Narrativa

Il cappotto blu

Balzano Anna Maria

Descrizione: "[...] Una narrazione decentrata che ricerca la profondità e si proietta in realtà diverse e spesso inconciliabili facendoci godere dei gusti e delle diversità, del confronto, soprattutto con le nostre paure che ci palesano fragili. Letta l'ultima pagina, non ci resta che posare lievemente una nostra mano sul cuore e poi su questo libro, sulle esistenze che riporta, per difenderle dall'oblio." (dalla postfazione di Roberta Lagoteta)

Categoria: Narrativa

Editore: Talos Edizioni

Collana: Polis

Anno: 2015

ISBN: 9788898838332

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Abbiamo dato notizia della presentazione a Roma de “Il cappotto blu”, l’ultimo romanzo di Anna Maria Balzano, la scrittrice alla quale la nostra testata ha affidato il commento dei film di Luchino Visconti per la rubrica “Dal libro al film”.
Con vivace curiosità e partecipe interesse abbiamo pertanto letto la sua ultima “fatica” (lei stessa afferma, nel corso di un’intervista che potete consultare a questo link, che per quest’opera ha tanto sofferto…).

La storia ruota intorno alla figura di Chiara (“Chiara avrebbe voluto crearsi uno stile di vita diverso da quello di sua madre, tutto ordine e perfezione… sacrificio e dedizione alla famiglia…”), attraverso un’indagine psicologica che coinvolge – in una concezione evolutiva del concetto di genitorialità e figliolanza – tre generazioni: quella dei genitori Barbara e Fausto (“I rapporti tra loro divennero col tempo un’abitudine: nessuna iniziativa audace, nulla che si discostasse dal copione consueto”), quella della stessa Chiara e del problematico fratello Aldo, quella di Michele, bambino difficile (“La visita era stata breve… Poi il silenzio era prevalso. Più facile, meno doloroso tacere”).
Attraverso l’analisi a volte impietosa, a volte clemente, dei rapporti familiari e del ruolo della donna, Anna Maria lascia affiorare dalle righe – quasi fosse una scultura di quel Rodin che Chiara ha modo di apprezzare durante il suo viaggio a Parigi – la personalità della protagonista: una donna che cerca disperatamente l’amore, un proprio ruolo, un equilibrio nel rapporto con i familiari, la propria identità perduta nelle anse misteriose di un passato crudele.

Chi è il misterioso personaggio che si affaccia nel prologo (“Rodolfo Piacenza. Lo zio di Sara”)?
Come realizzare un amore appagante, quel compendio di istinti e ragione (“Chiara capiva che – ndr: Renzo – era ancora legato all’immagine della donna custode della casa e punto di riferimento dell’intera famiglia, ma sempre subordinata all’uomo”), che sembra tanto difficile da raggiungere (“La delicatezza e la sensibilità di Fausto non erano certo ciò che lei aveva desiderato”)?
Come restituire alla vita un fratello insicuro e afflitto da episodi infantili di sopraffazione (“Non sarò mai tanto coraggioso da togliermi la vita”)?
Come inquadrare l’apparente preferenza della madre per il fratello (“Per me un po’ meno, mamma?, Chiara era apparsa all’improvviso”)?
Come reagire al desiderio inerziale di rinunciare alla lotta personale per la vita (“Quella brutta ricrescita bianca… Era stata una resa, aveva rinunciato a quell’ultimo residuo di civetteria femminile”)?
Quale profilo professionale può consentire la realizzazione di una donna (“Cominciò a pensare sempre più seriamente che le sarebbe piaciuto dirigere una casa d’accoglienza per bambini abbandonati”)?
Quale passato si nasconde sotto le spoglie di un indumento dismesso (“Ci porsero un neonato avvolto in un cappottino da donna di lana blu”) e dietro a un gioco dell’infanzia (“Tante volte da bambina aveva indossato i vestiti della mamma e aveva giocato con Aldo a fare i grandi”)?
E una volta ricostruito faticosamente questo passato, come preservarne la memoria (“La memoria serve per rinnovare lo sdegno per le infamie commesse, ma se essa si affievolisce è perché siamo noi stessi a morire poco alla volta”)?

Queste sono soltanto alcune delle intense domande che Anna Maria propone con il suo ottimo romanzo. Alcune risposte, ovviamente non tutte perché molti quesiti esistenziali sono insolubili, sono lì scritte, in quelle pagine, grazie alle quali Anna Maria Balzano conduce il lettore più sensibile attraverso un viaggio non soltanto geografico (“I giorni trascorsi a Parigi, l’incontro con Renzo e la visita a Majdanek avevano costituito la vera crescita di Chiara”) e non soltanto storico dalle deportazioni naziste (“I tedeschi al ghetto, proprio lì di fronte all’Isola Tiberina, stavano facendo una retata; portavano via tutti…”) attraverso il Settembre Nero fino agli anni di piombo, ma soprattutto emozionale (“La vita per alcuni può essere un inferno. E siamo noi che la rendiamo un inferno”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Maria

Anna

Balzano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Balzano Anna Maria


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una delle espressioni più comuni nella nostra epoca, per asserire che il mondo oggi va meglio di allora, è: "Non siamo mica nel Medioevo!". Eppure quel periodo definito buio non lo era poi quanto si crede e si dice.Troviamo qui le storie di venticinque donne che furono regine, sante e streghe. Quello che accomuna tutte loro è il potere, più o meno grande, che giunsero ad avere, nonostante la dominanza maschile vigente allora in quasi tutti i campi. Queste donne del Medioevo raccontano una realtà diversa da quella che viene proposta nei libri di storia. Le regine governano su vasti territori e sottomettono uomini, le sante e le mistiche sono donne di notevoli doti intellettuali che apportano alla comunità il loro sapere e indirizzano le scelte dei potenti, le streghe sono contadine che conoscono l'arte medica, e quelli che noi chiamiamo "i rimedi della nonna". I racconti, sintetici e incisivi, mostrano come il "periodo di mezzo" debba esser conosciuto anche per la vivacità intellettuale delle donne di allora, riconoscendo la loro grande forza e importanza, in modo che si possa ristabilire, nella storia di questo periodo, il giusto "equilibrio di genere".

Di regine, si sante e di streghe

Franceschi Susanna Berti

Riccardin dal ciuffo (Riquet à la houppe)

Adam ogni giorno ricomincia da capo: un treno diverso, un'università diversa, una donna diversa. Il lunedì parte da Milano all'alba, aspetta la coincidenza a Tortona e va a insegnare ebraico ad Alessandria; poi, se i preliminari con Paola procedono senza intoppi, riesce a rientrare in tempo per fare la spesa e preparare la cena per la moglie Hhava. Il martedì a Bergamo potrebbe anche non andare, il compenso per le sue lezioni è troppo basso, ma a Bergamo c'è Monica, con il suo naso semitico, i suoi riccioli rossi, la sua voce roca, il suo accento irresistibile. Il mercoledì a Pavia lo aspetta la collega Teresa, il giovedì a Treviso fa l'amore con Fernanda nel locale caldaia, il venerdì a Verona sale nel monolocale di Sasha con una fetta di torta altoatesina, ma il sabato finalmente si riposa. Il sabato Adam corre sul lungomare di Levante, si ferma a scrivere una poesia al bar Sereno, sveglia la moglie con il profumo dei biscotti appena sfornati. Ogni settimana si ripete come una giostra infinita, come un viaggio in tondo da un microcosmo all'altro. Finché un giorno, del tutto inaspettata, si apre anche per lui una via di fuga: la speranza di un'unica vita, di un mondo solo, dove potersi abbandonare in pace. "Bar Atlantic" è la storia di un precario della scuola, della vita, dell' amore: di un casalingo inquieto che venera sua moglie e ha un'amante diversa in cinque città.

BAR ATLANTIC

Osimo Bruno

Che si fa quando si ha il cuore spezzato? Si telefona alla migliore amica, si mangia cioccolato e ci si macera nel proprio dolore. Solo che Gwendolyn, viaggiatrice nel tempo suo malgrado, dovrebbe conservare tutte le sue energie per altre cose: sopravvivere, per esempio. Perché la trappola che il temibile conte di Saint Germain ha costruito nel passato è pronta a scattare nel presente. E per riuscire a trovare la soluzione dell'oscuro segreto, Gwen e Gideon, fra un litigio e l'altro, dovranno buttarsi a capofitto nei secoli passati cercando di schivare pericoli mortali.

GREEN

Gier Kerstin