Narrativa

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Descrizione: Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Darkside

Anno: 2017

ISBN: 9788893251525

Trama

Le Vostre recensioni

Il boulevard delle ossa

Léo Malet, autore francese di genere noir, è il creatore di storie seriali con protagonista il detective privato Nestor Burma a capo dell’agenzia investigativa “Fiat Lux”. In questo romanzo, intitolato Il boulevard delle ossa,  Burma e la sua affascinante assistente Hélène si ritrovano ingaggiati da un losco commerciante di diamanti che li coinvolge in un’indagine in cui avranno a che fare con un cinese e alcuni sedicenti russi. L’indagine pian piano tenderà ad assumere contorni sempre più misteriosi e indefiniti, dipanandosi dalle strade della moda parigina fino a quelle frequentate da prostitute, e la soluzione dell’enigma dovrà essere ricercata nel passato, all’epoca della rivoluzione russa.

Per certi versi Malet potrebbe essere accostato a Simenon (suo contemporaneo) e al suo personaggio più noto, il commissario Maigret, anche per l’ambientazione parigina (come dice lo stesso Burma infatti “…io sono ispirato solo da Parigi”). Tuttavia Malet non è Simenon, egli infatti non intende approfondire la dimensione psicologica dei personaggi e non si pone l’obiettivo di scandagliarne l’anima. Il suo Nestor Burma è un investigatore caratterizzato da un’aurea da duro, da “sciupa femmine” vorace che non manca di fare complimenti e ammiccamenti alla segretaria-assistente Hélène, che a sua volta dimostra volentieri di stare al gioco. I noir di Malet sono assolutamente essenziali, a momenti più simili a un copione pensato per il cinema piuttosto che a un’opera letteraria. L’autore non eccede nelle descrizioni, si focalizza sullo svolgersi degli eventi nudi e crudi raccontati in prima persona dallo stesso Burma (e in questo romanzo anche da Hélène nei capitoli in cui diventa protagonista). Frequentemente inoltre vengono disseminati nel testo battute umoristiche che contribuiscono a rendere l’indagine complessivamente più gradevole e interessante (“…Quindi ha così tanta voglia di prendersi una botta in testa?”), instillando così nel lettore, ormai appassionato,  la voglia di proseguire sempre più velocemente. In definitiva lettura consigliata, pur avendo presente che Simenon è comunque tutta un’altra cosa!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leo

Malet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malet Leo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Gaia, 38 anni, porta la taglia 38, vive nel centro di Milano e in equilibrio perfetto sul suo tacco dodici si muove disinvolta tra sfilate e locali alla moda: del resto ha un marito che le garantisce una grande agiatezza, un amante il cui profilo su Facebook dice sempre "innamorato", una figlia che va alla scuola steineriana, due amiche di nome Ilaria e Solaria, un iPhone, un iPod, un iPad e una psicanalista che a ogni seduta pronuncia queste parole: "Sono trecento euro". Madre in carriera, può vantare l'invenzione dell'apericena, rito che ha ormai contagiato l'intera penisola, e la soddisfazione di non avere fatto mancare nulla alla figlia Elettra senza per questo trascurare il lavoro. Nessuna sbavatura, insomma. Eppure il passato bussa, implacabile, nel sonno. Un incubo ricorrente, che sembra voler riportare a galla qualcosa... Prima o poi Gaia dovrà decidersi a parlare di suo padre. E dei suoi tre anni di black-out. Anche perché a un tratto nel suo presente si è aperta una piccola crepa, destinata ad allargarsi come la tela di un ragno e a mandare in pezzi le sue sicurezze: il licenziamento dall'agenzia di comunicazione dove lavora, un'impasse sentimentale inattesa, la carta di credito bloccata, Elettra che lancia segnali di un disagio sempre più ineludibile... Con irresistibile vena satirica, unita qui però a uno sguardo profondamente partecipe, Giuseppe Culicchia dà vita a un personaggio femminile tragico e grottesco, risucchiato in una spirale di menzogne e forzature che mostrano il volto più fasullo della borghesia d'inizio millennio, celebrandone i riti e insieme il declino; e al tempo stesso scrive un libro civile, capace di svelare il bene nascosto sotto la patina del nostro vivere quotidiano come le radici di un albero frondoso che spezzino la crosta dell'asfalto per dare ossigeno alla città. Attraverso una vertiginosa capacità di scavare nei cliché linguistici e umani, Culicchia procede insinuando variazioni minime nell'infinito gioco di specchi nel quale nostro malgrado ci muoviamo. E - in bilico tra il dolore e il sorriso - libera sulla pagina quelle piccole rivelazioni che sono il nucleo di un cambiamento possibile. Perché, toccato il fondo della crisi, si può ricominciare a vivere, spogli di tutto ma ricchi come mai prima.

VENERE IN METRO’

Culicchia Giuseppe

Puglia, estate 1945. In una luminosa giornata, Giovanna esce dal mare con un costume strappato che lascia scoperto l'ombelico, rubando per sempre il cuore di Ezio. La guerra è appena finita, gli invasori hanno abbandonato il Paese, e il bikini sarà presentato al mondo solo dodici mesi dopo. Ezio resterà ammaliato dalla pelle color miele di Giovanna, e proverà in tutti i modi a conquistare il suo cuore. Ma lei, impaurita e insicura, non accetterà la sua proposta di matrimonio, costringendo Ezio a fuggire dall'umiliazione del rifiuto. Il giovane pugliese, in un viaggio picaresco di tre settimane, attraverserà l'Italia distrutta ma colma di speranza del dopoguerra fino a raggiungere Bolzano. Ezio è giovane, orgoglioso e non conosce la strada del ritorno; sceglierà così di nascondersi dal passato, diventando un raccoglitore di mele. Sessant'anni dopo una lettera riaccende quella passione mai del tutto sopita. Ezio parte così per un avventuroso viaggio a ritroso, che è anche un malinconico tentativo di recuperare il passato. Un romanzo coraggioso e universale che racconta l'amore ad ogni età, ribaltando i cliché della società moderna.

L’OMBELICO DI GIOVANNA

Kwast Ernest van der

Un pianista che fa il portiere di notte. Un albergo e le sue stanze, perfette per nascondere i segreti. Un'enigmatica receptionist, con «un sorriso negli occhi» al quale è impossibile resistere. Un gioco di presenze e fughe, di sguardi e tradimenti. Un romanzo conturbante sul potere invincibile di chi sa dire al mondo - semplicemente - sí. Con una scrittura che intrappola il lettore nella medesima veglia forzata vissuta dal protagonista, Luca Ricci ci consegna il ritratto indimenticabile di una donna disposta a mettere da parte «quell'illusione di unicità che anche il legame piú abietto non è disposto a negoziare».

MABEL DICE SI’

Ricci Luca

Una serie di racconti brevi dove si ritrovano gli elementi che compongono l'archetipo Borges: gli specchi, i labirinti, le tigri, il Don Chisciotte riscritto ma identico di Pierre Menard, la memoria inarrestabile e tormentosa di Funes.

Finzioni

Borges Jorge Luis