Narrativa

Il colpo di grazia

Yourcenar Marguerite

Descrizione: Scritto tra Capri e Sorrento nel 1938, Il colpo di grazia evoca un episodio di guerra civile avvenuto in Curlandia all'epoca dei putsch tedeschi contro il regime bolscevico, intorno al 1919-21. E' una vicenda autentica, riferita all'autrice da un intimo amico del protagonista maschile. Romanzo di sottile, sconcertante ambiguità, Il colpo di grazia chiama il lettore a collaborare per sottrarre gli avvenimenti narrati da Eric von Lhomond, e specialmente l'immagine che egli propone di sé, a una deformazione che s'inscrive interamente nei rapporti complicati dell'amore e dell'odio. Eric è un aristocratico che patisce la sconfitta della Germania come il crollo del mondo materiale e ideologico in cui si è formato: non gli resta che difendere il castello in cui vive con un amico, Conrad de Reval, e la sorella di questi, Sophie. Il dramma che si svolge fra i tre personaggi, e che si concluderà con un evento tragico dovuto alla ferocia delle guerre partigiane, ricalca l'aneddoto della donna che si offre e dell'uomo che si nega per attaccamento all'amico. Ma il tema centrale del libro è la solidarietà di destino tra esseri sottoposti alle stesse privazioni e agli stessi pericoli, un'intimità e somiglianza più forti dei conflitti della passione carnale o della fedeltà politiche, più forti persino dei rancori del desiderio frustrato o della vanità ferita.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 1990

Traduttore: Spaziani Maria Luisa

ISBN: 9788807810893

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Marguerite Yourcenar scrisse “Il colpo di grazia” nel 1938 ispirandosi a un fatto reale (“Eric, Sofia e Corrado sono rimasti press’a poco quali me li aveva descritti uno dei migliori amici del principale interessato”).
La vicenda la colpì per il potenziale tragico (“L’avventura… mi parve racchiudere in sé tutti gli elementi dello stile tragico… unità di tempo, di luogo e … unità di rischio; … azione limitata a due o tre personaggi… inevitabilità dello svolgimento tragico al quale la passione tende sempre, ma che di solito prende forme più insidiose o più invisibili”) al quale la scrittrice diede forma artistica (“Il racconto è scritto in prima persona e messo in bocca al personaggio principale, procedimento per il quale io ho una certa predilezione, perché elimina il punto di vista dell’autore…”) e contenuto narrativo (“L’argomento centrale… è … questa solidarietà di destino in tre creature sottomesse alle stesse privazioni e agli stessi pericoli”).
La prefazione dell’autrice raccomanda al lettore di non giudicare i personaggi – soprattutto Eric può facilmente apparire odioso – e segnala che il testo ha un valore umano e non politico.

I fatti sono ambientati in Curlandia (l’attuale Lettonia), nel 1919, durante la guerra civile.
Eric von Lhomond (“Il mio arruolamento nel corpo dei volontari del generale e barone von Wirtz, che partecipava alla lotta antibolscevica in Estonia e in Curlandia”) vive a Kratowice con l’amico tanto amato, Corrado (“In una simile esistenza continuamente deviata, Corrado era almeno un punto fisso, un nodo, un cuore. Era baltico con sangue russo; io ero prussiano con sangue baltico e francese…”), e Sofia, sorella di Corrado (“Quanto a Sofia… era bella, la moda dei capelli corti le donava”). Quest’ultima (“Sofia era stata violentata da un sergente lituano…”) è innamorata del protagonista-narratore, che non solo non la corrisponde, ma addirittura si rapporta a lei in modo spietato. Le cause del rifiuto di Eric sembrano sia psicologiche (“Perché le donne vanno proprio a invaghirsi degli uomini che non sono loro destinati, costringendoli così a scegliere fra lo snaturarsi e il detestarle?”), sia strutturali (“Dopo qualche settimana di delusione o di delirio, il mio vizio che era insieme disperante e indispensabile mi avrebbe riguadagnato; e comunque lo si pensi, questo vizio riguarda molto meno l’omosessualità che la solitudine”).
Eric sottopone Sofia a una serie di crudeltà e fa in modo che venga a conoscenza dei suoi incontri mercenari (“La prodezza di Riga torturò Sofia senza sorprenderla”): le provocazioni prevalgono sempre sull’affetto (“Eric ti secca che io muoia?”), che trapela sporadicamente, come in occasione di un bombardamento (“Se avessimo dovuto morire quella notte era nonostante tutto vicino a lei che avrei voluto che succedesse”).
Ottenuto l’ennesimo rifiuto da Eric (“L’essere che malgrado tutto mi costituisce in ciò che ho di inesorabilmente più personale avrebbe ripreso il sopravvento e… io avrei abbandonato Sofia…”), Sofia reagisce malamente (“Mi sputò in faccia”), fugge di casa e si unisce al nemico (“Sa a quale rischio si è esposta aiutando la signorina de Reval a farsi condurre nelle linee nemiche?”). Si vendicherà in modo estremo (“La signorina chiede… vuole che sia lei…”), in un finale spettacolare e degno della miglior tragedia greca.

Abilissima nell’approfondire la psicologia femminile di Sofia e quella più bizantina di Eric, minuziosa nell’addentrarsi nelle complessità di un rapporto trilaterale e sfaccettato (“Immaginarmi cognato di Corrado. Non si butta a mare, per un dubbio intrigo con la sorella, un amico divinamente giovane e vecchio di vent’anni”), con il suo stile originale (“Il telegrafo crepitava al di là dei battenti socchiusi… una serie stramba di animaletti imbalsamati si allineava sulle mensole…”) Marguerite Yourcenar si addentra nei recessi della crudeltà che gli individui (“Sofia non fu più per Corrado che una spia…”) e la storia propagano attraverso i meccanismi perversi della guerra.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marguerite

Yourcenar

Libri dallo stesso autore

Intervista a Yourcenar Marguerite


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Rapsodia su un solo tema

Morandini Claudio

Il libro che dava inizio alla saga di Arturo Bandini. Un commosso, divertito ritratto di una famiglia italo-americana e del suo disperato tentativo di integrazione. Con l'introduzione di Niccolò Ammaniti.

Aspetta primavera, Bandini

Fante John

Cosa turba la serenita di Yayoi? Diciannove anni, Yayoi vive una vita apparentemente idilliaca in seno a una "famiglia felice della classe media che sembra uscita da un film di Spielberg", il giardino e ben curato, gli abiti perfettamente stirati, i fiori sempre freschi sul tavolo. Che cosa la inquieta? E' la sua sensibilita paranormale che le fa percepire presenze invisibili? E' l'incapacita a ricordare gli anni dell'infanzia, stranamente cancellati dalla sua memoria? O forse e il suo trasporto per Tetsuo che valica i limiti dell'affetto fraterno? Un presagio triste si insinua nell'armonia della vita di Yayoi. Un presagio che potrebbe trovare risposta in una casa molto diversa dalla sua, buia, dove il giardino e in perenne disordine e nessuno risponde quando squilla il telefono. In questa casa vive la zia di Yayoi, una donna sola sui trent'anni, insegnante di musica, bella ma trascurata e avvolta da un'ombra di malinconia. Yayoi intuisce che la zia e depositaria di un segreto, forse la chiave per illuminare i misteri della propria infanzia. Ma la zia sparisce senza lasciare tracce, e Yayoi parte alla sua ricerca. Una Banana Yoshimoto in stato di grazia. In puro stile "Kitchen".

PRESAGIO TRISTE

Yoshimoto Banana

Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi e poi i quattro capitoli dell'"Amica geniale", offrendo un esempio di passione assoluta per la scrittura. La scrittrice risponde a non poche delle domande che le hanno fatto i suoi lettori. Dice, per esempio, perché chi scrive un libro farebbe bene a tenersi in disparte e lasciare che il testo faccia il suo corso. Dice i pensieri e le ansie di quando un romanzo diventa film. Dice com'è complicato trovare risposte in pillole alle domande di un'intervista. Dice delle gioie, delle fatiche, delle angosce di chi narra una storia e poi la scopre insufficiente. Dice dei suoi rapporti con la psicoanalisi, con le città in cui è vissuta, con l'infanzia come magazzino di mille suggestioni e fantasie, con la maternità, con il femminismo. Il risultato è l'autoritratto di una scrittrice al lavoro.

La frantumaglia

Ferrante Elena