Scrittori

Il canto della balena

Sobrero Corrado

Descrizione:

Categoria: Scrittori

Editore: IoScrittore

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

 

Il romanzo di Corrado Sobrero “Il canto della balena” stupisce perché inatteso, completamente fuori dai cliché attuali, non patinato, senza alcuna storia d’amore strappalacrime, interventi sovrannaturali, lutti improvvisi. Al contrario, l’autore riesce a destare l’interesse del lettore grazie a continue soluzioni originali e brillanti, a personaggi abbastanza poetici e sognanti da ricordar bene quel clima letterario sudamericano richiamato anche dall’ambientazione della vicenda e dall’ingenuità verace della protagonista.

Tutta la narrazione gira attorno ad un’isola, scoperta alla sua nascita per caso fortuito da una famiglia di pescatori e contadini che, grazie all’intuito e allo spirito straordinario della figlia più piccola, riesce a governare le proprie sorti nonostante le difficoltà portate dal progresso e dalla sorte.

Diverte conoscere i componenti della famiglia e i personaggi secondari, tutti abilmente descritti e strutturati secondo indoli e desideri propri e credibilissimi.

In alcuni passaggi l’estrema astuzia e capacità oratoria della piccola protagonista rischiano di disincantare il lettore e staccarlo dal resto della narrazione, ma nel complesso la struttura e la storia sono ben calibrate e piacevoli, impregnate di un senso fiabesco e al contempo avventuroso che fanno del romanzo un’ottima prova d’autore.

 

DOMANDE ALL’AUTORE


corradoCome nasce l’idea del romanzo?
Ascoltando per radio, in macchina, la notizia della nascita di un’isola vulcanica, da qualche parte in mezzo al Pacifico. Non è un evento raro, ma mi sono chiesto: cosa succederebbe se nascesse un’isola di fronte a una terra di pescatori e di contadini? Potrebbe essere una risorsa o una minaccia? E in che modo? C’è da fidarsi di un’isola nata all’improvviso, nella notte?
 
Ha immaginato prima i personaggi o la “Balena”?
Prima la Balena. L’isola che sorge dal mare e in qualche modo rompe degli equilibri sociali ed economici secolari e radicati in una piccola comunità. Solo dopo ho immaginato la comunità, i personaggi, i protagonisti, le situazioni.

Definirebbe “Il canto della Balena” una fiaba?
La definirei piuttosto una storia carica di un certo “realismo magico”, famigliare soprattutto a chi ama la letteratura sudamericana.
 
E’ un genere che potrebbe scegliere per la sua prossima opera?
È un genere che ho già percorso in due miei romanzi precedenti e che per qualche strano motivo trovo spesso il più congeniale per esprimere quello che voglio dire. Una ambientazione ideale, lontana da noi nel tempo e nello spazio, che non mi obbliga mai troppo alla coerenza o alla fedeltà a fatti, luoghi o accadimenti reali. Non è escluso quindi che ci ricaschi.

Il personaggio di Himelda, la protagonista, è ispirato a una persona reale?
No. Mi capita raramente di costruire un personaggio pensando a qualcuno e ispirandomi totalmente solo a una persona specifica. È più facile che per un personaggio si ispiri a più persone reali, a un insieme di caratteri. Rimescolo, miscelo, assaggio. È come cucinare.

Nel libro il cuore pulsante della storia sono le idee, lo spirito di iniziativa. Nella vita reale lei crede nell’ingenuità, nella fantasia?
La fantasia è essenziale nella vita, l’ingenuità invece è utile, talvolta, solo se si scrive.
Senza la fantasia si vive in bianco e nero e scrivere sarebbe difficile, a meno che non si faccia cronaca o saggistica.
Invece scrivendo mi capita spesso che le idee più belle siano quelle filtrate dagli occhi di mio figlio, dalle sue domande, dalle sue osservazioni. L’ingenuità è quindi utile in letteratura, ma sempre penalizzante nella vita reale, se non si è un bambino o Forrest Gump.

 

  .

 

 

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Corrado

Sobrero

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sobrero Corrado


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

L’opera seconda di Mattia Tarantino, Fiori estinti, ed. Terra d’Ulivi 2019, seguita a Tra l’angelo e la sillaba.

Fiori estinti

Tarantino Mattia

Prendendo spunto dalle Storie di Erodoto, A. Cortese ci conduce su uno tra i più antichi terreni di scontro tra Oriente e Occidente, tra imperialismo e anelito alla libertà: le Guerre Persiane. L'invenzione narrativa si mescola alla verità storica e si volge indietro, fino a guardare negli occhi la follia di Cambise, Gran Re dei Persiani, tra oscuri malefici, inganni e rivolte. Quindi cavalca la salita al potere di Dario, in una fame di potere che schiaccia e distrugge. E così è anche per Serse e i suoi fantasmi. Tra fautori e detrattori della guerra, in Grecia come in Persia, la narrazione si spinge sino alle acque schiumose della Battaglia di Salamina e alla definitiva disfatta persiana a Platea. Ma è nel periodo tra l'agosto e il settembre dell'anno 480 a.C. il suo apogeo, quando, con Serse, l'Ellade si trova a dover respingere un nuovo attacco da Oriente. Intimorite dalla marcia apparentemente inarrestabile dell'esercito persiano, molte città greche si lasciano corrompere o comprare. Tuttavia, in trecento si riuniscono a Sparta, e quando si viene a sapere che re Leonida condurrà i suoi guerrieri a combattere, a quelli si aggiungeranno altri...

Polimnia

Cortese Alessandro

Nel dicembre 1988, un violentissimo terremoto colpì la Repubblica Armena. Una intera regione fu rasa al suolo. Leggere questo testo porta a riflettere sull’entità incalcolabile delle catastrofi così lontane da noi spazialmente ed emotivamente, a considerare i popoli altri non come una massa indistinta, ma come un insieme di volti e di voci. Gli eventi di quei lunghi mesi hanno cambiato per sempre il corso della vita di molti protagonisti, mentre il mondo intorno a loro era in profonda trasformazione. Questa è la storia di una rinascita. Quest’opera è finalista al concorso letterario “Mangiaparole” (2012) e vincitrice della XI edizione del premio letterario diaristico “La Lanterna Bianca” (2012).

IL LUNGO INVERNO DI SPITAK

Simonelli Mario Massimo