Narrativa

IL CODICE ATLANTIDE

Brokav Charles

Descrizione: Thomas Lourdes, linguista di fama mondiale, si reca ad Alessandria d’Egitto per esaminare un’antichissima campana, sulla quale sono incise delle scritte in una lingua sconosciuta. Alla frustrazione di non riuscire a decifrare quel testo misterioso, però, ben presto si aggiunge la certezza di essere diventato l’obiettivo di un’organizzazione disposta a tutto pur di impossessarsi dello straordinario reperto archeologico. Perché quella campana è uno strumento di volontà divina…

Categoria: Narrativa

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2011

ISBN: 9788842916666

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Gli ingredienti per un libro di avventura di successo ci sono tutti. Una trama avvincente, un bel professore universitario, due donne affascinanti e un cattivo privo di scrupoli disposto ad ogni atrocità pur di raggiungere il suo scopo. Come se non bastasse, a rendere ancora più gustoso il romanzo, non poteva mancare il coinvolgimento del Vaticano, sempre più di moda negli ultimi anni.

Thomas Lourds (il bel professore di linguistica) viene contattato dalla BBC per realizzare uno speciale su di un’opera antica da lui tradotta. A condurre l’intervista sarà la bella inviata Leslie Crane.

Nel corso della trasmissione il professore, per provare la sua preparazione, dovrà cimentarsi nell’individuazione in diretta della provenienza di alcuni reperti archeologici con iscrizioni in lingua antica. Tutto sembrerebbe funzionare alla perfezione, se non fosse per il fatto che uno dei reperti acquistati dalla BBC ha delle incisioni in una lingua sconosciuta, e che lo stesso reperto, una piccola campana, suscita anche l’interesse di un gruppo di loschi personaggi armati che irrompono nello studio sparando all’impazzata per sottrarre l’oggetto misterioso.

Passano alcuni giorni e lo stesso gruppo armato torna in azione, rubando un altro oggetto misterioso, in possesso questa volta di un’archeologa russa (che guarda caso è amica del professor Lourds). Da qui l’avventura, che porterà il professore, insieme alla bella inviata ed alla sorella dell’archeologa russa (un ispettore di polizia degno dei migliori film, sparatutto americani), a girare il mondo alla ricerca di informazioni su questa lingua sconosciuta al fine di decifrare il messaggio contenuto sugli oggetti rubati. E’ proprio qui che entra in gioco uno spietato cardinale, che si scopre essere il mandante dei ladri degli oggetti, e che muovendosi all’oscuro del Pontefice (al fine di dare nuova linfa ad una religione, come quella cattolica, che sembra perdere il proprio appeal)  trama per trovare il libro che il figlio del Signore avrebbe consegnato ad Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden (libro che sarebbe sprofondato insieme alla città di Atlantide).

Inseguimenti rocamboleschi, sparatorie, viaggi in ogni dove e una dovizia di riferimenti storici stile Dan Brown, rendono il libro particolarmente riuscito.

Ben scritto e di rapida lettura, sebbene la discreta lunghezza. L’autore si firma come Charles Brokaw, precisando però trattarsi di uno pseudonimo. Nella vita reale è un professore universitario americano appassionato di archeologia e storia, che ha esordito in grande stile con un romanzo sulla sempre affascinante Atlantide. Pubblicato in Italia dalle Edizioni Nord, non tradirà le aspettative degli appassionati del genere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Brokav

Libri dallo stesso autore

Intervista a Brokav Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Quando giunge dal suo torbido passato nella sua nuova casa in un tranquillo quartiere inglese, Annie pensa che a ventisette anni la sua vita è finalmente iniziata. Si fissa su Neil, un giovane vicino di casa, scambiando la sua gentilezza per interesse sentimentale, Annie immagina un futuro di coppia assieme a Neil nonostante lui conviva felicemente con Lucy. Portando avanti il proprio programma di miglioramento personale, Annie organizza una catastrofica festa per conoscere i vicini di casa, si regala una nuova acconciatura e inizia a tormentare Lucy frugandole nella spazzatura, calpestandole i fiori e indossando vestiti identici a quelli della rivale. Ma poco alla volta emergono dettagli inquietanti del suo passato: dove sono finiti il. suo ex-marito e la loro figlioletta? Chi sono gli uomini che Annie, cicciottella, ha incontrato attraverso la rivista erotica Abundance? È una vittima della solitudine e di un'infanzia infelice oppure una pericolosa sociopatica bugiarda e con gravi disturbi mentali? Un romanzo straordinario che ci tiene in bilico tra umorismo nero, raffinata indagine su una mente disturbata e un misto di horror tra Stephen King, Patricia Highsmith e Ruth Rendell. Certamente è letteratura di gran classe.

UN CERTO TIPO DI INTIMITA’

Ashworth Jenn

LA SCUOLA E’ FINITA

Grevet Yves

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio

Primi anni ottanta. Sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo soleggiato compreso fra Menaggio, Bellagio e l’Isola Comacina, dentro il quadro fastoso del turismo internazionale e dei grandi personaggi che vi hannosoggiornato (Liszt, Stendhal, Churchill, Hitchcock e l’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer), vanno in scena le piccole vicende della Tremezzina. In quella provincia italiana dove il tempo sembra essersi fermato el’opulenza degli alberghi di Cadenabbia e di Villa Balbianello sembra lontanissima, irrompe sulla scena il piccolo borgo di Mezzegra. Qui sono in gioco le dispute fra parroco e sindaco, le grazie non ancora onorate di Angela – l’organista –, la moto rombante dell’anarchico Bernasconi che quelle grazie vorrebbe onorare, le feste di paese, i traffici illeciti con la vicinaSvizzera, e poi corriere, biciclette, l’epopea del volo in idrovolante, milanesi e “teroni”, battelli della Navigazione Lago di Como e una galleria di personaggi irresistibili. È proprio questo mondo che viene scosso dalla sparizione della statua della Madonna del Carmine. Chi ha commesso questo atto sacrilego? A che scopo? Che fine ha fatto la statua? Il bravo don Luigi, erede di tutti i curati di campagna che hanno lasciato traccia nella letteratura e nel cinema, non perde le staffe, cerca di capire, indaga, interroga e non dimentica che “il diavolo è nel dettaglio”. Una commedia degli errori che, in forza della macchina dell’indizio, lascia trapelare piccoli segreti, calde passioni, speranze e appetiti inconfessabili. Cocco sonda ritmi e linguaggi da commedia, creando un nuovo luogo geografico-letterario, compreso tra il mondo in dialetto di Davide Van de Sfroos e la memoria di grandi scrittori lacustri come Piero Chiara. Ritmo impeccabile,personaggi incisi con gusto e maestria, un senso inedito della comunità e della narrazione, e un che di amaro, che arriva da più lontano.

Il bacio dell’Assunta

Cocco Giovanni