Narrativa

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

ConIl cappotto blu” Anna Maria Balzano ci porta a rivisitare le nostre radici e le nostre stanze quotidiane, attraversando delle dimensioni che non abbiamo difficoltà a condividere: i suoi personaggi abitano lo stesso Bel Paese, i loro ricordi si sovrappongono ai nostri e si nutrono della nostra stessa Storia. Gli spazi sono narrati sotto una luce vivace, senza tralasciare i particolari: camminiamo insieme a Chiara tra i colori vivaci dei giardini e delle città, ci perdiamo insieme a lei tra i riquadri degli interni.

La vita della protagonista, delle generazioni che l’hanno preceduta e di quelle che hanno raccolto il suo affetto e la sua eredità, scorre insieme alla nostra. Pagina dopo pagina, riviviamo i suoi affetti familiari, il suo amore sfortunato, il suo lavoro che è forse la passione più grande. Il romanzo ha ritmi diversi da quelli cinematografici cui ci hanno abituato tanta letteratura contemporanea: le cadenze e i toni sono lenti, come i nostri ricordi, come la vita raccontata a viva voce.

La Storia del romanzo è immanente alle nostre piccole storie, le comprende e ne fa parte. Come una sorta di mano nascosta, dà impulso alle nostre esperienze, alle nostre scelte: conoscerla è conoscere noi stessi, le fonti delle nostre scelte, l’ombra al di là delle apparenze. Non possiamo sfuggire alla Storia, anche se a volte le nostre emozioni sembrano troppo anguste per comprendere la forza dei suoi orrori; siamo singoli, umani e limitati, quindi ci basta conoscerla. Ma la conoscenza rimane, comunque, necessaria.

L’amore è narrato con cautela, come se fosse una miscela esplosiva, e si rivela fragile, difficile da esprimere e da trattenere. Stretto tra le catene del quotidiano e quelle della Storia, non ha quasi mai fortuna. Rimane un sogno, un ricordo. Rimane nel calore della carne. Se desiderio brucia, non aiuta la comprensione, mentre ragioni della passione rimangono troppo spesso sconosciute.

Cogliamo questo frutto maturo, e assaporiamone la fragranza: lo stile è molto sobrio, come la scelta lessicale, e si rivela la misura giusta per padroneggiare una partecipazione emotiva intensa.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Kastemos, Creta. Una strada. Case a destra e case a sinistra. Fine. Ma Kastemos è molto di più. Lo sanno bene i suoi abitanti. Anche quelli che non credono a Ghiannis Professore e alla storia della balena incagliata alle estremità del golfo. Kastemos è il cristallo dei fondali della spiaggia Pentolona, e il crepitio dei ciottoli rimescolati dalla risacca, è il profilo contorto degli ulivi e labbandono giocoso delle cornacchie nel vento. È il ribollire degli alambicchi di Ghiannis Ferramenta che distillano metanolo, è il tempo intrappolato nei muri delle case insieme a frammenti di vasi minoici e fregi veneziani, è larca di Noè di Ghiannis Pescatore che guarda il mare distribuendo ghiaccioli e bibite, è un bidone di latta che si riempie di banconote al miagolare delle lyrae. Ed è il luogo da cui è passato Aghios Ghiannis il Battista (Duemila anni che nessuno cambia più i nomi ai bambini, in questo posto!). E dove ha perfino fatto un miracolo. Anzi, non ha ancora smesso di farne, fortunatamente per Maria Pelosa e Ghiannis Pallina e per il loro matrimonio. E al kafeneio Angolo, il criceto continua a correre nella sua ruota. Anche lui ha unidea di quello che è Kastemos. Solo che non ricorda quale sia

LA RUOTA DEL CRICETO

Milani Lukas

Napoli, marzo 1931, mentre un inverno particolarmente rigido tiene la città stretta in una morsa di gelo, un assassinio scuote l'opinione pubblica per la ferocia con cui il crimine è perpetrato e per la notorietà del morto. Il grande tenore Arnaldo Vezzi viene trovato cadavere nel suo camerino al Teatro San Carlo prima della rappresentazione de "I Pagliacci", la gola squarciata da un frammento acuminato dello specchio andato in pezzi. Artista di fama mondiale, amico del Duce, uomo egoista e meschino: a ricostruire la personalità della vittima e a risolvere il caso è chiamato il commissario Luigi Alfredo Ricciardi, in forza alla Squadra Mobile della Regia Questura di Napoli. Investigatore anomalo, mal sopportato dai superiori per la sua insofferenza agli ordini e temuto dai sottoposti per il suo carattere chiuso ed enigmatico, Ricciardi coltiva nel suo animo tormentato un segreto inconfessabile: fin da bambino "vede i morti" - ma solo chi muore di morte violenta - , coglie la loro immagine nell'ultimo momento di vita e ascolta le ultime parole, "il Fatto" come lo chiama lui, lo aiuta nelle indagini. Affiancato dal brigadiere Maione, il commissario interroga il personale del San Carlo, incontra l'affascinante Livia e ascolta le considerazioni di Don Pierino; comprende che molti avrebbero avuto un buon movente per uccidere Vezzi. Interprete del disagio della città, attento alle esigenze dei più deboli, Ricciardi risolve brillantemente il caso seguendo il suo senso di giustizia.

Il senso del dolore

De Giovanni Maurizio

Virus

Canassa Vigliani Alessandro

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan