Narrativa

Il colibrì

Veronesi Sandro

Descrizione: Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti. Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d'arresto della caduta - perché sopravvivere non significhi vivere di meno. Intorno a lui, Veronesi costruisce altri personaggi indimenticabili, che abitano un'architettura romanzesca perfetta. Un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all'improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiama Miraijin, e sarà l'uomo nuovo.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2019

ISBN: 9788834600474

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il colibrì di Sandro Veronesi è Marco Carrera, un personaggio i cui dati anagrafici (“Lei è il dottor Marco Carrera, quarant’anni, cresciuto a Firenze, laureato in medicina e chirurgia all’università La Sapienza di Roma e specializzato in oculistica?”) riportano all’autore fin dalla presentazione effettuata per bocca dello psicanalista di Marina (“Daniele Carradori. È il nome dello psicanalista di mia moglie?”), la moglie del colibrì.

Il soprannome gli è stato affibbiato dalla mamma (“Il mito del colibrì: il figlio maschio che rimaneva piccolo, la sua grazia e la sua bellezza che rimanevano inaccessibili a qualunque donna che non fosse lei…”) e, nel corso del romanzo, scopriamo che gli si attaglia – più che per l’aspetto – per la caratteristica fondamentale (“Emmenalgia… rimango saldo…”) che svilupperà nel corso di una vita travagliata (“Tu sei un colibrì perché come il colibrì metti tutta la tua energia nel restare fermo. Settanta battiti di ali al secondo per rimanere dove già sei”).

In gioventù Marco frequenta un amico menagramo (“Duccio Chilleri… l’Innominabile… portava iella… a blindare la loro amicizia era sopraggiunto il gioco d’azzardo”), da tutti sfuggito come la peste, ma che lui regge grazie a una teoria sfidante la superstizione (“La teoria dell’occhio del ciclone… non si subiscono conseguenze se ci si posiziona al centro dei vortici ciclonici”).

Grazie all’Innominabile, Marco scampa una disgrazia aerea (“Nel 1959, anno della sua nascita, il numero dei passeggeri degli aerei aveva superato quello dei passeggeri delle navi”), ma ciononostante la vita (“Per sapere in anticipo come andranno a finire le cose basta guardare come sono cominciate”) gli riserba infelicità e lutti.
L’infelicità è figlia dei genitori (“Lei Letizia – nome antifrastico -, pugliese del Salento; lui, Probo – nomen omen – originario della provincia di Sondrio”) e si propaga in famiglia (“L’infelicità rimane tale anche se diventa una scelta, e se da un certo giorno in poi essa è l’unico vero prodotto di un matrimonio, è quella che ai figli si trasmette”).
I lutti si susseguono a ritmo serrato in un’esistenza che viene raccontata da una narrazione che mischia e arruffa la sequenza temporale.

Il colibrì vola di fiore in fiore, ove i fiori son disgrazie: dal fallimento del matrimonio causato più dalle intemperanze di una moglie bugiarda e inquieta che da un’amante con la quale Marco intesse una relazione tanto intensa quanto casta; al suicidio della sorella Irene (“Questa notte speciale trova i quattro quinti della famiglia Carrera distesi sulla sabbia, in punti diversi della stessa costa”); al tragico incidente della figlia Adele (“Il disturbo percettivo di sua figlia Adele… un filo partiva dalla sua schiena per andare a finire nella parete più vicina…”), che gli consegna una nipotina doppiamente orfana (“Ma il padre chi è? Adele non lo disse”); all’eutanasia praticata al padre (“Togliere dal mondo – per pietà, per obbedienza, per sfinimento, per disperazione, per senso di giustizia – colui che al mondo lo aveva messo”)…

In tale groviglio di problemi la psicanalisi è una compagna costante e indesiderata di Marco (“La psicanalisi…destinata a dimostrarsi cruciale nei suoi rapporti con le donne… tutte le donne della sua vita… sarebbero state governate da disparate tipologie di terapia analitica… la psicanalisi passiva, come la chiamava lui, era molto dannosa”), che si rifiuta di praticarla (“La psicanalisi era come il fumo, non bastava non praticarla, bisognava anche proteggersi da chi la praticava”). E anche quando la ludopatia della gioventù riaffiora nell’età matura a riempire il vuoto causato dalle disgrazie, il colibrì mantiene autonomia di giudizio di fronte all’Innominabile (“Un beccamorto… Faccio lo iettatore. Porto scarogna a pagamento… Io vivo a Napoli, è come se facessi il torero e vivessi a Siviglia… sono l’antenna che indica alla scarogna dove scaricarsi…”) e trova in se stesso le risposte ai grandi dilemmi (“Spesso tra i sei servitori onesti del nostro cercare – chi, come, quando, dove, cosa e perché – è il quando che separa la salvezza dalla dannazione…”) di una vita che trova la sua ragion d’essere nell’eccezionalità di una nipote straordinaria, destinata a fondare il nuovo corso della storia (“Oftalmologo e studioso dell’apparato visivo da quarant’anni, convinto di avere visto ogni tipo di occhi presente in natura, davanti a quelli di Miraijin si sentiva come l’astronauta che vede per la prima volta la Terra dallo spazio”).

Il romanzo è intenso, il lettore si affeziona facilmente al colibrì: un personaggio che rapidamente conquista benevolenza e solidarietà. La narrazione patisce leggermente nel disordine della sequenza non temporale degli eventi, rallenta nell’epistolario – un po’ troppo letterario – tra Marco e l’amante Luisa, subisce un’impennata distonica nel delirio che prospetta il futuro della nipote (s’intuisce il suo ruolo di influencer, parola peraltro bandita dall’autore). Idealmente situato sulla congiungente che unisce Veronesi a Svevo, passando per Il male oscuro di Berto, vagamente imparentato con l’ironia nevrastenica di Woody Allen, Il colibrì agita a ritmo forsennato le sue ali colorate di fronte ai mali del XXI secolo e alle nostre ansie spalancate sugli enigmi della vita e della morte.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sandro

Veronesi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Veronesi Sandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Renato Pappalardi, titolare di una importante azienda veneta, ha appena concluso un grosso affare con un cliente estero che potrebbe evitare la chiusura della fabbrica. L'incubo della cassa integrazione, già in essere per molti dei suoi dipendenti, sembra essere vicino alla fine. Eppure qualcosa non quadra. Nonostante la commessa in arrivo, Pappalardi non recede dalla politica di taglio dei costi. Franco Garritano, operaio esperto e dal carattere determinato, decide di giocarsi il tutto per tutto e avanzare richieste giuste, ma rischiose. Al destino della fabbrica sono legate molte cose: la carriera; la salvaguardia del lavoro e dell'unità delle famiglie, loro malgrado coinvolte; persino un amore appena nato e una relazione dai contorni imprevedibili. La vicenda si gonfia sempre più, con i media pronti come pescecani a imbastire il loro sensazionale scoop. Così ciascuno, pur di salvare il proprio angolo di felicità, è pronto anche a ordire inimmaginabili piani. Nessuno, però, ha fatto i conti con la carta degli imprevisti, pronta a saltar fuori come un asso dalla manica.

A galla

Toso Alessandro

Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune; sono i quattro vecchietti detective del BarLume. Attorno al nuovo biliardo sezionano gli ultimi fatti di Pineta, tra cui il terribile incidente della statale: è morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Abituati a indagini e delitti i quattro si autoconvincono che non si sia trattato affatto di un incidente. Ritornano i quattro vecchietti detective del BarLume di Pineta, con il nipote Massimo il «barrista» e la brava banconista Tiziana. Dopo La briscola in cinque e Il gioco delle tre carte, con Il re dei giochi si può dire che ora siamo alla serie, sia per la caratterizzazione ben sagomata e viva di ciascun personaggio che lo rende familiare, sia per il brio naturale con cui, come un meccanismo ben avviato, funziona l’eccentrico amalgama che struttura le storie. Marco Malvaldi incardina senza sbalzi tre generi: la farsa comica della diatriba ininterrotta dei quattro amici pensionati al bar, stolidi, politicamente scorretti, malignamente affamati di pettegolezzi intorno alle abitudini dei loro compaesani; l’intreccio dell’investigazione deduttiva, da giallo logico alla, per dirne una, Miss Marple; e infine la commedia d’ambiente, che inscena più o meno intera una comunità: l’immaginario, ma realissimo, paesino di Pineta, sul litorale nei pressi di Pisa, in tutta la sua profonda toscanità, cioè l’umore popolaresco, iconoclasta, ridanciano, orgogliosamente localistico. Re dei giochi è il biliardo nuovo all’italiana giunto al BarLume. Ampelio il nonno, Aldo l’intellettuale, il Rimediotti pensionato di destra, e il Del Tacca del Comune (per distinguerlo da altri tre Del Tacca) vi si sono accampati e da lì sezionano con geometrica esattezza gli ultimi fatti di Pineta. Tra cui il terribile incidente della statale. È morto un ragazzino e sua madre è in coma profondo. Sono gli eredi di un ricchissimo costruttore. La madre è anche la segretaria di un uomo politico impegnato nella campagna elettorale. Non sembra un delitto. Manca il movente e pure l’occasione. «Anche quest’anno sembrava d’aver trovato un bell’omicidio per passare il tempo e loro vengono a rovinarti tutto». Ma la donna muore in ospedale, uccisa in modo maldestro. E sulle iperboliche ma sapienti maldicenze dei quattro ottuagenari cala, come una mente ordinatrice, l’intuizione logica del «barrista», investigatore per amor di pace.

IL RE DEI GIOCHI

Mavaldi Marco

C'è Remo, poeta bevitore, antifascista e protagonista di una surreale Resistenza alcolica, che ogni giorno si reca davanti alla statua di Garibaldi spronandolo a scendere dal piedistallo per porre rimedio a torti e soprusi. C'è Ciccillo, basso, grosso, peloso come un orso, un passato da stellina del beat nel gruppo I Planetari, che dilapida tutto per farsi star dell'ospizio comunale. C'è la Bombolina, esile donzelletta dalla mano pesante. C'è Bighe Boghe, fulminato sulla via dell'America come il Nando Moriconi di Alberto Sordi, innamorato di ogni moda e tendenza esterofila, che si ritiene il più grande ballerino al mondo di "boogie woogie" (che però, come ogni altra parola straniera, non sa assolutamente pronunciare).

Toscani innamorati

Senesi Vauro

La guerra è finita da due anni e Charlie St Clair non ha ancora notizie della cugina Rose, dispersa in Francia. Stanca di quell'incertezza e dell'atteggiamento rassegnato della famiglia, per cui l'intraprendenza di Rose è sempre stata motivo d'imbarazzo, Charlie scappa di casa per andare a cercarla. Con sé ha un unico indizio: l'indirizzo di una donna di Londra. Tuttavia Eve Gardiner si rifiuta di collaborare. Sta per mettere alla porta quella ragazzina insolente, quando Charlie fa il nome di René, l'uomo per cui lavorava Rose. Allora Eve ci ripensa. Perché, cercando Rose, potrebbe finalmente trovare la vendetta che aspetta da trent'anni... Nel 1915, Eve Gardiner arriva a Lille con un documento falso e con l'entusiasmo dei suoi diciassette anni. Con quel faccino innocente, è la spia perfetta. Infatti viene subito assunta in un bistrot e gli ufficiali tedeschi che lo frequentano non si fanno remore a discutere i loro piani davanti a lei. L'unico che sembra accorgersi della sua presenza è il proprietario, René Bordelon, un collaborazionista scaltro e spregevole, che inizia a corteggiarla. Eve ancora non lo sa, ma René segnerà il suo trionfo e la sua rovina... Charlie ed Eve sono molto diverse, eppure condividono la stessa determinazione, lo stesso coraggio nel combattere per quello in cui credono. Facendo affidamento l'una sull'altra, intraprenderanno un cammino costellato di tradimenti e di segreti e, insieme, riusciranno finalmente a ritrovare la verità e, con essa, la pace.

Fiori dalla cenere

Quinn Kate