Narrativa

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Descrizione: Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Darkside

Anno: 2017

ISBN: 9788893251525

Trama

Le Vostre recensioni

Il boulevard delle ossa

Léo Malet, autore francese di genere noir, è il creatore di storie seriali con protagonista il detective privato Nestor Burma a capo dell’agenzia investigativa “Fiat Lux”. In questo romanzo, intitolato Il boulevard delle ossa,  Burma e la sua affascinante assistente Hélène si ritrovano ingaggiati da un losco commerciante di diamanti che li coinvolge in un’indagine in cui avranno a che fare con un cinese e alcuni sedicenti russi. L’indagine pian piano tenderà ad assumere contorni sempre più misteriosi e indefiniti, dipanandosi dalle strade della moda parigina fino a quelle frequentate da prostitute, e la soluzione dell’enigma dovrà essere ricercata nel passato, all’epoca della rivoluzione russa.

Per certi versi Malet potrebbe essere accostato a Simenon (suo contemporaneo) e al suo personaggio più noto, il commissario Maigret, anche per l’ambientazione parigina (come dice lo stesso Burma infatti “…io sono ispirato solo da Parigi”). Tuttavia Malet non è Simenon, egli infatti non intende approfondire la dimensione psicologica dei personaggi e non si pone l’obiettivo di scandagliarne l’anima. Il suo Nestor Burma è un investigatore caratterizzato da un’aurea da duro, da “sciupa femmine” vorace che non manca di fare complimenti e ammiccamenti alla segretaria-assistente Hélène, che a sua volta dimostra volentieri di stare al gioco. I noir di Malet sono assolutamente essenziali, a momenti più simili a un copione pensato per il cinema piuttosto che a un’opera letteraria. L’autore non eccede nelle descrizioni, si focalizza sullo svolgersi degli eventi nudi e crudi raccontati in prima persona dallo stesso Burma (e in questo romanzo anche da Hélène nei capitoli in cui diventa protagonista). Frequentemente inoltre vengono disseminati nel testo battute umoristiche che contribuiscono a rendere l’indagine complessivamente più gradevole e interessante (“…Quindi ha così tanta voglia di prendersi una botta in testa?”), instillando così nel lettore, ormai appassionato,  la voglia di proseguire sempre più velocemente. In definitiva lettura consigliata, pur avendo presente che Simenon è comunque tutta un’altra cosa!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leo

Malet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malet Leo

Varsavia, 1940. Adam aveva nove anni ed era alto un metro e ventisei; misurare la sua altezza era uno dei passatempi con cui lui e lo zio ingannavano la monotonia della vita nel ghetto. È nel filo spinato che separa quell'isola dimenticata nel cuore della città dal mondo esterno che, all'alba di un gelido mattino d'inverno, viene ritrovato il suo corpo senza vita: nudo, la gamba destra amputata sotto il ginocchio. Poi è la volta di Anna, quindici anni: anche lei è stata gettata nel filo spinato, ma a mancarle è la mano destra. In entrambi i casi, nelle parti mutilate la pelle presentava macchie o strane anomalie. La lotta quotidiana per la sopravvivenza non dà il tempo di soffermarsi sulle analogie che legano i due delitti: quando l'orrore è all'ordine del giorno, analizzarne i dettagli è una pratica che può condurre alla follia. Eppure, proprio nei particolari si scorge la strada verso la verità, e solo la ricerca della verità può in qualche modo placare il dolore e il senso di colpa di Erik Cohen, zio di Adam nonché psichiatra nella precedente vita da uomo libero. Quando Adam è scomparso, era lui a doverlo tenere d'occhio; è stato lui, dietro tanta insistenza da parte del bambino, che si annoiava in casa, a dargli il permesso di uscire a giocare, facendogli promettere di non allontanarsi dalla strada, neanche se i marziani fossero atterrati sulla sinagoga e avessero chiesto a lui in persona di negoziare un trattato di pace. L'uomo inizia un'indagine personale.

Gli anagrammi di Varsavia

Zimler Richard

Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza... Età di lettura: da 12 anni.

Divergent

Roth Veronica

Che cos’è la vita? Una scalata verso la salvezza da se stessa, risponde Silvia, trentacinquenne più che carina, ragazza che non si sente né donna né bimba, scrittrice o forse scrittora, crisalide che magari, un giorno, sarà farfalla, ma con i suoi tempi e i suoi modi. Vi riuscirà? Non è detto, forse non è così importante il risultato finale, ma la ricerca di sé che Silvia conduce tra amiche e presunti uomini della vita, fra situazioni ai limiti del grottesco e lo scodinzolio del suo pelosissimo cane, riempie il libro di una fresca essenza vitale, questa sì irrinunciabile. Una Bridget Jones all’italiana? Solo in parte, anche se non mancano ossessioni personali, manie e stranezze della vita, e una buona dose di sarcasmo nell’osservarle. Più di Bridget, Silvia rappresenta le eterne ragazze di oggi, dà spessore ai loro pensieri, mette in piazza le ansie e i propositi. In fondo, si può restare crisalidi per tutta la vita, se non si ha la sicurezza di diventare una farfalla speciale.

CRISALIDE ROSA

Pivari Cristiana

Arriva la sposa giovane e lo sposo non c'è. Comincia un'attesa che coincide con la magia dell'educazione alla bellezza, all'erotismo, all'intelligenza dei sensi. La sposa giovane, la ragazza che ha fatto la solenne promessa di unirsi in matrimonio con il figlio. Il figlio però non c'è. È in Inghilterra, a visitare opifici tessili. Il maggiordomo modesto si aggira, esatto e cristallino come la sua lingua non verbale, a garantire i ritmi della comunità. Lo zio agisce e delibera dentro la nebbia di un sonno che non lo abbandona neppure durante le partite di tennis. La figlia porta la sua bellezza dentro un corpo di storpia.

La Sposa giovane

Baricco Alessandro