Narrativa

Il cappotto blu (prima parte)

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Antonella Di Martino

Le Vostre recensioni

ConIl cappotto blu” Anna Maria Balzano ci porta a rivisitare le nostre radici e le nostre stanze quotidiane, attraversando delle dimensioni che non abbiamo difficoltà a condividere: i suoi personaggi abitano lo stesso Bel Paese, i loro ricordi si sovrappongono ai nostri e si nutrono della nostra stessa Storia. Gli spazi sono narrati sotto una luce vivace, senza tralasciare i particolari: camminiamo insieme a Chiara tra i colori vivaci dei giardini e delle città, ci perdiamo insieme a lei tra i riquadri degli interni.

La vita della protagonista, delle generazioni che l’hanno preceduta e di quelle che hanno raccolto il suo affetto e la sua eredità, scorre insieme alla nostra. Pagina dopo pagina, riviviamo i suoi affetti familiari, il suo amore sfortunato, il suo lavoro che è forse la passione più grande. Il romanzo ha ritmi diversi da quelli cinematografici cui ci hanno abituato tanta letteratura contemporanea: le cadenze e i toni sono lenti, come i nostri ricordi, come la vita raccontata a viva voce.

La Storia del romanzo è immanente alle nostre piccole storie, le comprende e ne fa parte. Come una sorta di mano nascosta, dà impulso alle nostre esperienze, alle nostre scelte: conoscerla è conoscere noi stessi, le fonti delle nostre scelte, l’ombra al di là delle apparenze. Non possiamo sfuggire alla Storia, anche se a volte le nostre emozioni sembrano troppo anguste per comprendere la forza dei suoi orrori; siamo singoli, umani e limitati, quindi ci basta conoscerla. Ma la conoscenza rimane, comunque, necessaria.

L’amore è narrato con cautela, come se fosse una miscela esplosiva, e si rivela fragile, difficile da esprimere e da trattenere. Stretto tra le catene del quotidiano e quelle della Storia, non ha quasi mai fortuna. Rimane un sogno, un ricordo. Rimane nel calore della carne. Se desiderio brucia, non aiuta la comprensione, mentre ragioni della passione rimangono troppo spesso sconosciute.

Cogliamo questo frutto maturo, e assaporiamone la fragranza: lo stile è molto sobrio, come la scelta lessicale, e si rivela la misura giusta per padroneggiare una partecipazione emotiva intensa.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano

Passa il tempo di Ilaria Spes, poesia interpretata da Luigi Maria Corsanico

In questo libro si raccontano storie di «matti» che, grazie all’aiuto di familiari, amici, operatori e alla loro forza di volontà, hanno ritrovato la voglia di vivere. Dimostrando che, assieme e con gli strumenti giusti, la vita può migliorare. Anche con meno medicine e più umanità. Attraverso dieci ritratti, viene presentato quello che il Servizio di salute mentale di Trento ha fatto per affrontare i diversi aspetti della malattia, tra luci ed ombre, successi e battute d’arresto. Oltre alle storie di chi ha vissuto la malattia, infatti, ci sono commenti, riflessioni e critiche di operatori, medici, cittadini. Due brevi racconti, all’inizio e alla fine del libro, proiettano nella dimensione della follia, dando un segnale di speranza. Spiegando che dal 13 maggio 1978, quando venne approvata la legge Basaglia, qualcosa è stato fatto, ma soprattutto che sono state poste le basi per rispondere alla legge 180 con una nuova proposta (legge «181»), affinché tutti i «matti» possano avere pari dignità ed essere curati bene dappertutto. Nessuno escluso.

Psichiatria mia bella

De Stefani Renzo