Fantasy

IL CANTO DELLA NOTTE

Morgan-Davis Camilla

Descrizione: In un paese pressoché sconosciuto del Piemonte risiede una comunità che apparentemente si occupa del recupero di orfani e ragazzi difficili. Maila è una di loro, ha diciotto anni, si veste di nero, ordina scarpe e libri da Internet e fa esperimenti con erbe, fiori e piante. Non parla volentieri con gli alti, a differenza loro vive con conflitto la sua natura; spesso vorrebbe essere una ragazza normale, ma le è concesso tutto tranne questo. La quiete del paese è interrotta: due grossi lupi aggrediscono un uomo del posto. Da quel momento per Maila tutto cambierà: le apparirà uno strano segno sul petto, incontrerà un ragazzo dal nome misterioso e dovrà salvare la sua gente dall'attacco degli Artigli Rossi, un gruppo di licantropi assetati di odio e carne. Ed eccola Maila, in viaggio fino agli Alti Tatra, accompagnata da Othar, un valoroso guerriero. Riuscirà a portare la testa del capo dei nemici nel regno sotterraneo di Ayta, il luogo di confine fra la vita e la morte, in cui i lupi accompagnano le anime nell'aldilà? Una cornice fantasy per tanti temi di bruciante attualità come l'inquietudine degli adolescenti, la necessità dell'integrazione, le regole del “branco”, la diffidenza e il pregiudizio nutrite nei confronti di chi non ci somiglia. Camilla Morgan-Davis, giovane promessa del fan- tasy, parla il linguaggio della sua età. Con il suo ro- manzo generazionale, tocca le corde dell'anima dei suoi coetanei con una riflessione sul mondo di oggi che supera la letteratura di genere tracimando in una disanima sociale.

Categoria: Fantasy

Editore: Zero91

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788895381183

Trama

Le Vostre recensioni

 

Per gli appassionati di libri e avventure fantasy ecco il romanzo d’esordio nel genere di Camilla Morgan Davis.

La specie protagonista, i licantropi, è molto conosciuta da chiunque abbia un minimo di dimestichezza con questo genere letterario; e al proposito osservo come molti lettori, per quanto consumati, non siano ancora avvezzi alla comprensione del genere.

Mi permetto di informare i frequentatori del sito che per avventura non abbiano ancora incrociato un esemplare di Urban fantasy, che con tale definizione ci si riferisce comunemente a quel ramo del più vasto genere fantasy caratterizzato dalla forte commistione tra realtà e fantasia che probabilmente avvince tanto i lettori. Cercando di non esagerare nel concedermi lo sfizio di questa piccola digressione, mi sono sempre chiesta se, alla stregua di questo inquadramento, l’Orlando furioso, la Divina Commedia, Alice in Wonderland, non possano definirsi ispirati (e inavvicinabili, ahimè) antenati del genere.

Del resto, i punti di forza di queste storie sono la fortissima idealizzazione dei valori atavici di amicizia, fedeltà e amore, il senso di scoperta e avventura in una commistione magico – superstiziosa di prove da superare e capacità personali innate e una strizzatina d’occhio alla realtà vagamente insoddisfacente ed insufficiente per gli spazi aperti della nostra fantasia più intimista.

Sono fiabe per adulti, e come nella migliore tradizione, hanno ancora una morale, un senso compiuto e una ricerca di ideale che purtroppo è carente nel modo di vivere quotidiano della maggior parte di noi.

Le critiche al genere, forse, non tengono conto dell’insaziabile desiderio che quasi tutti i lettori hanno di elevarsi, di credere che esista un bene e un male, dell’affascinante scelta di combattere per chi si ama, e personalmente vedo sempre questo bisogno di credere in qualcosa di giusto, o quantomeno la ricerca di un Ordine superiore, alla base del successo di queste storie.

Scusandomi della digressione con l’autrice del racconto “Il canto della Luna”, libro che certamente potrà appassionare gli amanti dell’urban fantasy e che contiene le tematiche più classiche e care di cui si conversava, aggiungo che questo romanzo presenta altresì altri ingredienti “forti” del genere: una protagonista imperfetta ma coraggiosa, in cui è facile immedesimarsi, un innamorato valoroso e pronto a salvare l’amata, un forte spirito di famiglia e amicizia che conferma un’appartenenza e un pericolo che incombe ma che avranno (non rivelo come) il coraggio di affrontare insieme.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Camilla

Morgan-davis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morgan-Davis Camilla

Roger Thorpe ha 43 anni, un divorzio doloroso alle spalle, qualche problema con l’alcol e un lavoro come commesso da Staples, un megastore specializzato in prodotti per l’ufficio. La sua collega Bethany – 24 anni, pelle diafana, rossetto nero e una sfilza di scheletri nell’armadio di famiglia – ha davanti a sé una prospettiva avvilente: anni a sistemare penne Bic, cartucce di toner e blocchetti di Post-it nei corridoi asettici del negozio. Ma un giorno Bethany trova per caso i diari privati di Roger, scritti in parte dal punto di vista di lei. Superato il turbamento iniziale, decide di rispondergli con una lettera, dando il via a un carteggio segreto, bizzarro e sempre più intimo, che si dipana parallelo alle vicende dei protagonisti dello Stagno del guanto, il romanzo borghese a tinte surreali che Roger sta scrivendo e che spera un giorno di riuscire a pubblicare. Con una prosa nitida e visionaria, Coupland crea un miracoloso congegno narrativo in cui tutti gli ingranaggi si combinano per dar vita a un caleidoscopico affresco dell’animo umano.

IL LADRO DI GOMME

Coupland Douglas

Tra gli anni '50 e '60, l'Alta Langa era un luogo fuori del tempo: piccole frazioni, nascoste tra roveri e castagni, dove si viveva come all'inizio del secolo, seguendo ritmi antichi e riscaldando una sola stanza. Vinx, figlio di contadini, e Mara, trovatella presa in affido per il sussidio - come ancora accadeva, tra quelle colline - sono uniti e complici, più che fratelli, in un ambiente che ignora talenti e aspirazioni. Giovanissimi, dopo un fatto che li coglie di sorpresa e li sconvolge, prendono strade diverse. Lui viaggia, diventa un artista. Lei, a Torino, cresce un figlio con un difetto fisico, vive le lotte in fabbrica e un faticoso riscatto, attraverso il femminismo. Vite che si perdono e si rincorrono in una grande storia d'amore.

Mai visto il mare

Berardi Lucia

«Una buona causa la si può sempre esporre anche in modo divertente», così afferma al tavolino di un ristorante della stazione di Helsinki il fisico Ziffel che, scappato dalla Germania nazista, ora passa una parte delle sue difficili giornate a dialogare con un altro esule tedesco, l'operaio Kalle. Mentre l'Europa sprofonda nell'incubo della Seconda guerra mondiale, i due discorrono degli argomenti più disparati, dall'«Invadenza degli uomini importanti» al «Triste destino delle grandi idee», dalla «Peculiarità della parola "popolo"» al «Metter radici», dalla «Paura del caos» al «Pensare come piacere», in un irresistibile botta e risposta sempre sorretto dal gusto per la battuta e per il paradosso. In quest'opera di limpida lucidità, composta nel 1940 durante l'esilio finlandese, Brecht mette a processo le sue stesse idee e offre un sarcastico repertorio delle contraddizioni dei sistemi politici. Ne nasce così un beffardo elogio del rifugiato che si leva come una risata di scherno contro tutti gli ottusi custodi delle frontiere. Dopo oltre quarant'anni di assenza dalle librerie, i "Dialoghi di profughi" tornano in una nuova edizione per la prima volta integrale, arricchita di un intero capitolo e altri passaggi inediti.

Dialoghi di profughi

Brecht Bertolt

In seguito a un terribile lutto famigliare e allo scopo di superare il suo dolore, il dottor Kurt Krausmann accetta di accompagnare un amico in un viaggio alle isole Comore. La loro barca viene attaccata dai pirati al largo della Somalia, e il viaggio "terapeutico" del medico si trasforma in un incubo. Preso in ostaggio, picchiato, umiliato, Kurt scopre un'Africa traboccante di violenza e intollerabile miseria, dove "gli dèi non hanno più pelle sulle dita a furia di lavarsene le mani". Insieme al suo amico Hans e a un compagno di sventura francese, Kurt troverà la forza per superare questa prova? Guidandoci in un viaggio sorprendentemente vivido e realistico che, dalla Somalia al Sudan, ci mostra un'Africa orientale di volta in volta selvaggia, irrazionale, saggia, fiera e infinitamente coraggiosa, Yasmina Khadra conferma ancora una volta il suo immenso talento di narratore. Magistralmente costruito e condotto, L'equazione africana descrive la trasformazione lenta e irreversibile di un europeo i cui occhi si apriranno a poco a poco alla realtà di un mondo fino ad allora sconosciuto.

L’equazione africana

Khadra Yasmina