Narrativa

Alvigini vince il premio Città di Como 2019

Alvigini Claudio

Descrizione: Altissime, insuperabili montagne di liscia pietra cingono d'ogni lato il paesino di K. e la Valle delle Montagne Chiuse in cui esso si trova. Al di là di esse non c'è mondo né vita. È questo ciò che ha sempre sentito ripetere Basin, un ragazzino la cui storia sarà al centro delle vicende narrate. Chiuso dal padre nella casa di Cardelio, sommo Maestro delle "Lettere d'eleganza", lo vedremo impegnato nel lungo, disorientante e ipnotico cammino per divenirne il successore. Nel paesino c'è un'unica osteria. E si mormora che lì, ogni notte, si riuniscano certi misteriosi vegliardi dall'incredibile, ottima salute. E che proprio di questo ogni notte fantastichino: spazi senza fine al di là degli insormontabili bastioni. Si dice anche che a volte, seduti attorno al grande camino, pronuncino in un soffio il nome, proibitissimo, delle mitiche Terre Rosse e quello, addirittura blasfemo, del Capitano di Bastur...

Categoria: Narrativa

Editore: Macabor

Collana: Il mondo di Morel

Anno: 2018

ISBN:

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Il capitano di Bastur di Claudio Alvigini vince il premio Città di Como 20195

Può capitare di trovarti tra le mani un libro che non ti aspettavi. O che ti aspettavi diverso da come si rivela una volta iniziata la lettura. Può capitare una scrittura potente, capace di accendere la fantasia più sopita con una voce intima e pacata. Una voce sicura e consapevole, che echeggia i grandi maestri della narrazione, italiani e non solo, del novecento.

Tutto questo capita ne Il Capitano di Bastur (edito nel 2018 da Macabor Editore nella collana “Il mondo di Morel”) fin dalle prime righe. È un romanzo molto particolare, che ha il merito di sfuggire a una definizione univoca e l’abilità di giocare con le contraddizioni, ricomponendole come le sfumature nuove di colori a contrasto. La stessa veste poetica della sua prosa la dice lunga. E in questo si ha conferma da parte dell’autore stesso, il quale, evocando i ricordi legati alla genesi della sua opera così dichiara qualche anno fa avevo scritto una ventina di pagine così, di getto, a mano. Ogni tanto le rileggevo, mi piacevano, ma non sapevo che farne, non erano poesia non erano racconto, erano pagine così, pagine senza patria…

Non è stato facile per Claudio Alvigini tenere testa all’ispirazione, riuscire a imbrigliarla e infine condurla alla realizzazione. Una lotta “tremendissima”, un corpo a corpo feroce con uno scritto… che si sottraeva al mio volere. Uno scontro di volontà tra due creature ugualmente testarde e costanti, lo scritto e lo scrittore, la narrazione e l’uomo. Si percepisce bene il lungo e complesso lavoro che ha portato alla luce questo romanzo, la lettura restituisce infatti un senso di compostezza e fluidità che è possibile ottenere solo al prezzo di una profonda e autorevole incursione nella forma espressiva. Un lavoro che ha condotto l’autore a una narrazione di grande densità, ogni parola portatrice di un mondo. L’immaginazione si muove a suo agio tra le descrizioni avventurose dei personaggi e il racconto necessario della loro psicologia. La delicatezza tratteggia con sapienza le emozioni, i sentimenti e le pulsioni che muovono il giovanissimo protagonista Basin insieme a coloro che lo affiancano in questa storia. È la storia di un divenire, quello tutto umano di ogni creatura, che evolvendo dovrebbe farsi consapevole del sé che porta dentro e delle scelte da operare nei confronti della vita. Basin incarna la capacità di sfidare i limiti e di creare una geografia nuova da opporre alla cristallizzazione dell’universo chiuso e abitudinario di certo mondo adulto, intorpidito tra le pastoie di una razionalità spicciola. Il lettore è coinvolto piacevolmente nel resoconto degli accadimenti, sospinto dalla voce ipnotica del narratore verso l’incontro-scontro con gli interrogativi e le curiosità purissime e vitali dei giovani protagonisti Domande che si affacciano alla vita in quei momenti di eroico furore che quasi ogni giovane sperimenta o dovrebbe sperimentare… (dal cap XXXVII)

Un po’ cronaca, un po’ favola e un po’ leggenda questa creatura, nata da una necessità e un’urgenza letteraria, è il primo romanzo di Claudio Alvigini, un uomo che ha collaudato la vita nella doppia dimensione della terra e del cielo, grazie alla sua lunga carriera di pilota civile dell’Alitalia. Interessane e niente affatto scontata la dedica iniziale a Massimo Fagioli e alla sua vita straordinaria, dalla quale Alvigini è stato felicemente e fecondamente contaminato. Un richiamo che può essere anche una chiave di lettura, per percorrere più consapevolmente i sentieri di questa storia. Una storia, come rivela il suo autore, che ha visto la luce nel panorama editoriale italiano grazie alla sensibilità letteraria e umana di Bonifacio Vincenzi e della sua casa editrice Macabor.

Il sito web del premio

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Claudio

Alvigini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Alvigini Claudio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quanti sono i Bret Easton Ellis del nuovo romanzo in cui l'autore racconta la storia della propria vita? C'è lo scrittore Bret Easton Ellis, giovane, ricco e famoso, che viene a sapere della morte improvvisa di un padre violento proprio mentre la sua carriera naufraga in un mare di degradazione e di droga. C'è lo scrittore Bret Easton Ellis una decina di anni più tardi, insediato in un elegante quartiere residenziale con moglie, figli e governante. C'è il Bret Easton Ellis figlio di Robert Ellis sr, ossessionato dal fantasma del genitore. C'è il Bret Easton Ellis padre di Robert Ellis jr, che tenta disperatamente di evitare il perpetuarsi di un modello distruttivo. E c'è anche uno scrittore senza nome, che è la voce interiore del nuovo Bret Easton Ellis. L'autore giura sull'assoluta verità autobiografica dei fatti narrati: veniamo così a sapere cosa succedeva dietro le quinte del forsennato tour promozionale per Glamorama, ma anche di un invito alla Casa Bianca di Jeb e George W. Bush, suoi grandi fan, nonché di una tormentata storia d'amore con l'attrice Jayne Dennis da cui è nato il piccolo Robby, mai riconosciuto... È per amore del figlio ormai dodicenne, oltre che per condurre una vita più sobria, che lo scrittore decide di sposare Jayne e andare a vivere lontano dalla città. Ma l'idilliaca scena suburbana - padre, madre e due bambini, perché nel frattempo Jayne ha avuto una figlia - è funestata da fatti terrorizzanti quanto inspiegabili: a cominciare da un party di Halloween, per dodici lunghi giorni, gli abitanti della casa di Elsinore Lane sono in balia di forze misteriose, perseguitati da presenze maligne. Mentre il lettore si dibatte nell'incubo ipnotico creato dalla scrittura di Ellis, i figli maschi delle coppie ricche, famose e felici della zona cominciano a scomparire nel nulla... Brillante e più che mai imprevedibile, in Lunar Park Bret Ellis reinventa se stesso e affronta uno dei grandi temi della letteratura di sempre: il difficile, spesso doloroso rapporto tra padri e figli.

LUNAR PARK

Easton Ellis Bret

Se non volete mettere in discussione nulla della vostra vita, e magari cercate quel tantino di rassicurazione che non guasta, cambiate libro. Oppure, lasciate perdere ogni umana certezza e imbarcatevi in quest'impresa. Tanto, che vi può succedere, nel mondo onirico delle lettere? Di vita ce n'è una sola, ed è questa qui che state vivendo... fino a prova contraria.

PIZZERIA INFERNO

Serio Michele

Il fallimento dello slancio risorgimentale e il degrado morale nel nuovo stato unitario, le storie di uomini che sognano grandi progetti, ma franano in compromessi, incapaci di liberarsi degli interessi personali. Il romanzo più complesso di Pirandello racconta l’immobilismo del Paese e i limiti della natura dell’uomo.

I vecchi e i giovani

Pirandello Luigi

Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara