Giallo - thriller - noir

Il carnevale dei delitti

Elpis Bruno

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Ciesse Edizioni

Collana: Black & Yellow

Anno: 2011

ISBN: 9788897277743

Recensito da C.u.b.

Le Vostre recensioni

Il carnevale dei delitti di Bruno Elpis

Esistono libri gialli di ogni tipo, dai più convenzionali ai più originali, dai più prevedibili ai rompicapo veri e propri, le sfumature possono essere infinite.

Poi esistono le dichiarazioni d’amore tinte di giallo ed ecco qui , appunto, Il carnevale dei delitti.
Amo chi ama ed esprime il suo amore con gioia e candore, a prescindere dal contesto. Lo scenario del lago di Como che Bruno Elpis ci propone, trasuda amore da ogni foglia , da ogni fiore, da ogni pesce o goccia d’acqua lacustre.
In questo panorama incantevole, un giallo psicologico dove un killer seriale uccide giovani donne senza lasciare impronte, ma soltanto una maschera veneziana a coprire il volto della vittima.

Maschera, bottega, artigianato, bello il riferimento dell’Elpis a una realtà che ormai sta scomparendo e qui viene ricordata da uno scrittore, artigiano della parola.
Vorrei lasciare il mio parere a livello globale, sulla totalità del libro più che sull’aspetto prettamente giallo visto che il mio modo di approcciarmi al genere è molto blando: mi piace leggerli ma sono un pessimo investigatore, seguo l’inchiesta ma poi mi distraggo, incrocio le dita dietro la schiena e fischiettando mi perdo nel paesaggio, osservo la gente, per tutto il resto c’è  il commissario… E qui, con le deliziose descrizioni, ho avuto il mio bel diletto, diciamolo.

Piacevolissima lettura, scorre veloce, offre e chiede affetto, per il lago di Como, per il commissario Giordan.
E ora che tutto è finito, mi fermo qualche ora nel suo giardino, bagno i piedi scalzi nell’acqua che lambisce i ciottoli con cui il lago canticchia, mi accomodo sulla chaise longue, respiro glicine e socchiudo gli occhi alla luce fuxia dei fiori.

Buona lettura.

Il link al commento di C.U.B.

Il link alla pagina del romanzo sul sito della casa editrice

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bruno

Elpis

Libri dallo stesso autore

Intervista a Elpis Bruno

A un narratore è prudente non chiedere mai di raccontare la sua vera storia: quantomeno si innervosisce. La protagonista di questo romanzo non fa eccezione e, se potesse scegliere, continuerebbe a nascondersi come sempre dietro invenzioni, personaggi e «suoni corti, urgenti, che servono soprattutto a far capire agli altri se sto bene o se sto male». Invece, per ragioni alimentari, accetta di tenere un seminario che, primo, ha per oggetto una disciplina neonata e vagamente grottesca, la «lettura creativa», e secondo, ha come destinatari gli uditori meno accomodanti: un gruppo di vecchi amici, riemersi da un passato non del tutto limpido. A questo piccolo pubblico, inaspettatamente, la scrittrice finirà per raccontarla davvero, la storia perturbante e per nulla gradevole che i suoi allievi credevano di voler ascoltare. Il risultato è una commedia amara e tagliente, in cui ogni battuta e ogni silenzio hanno un peso.

COME SE NIENTE FOSSE

Muratori Letizia

Una grave crisi economica investe il mondo. Non è una delle tante: è l’ultima, quella definitiva. Finiscono per sempre soldi, lavoro e benessere. Solo un posto si è salvato: è la città dove vive il protagonista di questa storia. Qui un gruppo di ragazzi come lui, intuendo prima degli altri come sarebbe andata a finire, ha fondato una comunità basata su alcol e promiscuità, svuotata da ogni preoccupazione e progettualità. E’ la nuova terra promessa per ex programmatori ed ex architetti, ex banchieri ed ex direttori marketing. Una vera e propria ondata migratoria alla rovescia con fenomeni di razzismo e discriminazione. Anche Jenny è una “appena arrivata”, ma è diversa: non è la solita emarginata, depressa e bisognosa di calore umano. Jenny sembra viva in città da sempre; anche per questo il protagonista non può togliersela dalla testa. Inizia così una storia d’amore assurda, fatta di bugie e voglia di cambiamento, differenze culturali e sintomi di una nevrosi collettiva che ci riguarda tutti e da cui appare impossibile uscire indenni. L’unico che sembra farcela è un uomo pitturato d’argento. Sta seduto su una panchina al centro della città e, da anni, non fa assolutamente niente. In uno scenario futuristico, dipinto a tinte cupe, trionfano l'opportunismo e il disimpegno. Una visione acuta, divertente e terrificante del dolore, della fine del lavoro e del mondo.

L’UOMO D’ARGENTO

Morici Claudio

UNA GOCCIA TRA DUE OCEANI

Corrà Marcello

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano