Romanzo storico

Il colore della paura

Cortanze Gérard Roero di

Descrizione: La neve avvolge in una coltre silenziosa la piccola cittadina di Rumilly, nell’Alta Savoia. Due bambini corrono a perdifiato nel bianco sterminato. Per festeggiare il loro decimo compleanno hanno deciso di sfidare la proibizione paterna e intrufolarsi nella tenuta del Castello. In punta di piedi si avvicinano alla finestra e incollano il naso al vetro. Devono scoprire se quello che si racconta del padrone di casa è la realtà. E quello che vedono è ancora più sorprendete delle voci di paese. Il canarino rinchiuso nell’elegante gabbia dorata è davvero tutto blu, e dello stesso colore è il viso del suo padrone, Jean-Antoine Giobert, che vive isolato in quell’edificio in rovina, circondato da campi di Isatis Tintoria, una pianta che fornice un particolarissimo pigmento blu. Unico superstite di una famiglia massacrata durante la rivoluzione, il ricco signorotto non ha che una passione e ossessione: l’indaco. Lo studia e lo sperimenta in ogni sua sfumatura e gradazione, per poi venderla a peso d’oro. Tutta la sua esistenza è dedicata alla ricerca del blu perfetto, su cui scrive un ponderoso trattato e per la quale partecipa, vincendoli sempre, a bizzarri concorsi per la premiazione del colore più puro. Ma nei giorni che seguono a questi successi vengono scoperti efferati delitti che sono pericolosamente simili ai deliri onirici di cui Giobert è preda ormai da molte notti. Per sfuggire al dubbio scagionarsi, è costretto a intrecciare la sue ricerche con quella dell’assassino, in una spirale cupa e ipnotica. Gérard Roero di Cortanze descrive tutta la crudeltà del nostro essere interiore, fino nei meandri più nascosti e proibiti. Una vera e propria favola del male.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Garzanti

Collana: Narratori Moderni

Anno: 2010

ISBN: 9788811681762

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

L’indaco è una sostanza colorante turchina contenuta in piante quali la Isatis tinctoria e utilizzata per la tintura dei tessuti. Una così semplice definizione può trarre in inganno chi non conosce l’arte della tintura. Quello che oggi diamo per scontato, un tempo costituiva una vera e propria attività densa di ostacoli e traguardi apparentemente insormontabili.

Giovanni Antonio Di Gioberti, il protagonista di questo libro, è un maestro dell’indaco. La sua vita, dedicata alla ricerca delle varie sfumature di blu, sembra essere stata scritta prima ancora che venisse al mondo. Il suo volto, difatti, a causa di una voglia di grandi dimensioni, è blu, come il colore al quale ha dedicato la sua esistenza. Un personaggio di non semplice comprensione, quello di Gioberti. Isolato nel suo castello, evita il più possibile i contatti umani. Irrinunciabile però l’incontro periodico con i suoi amici presso il “Cafè des Alpes” di Rumilly (in Savoia). Cavaliere Rosso, Cavaliere Bianco, Cavaliere Verde, questi i nomi di alcuni dei suoi misteriosi amici; personaggi che l’autore ha tratteggiato senza però descrivere con dovizia di particolari.

Una serie di delitti ha luogo in Savoia nel periodo in cui la storia è narrata. Atroci omicidi le cui vittime hanno subito sadiche violenze. Il tutto ambientato in un periodo storico di grande cambiamento per la regione. Il periodo è quello intorno al 1860, anno durante il quale la Savoia diviene parte della Francia. Il fermento che accompagna questo evento parzialmente attutisce il terrore che il brutale assassino ha disseminato tra i savoiardi.

Gli omicidi hanno tutti un particolare legame con la figura di Gioberti. La sua ricerca ossessiva del blu cielo e del blu notte, pilotate dalla magica figura del maestro del blu, il Cavaliere Blu, lo portano a spostarsi tra i vari paesi della Savoia, gli stessi nei quali i delitti sono compiuti. Una commistione di elementi misteriosi e sovrumani, calati in una realtà storica ben tratteggiata dall’autore.

Gérard Roero di Cortanze, autore di origini italiane, ha pubblicato un’impressionante serie di libri in Francia, riscuotendo grande successo e riconoscimenti di pubblico e di critica in tutto il mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roero

Gérard

Cortanze

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cortanze Gérard Roero di


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Regalo di Natale

Blu non è più un bambino cattivo. Ora è un uomo di quarant’anni. Lavora come portiere in un ospedale e vive ancora insieme alla madre in un paese dello Yorkshire. Un’esistenza ordinaria, all’apparenza un po’ monotona. Una vita molto diversa da quella che l’uomo conduce nel mondo virtuale. Blu ha un blog su un sito chiamato “badguysrock”, una community che ha fondato lui stesso, dedicata a tutte le persone cattive. Su internet dà sfogo ai suoi desideri più nascosti, confessa ossessioni di morte, racconta la sua infanzia, quella di un bambino pericolosamente affascinato dal male. Pensieri oscuri che girano attorno a una terribile fantasia, quella di uccidere sua madre. Una donna dura, con cui ha sempre avuto un rapporto carico di misteri. Ma cosa è vero e cosa non lo è? Qual è il confine tra realtà e mondo virtuale? Blu era realmente un bambino malvagio o semplicemente si inventava tutto? Forse l’inquietante Albertine, che condivide con Blu un agghiacciante segreto, lo sa. O forse no. Una cosa è certa: Blu non è quello che sembra. E mentre post dopo post le parole le parole si fanno sempre più sinistre, la violenza cresce pericolosamente. C’è un solo modo per fermarla: scavare nel vero passato di Blu, un passato oscuro, un passato di rivalità e menzogne, il passato di un bambino incompreso, dotato di una sensibilità straordinaria. Fino a svelare il cuore malato di una famiglia profondamente disturbata. Solo così emergeranno le ragioni di un omicidio vecchio di vent’anni…

IL RAGAZZO CON GLI OCCHI BLU

Harris Joanne

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella