Letteratura araba

Il caso Meursault

Daoud Kamel

Descrizione: Il protagonista, Haroun, è il fratello del'"arabo" ucciso da un certo Meursault, crimine raccontato nello Straniero di Albert Camus. Sessant'anni più tardi, Haroun, che ha vissuto l'infanzia nel trauma di quell'omicidio avvenuto su una spiaggia assolata, non si rassegna a che il fratello rimanga senza nome, nell'anonimato. Quindi prende la parola, avvia una controinchiesta, ricostruisce i fatti dal punto di vista dell'"arabo" suo fratello e ridà dignità alla vittima.

Categoria: Letteratura araba

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria straniera

Anno: 2015

ISBN: 9788845280412

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Questa opera prima di Kamel Daoud, giornalista algerino che a distanza di anni ha deciso di fare rivivere Lo straniero di Camus, può ritenersi ambiziosa e stimolante. Daoud infatti, pubblicando Il caso Meursault, ha indubbiamente mostrato grande coraggio nel cimentarsi con uno dei più grandi capolavori della letteratura del novecento, tanto che fin dalle prime righe si trova un qualcosa di familiare, che ci ricorda l’incipit de Lo straniero, anche se con una piccola differenza, quasi provocatoria: “Oggi mamma è ancora viva”. Questo libro però non rappresenta un ideale seguito e nemmeno un rifacimento, è invece una sorta di tabula rasa, considerato che è stato spostato il punto di vista del racconto da Meursault a un arabo, precisamente il fratello del famoso arabo ucciso dal protagonista dell’opera di Camus.

La vicenda è ambientata settant’anni dopo, quando l’Algeria ha vinto la guerra di Indipendenza affrancandosi dalla colonizzazione francese: anche se è passato diverso tempo, Haroun, la voce narrante, non ha dimenticato la tragedia avvenuta e sente pertanto il bisogno di sfogarsi e di raccontare ciò che accadde nel 1942. Il tutto avviene all’interno di un bar: destinatario della testimonianza è un giovane avventore che, tra l’altro, risulta essere un grande estimatore dell’opera di Camus, qui trasformata nell’opera dello stesso Meursault, “poeta” sopravvissuto alla propria condanna a morte e poi diventato scrittore di fama mondiale acclamato e riconosciuto come una star. Haroun decide di riscrivere la storia cancellandone la banalizzazione effettuata da Meursault: “Un uomo che sa scrivere uccide un arabo… poi comincia a spiegare che è tutta colpa di un Dio che non esiste e di ciò che ha capito sotto il sole e per il fatto che la salsedine lo costringe a chiudere gli occhi. Perciò l’omicidio rimane un atto assolutamente impunito e non è un delitto poiché non esiste legge fra mezzogiorno e le due”.

Si delinea quindi l’esigenza di fare chiarezza gettando una luce diversa sulla profonda ingiustizia riservata all’arabo: egli è una vittima passata in secondo piano, in quanto “la parte del morto la recita il francese, che disquisisce su come ha perso la madre, poi su come ha perso il corpo sotto il sole… ma come si fa a uccidere un uomo e a rubargli persino la morte?”. Non solo la morte, ma perfino il nome considerato che mai, nel libro di Meursault-Camus, viene svelata l’identità dell’arabo ucciso e pertanto solo a distanza di settant’anni si riesce a scoprire chi fosse realmente, restituendo quindi una dignità tanto al defunto attraverso la scoperta del nome, Moussa, quanto ai sopravvissuti, in primis la stessa voce narrante e la madre, che in questo modo ottengono una specie di risarcimento morale.
Troppe risultano essere le attenuanti per Meursault, troppe le assurde giustificazioni del suo folle e inspiegabile gesto: e così scaturisce l’esigenza di esaminare la storia da un nuovo punto di vista, che in qualche maniera chiama in causa anche il delicato tema della colonizzazione francese in Algeria. Proprio questa sfaccettatura, il rapporto tra conquistatori e conquistati, costituisce un’ulteriore chiave di lettura di questo romanzo. Meursault infatti è l’icona del colonizzatore che incarna tutti i peggiori difetti: “Caino è venuto qui per costruire città e strade, assoggettare persone, terre e radici“, “... Era l’incarnazione di tutti i coloni diventati obesi dopo tanti raccolti rubati”, mentre l’arabo ucciso Moussa “… Era il parente povero, steso al sole… non possedeva nulla… in un certo senso il tuo Caino ha ucciso mio fratello per niente”.

Tuttavia la lotta per l’indipendenza non ha portato gli auspicati cambiamenti, anzi “… Non ha fatto altro che indurre gli uni e gli altri a scambiarsi le parti. Noi eravamo i fantasmi di questo paese quando i coloni ne abusavano… E oggi? Ė l’esatto contrario!”. L’immagine dell’Algeria che ne scaturisce è in definitiva quella di una nazione profondamente islamizzata nella quale si vede “… la ragazzina con il velo in testa anche se neppure ancora sa cos’è un corpo cos’è il desiderio”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kamel

Daoud

Libri dallo stesso autore

Intervista a Daoud Kamel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

Gli Implaccabili sono stati - e sono - così tanti che hanno costretto a un sequel. Dicono sia il sintomo di un successo iniziale e tutto sommato è stato proprio così. Forse non sarà l’unico perché il pianeta ovale è più grande di Giove, più misterioso di Marte, più ammantato di nebbie da squarciare di Mercurio, più fascinoso del Parnaso dipinto da Mantegna. E così, se il professor Umberto Eco si è lanciato nella classificazione delle terre e dei luoghi leggendari, è venuto naturale proseguire su questa strada di uomini e fatti che leggendari non sono, ma che il trascorrer del tempo sta mutando in ruvidi semidei, in momenti che val la pena tornare a accarezzare. La nostalgia non è tristezza, è solo l’amo per ripescare dentro di noi Nelson Mandela che diventa Springbok, Jean Prat che smonta gli All Blacks, Danie Craven che, come lo zio Sam, invita ad arruolarsi, i Natives che giocano una partita lunga un anno e mezzo. Tra gli attori di Implaccabili 2 ci sono anche loro e non solo loro.

GLI IMPLACCABILI

Cimbrico Giorgio

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

The White Album è un intenso reportage giornalistico che indaga i grandi miti dell'America degli anni Sessanta, la cultura, gli idoli, la vita quotidiana, le icone pop. Joan Didion descrive e analizza gli eventi chiave e le principali tendenze di quell'epoca, soffermandosi sulle vicende di alcuni personaggi cruciali. Da Charles Manson a Doris Lessing, dalla pittrice Georgia O'Keeffe alla storica organizzazione afroamericana delle Pantere Nere, dai centri commerciali "che fluttuano nel paesaggio come piramidi" alla Villa Getty di Malibu: ogni cosa è vista attraverso il suo sguardo lucido e impietoso, fragile e inquieto. The White Album è un reportage attuale e imprescindibile, un grande classico moderno del giornalismo narrativo, con cui Didion ha contribuito a raccontare l'America e il suo immaginario.

The White Album

Didion Joan