Letteratura femminile

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

Descrizione: Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Milena Edizioni

Collana: Letteratura erotica

Anno: 2015

ISBN: 9788898377350

Trama

Le Vostre recensioni

A commento de “Il basilico raccolto all’alba“, pubblichiamo l’intervista all’autrice di Milena Edizioni.

La redazione di i-libri.com

_________________________________________

Intervista a Eugènie Gènin 

D – Qual è la differenza, a tuo avviso, tra erotismo e pornografia?
R – Ė erotico un istinto animale che si mette in testa di diventare poesia; ma anche quello che resta fedele alla propria natura. Ė pornografico tutto ciò che resta a metà strada, che tradisce la propria natura per il solo piacere di apparire, vendere, guadagnare. La linea è sottile e, a volte, nemmeno si vede ma c’è e oltrepassarla senza accorgersene è davvero facile.

D – E la correlazione tra lentezza ed erotismo?
R – Erotismo e lentezza sono correlati perché solo nella lentezza si ha il tempo di cogliere tutti quei microscopici particolari che rendono erotica una trama. Si dice erotico e si pensa al sesso, alla scena di sesso, ma non è vero. Ė il processo mentale che porta un corpo ad eccitarsi o a desiderare a creare l’erotismo e qualsiasi processo è di per sé lento per natura. Poesia ed erotismo sono invece legati per quanto descritto nella prima domanda: il punto di partenza e quello di arrivo. Solo attraverso il suono delle belle parole e della metrica impeccabile, possiamo rendere umano un atto che di umano non ha nulla.

D – Perché leggere un libro erotico oggi?
R – Perché in un periodo storico dove il sesso è ovunque: Tv, internet, etc. etc… fare un passo indietro spegnendo tutte queste immagini a portata di un click e riaccendere la fantasia per lasciarla correre su righe che odorano d’inchiostro, potrebbe farci riappropriare del tempo che abbiamo bisogno per scoprirci e capirci.

D – A tuo avviso, qual è la zona più erogena del corpo femminile e quale quella del corpo maschile?
R – Per esperienza credo che ognuno faccia specie a sé, femmina o maschio che sia. Ma se proprio devo dare una risposta dico collo per le donne e pancia per gli uomini.

D – La tua parola preferita e quella che non ti piace affatto.
R – Anima, la mia preferita. Morale, quella che più odio. Infatti studio la prima e combatto la seconda. Ogni giorno della mia vita.

D – Con quale scrittore o scrittrice famoso berresti un caffè?
R – Virginia Woolf, senz’ombra di dubbio. Ma sarebbe meglio un tè.

D – Qual è il tuo invito alla lettura de “Il basilico raccolto all’alba”?
R – Una storia banale, raccontata in maniera incredibile. Forse unica. Uno dei pochi erotici, degni di chiamarsi tali, del panorama odierno. Un incontro come ne capitano pochi nella vita, forse una volta soltanto quando va bene. Un ventaglio di immagini che, se agitate nella direzione giusta, regaleranno sollievo ai vostri pregiudizi.

D – La frase che hai scritto e che ti piace di più …
R – «Ti prego, fai piano…» Ricordo ancora il sapore di quelle quattro parole appena bisbigliate. Avevo da poco masticato una foglia del basilico che stava sul davanzale della mia finestra. Ricordo l’odore di chiuso che a folate entrava nelle mie narici, ogni volta che il tuo bacino sbatteva contro la parte posteriore delle mie cosce. Indossavi una giacca, forse dimenticata nell’armadio per tutto l’inverno e ora rispolverata per assenza di alternative. Ricordo che io ti guardavo ma tu no. (…) A ogni spinta, un grugno di piacere con retrogusto di dolore ti stropicciava il muso. Avevi paura di farmi male, ma al tempo stesso l’idea di farmene t’inebriava.

D – Il ruolo della voce, in un rapporto, quanto conta?
R – Domanda curiosa, che cade dritta come un sasso nello stagno, dentro al l’ultimo dei miei nuovi interessi: la meccanica quantistica. Niente di sessuale, penserai, ma non è così. La voce è a mio avviso un ottimo esempio per spiegare il dualismo onda-particella. La voce è qualcosa di fermo, quando la si associa alla persona che ci sta davanti; ma è anche una vibrazione che attraversa fili, corpi e persino pensieri. Muovendoli. Emozionandoli. Eccitandoli. Anche a migliaia di chilometri di distanza. Quando leggiamo qualcosa per esempio, una lettera. Nella nostra mente associamo una voce alle parole che leggiamo, spesso quella di chi le ha scritte, se la conosciamo. Perciò in un rapporto la voce e’ determinante, perché diventa parte dei ricordi come le fragranze e il piacere. Anzi, spesso e’ parte importante del piacere che si prova. Non posso pensare a un rapporto muto. Quando faccio sesso mi piace esprimere quello che sento, dire quello che voglio. Implorare, ordinare, incitare, rassicurare, coccolare oppure offendere. La voce è tutto. Il copione della storia. Tutto.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Eugènie

Gènin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Gènin Eugènie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È sabato mattina e Rosie e Jonathan sono a letto in un momento di intimità, quando il telefono inizia a squillare senza tregua. Sul display compare un numero sconosciuto. Ancora non sanno che quella telefonata di per sé insignificante manderà all'aria tutta la loro vita. Più che quarantenni, Rosie e Jonathan sono gli unici fra i loro amici a non aver messo su famiglia e a vivere da eterni fidanzati in un quadrilocale che sembra arredato da due studenti. Impossibile immaginare che a pochi giorni da quel sabato Jonathan si inginocchierà davanti a Rosie chiedendole di sposarlo e seguirlo in California! La prima a storcere il naso di fronte all'improvvisa proposta è l'energica nonna Soapie: sognatrice, anticonformista, irriverente, Soapie ha sempre spronato Rosie a osare nella vita, a coltivare le sue passioni e seguire i suoi desideri. Per questo non capisce cosa spinga la nipote sull'altra sponda dell'oceano, dietro a un ragazzotto con la passione per le tazzine di porcellana. Ma il destino è sempre pronto a stuzzicarci e quando Rosie sarà messa di fronte a un'altra scelta cruciale, dovrà per forza decidere quale partita giocare. Perché la grande regola della vita è che non è mai troppo tardi per correggere il tiro e la felicità è sempre più vicina di quanto immaginiamo. Basta ricordarselo.

Non c’è niente che non va, almeno credo

Dawson Maddie

LA PARATA

Landini Filippo

Ci sono due tipi di passione. Una non mi piace, l'altra non m'interessa. Cosa hanno in comune la vita di Elsina Marone, miliardaria, impareggiabile ancheggiatrice e una breve esperienza da pilota di Formula 1, e quella di Salvatore Varriale detto (dai nemici) 'a Libellula, boss della camorra nascosto (dagli amici) in uno scantinato del casertano? E quelle di Peppino Valletta, romantico cantante di piano-bar, che vive per il figlio disabile, e di Linda Giugiù, imbattibile, o quasi, al tavolo da poker? O ancora quelle di Aristide Perrella, inesorabile e mostruosa forza della natura, di Donna Emma, perfida viceportiera in un signorile stabile sulla panoramica di Napoli, di Girolamo Santagata, "avvocato romano e misantropo internazionale", di Enza Condé, scienziata di fama planetaria, di Marco Valle, bolognese e taciturno, e di Settimio Valori, "infaticabile patrocinatore di se stesso e uomo di sconcertante banalità"? Hanno in comune che sono, appunto, vite. E come ogni vita sono composte di tutte le cose che ci sembrano decisive e non lo sono, di sparuti momenti di felicità e abissi di dolore, di una apparente monotonia rotta da squarci di luce e grazia, da illuminazioni improvvise, da migliaia di aspetti forse irrilevanti ma non per questo secondari. Partendo dai ritratti del fotografo Jacopo Benassi, Paolo Sorrentino immagina l'esistenza delle persone immortalate, senza conoscere i loro nomi, le loro generalità, che cosa facciano o abbiano fatto.

Gli aspetti irrilevanti

Sorrentino Paolo

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi