Narrativa

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana: Polis

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Abbiamo dato notizia della presentazione a Roma de “Il cappotto blu”, l’ultimo romanzo di Anna Maria Balzano, la scrittrice alla quale la nostra testata ha affidato il commento dei film di Luchino Visconti per la rubrica “Dal libro al film”.
Con vivace curiosità e partecipe interesse abbiamo pertanto letto la sua ultima “fatica” (lei stessa afferma, nel corso di un’intervista che potete consultare a questo link, che per quest’opera ha tanto sofferto…).

La storia ruota intorno alla figura di Chiara (“Chiara avrebbe voluto crearsi uno stile di vita diverso da quello di sua madre, tutto ordine e perfezione… sacrificio e dedizione alla famiglia…”), attraverso un’indagine psicologica che coinvolge – in una concezione evolutiva del concetto di genitorialità e figliolanza – tre generazioni: quella dei genitori Barbara e Fausto (“I rapporti tra loro divennero col tempo un’abitudine: nessuna iniziativa audace, nulla che si discostasse dal copione consueto”), quella della stessa Chiara e del problematico fratello Aldo, quella di Michele, bambino difficile (“La visita era stata breve… Poi il silenzio era prevalso. Più facile, meno doloroso tacere”).
Attraverso l’analisi a volte impietosa, a volte clemente, dei rapporti familiari e del ruolo della donna, Anna Maria lascia affiorare dalle righe – quasi fosse una scultura di quel Rodin che Chiara ha modo di apprezzare durante il suo viaggio a Parigi – la personalità della protagonista: una donna che cerca disperatamente l’amore, un proprio ruolo, un equilibrio nel rapporto con i familiari, la propria identità perduta nelle anse misteriose di un passato crudele.

Chi è il misterioso personaggio che si affaccia nel prologo (“Rodolfo Piacenza. Lo zio di Sara”)?
Come realizzare un amore appagante, quel compendio di istinti e ragione (“Chiara capiva che – ndr: Renzo – era ancora legato all’immagine della donna custode della casa e punto di riferimento dell’intera famiglia, ma sempre subordinata all’uomo”), che sembra tanto difficile da raggiungere (“La delicatezza e la sensibilità di Fausto non erano certo ciò che lei aveva desiderato”)?
Come restituire alla vita un fratello insicuro e afflitto da episodi infantili di sopraffazione (“Non sarò mai tanto coraggioso da togliermi la vita”)?
Come inquadrare l’apparente preferenza della madre per il fratello (“Per me un po’ meno, mamma?, Chiara era apparsa all’improvviso”)?
Come reagire al desiderio inerziale di rinunciare alla lotta personale per la vita (“Quella brutta ricrescita bianca… Era stata una resa, aveva rinunciato a quell’ultimo residuo di civetteria femminile”)?
Quale profilo professionale può consentire la realizzazione di una donna (“Cominciò a pensare sempre più seriamente che le sarebbe piaciuto dirigere una casa d’accoglienza per bambini abbandonati”)?
Quale passato si nasconde sotto le spoglie di un indumento dismesso (“Ci porsero un neonato avvolto in un cappottino da donna di lana blu”) e dietro a un gioco dell’infanzia (“Tante volte da bambina aveva indossato i vestiti della mamma e aveva giocato con Aldo a fare i grandi”)?
E una volta ricostruito faticosamente questo passato, come preservarne la memoria (“La memoria serve per rinnovare lo sdegno per le infamie commesse, ma se essa si affievolisce è perché siamo noi stessi a morire poco alla volta”)?

Queste sono soltanto alcune delle intense domande che Anna Maria propone con il suo ottimo romanzo. Alcune risposte, ovviamente non tutte perché molti quesiti esistenziali sono insolubili, sono lì scritte, in quelle pagine, grazie alle quali Anna Maria Balzano conduce il lettore più sensibile attraverso un viaggio non soltanto geografico (“I giorni trascorsi a Parigi, l’incontro con Renzo e la visita a Majdanek avevano costituito la vera crescita di Chiara”) e non soltanto storico dalle deportazioni naziste (“I tedeschi al ghetto, proprio lì di fronte all’Isola Tiberina, stavano facendo una retata; portavano via tutti…”) attraverso il Settembre Nero fino agli anni di piombo, ma soprattutto emozionale (“La vita per alcuni può essere un inferno. E siamo noi che la rendiamo un inferno”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quello strano ombrello a due manici, che aperti formavano un sediolino, era stato l’ultimo regalo della sua Iolanda, prima che quel brutto male gliela portasse via, così all’improvviso, lasciandolo solo ad affrontare le vampate del tramonto, quelle che lui sapeva potevano diventare pericolose se confuse con le luci dirompenti dell’alba . “Non c’è niente di peggio, per un vecchio, del sentirsi giovane!”: Attilio Salievi, generale in pensione, dopo una brillante carriera nella Nato, ne era più che convinto, tanto più dopo una vita trascorsa nel rispetto più rigoroso delle regole, navigando a vista fra la sponda dei propri sentimenti, delle proprie pulsioni e quella dei sentimenti e delle pulsioni degli altri, per non arenarsi o naufragare, si trattasse anche di Connie, l’affascinante tenente americana degli anni trascorsi a Washington. Ma dice Maurois che ”L’arte di invecchiare sta tutta nel sapersi conservare qualche speranza”, così un giorno il punto, per il vecchio generale, diventerà se la speranza possa aver come nome Amalia, entrata improvvisamente nella sua vita con occhi di sogno ma anche con trenta anni di meno.

L’ombrello a sediolino

Calandra Claudio

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Yuko è in grado di vedere cose che gli altri non vedono, e di indovinare i desideri e i pensieri di chi le sta intorno grazie a una sensibilità fuori dal comune. Nell’autunno dei suoi quattordici anni, tutto sembra assumere sfumature misteriose, e il mondo si popola di bizzarre creature. Yuko sta imparando ad assegnare un colore a ogni stato d’animo e a ogni emozione; a insegnarglielo è Kyu, il suo maestro di disegno, che ha il doppio dei suoi anni. Quando dal fusto di una pianta fuoriescono degli strani omini verdi, loro sono gli unici a vederli. Nello stesso istante, Yuko assapora l’incanto sottile del primo amore. Sospesa tra realtà e immaginazione, un’adolescente va incontro alla vita accompagnata dagli affetti più cari, e scopre, giorno dopo giorno, i turbamenti del cuore, la tenerezza dei sentimenti e la difficoltà di diventare grande.

HIGH & DRY. PRIMO AMORE

Yoshimoto Banana