Narrativa

Il colibrì

Veronesi Sandro

Descrizione: Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti. Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d'arresto della caduta - perché sopravvivere non significhi vivere di meno. Intorno a lui, Veronesi costruisce altri personaggi indimenticabili, che abitano un'architettura romanzesca perfetta. Un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all'improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiama Miraijin, e sarà l'uomo nuovo.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2019

ISBN: 9788834600474

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il colibrì di Sandro Veronesi è Marco Carrera, un personaggio i cui dati anagrafici (“Lei è il dottor Marco Carrera, quarant’anni, cresciuto a Firenze, laureato in medicina e chirurgia all’università La Sapienza di Roma e specializzato in oculistica?”) riportano all’autore fin dalla presentazione effettuata per bocca dello psicanalista di Marina (“Daniele Carradori. È il nome dello psicanalista di mia moglie?”), la moglie del colibrì.

Il soprannome gli è stato affibbiato dalla mamma (“Il mito del colibrì: il figlio maschio che rimaneva piccolo, la sua grazia e la sua bellezza che rimanevano inaccessibili a qualunque donna che non fosse lei…”) e, nel corso del romanzo, scopriamo che gli si attaglia – più che per l’aspetto – per la caratteristica fondamentale (“Emmenalgia… rimango saldo…”) che svilupperà nel corso di una vita travagliata (“Tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo. Settanta battiti di ali al secondo per rimanere dove già sei”).

In gioventù Marco frequenta un amico menagramo (“Duccio Chilleri… l’Innominabile… portava iella… a blindare la loro amicizia era sopraggiunto il gioco d’azzardo”), da tutti sfuggito come la peste, ma che lui regge grazie a una teoria sfidante la superstizione (“La teoria dell’occhio del ciclone… non si subiscono conseguenze se ci si posiziona al centro dei vortici ciclonici”).

Grazie all’Innominabile, Marco scampa una disgrazia aerea (“Nel 1959, anno della sua nascita, il numero dei passeggeri degli aerei aveva superato quello dei passeggeri delle navi”), ma ciononostante la vita (“Per sapere in anticipo come andranno a finire le cose basta guardare come sono cominciate”) gli riserba infelicità e lutti.
L’infelicità è figlia dei genitori (“Lei Letizia – nome antifrastico -, pugliese del Salento; lui, Probo – nomen omen – originario della provincia di Sondrio”) e si propaga in famiglia (“L’infelicità rimane tale anche se diventa una scelta, e se da un certo giorno in poi essa è l’unico vero prodotto di un matrimonio, è quella che ai figli si trasmette”).
I lutti si susseguono a ritmo serrato in un’esistenza che viene raccontata da una narrazione che mischia e arruffa la sequenza temporale.

Il colibrì vola di fiore in fiore, ove i fiori son disgrazie: dal fallimento del matrimonio causato più dalle intemperanze di una moglie bugiarda e inquieta che da un’amante con la quale Marco intesse una relazione tanto intensa quanto casta; al suicidio della sorella Irene (“Questa notte speciale trova i quattro quinti della famiglia Carrera distesi sulla sabbia, in punti diversi della stessa costa”); al tragico incidente della figlia Adele (“Il disturbo percettivo di sua figlia Adele… un filo partiva dalla sua schiena per andare a finire nella parete più vicina…”), che gli consegna una nipotina doppiamente orfana (“Ma il padre chi è? Adele non lo disse”); all’eutanasia praticata al padre (“Togliere dal mondo – per pietà, per obbedienza, per sfinimento, per disperazione, per senso di giustizia – colui che al mondo lo aveva messo”)…

In tale groviglio di problemi la psicanalisi è una compagna costante e indesiderata di Marco (“La psicanalisi…destinata a dimostrarsi cruciale nei suoi rapporti con le donne… tutte le donne della sua vita… sarebbero state governate da disparate tipologie di terapia analitica… la psicanalisi passiva, come la chiamava lui, era molto dannosa”), che si rifiuta di praticarla (“La psicanalisi era come il fumo, non bastava non praticarla, bisognava anche proteggersi da chi la praticava”). E anche quando la ludopatia della gioventù riaffiora nell’età matura a riempire il vuoto causato dalle disgrazie, il colibrì mantiene autonomia di giudizio di fronte all’Innominabile (“Un beccamorto… Faccio lo iettatore. Porto scarogna a pagamento… Io vivo a Napoli, è come se facessi il torero e vivessi a Siviglia… sono l’antenna che indica alla scarogna dove scaricarsi…”) e trova in se stesso le risposte ai grandi dilemmi (“Spesso tra i sei servitori onesti del nostro cercare – chi, come, quando, dove, cosa e perché – è il quando che separa la salvezza dalla dannazione…”) di una vita che trova la sua ragion d’essere nell’eccezionalità di una nipote straordinaria, destinata a fondare il nuovo corso della storia (“Oftalmologo e studioso dell’apparato visivo da quarant’anni, convinto di avere visto ogni tipo di occhi presente in natura, davanti a quelli di Miraijin si sentiva come l’astronauta che vede per la prima volta la Terra dallo spazio”).

Il romanzo è intenso, il lettore si affeziona facilmente al colibrì: un personaggio che rapidamente conquista benevolenza e solidarietà. La narrazione patisce leggermente nel disordine della sequenza non temporale degli eventi, rallenta nell’epistolario – un po’ troppo letterario – tra Marco e l’amante Luisa, subisce un’impennata distonica nel delirio che prospetta il futuro della nipote (s’intuisce il suo ruolo di influencer, parola peraltro bandita dall’autore). Idealmente situato sulla congiungente che unisce Veronesi a Svevo, passando per Il male oscuro di Berto, vagamente imparentato con l’ironia nevrastenica di Woody Allen, Il colibrì agita a ritmo forsennato le sue ali colorate di fronte ai mali del XXI secolo e alle nostre ansie spalancate sugli enigmi della vita e della morte.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandro

Veronesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veronesi Sandro

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri

Robert Langdon, professore di simbologia e iconologia religiosa a Harvard, è stato invitato all'avveniristico museo Guggenheim di Bilbao per assistere a un evento unico: la rivelazione che cambierà per sempre la storia dell'umanità e rimetterà in discussione dogmi e principi dati ormai come acquisiti, aprendo la via a un futuro tanto imminente quanto inimmaginabile. Protagonista della serata è Edmond Kirsch, quarantenne miliardario e futurologo, famoso in tutto il mondo per le sbalorditive invenzioni high-tech, le audaci previsioni e l'ateismo corrosivo. Kirsch, che è stato uno dei primi studenti di Langdon e ha con lui un'amicizia ormai ventennale, sta per svelare una stupefacente scoperta che risponderà alle due fondamentali domande: da dove veniamo? E, soprattutto, dove andiamo? Mentre Langdon e centinaia di altri ospiti sono ipnotizzati dall'eclatante e spregiudicata presentazione del futurologo, all'improvviso la serata sfocia nel caos. La preziosa scoperta di Kirsch, prima ancora di essere rivelata, rischia di andare perduta per sempre. Scosso e incalzato da una minaccia incombente, Langdon è costretto a un disperato tentativo di fuga da Bilbao con Ambra Vidal, l'affascinante direttrice del museo che ha collaborato con Kirsch alla preparazione del provocatorio evento. In gioco non ci sono solo le loro vite, ma anche l'inestimabile patrimonio di conoscenza a cui il futurologo ha dedicato tutte le sue energie, ora sull'orlo di un oblio irreversibile. Percorrendo i corridoi più oscuri della storia e della religione, tra forze occulte, crimini mai sepolti e fanatismi incontrollabili, Langdon e Vidal devono sfuggire a un nemico letale il cui onnisciente potere pare emanare dal Palazzo reale di Spagna, e che non si fermerà davanti a nulla pur di ridurre al silenzio Edmond Kirsch. In una corsa mozzafiato contro il tempo, i due protagonisti decifrano gli indizi che li porteranno faccia a faccia con la scioccante scoperta di Kirsch... e con la sconvolgente verità che da sempre ci sfugge.

Origin

Brown Dan

Un giorno, uno scrittore famoso scopre che la moglie, corrispondente di guerra, lo ha abbandonato senza lasciare traccia e senza alcuna spiegazione plausibile. Nonostante il successo e un nuovo amore, il pensiero dell'assenza della donna continua a tormentarlo e gli invade la mente fino a gettarlo in un totale smarrimento. E' stata rapita, ricattata, o semplicemente si è stancata del matrimonio? L'inquietudine che gli deriva è tanto forte quanto l'attrazione che lei continua a esercitare su di lui. La ricerca di lei - e del significato della propria vita - porta lo scrittore dalla Francia alla Spagna e alla Croazia, sino a raggiungere gli affascinanti paesaggi desolati dell'Asia Centrale. E ancora di più, lo allontana dalla sicurezza del suo mondo verso un cammino completamente sconosciuto, alla ricerca di un nuovo modo di intendere la natura dell'amore e il potere ineludibile del destino.

Lo Zahir

Coelho Paulo

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele