Giallo - thriller - noir

Il cardinale deve morire

Paternostro Mario

Descrizione: 1958. Da pochi giorni i cardinali sono usciti dal conclave riunito dopo la morte di Pio XII, dove hanno eletto papa Giovanni XXIII. Il più accreditato successore di Pio XII era l'arcivescovo di Genova, il conservatore Binni. Niente da fare, troppo giovane. Mentre si consuma la lotta fra i potenti porporati di Curia e i progressisti, nella splendida basilica romana di Santo Stefano Rotondo, sotto i cruenti affreschi con i Martiri del Pomarancio, viene trovato il cadavere massacrato di un ribelle pretino genovese, lì esiliato per punizione da Binni. Sarà proprio l'arcivescovo di Genova a condurre in gran segreto le indagini per scoprire l'assassino di don Volpini, coadiuvato dal giovane vicecomandante della Gendarmeria vaticana, il colonnello Cobianchi. Ma tutto si complica perché il misterioso killer colpisce ancora, da una basilica all'altra, lasciando messaggi come in una atroce caccia al tesoro e sembra aver scelto come vittime alcuni cardinali. Non solo a Roma, ma anche a Genova. Nel mirino dell'assassino o degli assassini ci sarà proprio il cardinale Binni. Perché? Uno spaccato della storia italiana, con il centrosinistra alle porte, le vicende di un conclave che fu al centro di misteri veri o presunti, le lotte tra le mura leonine e quelle che si consumano anche a Genova, negli anni della ricostruzione del dopoguerra, tra i sostenitori di un arcivescovo potente e molto popolare e chi vorrebbe invece una svolta progressista anche nella Chiesa locale. Personaggi immaginari e reali si inseguono tra Genova e Roma, intrecciando storie vere e inventate...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fratelli Frilli editori

Collana: SuperNoir Bross

Anno: 2019

ISBN: 9788869433795

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Mario Paternostro, genovese, ha pubblicato i noir Troppe buone ragioni, Il sangue delle rondini e Le povere signore Gallardo (ndr: clicca sui titoli per visualizzare le schede dei libri). Ora torna in libreria con Il cardinale deve morire, un libro ambientato nel 1958 tra Genova, Roma e Città del Vaticano. Della situazione sociale e politica del fu 1958 l’autore fornisce, lungo tutto il libro, un ritratto vivido, preciso, profondo. Sono gli anni del dopoguerra, della ricostruzione, il boom economico sta per avviarsi. Ma politicamente è un periodo avverso: gli echi del dramma della guerra non si sono spenti e a Roma “C’è un governo tra democristiani e socialdemocratici. Lo chiamano per la prima volta centrosinistra”.

A Roma c’è anche il successore di Papa Pio XII, tale Papa Roncalli, un papa che non incontra le simpatie di tutti. Per non parlare della “chiesa del silenzio”, tanto voluta ed auspicata dall’URSS… E allora, in un clima così complesso, è facile ascoltare la voce che grida al complottismo per quanto è appena accaduto in Vaticano. Perché un fatto increscioso è successo e non era mai accaduto in precedenza: l’uccisione violenta di don Volpini, al quale è stato strappato il cuore, mozzata la testa, tagliato un dito e una mano. Chi ha potuto compiere un tale scempio su un pretino di origine genovese, un po’ ribelle certo, ma nulla può giustificare un tale atto di discredito. E non basta. La situazione è destinata a complicarsi ulteriormente: “L’omicidio del nostro amatissimo cardinale Scipione Pacca, custode della apostolica Segnatura. Due morti cariche di tremendi segni: il Martirologio del pittore Pomarancio, una sconvolgente scenografia sulla fede in Cristo, vasti tormenti, inusitate crudeltà come quelle esercitate sul piccolo prete ribelle”.

Omicidi, mutilazioni, corruzione tra alti prelati, fascisti in cerca di rivalutazione. Cosa sta accadendo all’ombra del Cupolone? Un’indagine complessa e parallela viene affidata al colonnello Cobianchi, giovane vicecomandante della Gendarmeria vaticana. Riuscirà a fermare l’ondata di violenza, lui che è un altro personaggio scomodo e con qualche segreto da nascondere?

Un giallo colto e raffinato, che mescola con sapienza narrativa “personaggi immaginari e reali si inseguono , intrecciando storie vere ed inventate.

Una rilettura in chiave noir di un periodo della storia italiana che ha inciso profondamente la nostra Nazione, mutandola, i cui echi sono percepiti ancora nell’attualità. Un libro scritto con una prosa che cattura, elegante e precisa; con una trama che riporta indietro in un passato mai del tutto dimenticato, affollato da luci e ombre intense.

Il sangue delle rondini

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mario

Paternostro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Paternostro Mario


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tornando a casa dopo la scuola, uno studente si ferma in una strana biblioteca. Certo, anche la sua richiesta è un po' strana. Chiede alla bibliotecaria qualche libro che possa soddisfare la sua ultima curiosità (è un bambino curioso, il nostro protagonista): la riscossione delle tasse nell'impero ottomano. La bibliotecaria lo manda alla stanza 107. Qui l'aspetta un altro bibliotecario, ancora più bizzarro della prima: "aveva la faccia coperta di piccole macchie nere, come tanti moscerini. Era calvo e portava occhiali dalle lenti spesse. La sua calvizie non era uniforme. Tutt'intorno al cranio gli restavano ciuffi di capelli bianchi ritorti, come in un bosco dopo un incendio". E davvero una ben strana biblioteca, questa! Il bibliotecario accompagna il bambino attraverso un labirinto di corridoi e stanze, finché non arrivano in una stanza dove riposa un piccolo uomo vestito con una pelle di pecora. E qui le cose si fanno brutte: il bibliotecario e l'uomo-pecora spingono il piccolo in una cella. Il bambino rischia di fare una fine terribile se non arrivasse in suo soccorso una ragazza sconosciuta...

La strana biblioteca

Haruki Murakami

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian

Un uomo misterioso, scrittore di gialli di scarso successo, 65 anni, sapendo di non avere molto da vivere a causa di un cancro ai polmoni, decide che come ultimo atto della sua esistenza compirà un gesto spettacolare che tramanderà la sua memoria ai posteri: un omicidio perfetto. Non uno soltanto, tre. Ucciderà tre donne diverse, già individuate, accomunate dal fatto di avere i capelli rossi. L'assassino ha intenzione di mettere per iscritto dettagliatamente il suo operato e di avvertire via lettera le tre donne della loro sorte imminente per vedere come si comporteranno. L'uomo, servendosi della favola di Cappuccetto Rosso nella sua versione originale e cruenta, avverte le tre donne che il lupo cattivo è sulle loro tracce e che le ucciderà, senza specificare quando, come o dove. Nel momento in cui arrivano le lettere con l'annuncio di morte le tre donne reagiscono in modi diversi. L'uomo non vuole soltanto uccidere, vuole fare una ricerca e una riflessione approfondita sul periodo che precederà la morte. La sfida che si trova di fronte è cercare di aggirare e superare tutti i mezzi e modi in cui le sue tre vittime tenteranno di salvarsi da lui, per questo dovrà avvicinarsi a loro mantenendo il suo anonimato, per prevenire le loro mosse. Nessuno ha mai tentato prima un'operazione simile: tre vittime diverse, in tre luoghi diversi, destinate a tre morti diverse, tutte nello stesso giorno a poche ore di distanza l'una dall'altra. Ma anche il lupo cattivo può sottovalutare...

Un finale perfetto

Katzenbach John