Narrativa

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Descrizione: Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Darkside

Anno: 2017

ISBN: 9788893251525

Trama

Le Vostre recensioni

Il boulevard delle ossa

Léo Malet, autore francese di genere noir, è il creatore di storie seriali con protagonista il detective privato Nestor Burma a capo dell’agenzia investigativa “Fiat Lux”. In questo romanzo, intitolato Il boulevard delle ossa,  Burma e la sua affascinante assistente Hélène si ritrovano ingaggiati da un losco commerciante di diamanti che li coinvolge in un’indagine in cui avranno a che fare con un cinese e alcuni sedicenti russi. L’indagine pian piano tenderà ad assumere contorni sempre più misteriosi e indefiniti, dipanandosi dalle strade della moda parigina fino a quelle frequentate da prostitute, e la soluzione dell’enigma dovrà essere ricercata nel passato, all’epoca della rivoluzione russa.

Per certi versi Malet potrebbe essere accostato a Simenon (suo contemporaneo) e al suo personaggio più noto, il commissario Maigret, anche per l’ambientazione parigina (come dice lo stesso Burma infatti “…io sono ispirato solo da Parigi”). Tuttavia Malet non è Simenon, egli infatti non intende approfondire la dimensione psicologica dei personaggi e non si pone l’obiettivo di scandagliarne l’anima. Il suo Nestor Burma è un investigatore caratterizzato da un’aurea da duro, da “sciupa femmine” vorace che non manca di fare complimenti e ammiccamenti alla segretaria-assistente Hélène, che a sua volta dimostra volentieri di stare al gioco. I noir di Malet sono assolutamente essenziali, a momenti più simili a un copione pensato per il cinema piuttosto che a un’opera letteraria. L’autore non eccede nelle descrizioni, si focalizza sullo svolgersi degli eventi nudi e crudi raccontati in prima persona dallo stesso Burma (e in questo romanzo anche da Hélène nei capitoli in cui diventa protagonista). Frequentemente inoltre vengono disseminati nel testo battute umoristiche che contribuiscono a rendere l’indagine complessivamente più gradevole e interessante (“…Quindi ha così tanta voglia di prendersi una botta in testa?”), instillando così nel lettore, ormai appassionato,  la voglia di proseguire sempre più velocemente. In definitiva lettura consigliata, pur avendo presente che Simenon è comunque tutta un’altra cosa!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leo

Malet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malet Leo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La narrazione di "I guardiani del destino" si snoda attorno alla vicenda surreale di Eddie Fletcher, agente immobiliare la cui esistenza viene sconvolta dalla scoperta che la realtà è solo un meccanismo continuamente modificato e riplasmato da alcuni 'guardiani' potenti e misteriosi, che vivono al di fuori del pianeta. Philip K. Dick affronta qui uno dei temi portanti della sua produzione letteraria, il rapporto tra realtà oggettiva e realtà soggettiva, e lo fa con quella potenza visionaria che ne ha fatto uno degli autori da cui il cinema ha tratto maggiore ispirazione. Questa antologia raccoglie anche gli altri racconti brevi di Philip K. Dick trasposti in pellicole cinematografiche, ossia "Next" (2007), "Paycheck" (2003), "Impostor" (2002), "Minority Report" (2002), "Screamers. Urla dallo spazio" (1995) e "Atto di forza" (1990). Un'occasione per accostarsi a un autore che, ancora oggi, è capace di metterci di fronte a rilevanti quesiti sul senso della nostra esistenza e sul nostro modo di leggere la realtà.

I guardiani del destino e altri racconti

Dick Philip K.

Julius Hertzfeld, eminente psichiatra, è alle prese con i conti che si fanno quando, come lui, si è affetti da una grave malattia. Per riparare gli errori commessi e per lanciare un'ultima sfida, contatta un ex paziente, Philip, filosofo arrogante, sessuomane e narcisista, e lo coinvolge in una terapia di gruppo. Del gruppo fa parte però anche una delle vittime della sessuomania di Philip, e la situazione genera un livello di tensione e coinvolgimento tali che nessuno resta più lo stesso. Hertzfeld affronta il trattamento di Philip ricorrendo al pensatore che l'arrogante filosofo considera il suo guru personale, il suo alter ego: Arthur Schopenhauer. E la "cura Schopenhauer" inizierà a mostrare i suoi effetti.

La cura Schopenhauer

Yalom Irvin D.

4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore “Ercole”, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave “Ercole” nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello “Ercole”. Pubblicato nel 1974, il romanzo è il Premio Campiello 1975.

Il prato in fondo al mare

Nievo Stanislao

Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

La badante

Collura Matteo