Narrativa

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Descrizione: Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Categoria: Narrativa

Editore: Fazi

Collana: Darkside

Anno: 2017

ISBN: 9788893251525

Trama

Le Vostre recensioni

Il boulevard delle ossa

Léo Malet, autore francese di genere noir, è il creatore di storie seriali con protagonista il detective privato Nestor Burma a capo dell’agenzia investigativa “Fiat Lux”. In questo romanzo, intitolato Il boulevard delle ossa,  Burma e la sua affascinante assistente Hélène si ritrovano ingaggiati da un losco commerciante di diamanti che li coinvolge in un’indagine in cui avranno a che fare con un cinese e alcuni sedicenti russi. L’indagine pian piano tenderà ad assumere contorni sempre più misteriosi e indefiniti, dipanandosi dalle strade della moda parigina fino a quelle frequentate da prostitute, e la soluzione dell’enigma dovrà essere ricercata nel passato, all’epoca della rivoluzione russa.

Per certi versi Malet potrebbe essere accostato a Simenon (suo contemporaneo) e al suo personaggio più noto, il commissario Maigret, anche per l’ambientazione parigina (come dice lo stesso Burma infatti “…io sono ispirato solo da Parigi”). Tuttavia Malet non è Simenon, egli infatti non intende approfondire la dimensione psicologica dei personaggi e non si pone l’obiettivo di scandagliarne l’anima. Il suo Nestor Burma è un investigatore caratterizzato da un’aurea da duro, da “sciupa femmine” vorace che non manca di fare complimenti e ammiccamenti alla segretaria-assistente Hélène, che a sua volta dimostra volentieri di stare al gioco. I noir di Malet sono assolutamente essenziali, a momenti più simili a un copione pensato per il cinema piuttosto che a un’opera letteraria. L’autore non eccede nelle descrizioni, si focalizza sullo svolgersi degli eventi nudi e crudi raccontati in prima persona dallo stesso Burma (e in questo romanzo anche da Hélène nei capitoli in cui diventa protagonista). Frequentemente inoltre vengono disseminati nel testo battute umoristiche che contribuiscono a rendere l’indagine complessivamente più gradevole e interessante (“…Quindi ha così tanta voglia di prendersi una botta in testa?”), instillando così nel lettore, ormai appassionato,  la voglia di proseguire sempre più velocemente. In definitiva lettura consigliata, pur avendo presente che Simenon è comunque tutta un’altra cosa!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leo

Malet

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malet Leo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La neve avvolge in una coltre silenziosa la piccola cittadina di Rumilly, nell’Alta Savoia. Due bambini corrono a perdifiato nel bianco sterminato. Per festeggiare il loro decimo compleanno hanno deciso di sfidare la proibizione paterna e intrufolarsi nella tenuta del Castello. In punta di piedi si avvicinano alla finestra e incollano il naso al vetro. Devono scoprire se quello che si racconta del padrone di casa è la realtà. E quello che vedono è ancora più sorprendete delle voci di paese. Il canarino rinchiuso nell’elegante gabbia dorata è davvero tutto blu, e dello stesso colore è il viso del suo padrone, Jean-Antoine Giobert, che vive isolato in quell’edificio in rovina, circondato da campi di Isatis Tintoria, una pianta che fornice un particolarissimo pigmento blu. Unico superstite di una famiglia massacrata durante la rivoluzione, il ricco signorotto non ha che una passione e ossessione: l’indaco. Lo studia e lo sperimenta in ogni sua sfumatura e gradazione, per poi venderla a peso d’oro. Tutta la sua esistenza è dedicata alla ricerca del blu perfetto, su cui scrive un ponderoso trattato e per la quale partecipa, vincendoli sempre, a bizzarri concorsi per la premiazione del colore più puro. Ma nei giorni che seguono a questi successi vengono scoperti efferati delitti che sono pericolosamente simili ai deliri onirici di cui Giobert è preda ormai da molte notti. Per sfuggire al dubbio scagionarsi, è costretto a intrecciare la sue ricerche con quella dell’assassino, in una spirale cupa e ipnotica. Gérard Roero di Cortanze descrive tutta la crudeltà del nostro essere interiore, fino nei meandri più nascosti e proibiti. Una vera e propria favola del male.

Il colore della paura

Cortanze Gérard Roero di

De Amicis, Edmondo – SANGUE ROMAGNOLO (Cuore, 1886)

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

PASSIONE VINTAGE

Wolff Isabella