Narrativa

IL CODICE ATLANTIDE

Brokav Charles

Descrizione: Thomas Lourdes, linguista di fama mondiale, si reca ad Alessandria d’Egitto per esaminare un’antichissima campana, sulla quale sono incise delle scritte in una lingua sconosciuta. Alla frustrazione di non riuscire a decifrare quel testo misterioso, però, ben presto si aggiunge la certezza di essere diventato l’obiettivo di un’organizzazione disposta a tutto pur di impossessarsi dello straordinario reperto archeologico. Perché quella campana è uno strumento di volontà divina…

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842916666

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Gli ingredienti per un libro di avventura di successo ci sono tutti. Una trama avvincente, un bel professore universitario, due donne affascinanti e un cattivo privo di scrupoli disposto ad ogni atrocità pur di raggiungere il suo scopo. Come se non bastasse, a rendere ancora più gustoso il romanzo, non poteva mancare il coinvolgimento del Vaticano, sempre più di moda negli ultimi anni.

Thomas Lourds (il bel professore di linguistica) viene contattato dalla BBC per realizzare uno speciale su di un’opera antica da lui tradotta. A condurre l’intervista sarà la bella inviata Leslie Crane.

Nel corso della trasmissione il professore, per provare la sua preparazione, dovrà cimentarsi nell’individuazione in diretta della provenienza di alcuni reperti archeologici con iscrizioni in lingua antica. Tutto sembrerebbe funzionare alla perfezione, se non fosse per il fatto che uno dei reperti acquistati dalla BBC ha delle incisioni in una lingua sconosciuta, e che lo stesso reperto, una piccola campana, suscita anche l’interesse di un gruppo di loschi personaggi armati che irrompono nello studio sparando all’impazzata per sottrarre l’oggetto misterioso.

Passano alcuni giorni e lo stesso gruppo armato torna in azione, rubando un altro oggetto misterioso, in possesso questa volta di un’archeologa russa (che guarda caso è amica del professor Lourds). Da qui l’avventura, che porterà il professore, insieme alla bella inviata ed alla sorella dell’archeologa russa (un ispettore di polizia degno dei migliori film, sparatutto americani), a girare il mondo alla ricerca di informazioni su questa lingua sconosciuta al fine di decifrare il messaggio contenuto sugli oggetti rubati. E’ proprio qui che entra in gioco uno spietato cardinale, che si scopre essere il mandante dei ladri degli oggetti, e che muovendosi all’oscuro del Pontefice (al fine di dare nuova linfa ad una religione, come quella cattolica, che sembra perdere il proprio appeal)  trama per trovare il libro che il figlio del Signore avrebbe consegnato ad Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden (libro che sarebbe sprofondato insieme alla città di Atlantide).

Inseguimenti rocamboleschi, sparatorie, viaggi in ogni dove e una dovizia di riferimenti storici stile Dan Brown, rendono il libro particolarmente riuscito.

Ben scritto e di rapida lettura, sebbene la discreta lunghezza. L’autore si firma come Charles Brokaw, precisando però trattarsi di uno pseudonimo. Nella vita reale è un professore universitario americano appassionato di archeologia e storia, che ha esordito in grande stile con un romanzo sulla sempre affascinante Atlantide. Pubblicato in Italia dalle Edizioni Nord, non tradirà le aspettative degli appassionati del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Brokav

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brokav Charles

Il delicato incanto del primo bacio, il fascino antico delle lettere d'amore, la magica irruenza del colpo di fulmine, quegli imprevedibili giochi di sguardi, le dolci frasi che fan battere più forte il cuore. In una parola.. l'amore. L'amore che sboccia dolcemente come un fiore o ci coglie all'improvviso sconvolgendo la nostra vita; che va oltre ogni distanza o che deve nascondersi come se non fosse più amore; che ci riga il volto di lacrime o ci illumina di sorrisi; che ci pone di fronte a scelte difficili ma ci fa fare ciò che non avremmo mai osato fare; che ci dà una costante sensazione di vertigine e richiede sempre il coraggio di provarci. Dalla brughiera dello Yorkshire all'Italia, dalla California a Tokyo e alla Spagna. Dal romantico all'epistolare, dal passionale al drammatico. Dallo scoprire giovanile al rinascere della maturità fino all'amore senile. In ogni luogo, in ogni modo, ad ogni età& cosa c'è di più meravigliosamente irrinunciabile dell'amore?

IMPRONTE D’AMORE

AA.VV.

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta

Artur Paz Semedo, impiegato di una storica fabbrica d'armi, le Produzioni Bellona s.a., e intenditore di film bellici, viene profondamente colpito da alcune commoventi immagini de "L'espoir", di André Malraux, cui assiste casualmente. La successiva lettura del libro, che pare già provocare un'impercettibile incrinatura nelle sue certezze di amante appassionato delle armi da fuoco e, poco dopo, il suggerimento della ex moglie Felícia, una pacifista convinta, di investigare negli archivi dell'azienda per scoprire se le Produzioni Bellona s.a. abbiano mai venduto armamenti ai fascisti lo avviano verso un'avventura...

Alabarde, alabarde

Saramago José

Un'altra indagine pericolosa per il commissario Berté Salendo su una barca dall’epico nome di Antigone, Gigi Berté non si aspettava di finire a capofitto in una tragedia greca… e di esserne anche, suo malgrado, un protagonista. L’imprevisto invito di una velista, accettato per fuggire da un fantasma del passato, trasforma la tranquilla uscita in mare del commissario in un vero incubo… quando un motoscafo Riva esplode a pochi metri dalla vela. Berté si salva con qualche ferita, ma non così la donna, ricoverata in fin di vita all’ospedale, né il pilota del motoscafo, dilaniato dall’esplosione. Le indagini si concentrano sulla vittima, Vittorio Cella, un imprenditore dal passato burrascoso e sibillino che millantava guadagni derivanti da rocambolesche circostanze, e descritto da amici e famigliari come un bugiardo cronico, una persona inaffidabile ma dotata di innata simpatia e sincera generosità d’animo. Le ricerche, però, coinvolgono anche un dinamitardo dal viso angelico e dalla comprovata crudeltà, uno zio arido e misantropo, una ballerina che si presenta con la figlia naturale di Vittorio Cella e con un minaccioso fratello. L’inchiesta è di per sé un rompicapo, considerati i continui colpi di scena, e Berté deve ricorrere ai suoi «metodi fantasiosi» per arrivare a scoprire la torbida verità.

Il botto