Scrittori

Il canto della balena

Sobrero Corrado

Descrizione:

Categoria: Scrittori

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

Il romanzo di Corrado Sobrero “Il canto della balena” stupisce perché inatteso, completamente fuori dai cliché attuali, non patinato, senza alcuna storia d’amore strappalacrime, interventi sovrannaturali, lutti improvvisi. Al contrario, l’autore riesce a destare l’interesse del lettore grazie a continue soluzioni originali e brillanti, a personaggi abbastanza poetici e sognanti da ricordar bene quel clima letterario sudamericano richiamato anche dall’ambientazione della vicenda e dall’ingenuità verace della protagonista.

Tutta la narrazione gira attorno ad un’isola, scoperta alla sua nascita per caso fortuito da una famiglia di pescatori e contadini che, grazie all’intuito e allo spirito straordinario della figlia più piccola, riesce a governare le proprie sorti nonostante le difficoltà portate dal progresso e dalla sorte.

Diverte conoscere i componenti della famiglia e i personaggi secondari, tutti abilmente descritti e strutturati secondo indoli e desideri propri e credibilissimi.

In alcuni passaggi l’estrema astuzia e capacità oratoria della piccola protagonista rischiano di disincantare il lettore e staccarlo dal resto della narrazione, ma nel complesso la struttura e la storia sono ben calibrate e piacevoli, impregnate di un senso fiabesco e al contempo avventuroso che fanno del romanzo un’ottima prova d’autore.

 

DOMANDE ALL’AUTORE


corradoCome nasce l’idea del romanzo?
Ascoltando per radio, in macchina, la notizia della nascita di un’isola vulcanica, da qualche parte in mezzo al Pacifico. Non è un evento raro, ma mi sono chiesto: cosa succederebbe se nascesse un’isola di fronte a una terra di pescatori e di contadini? Potrebbe essere una risorsa o una minaccia? E in che modo? C’è da fidarsi di un’isola nata all’improvviso, nella notte?
 
Ha immaginato prima i personaggi o la “Balena”?
Prima la Balena. L’isola che sorge dal mare e in qualche modo rompe degli equilibri sociali ed economici secolari e radicati in una piccola comunità. Solo dopo ho immaginato la comunità, i personaggi, i protagonisti, le situazioni.

Definirebbe “Il canto della Balena” una fiaba?
La definirei piuttosto una storia carica di un certo “realismo magico”, famigliare soprattutto a chi ama la letteratura sudamericana.
 
E’ un genere che potrebbe scegliere per la sua prossima opera?
È un genere che ho già percorso in due miei romanzi precedenti e che per qualche strano motivo trovo spesso il più congeniale per esprimere quello che voglio dire. Una ambientazione ideale, lontana da noi nel tempo e nello spazio, che non mi obbliga mai troppo alla coerenza o alla fedeltà a fatti, luoghi o accadimenti reali. Non è escluso quindi che ci ricaschi.

Il personaggio di Himelda, la protagonista, è ispirato a una persona reale?
No. Mi capita raramente di costruire un personaggio pensando a qualcuno e ispirandomi totalmente solo a una persona specifica. È più facile che per un personaggio si ispiri a più persone reali, a un insieme di caratteri. Rimescolo, miscelo, assaggio. È come cucinare.

Nel libro il cuore pulsante della storia sono le idee, lo spirito di iniziativa. Nella vita reale lei crede nell’ingenuità, nella fantasia?
La fantasia è essenziale nella vita, l’ingenuità invece è utile, talvolta, solo se si scrive.
Senza la fantasia si vive in bianco e nero e scrivere sarebbe difficile, a meno che non si faccia cronaca o saggistica.
Invece scrivendo mi capita spesso che le idee più belle siano quelle filtrate dagli occhi di mio figlio, dalle sue domande, dalle sue osservazioni. L’ingenuità è quindi utile in letteratura, ma sempre penalizzante nella vita reale, se non si è un bambino o Forrest Gump.

 

  .

 

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Sobrero

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sobrero Corrado


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

IL SILENZIO IMPERFETTO

Penna Aldo

A un narratore è prudente non chiedere mai di raccontare la sua vera storia: quantomeno si innervosisce. La protagonista di questo romanzo non fa eccezione e, se potesse scegliere, continuerebbe a nascondersi come sempre dietro invenzioni, personaggi e «suoni corti, urgenti, che servono soprattutto a far capire agli altri se sto bene o se sto male». Invece, per ragioni alimentari, accetta di tenere un seminario che, primo, ha per oggetto una disciplina neonata e vagamente grottesca, la «lettura creativa», e secondo, ha come destinatari gli uditori meno accomodanti: un gruppo di vecchi amici, riemersi da un passato non del tutto limpido. A questo piccolo pubblico, inaspettatamente, la scrittrice finirà per raccontarla davvero, la storia perturbante e per nulla gradevole che i suoi allievi credevano di voler ascoltare. Il risultato è una commedia amara e tagliente, in cui ogni battuta e ogni silenzio hanno un peso.

COME SE NIENTE FOSSE

Muratori Letizia

Quando esci dagli schemi della mera e rassicurante esistenza e decidi di vivere, tutto può accadere. A Diego, quarantenne traumatizzato da un lutto familiare, con un lavoro anonimo e un talento unico per le balle, accade di imbarcarsi impulsivamente in un'impresa al di sopra delle sue capacità, l'apertura di un agriturismo; accade che decida di farlo in società con due individui visti solo una volta e che in comune con lui hanno esclusivamente la mediocrità; accade anche che a far evitare il fallimento immediato sia l'intervento di un comunista nostalgico e che la banale fuga in campagna si trasformi in un atto di resistenza quando nell'agriturismo si presenta un camorrista per chiedere il pizzo. Questo arrivo inaspettato genera una risposta imprevedibile, soprattutto da parte di quattro guerrieri da riunione di condominio, e una serie di eventi a catena. Diego e i suoi amici diventano involontari artefici di un bizzarro miracolo mentre l'agriturismo, con l'arrivo di tre immigrati ghanesi e di una giovane cuoca punk, si trasforma giorno dopo giorno in una sorta di avamposto multietnico, anarchico e partigiano.

GIULIA 1300 E ALTRI MIRACOLI

Bartolomei Fabio