Giallo - thriller - noir

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter

Descrizione: C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2011

ISBN: 9788811681892

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Peter Mayle si offenderebbe se mi sentisse, ma questo romanzo va giù come un lambrusco fresco quando fuori fa caldo! Si offenderebbe perché i vini di cui parla nel romanzo sono di ben altro genere e livello. La vicenda di partenza, infatti, è la scomparsa di alcune delle più prestigiose annate dei più grandi cru di Bordeaux dalla cantina di Danny Roth, ricco avvocato di Los Angeles che le ha accumulate più per desiderio di compiacere il mondo hollywoodiano di apparenza in cui operano i suoi assistiti che per reale passione (e questo, per Mayle, è peccato mortale!).

Milioni di euro in bottiglie di Lafite Rotschild, Latour, Petrus, Margaux, d’Yquem… A indagare sul furto viene assoldato Sam Levitt, un personaggio border line, investigatore privato dal passato rocambolesco. Dalla California, Sam decide di spostarsi sul territorio, anzi, nel terroir nel Bordolese e nel sud della Francia, intraprendendo un vero e proprio viaggio iniziatico nel mondo del vino. A questo punto è indispensabile fare un passo indietro e parlare di Peter Mayle. Giornalista inglese, deve il suo successo letterario a Un anno in Provenza, sorta di diario romanzato della sua esperienza personale di Birtish trapiantato nel Sud della Francia. Scelta di vita che lo porta a un vero incontro – scontro  culturale che lui riesce a raccontare mantenendo un registro sempre ironico ed equilibrato. Osserva che l’organo più importante per i Francesi non è il cervello, come per gli Inglesi, ma lo stomaco e lo fa quasi con ammirazione, la stessa che riserva agli operai che impiegano mesi e mesi per ristrutturare il Mas provenzale che ha acquistato e che sanno dissertare di storia e di enogastronomia, tanto da conoscere, in ogni paesino sperduto, in quale restaurant o bistrot o auberge mangiare e cosa ordinare. Lo stesso incontro-scontro di culture divertito e divertente che ha raggiunto la rappresentazione cinematografica nel film Un’ottima annata, con Russell Crowe, tratto proprio da un altro romanzo di successo di Mayle.

 

E che torna decisamente nel Collezionista di Marsiglia, nel confronto tra l’americano Levitt e l’affascinante Sophie Costes che l’aiuterà nella fase francese dell’indagine. Indagine che li porterà a incrociare il più importante uomo d’affari di Marsiglia, Monsier Reboul, che possiede una cantina forse più fornita di quella del derubato ma il cui capo-cantina aveva avanzato diverse richieste di acquisto proprio per le annate trafugate. Insomma, anche se ci sono un furto, un investigatore, molte belle donne e un’indagine, non aspettatevi un giallo “classico”.  Il collezionista di Marsiglia è un romanzo piacevole, leggero e divertente, che si legge tutto d’un sorso… pardon, di un fiato! Proprio come il lambrusco! E il retrogusto è dato dall’amore di Mayle per il Sud della Francia (io gli consiglierei di salire in Borgogna, anche e soprattutto per i vini, ma evidentemente non abbiamo gli stessi gusti!) e per la ricca cultura, nel senso più lato possibile, di quel territorio.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Peter

Mayle

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mayle Peter

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco

Chi è Siddharta? È uno che cerca, e cerca soprattutto di vivere intera la propria vita. Passa di esperienza in esperienza, dal misticismo alla sensualità, dalla meditazione filosofica alla vita degli affari, e non si ferma presso nessun maestro, non considera definitiva nessuna acquisizione, perché ciò che va cercato è il tutto, il misterioso tutto che si veste di mille volti cangianti. E alla fine quel tutto, la ruota delle apparenze, rifluirà dietro il perfetto sorriso di Siddharta, che ripete il "costante, tranquillo, fine, impenetrabile, forse benigno, forse schernevole, saggio, multirugoso sorriso di Gotama, il Buddha, quale egli stesso l'aveva visto centinaia di volte con venerazione". Siddharta è senz'altro l'opera di Hesse più universalmente nota. Questo breve romanzo di ambiente indiano, pubblicato per la prima volta nel 1922, ha avuto infatti in questi ultimi anni una strepitosa fortuna. Prima in America, poi in ogni parte del mondo, i giovani lo hanno riscoperto come un loro testo, dove non trovavano solo un grande scrittore moderno ma un sottile e delicato saggio, capace di dare, attraverso questa parabola romanzesca, un insegnamento sulla vita che evidentemente i suoi lettori non incontravano altrove.

SIDDHARTA

Hesse Hermann

Laura è giovane, bella e molto amata. Ha sposato un famoso scrittore che la venera, lei stessa scrive, va a teatro, è un’esperta storica dell’arte. E’ capace di concedersi emozioni intense con altri uomini, senza farsi travolgere dal senso di colpa. E’ generosa di sé e delle proprie ricchezze. Ma, in certi momenti, su di lei cala un cono d’ombra. “Ho il ghibli” dice, secondo l’immagine evocata da uno dei suoi amanti: perché davvero è come se si alzasse nel suo cuore il temibile vento del deserto, che la prostra e la costringe a giorni di reclusione durante i quali nessuno deve azzardarsi a toccarla. Poi torna la bonaccia, e Laura è di nuovo la donna volubile ma anche luminosa che tutti ammirano. Fino a che, una notte, Laura scompare. Incontrando chi l’ha conosciuta, presto il commissario Maurizi – incaricato delle indagini sulla sua sparizione – capirà che di Laura, come di una divinità antica, ognuno ricorda un volto diverso. Al primo sguardo sembra una donna facile, che non vuole perdere una sola occasione. E invece le tracce che portano a lei sono quelle invisibili lasciate dalle domande che si è posta senza tregua, dalla tensione bruciante nascosta in ogni suo gesto. Proprio come nel movimento dei corpi al centro dell’affresco del Beato Angelico che Laura stessa aveva saputo interpretare con una intuizione straordinaria, quello dedicato alle parole che Gesù dice a Maria Maddalena dopo essere risorto: Noli me tangere, Non toccarmi…

Noli me tangere

Camilleri Andrea

Cronaca di un viaggio irripetibile, "... di due giovani partiti da minuscoli paesi sul fiume Po e andati in Messico, per vivere quella libertà che, senza saperlo, si portavano già dentro". L'autore racconta che "... tutto il peregrinare in luoghi più o meno esotici, prima e dopo il Viaggio, è stato qualcosa di diverso, forse più chiaro, ma diverso. Ecco perché, quando mi trovai ad attraversare la Sierra Madre del Sud, sulla strada che porta da Puerto Escondido a Oaxaca, ebbi una visione che mi scaldò il cuore. Transitavamo su uno dei passi più alti della Sierra, un pianoro con due baracche o poco più. Una bambina indio correva nel prato che dava sul vuoto; correva contro il vento, con la bocca aperta, indossando un vestito chiaro sul quale erano appuntati grossi fiori scuri. Il cartello stradale diceva che eravamo arrivati in un luogo chiamato La Luna". Accompagnano la narrazione, le fotografie in bianco e nero di Andrea Longhini.

VIAGGIO SULLA LUNA

Bocchi Vittorio