Letteratura femminile

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

Descrizione: Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Milena Edizioni

Collana: Letteratura erotica

Anno: 2015

ISBN: 9788898377350

Trama

Le Vostre recensioni

A commento de “Il basilico raccolto all’alba“, pubblichiamo l’intervista all’autrice di Milena Edizioni.

La redazione di i-libri.com

_________________________________________

Intervista a Eugènie Gènin 

D – Qual è la differenza, a tuo avviso, tra erotismo e pornografia?
R – Ė erotico un istinto animale che si mette in testa di diventare poesia; ma anche quello che resta fedele alla propria natura. Ė pornografico tutto ciò che resta a metà strada, che tradisce la propria natura per il solo piacere di apparire, vendere, guadagnare. La linea è sottile e, a volte, nemmeno si vede ma c’è e oltrepassarla senza accorgersene è davvero facile.

D – E la correlazione tra lentezza ed erotismo?
R – Erotismo e lentezza sono correlati perché solo nella lentezza si ha il tempo di cogliere tutti quei microscopici particolari che rendono erotica una trama. Si dice erotico e si pensa al sesso, alla scena di sesso, ma non è vero. Ė il processo mentale che porta un corpo ad eccitarsi o a desiderare a creare l’erotismo e qualsiasi processo è di per sé lento per natura. Poesia ed erotismo sono invece legati per quanto descritto nella prima domanda: il punto di partenza e quello di arrivo. Solo attraverso il suono delle belle parole e della metrica impeccabile, possiamo rendere umano un atto che di umano non ha nulla.

D – Perché leggere un libro erotico oggi?
R – Perché in un periodo storico dove il sesso è ovunque: Tv, internet, etc. etc… fare un passo indietro spegnendo tutte queste immagini a portata di un click e riaccendere la fantasia per lasciarla correre su righe che odorano d’inchiostro, potrebbe farci riappropriare del tempo che abbiamo bisogno per scoprirci e capirci.

D – A tuo avviso, qual è la zona più erogena del corpo femminile e quale quella del corpo maschile?
R – Per esperienza credo che ognuno faccia specie a sé, femmina o maschio che sia. Ma se proprio devo dare una risposta dico collo per le donne e pancia per gli uomini.

D – La tua parola preferita e quella che non ti piace affatto.
R – Anima, la mia preferita. Morale, quella che più odio. Infatti studio la prima e combatto la seconda. Ogni giorno della mia vita.

D – Con quale scrittore o scrittrice famoso berresti un caffè?
R – Virginia Woolf, senz’ombra di dubbio. Ma sarebbe meglio un tè.

D – Qual è il tuo invito alla lettura de “Il basilico raccolto all’alba”?
R – Una storia banale, raccontata in maniera incredibile. Forse unica. Uno dei pochi erotici, degni di chiamarsi tali, del panorama odierno. Un incontro come ne capitano pochi nella vita, forse una volta soltanto quando va bene. Un ventaglio di immagini che, se agitate nella direzione giusta, regaleranno sollievo ai vostri pregiudizi.

D – La frase che hai scritto e che ti piace di più …
R – «Ti prego, fai piano…» Ricordo ancora il sapore di quelle quattro parole appena bisbigliate. Avevo da poco masticato una foglia del basilico che stava sul davanzale della mia finestra. Ricordo l’odore di chiuso che a folate entrava nelle mie narici, ogni volta che il tuo bacino sbatteva contro la parte posteriore delle mie cosce. Indossavi una giacca, forse dimenticata nell’armadio per tutto l’inverno e ora rispolverata per assenza di alternative. Ricordo che io ti guardavo ma tu no. (…) A ogni spinta, un grugno di piacere con retrogusto di dolore ti stropicciava il muso. Avevi paura di farmi male, ma al tempo stesso l’idea di farmene t’inebriava.

D – Il ruolo della voce, in un rapporto, quanto conta?
R – Domanda curiosa, che cade dritta come un sasso nello stagno, dentro al l’ultimo dei miei nuovi interessi: la meccanica quantistica. Niente di sessuale, penserai, ma non è così. La voce è a mio avviso un ottimo esempio per spiegare il dualismo onda-particella. La voce è qualcosa di fermo, quando la si associa alla persona che ci sta davanti; ma è anche una vibrazione che attraversa fili, corpi e persino pensieri. Muovendoli. Emozionandoli. Eccitandoli. Anche a migliaia di chilometri di distanza. Quando leggiamo qualcosa per esempio, una lettera. Nella nostra mente associamo una voce alle parole che leggiamo, spesso quella di chi le ha scritte, se la conosciamo. Perciò in un rapporto la voce e’ determinante, perché diventa parte dei ricordi come le fragranze e il piacere. Anzi, spesso e’ parte importante del piacere che si prova. Non posso pensare a un rapporto muto. Quando faccio sesso mi piace esprimere quello che sento, dire quello che voglio. Implorare, ordinare, incitare, rassicurare, coccolare oppure offendere. La voce è tutto. Il copione della storia. Tutto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eugènie

Gènin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gènin Eugènie

Nella Germania della Seconda guerra mondiale, quando ogni cosa è in rovina, una bambina di nove anni, Liesel, inizia la sua carriera di ladra. All'inizio è la fame a spingerla, e il suo bottino consiste in qualche mela, ma poi il vero, prezioso oggetto dei suoi furti sono i libri. Perché rubarli significa salvarli, e soprattutto salvare se stessa. Liesel infatti sta fuggendo dalle rovine della sua casa e della sua famiglia, accompagnata dal fratellino più piccolo e diretta al paese vicino a Monaco dove l'aspetta la famiglia che li ha adottati. Nell'inverno gelido e bianco di neve, il bambino non ce la fa, ed è proprio vicino alla sua tomba che lei trova il primo libro. Il secondo, invece, lo salva dal fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. Col passare del tempo il numero dei libri cresce e le parole diventano compagne di viaggio, ciascuna testimone di eventi terribili ai quali la bambina sopravvive, protetta da quei suoi immortali, straordinari, amorevoli angeli custodi.

Storia di una ladra di libri

Zusak Markus

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta

Fosse vissuta sei o sette secoli fa, nelle terre umbre dov'è nata, Patrizia Cavalli sarebbe stata senz'altro una delle grandi mistiche di quel periodo. Le sue esatte visioni verbali avrebbero narrato i misteri più sensibili della divinità, e le sue estasi, i suoi terrori e le sue ebbrezze sarebbero stati registrati e trascritti con devozione dai fedeli amici intorno a lei. Nei nostri tempi, invece, Patrizia Cavalli si è proposta il compito, più arduo, di dare parola ai misteri profani di cui tutti facciamo esperienza: all'indicibile nostalgia di settembre, che ogni anno, regolarmente, ci trafigge; al pulsare frenetico della «nemica mente», quando insegue e controlla ogni lieve mutamento del corpo; alla felicità che scende, come rugiada dal cielo, se una certa luce pomeridiana si mostra all'improvviso. In ogni verso, il ragionare poetico di Patrizia Cavalli non cerca, ma trova. Il suo ardente, ostinato desiderio conoscitivo non chiede altro che arrendersi, infine, dinanzi allo stupore e all'evidenza dell'apparizione poetica. "Vita meravigliosa" rappresenta una summa della poesia di Patrizia Cavalli, attraverso le ossessioni ricorrenti, i temi e i molteplici registri stilistici che la caratterizzano. Insieme ai molti fulminei epigrammi, comici o filosofici (spesso le due cose insieme), compaiono i monologhi ipocondriaci, quasi teatrali, oltre alle tante poesie d'amore, non prive di ferocia descrittiva, e un breve poemetto, "Con Elsa in Paradiso", dove la promessa - o la minaccia? - della vita eterna apre al poeta la possibilità terrestre di «abolire, non dico la realtà / ma ogni traccia di verosimiglianza». Poco importa che il poeta dica sempre 'io': quell'io è talmente dilatato, talmente elastico da includere nella sua lingua ogni cosa, purché esista e viva.

La poesia è donna

Cavalli Patrizia

La i-settimana dedicata a Pasolini