Narrativa

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

ConIl cappotto blu” Anna Maria Balzano ci porta a rivisitare le nostre radici e le nostre stanze quotidiane, attraversando delle dimensioni che non abbiamo difficoltà a condividere: i suoi personaggi abitano lo stesso Bel Paese, i loro ricordi si sovrappongono ai nostri e si nutrono della nostra stessa Storia. Gli spazi sono narrati sotto una luce vivace, senza tralasciare i particolari: camminiamo insieme a Chiara tra i colori vivaci dei giardini e delle città, ci perdiamo insieme a lei tra i riquadri degli interni.

La vita della protagonista, delle generazioni che l’hanno preceduta e di quelle che hanno raccolto il suo affetto e la sua eredità, scorre insieme alla nostra. Pagina dopo pagina, riviviamo i suoi affetti familiari, il suo amore sfortunato, il suo lavoro che è forse la passione più grande. Il romanzo ha ritmi diversi da quelli cinematografici cui ci hanno abituato tanta letteratura contemporanea: le cadenze e i toni sono lenti, come i nostri ricordi, come la vita raccontata a viva voce.

La Storia del romanzo è immanente alle nostre piccole storie, le comprende e ne fa parte. Come una sorta di mano nascosta, dà impulso alle nostre esperienze, alle nostre scelte: conoscerla è conoscere noi stessi, le fonti delle nostre scelte, l’ombra al di là delle apparenze. Non possiamo sfuggire alla Storia, anche se a volte le nostre emozioni sembrano troppo anguste per comprendere la forza dei suoi orrori; siamo singoli, umani e limitati, quindi ci basta conoscerla. Ma la conoscenza rimane, comunque, necessaria.

L’amore è narrato con cautela, come se fosse una miscela esplosiva, e si rivela fragile, difficile da esprimere e da trattenere. Stretto tra le catene del quotidiano e quelle della Storia, non ha quasi mai fortuna. Rimane un sogno, un ricordo. Rimane nel calore della carne. Se desiderio brucia, non aiuta la comprensione, mentre ragioni della passione rimangono troppo spesso sconosciute.

Cogliamo questo frutto maturo, e assaporiamone la fragranza: lo stile è molto sobrio, come la scelta lessicale, e si rivela la misura giusta per padroneggiare una partecipazione emotiva intensa.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Millecinquecento, non uno di più, non uno di meno: è il numero di abitanti che deve mantenere Algren per essere la città più piccola del Canada e aggiudicarsi la visita del primo ministro il giorno della festa nazionale. Hosea Funk, il sindaco di Algren, ha una ragione in più per desiderarlo: sua madre, sul letto di morte, gli ha confidato che il primo ministro è il suo vero padre, l'uomo misterioso che tanti anni prima la rapì dal ballo per far l'amore in un campo di colza e poi sparire nella notte. Quindi gli abitanti di Algren non devono assolutamente aumentare né diminuire, almeno fino al primo luglio: per il sindaco Hosea sta diventando un'ossessione. È un disastro, per esempio, se Max, giovane padre ex fuggitivo, torna all'improvviso per riconquistare la sua donna, e spiegare a Summer Feelin', la sua bimba, che non bastano le braccia per volare. Un abitante di troppo. Per fortuna il vecchio Hamm, novant'anni suonati, esala l'ultimo respiro. Meno uno, evviva; ma ecco che un miracoloso parto trigemellare fa saltare di nuovo i conti: più tre! Per quanto Hosea si sforzi di tenere fermo il mondo, mille accidenti cospirano a mettere la gente in movimento. E una partita molto seria si gioca proprio sul suo cuore, perché Lorna, la splendida donna che lui ama, vorrebbe trasferirsi da Winnipeg ad Algren per stargli accanto… Un tipo a posto è un romanzo dolce e sognante di persone che vanno e vengono, entrano dalle finestre aperte nelle notti calde o aspettano l'autobus che porta via. Tra albe arancioni e neve che si sfalda sui tetti a primavera, amori infiniti, finiti e rinnovabili ridisegnano le mappe dell'umana realtà.

Un tipo a posto

Toews Miriam

Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni e non trovo pace. Voglio scoprire perché sono questo tipo di adulto, deve esserci un'origine, ricordo, collego. Deve essere successo qualcosa. Qualcuno mi ha fatto del male. Ricordo, collego, invento. Cosa ha generato questa donna incompiuta?

La più amata

Ciabatti Teresa

Ciò che avviene fuori di noi può passare senza lasciare traccia, o modificare per sempre la traiettoria della nostra vita. L'autobiografia di ciascun italiano è una scheggia impazzita nell'autobiografia del Paese. "Il 22 giugno 1974, al settantottesimo minuto di una partita di calcio, sono diventato comunista". Sono i Mondiali del '74, ai quarti di finale si gioca una partita storica: Germania Ovest contro Germania Est. Un bambino di dieci anni, seduto davanti alla televisione insieme a suo padre, si rende conto tutt'a un tratto di tifare per la squadra sbagliata. "Mentre lo stadio ammutolisce, tra la poltrona di mio padre e la mia, un piccolo muro, invisibile e incompreso, comincia a venire su, come se fossimo nel centro di Berlino". Francesco Piccolo ha scritto un romanzo personale e politico, divertente, serissimo, provocatorio, per raccontare la storia d'amore irrisolvibile che lega ogni uomo al suo tempo. Perché in fondo la nostra vita è il modo che scegliamo ogni giorno per partecipare al mondo.

Il desiderio di essere come tutti

Piccolo Francesco

La vita di Walter nel suo camminare, tra sogni e dolori, sorprese e risvegli, attraverso le tre fasi della sua esistenza fino alla scoperta dell'amore.

ANIMA MUNDI

Tamaro Susanna