Narrativa

Il centenario che saltò dalla finistra e scomparve

Jonasson Jonas

Descrizione: Allan Karlsson compie cento anni e per l'occasione la casa di riposo dove vive intende festeggiare l'evento: Allan, però, è di un'altra idea e decide di punto in bianco di scappare. Con le pantofole ai piedi scavalca la finestra e si dirige alla stazione degli autobus. Lì ruba la valigia a un giovane biondo dall'aria feroce, sale sul primo autobus che gli capita e inizia così, sbarcando in uno sperduto villaggio svedese sconosciuto, una serie esilarante di equivoci e di incontri, anzitutto con Julius Jonsson - un settantenne ladro e truffatore. I due dovranno sfuggire al biondo che li insegue, e finiranno col farlo fuori dandogli una botta in testa con un asse. Poi, aprendo la valigia rubata, scopriranno che è piena di 52 milioni di corone svedesi, e inizieranno quindi la loro fuga dalla polizia e da una gang criminale che vuole recuperare il denaro, in un viaggio rocambolesco tra Mercedes, camion e donne fatali. Finiranno nell'esotica Bali, dove Allan troverà l'amore: l'ottantenne Amanda.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria Straniera

Anno: 2011

ISBN: 9788845266522

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Morale: finché c’è vita, c’è avventura.

Ho scelto di leggere il romanzo di Jonasson perché il vecchietto sulla copertina mi faceva davvero tanta simpatia, e poi lo ritrovavi ovunque ultimamente. Diciamo che l’esordio dello svedese Jonasson è stato pubblicizzato in modo molto efficace ed intelligente. In Svezia, poi, la storia del centenario Allan Karlsson ha scalato vertiginosamente le classifiche, aggiudicandosi anche importanti premi letterari, e i giudizi sull’edizione italiana mi sono sembrati assolutamente entusiastici. Nessun dubbio, quindi: ho aperto questo libro con un atteggiamento positivo e carico di aspettative…

Delusa? Forse un po’… Ma provo a spiegarmi.

Con “Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve”, Jonasson mi ha dato la sensazione di voler strafare. Tanti riferimenti storici, un doppio binario narrativo, svariati personaggi, decine e decine di ambientazioni… Insomma, tra le oltre quattrocento pagine scritte (bene) dall’autore, qualcuna certamente la si poteva evitare. Quello che manca, secondo il mio modestissimo parere, è la suspense: il racconto si dipana tra fughe rocambolesche, inseguimenti e paradossi, ma procede piuttosto lentamente.

Quanto al protagonista, mi ha ricordato Forrest Gump. So di non essere originale in questa osservazione, però è la prima cosa che ho pensato dopo essere arrivata più o meno alla metà del libro, e sono contenta di condividerla con quanti l’hanno già scritto.

Allan è pacato, impassibile, ottimista. L’ingrediente “avventura” che domina la sua vita, non è frutto di scelte consapevoli e meditate, ma piuttosto una conseguenza della sua indole frizzante. Allan non può definirsi una persona ingenua, un’anima innocente: ci tengo a precisare che il paragone con Forrest Gump deriva dal fatto che, proprio come l’eroe buono di Groom (o di Zemeckis, scegliete voi) si ritrova, pur senza volerlo, a condurre un’esistenza del tutto fuori dalle righe, a vedere luoghi che mai avrebbe immaginato di poter visitare e vivere esperienze che, anche prese singolarmente, sarebbero sufficienti a riempire la buona metà di un secolo.

Allan, però, un secolo lo attraversa per intero, ed è certo più “cattivello” di Forrest, lo si intuisce sin dall’inizio della storia…

Alla vigilia del suo centesimo compleanno, per niente allettato dalla prospettiva di una festa in suo onore organizzata, con tanto di autorità e giornalisti, dalla casa di cura presso cui è ricoverato, Allan salta pericolosamente dalla finestra e, pantofole ai piedi, si dirige alla stazione degli autobus. L’idea è di allontanarsi il più possibile prima che la temibile e severissima infermiera Alice si accorga della sua fuga.

Qui “un giovane dalla corporatura esile, i capelli lunghi, biondi e unti, la barba incolta e un giubbotto di jeans con la scritta “Never Again” sulla schiena”, in palese emergenza-bagno, gli chiede ingenuamente di dare un’occhiata alla sua enorme valigia e Allan, in tutta risposta, gliela ruba e sale sul primo mezzo disponibile, intenzionato ad arrivare sin dove gli consentiranno i pochi spiccioli che ha in tasca.

Una volta accortosi dell’accaduto, il ragazzo s’infuria e prova a mettersi alla ricerca di quel vecchio che sembrava svitato ma, a quanto pare, non lo era per niente. Fin qui nulla di strano, lo avrebbe fatto chiunque. Il punto, però, è che “Never again” è il nome di una famigerata organizzazione criminale, e che il ragazzo è un delinquente disposto a tutto pur di recuperare la refurtiva.

Refurtiva, sì, perché la valigia contiene oltre cinquanta milioni di corone!

Allan  se ne accorgerà a casa di Julius, il primo dei bizzarri e simpatici personaggi che conoscerà lungo la strada, un altro non più giovanissimo che però ha energia da vendere.

Da qui in poi, sarà un continuo susseguirsi di eventi: omicidi descritti col sorriso, cadaveri che viaggiano e scelte fortunose, il tutto con un accigliato commissario di polizia alle calcagna.

Del resto, non è la prima volta che Allan si ritrova a vivere esperienze ai limiti del paradosso: le sue doti di artificiere lo hanno condotto ben presto lontano dalla fattoria in Svezia, facendogli incontrare Franco, Truman, Stalin, Mao Tse Tung, Churchill… e chi più ne ha, più ne metta. La storia del suo passato intervalla i capitoli della sua vita da centenario.

Che altro dire… Non vi aspettate un’opera epocale, il romanzo del secolo, o una storia che vi farà sbellicare dalle risate, come pure qualcuno ha sostenuto. “Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve” è una piacevole avventura on the road, condita ironicamente di storia e fantasia. C’è persino un elefante…

N.B. Da “Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve” sarà tratto un film per la regia di Felix Herngren.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Jonas

Jonasson

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jonasson Jonas

Un bambino di undici anni e sua madre di venticinque vivono nella campagna francese in roulotte. Joss è una madre troppo giovane e non ha tempo per occuparsi del piccolo Tom: la sera esce, va a ballare e si innamora sempre di ragazzi sbagliati. Tom, figlio, amico, compagno di vita, è invece un ragazzino che ha imparato per necessità a essere autonomo, a trascorrere le serate in solitudine, a correggere il francese della madre che studia per prendere la maturità. “Tom piccolo Tom” racconta un universo di fatiche, indigenza e mancanza di sicurezze, ma allo stesso tempo di piccole fortune (e virtù), di quelle gioie che possono restituire il gusto di un'esistenza leggera.

TOM, PICCOLO TOM

Constantine Barbara

Dove sono gli uomini, fisicamente e psicologicamente? Soprattutto a fare cosa, dove se non qui, e perché? Perché le donne sono tutte in giro, tutte in viaggio, tutte da qualche parte, spesso tra di loro, intente a fare o progettare qualcosa, mentre gli uomini sembra che si siano chiusi in casa, a doppia mandata, e non rispondano neppure a chi bussa con forza alle loro porte? Dove sono i protagonisti della scena, gli uomini del Mediterraneo, quelli che trovavi sempre al centro della piazza, al centro della spiaggia, al centro del bar, al centro della scena? Perché sul palco ora sembra che ci siano soltanto donne? Perché gli uomini non escono dai percorsi codificati del lavoro e della società? Perché sono sempre protetti da convenzioni e ruoli codificati, e quando non lo sono entrano subito in difficoltà? Perché gli uomini non parlano (se non di alcuni, pochi, argomenti estranei tanto a loro quanto a me), perché non chiamano, perché sembrano chiusi, rassegnati, stanchi prima ancora di aver iniziato a fare qualsiasi cosa? Per parlare degli uomini, oggi più che mai, occorre parlare con le donne, ascoltare le loro storie, farsi raccontare le loro avventure e disavventure, sfidando le leggi della riservatezza, tentando di collegare fatti e circostanze che ogni donna considera isolati, per cui spesso prova sentimenti di colpa, e che invece sono profondamente collegati tra loro.

Dove sono gli uomini?

Perotti Simone

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna

IO NICHI MORETTI

Legni Franco