrittrice famoso berresti un caffè?
R – Virginia Woolf, senz’ombra di dubbio. Ma sarebbe meglio un tè.

D – Qual è il tuo invito alla lettura de “Il basilico raccolto all’alba”?
R – Una storia banale, raccontata in maniera incredibile. Forse unica. Uno dei pochi erotici, degni di chiamarsi tali, del panorama odierno. Un incontro come ne capitano pochi nella vita, forse una volta soltanto quando va bene. Un ventaglio di immagini che, se agitate nella direzione giusta, regaleranno sollievo ai vostri pregiudizi.

D – La frase che hai scritto e che ti piace di più …
R – «Ti prego, fai piano…» Ricordo ancora il sapore di quelle quattro parole appena bisbigliate. Avevo da poco masticato una foglia del basilico che stava sul davanzale della mia finestra. Ricordo l’odore di chiuso che a folate entrava nelle mie narici, ogni volta che il tuo bacino sbatteva contro la parte posteriore delle mie cosce. Indossavi una giacca, forse dimenticata nell’armadio per tutto l’inverno e ora rispolverata per assenza di alternative. Ricordo che io ti guardavo ma tu no. (…) A ogni spinta, un grugno di piacere con retrogusto di dolore ti stropicciava il muso. Avevi paura di farmi male, ma al tempo stesso l’idea di farmene t’inebriava.

D – Il ruolo della voce, in un rapporto, quanto conta?
R – Domanda curiosa, che cade dritta come un sasso nello stagno, dentro al l’ultimo dei miei nuovi interessi: la meccanica quantistica. Niente di sessuale, penserai, ma non è così. La voce è a mio avviso un ottimo esempio per spiegare il dualismo onda-particella. La voce è qualcosa di fermo, quando la si associa alla persona che ci sta davanti; ma è anche una vibrazione che attraversa fili, corpi e persino pensieri. Muovendoli. Emozionandoli. Eccitandoli. Anche a migliaia di chilometri di distanza. Quando leggiamo qualcosa per esempio, una lettera. Nella nostra mente associamo una voce alle parole che leggiamo, spesso quella di chi le ha scritte, se la conosciamo. Perciò in un rapporto la voce e’ determinante, perché diventa parte dei ricordi come le fragranze e il piacere. Anzi, spesso e’ parte importante del piacere che si prova. Non posso pensare a un rapporto muto. Quando faccio sesso mi piace esprimere quello che sento, dire quello che voglio. Implorare, ordinare, incitare, rassicurare, coccolare oppure offendere. La voce è tutto. Il copione della storia. Tutto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eugènie

Gènin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gènin Eugènie

Quando una donna viene lasciata, tanto più se di punto in bianco, le ambasce del cuore possono travolgerla e spingerla a entrare nel tortuoso tunnel delle supposizioni, delle attese spasmodiche - più o meno sensate - di un segnale, magari nella speranza che non sia proprio l'ultimo e che lui ritorni. Ma così non va. C'è una cosa che le donne dovrebbero imparare dagli uomini, e cioè l'arte di dimenticare. Nessuno ci insegna come si fa ad amare, a evitare di essere infelici, a dimenticare, a spezzare le lancette dell'orologio dell'amore. Come si fa a non tormentarci, a lottare contro la tirannia delle piccole cose, a neutralizzare il complotto dei ricordi e ignorare un telefono che resta muto. Esiste qualcuno che, mentre siamo lì a singhiozzare per un torto d'amore, ci dice che un giorno rideremo di quella stessa cosa che oggi ci fa piangere? Attraverso le confidenze di amiche e conoscenti, proverbi e una ricchissima raccolta di aforismi di personaggi famosi - poeti, scrittori, filosofi arabi e non - questo libro è una sapiente e gustosa raccolta di pillole di saggezza per prendere le distanze da una storia finita e creare i presupposti per una nuova. Una meditazione piena di stile e ironia su come sopravvivere all'amore e ai suoi danni.

L’ARTE DI DIMENTICARE

Mosteghanemi Ahlam

Un giorno, uno scrittore famoso scopre che la moglie, corrispondente di guerra, lo ha abbandonato senza lasciare traccia e senza alcuna spiegazione plausibile. Nonostante il successo e un nuovo amore, il pensiero dell'assenza della donna continua a tormentarlo e gli invade la mente fino a gettarlo in un totale smarrimento. E' stata rapita, ricattata, o semplicemente si è stancata del matrimonio? L'inquietudine che gli deriva è tanto forte quanto l'attrazione che lei continua a esercitare su di lui. La ricerca di lei - e del significato della propria vita - porta lo scrittore dalla Francia alla Spagna e alla Croazia, sino a raggiungere gli affascinanti paesaggi desolati dell'Asia Centrale. E ancora di più, lo allontana dalla sicurezza del suo mondo verso un cammino completamente sconosciuto, alla ricerca di un nuovo modo di intendere la natura dell'amore e il potere ineludibile del destino.

Lo Zahir

Coelho Paulo

Un romanzo nel quale il corpo passa da oggetto del desiderio a soggetto che desidera e cerca di appagare i propri sogni.

EMMANUELLE

Arsan Emmanuelle

Un paparino profondamente materno che prende in contropiede l'incipiente vecchiaia - nonché il figlio - a suon di collant, gonna, rossetto e tacchi a spillo. Un principe azzurro che tenta inutilmente di risvegliare la principessa dal suo sonno profondo con mille prodezze erotiche, e finisce per addormentarsi lui, per sempre. Uno scrittore esordiente pronto a rinnegare il suo idolo - che ha contribuito in modo sostanziale al suo decollo - non appena ne ha preso il posto nel firmamento letterario. Un uomo che decide di sposare l'ex fidanzata perché scopre che è malata terminale, e quando lei guarisce grazie all'amore, non sa proprio che pensare, che pesci pigliare... Che si tratti di vecchi rincretiniti, vitelloni incalliti o Madonne ribelli al destino di future madri di Gesù Cristo, Quim Monzó entra nelle vite dei suoi personaggi con occhio acuto, parole al vetriolo, balsami di tenerezza.

MILLE CRETINI

Monzò Quim