Narrativa

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

ConIl cappotto blu” Anna Maria Balzano ci porta a rivisitare le nostre radici e le nostre stanze quotidiane, attraversando delle dimensioni che non abbiamo difficoltà a condividere: i suoi personaggi abitano lo stesso Bel Paese, i loro ricordi si sovrappongono ai nostri e si nutrono della nostra stessa Storia. Gli spazi sono narrati sotto una luce vivace, senza tralasciare i particolari: camminiamo insieme a Chiara tra i colori vivaci dei giardini e delle città, ci perdiamo insieme a lei tra i riquadri degli interni.

La vita della protagonista, delle generazioni che l’hanno preceduta e di quelle che hanno raccolto il suo affetto e la sua eredità, scorre insieme alla nostra. Pagina dopo pagina, riviviamo i suoi affetti familiari, il suo amore sfortunato, il suo lavoro che è forse la passione più grande. Il romanzo ha ritmi diversi da quelli cinematografici cui ci hanno abituato tanta letteratura contemporanea: le cadenze e i toni sono lenti, come i nostri ricordi, come la vita raccontata a viva voce.

La Storia del romanzo è immanente alle nostre piccole storie, le comprende e ne fa parte. Come una sorta di mano nascosta, dà impulso alle nostre esperienze, alle nostre scelte: conoscerla è conoscere noi stessi, le fonti delle nostre scelte, l’ombra al di là delle apparenze. Non possiamo sfuggire alla Storia, anche se a volte le nostre emozioni sembrano troppo anguste per comprendere la forza dei suoi orrori; siamo singoli, umani e limitati, quindi ci basta conoscerla. Ma la conoscenza rimane, comunque, necessaria.

L’amore è narrato con cautela, come se fosse una miscela esplosiva, e si rivela fragile, difficile da esprimere e da trattenere. Stretto tra le catene del quotidiano e quelle della Storia, non ha quasi mai fortuna. Rimane un sogno, un ricordo. Rimane nel calore della carne. Se desiderio brucia, non aiuta la comprensione, mentre ragioni della passione rimangono troppo spesso sconosciute.

Cogliamo questo frutto maturo, e assaporiamone la fragranza: lo stile è molto sobrio, come la scelta lessicale, e si rivela la misura giusta per padroneggiare una partecipazione emotiva intensa.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro

Quando Eleonora e Chirú s'incontrano, lui ha diciotto anni e lei venti di piú. Le loro vite sembrano non avere niente in comune. Eppure è con naturalezza che lei diventa la sua guida, e ogni esperienza che condividono - dall'arte alla cucina, dai riti affettivi al gusto estetico - li rende piú complici. Eleonora non è nuova a quell'insolito tipo di istruzione. Nel suo passato ci sono tre allievi, due dei quali hanno ora vite brillanti e grandi successi. Che ne sia stato del terzo, lei non lo racconta volentieri. Eleonora offre a Chirú tutto ciò che ha imparato e che sa, cercando in cambio la meraviglia del suo sguardo nuovo, l'energia di tutte le prime volte. È cosí che salgono a galla anche i ricordi e le scorie della sua vita, dall'infanzia all'ombra di un padre violento fino a un presente che sembra riconciliato e invece è dominato dall'ansia del controllo, proprio e altrui. Chirú, detentore di una giovinezza senza piú innocenza, farà suo ogni insegnamento in modo spietato, regalando a Eleonora una lezione difficile da dimenticare. Michela Murgia torna al romanzo, e lo fa con coraggio, raccontando la tensione alla manipolazione che si nasconde anche nel piú puro dei sentimenti. Negli occhi di Eleonora e Chirú è scritta la distanza fra quello che sentiamo di essere e ciò che pensiamo di dovere al mondo: l'amore è la piú deformante delle energie, può chiederci addirittura di sacrificare noi stessi.

Chirù

Murgia Michela

21 marzo, giornata della poesia: Dora Markus di Montale

Febbre e abbandono come distinzione e “vigore nuovo” per ricominciare in quella giostra dei sensi che non ha fine...

Dio dell’abbandono

Gori Ignazio