Narrativa

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana: Polis

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Abbiamo dato notizia della presentazione a Roma de “Il cappotto blu”, l’ultimo romanzo di Anna Maria Balzano, la scrittrice alla quale la nostra testata ha affidato il commento dei film di Luchino Visconti per la rubrica “Dal libro al film”.
Con vivace curiosità e partecipe interesse abbiamo pertanto letto la sua ultima “fatica” (lei stessa afferma, nel corso di un’intervista che potete consultare a questo link, che per quest’opera ha tanto sofferto…).

La storia ruota intorno alla figura di Chiara (“Chiara avrebbe voluto crearsi uno stile di vita diverso da quello di sua madre, tutto ordine e perfezione… sacrificio e dedizione alla famiglia…”), attraverso un’indagine psicologica che coinvolge – in una concezione evolutiva del concetto di genitorialità e figliolanza – tre generazioni: quella dei genitori Barbara e Fausto (“I rapporti tra loro divennero col tempo un’abitudine: nessuna iniziativa audace, nulla che si discostasse dal copione consueto”), quella della stessa Chiara e del problematico fratello Aldo, quella di Michele, bambino difficile (“La visita era stata breve… Poi il silenzio era prevalso. Più facile, meno doloroso tacere”).
Attraverso l’analisi a volte impietosa, a volte clemente, dei rapporti familiari e del ruolo della donna, Anna Maria lascia affiorare dalle righe – quasi fosse una scultura di quel Rodin che Chiara ha modo di apprezzare durante il suo viaggio a Parigi – la personalità della protagonista: una donna che cerca disperatamente l’amore, un proprio ruolo, un equilibrio nel rapporto con i familiari, la propria identità perduta nelle anse misteriose di un passato crudele.

Chi è il misterioso personaggio che si affaccia nel prologo (“Rodolfo Piacenza. Lo zio di Sara”)?
Come realizzare un amore appagante, quel compendio di istinti e ragione (“Chiara capiva che – ndr: Renzo – era ancora legato all’immagine della donna custode della casa e punto di riferimento dell’intera famiglia, ma sempre subordinata all’uomo”), che sembra tanto difficile da raggiungere (“La delicatezza e la sensibilità di Fausto non erano certo ciò che lei aveva desiderato”)?
Come restituire alla vita un fratello insicuro e afflitto da episodi infantili di sopraffazione (“Non sarò mai tanto coraggioso da togliermi la vita”)?
Come inquadrare l’apparente preferenza della madre per il fratello (“Per me un po’ meno, mamma?, Chiara era apparsa all’improvviso”)?
Come reagire al desiderio inerziale di rinunciare alla lotta personale per la vita (“Quella brutta ricrescita bianca… Era stata una resa, aveva rinunciato a quell’ultimo residuo di civetteria femminile”)?
Quale profilo professionale può consentire la realizzazione di una donna (“Cominciò a pensare sempre più seriamente che le sarebbe piaciuto dirigere una casa d’accoglienza per bambini abbandonati”)?
Quale passato si nasconde sotto le spoglie di un indumento dismesso (“Ci porsero un neonato avvolto in un cappottino da donna di lana blu”) e dietro a un gioco dell’infanzia (“Tante volte da bambina aveva indossato i vestiti della mamma e aveva giocato con Aldo a fare i grandi”)?
E una volta ricostruito faticosamente questo passato, come preservarne la memoria (“La memoria serve per rinnovare lo sdegno per le infamie commesse, ma se essa si affievolisce è perché siamo noi stessi a morire poco alla volta”)?

Queste sono soltanto alcune delle intense domande che Anna Maria propone con il suo ottimo romanzo. Alcune risposte, ovviamente non tutte perché molti quesiti esistenziali sono insolubili, sono lì scritte, in quelle pagine, grazie alle quali Anna Maria Balzano conduce il lettore più sensibile attraverso un viaggio non soltanto geografico (“I giorni trascorsi a Parigi, l’incontro con Renzo e la visita a Majdanek avevano costituito la vera crescita di Chiara”) e non soltanto storico dalle deportazioni naziste (“I tedeschi al ghetto, proprio lì di fronte all’Isola Tiberina, stavano facendo una retata; portavano via tutti…”) attraverso il Settembre Nero fino agli anni di piombo, ma soprattutto emozionale (“La vita per alcuni può essere un inferno. E siamo noi che la rendiamo un inferno”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria

Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Io sono un gatto

Soseki Natsume

Il destino può riservare incontri che cambiano la vita. Così è stato per Caterina, una studentessa universitaria con il fiuto per il mistero e il vizio della curiosità nella sua nuova amicizia con Rose, un’anziana vestita come una bambola e che serba in sé un segreto rimasto tale troppo a lungo. In un appartamento milanese dove il tempo sembra essersi fermato, tra bicchieri di vodka, domande e riflessioni, Rose narrerà a Caterina della sua vita in Galles, dall’infanzia all’adolescenza rubata, fino all’età adulta, divisa tra l’amore per un enigmatico pittore spagnolo e l’affettuoso rapporto con un ragazzo geniale. Sul filo della rivelazione di una verità sconvolgente, Rose terrà Caterina e il lettore con il fiato sospeso in una narrazione precisa, colta, appassionante.

Mi salvarono i colli del Galles

Premoli Elena

Tre bambini crescono insieme in un collegio immerso nel verde della campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani. La loro vita verrà accompagnata dalla musica dei sentimenti: l'amicizia e l'amore come uniche armi contro un mondo che nasconde egoismo e crudeltà.

Non lasciarmi

Ishiguro Kazuo

De Amicis, Edmondo – IL PICCOLO SCRIVANO FIORENTINO (Cuore, 1886)