Narrativa

Il commesso

Malamud Bernard

Descrizione: La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum Fax

Collana: Minimu classics

Anno: 2013

ISBN: 9788875215170

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Tra i classici della letteratura “Il commesso” di Bernard Malamud ci sospinge nella realtà multietnica americana ove un negoziante ebreo si destreggia tra le sue origini e i pregiudizi della società spesso ostile, nella quale l’individuo fatica ad affermare le proprie passioni e il desiderio di riscatto.

Morris sopravvive a stento nella condizione di povertà alla quale viene costretto da una concorrenza sempre più spietata: il suo negozio di alimentari a malapena gli consente di mantenere la moglie Ida e la bella figlia Helen (“Aspetterò, sognerò. Qualcosa succederà”), che è costretta a rinunciare agli studi e a devolvere parte dello stipendio per garantire al padre la possibilità di continuare la sua attività commerciale.
Dopo una rapina, nel corso della quale Morris viene malmenato, nella vita della famiglia ebrea irrompe un giovane di origini italiane (“Disse di chiamarsi Frank Alpine e d’essere arrivato da poco dall’ovest, per cercare di farsi strada”), abituato a vivere di espedienti (“Mancava una bottiglia di latte e, quando le contò, due pagnotte”),  che si offre di collaborare gratuitamente e risolleva le sorti del negozio (“Sicché l’improvviso rialzo delle vendite nel negozio, pensò Ida, non ci sarebbe stato senza Frank Alpine”).
Il nuovo venuto combatte tra opposte forze (“Prima o poi tutto quello che mi pare valga la pena d’avere mi scappa di mano in un modo o nell’altro”): la tentazione di “fare la cresta” sugli incassi (“Frank vendeva per almeno un dollaro… che non metteva nella cassa”), il desiderio di essere trasparente nei confronti di chi l’ha accolto con benevolenza, l’amore per Helen (“Quando la sentiva scendere le scale andava alla vetrina per vederla uscire”), che confligge con i sotterfugi e gli impulsi violenti ai quali talvolta Frank si abbandona.

Poi la sorte sembra concedere alla famiglia di Morris la possibilità di vendere con profitto il negozio, ma un attimo dopo, la stessa sorte nega quest’opportunità e, in questo momento, Frank è chiamato ad andare contro corrente: opponendosi ai preconcetti (“Non lavorare per un giudeo, ragazzo”), affermando la sincerità dei sentimenti, fornendo una prova tangibile che sancisca una promessa di fedeltà e consenta alla persona amata di realizzare il proprio sogno…

Il commesso” è una bella parabola, condotta con uno stile asciutto ed essenziale, per affermare che l’individuo può prevalere con le azioni e con la determinazione sui meccanismi cogenti della società.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Malamud

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malamud Bernard

Eternità

L’altare dei morti

James Henry

In un'estate torrida, un uomo nauseato dal mondo prende l'auto e parte, senza meta. Va a rintanarsi proprio dove l'umanità si raccoglie più fitta e rumorosa e avida di stordimenti: un grande albergo in una località balneare. Un falansterio pulsante di passioni estive, di bambini urlanti, di famiglie congestionate, affacciato su un mare oleoso che non dà refrigerio. Tutt'intorno, sulle colline aride di macchia e stoppie, bruciano i fuochi estivi. Su uno strapiombo di roccia, in fuga dall'incendio, il protagonista che ha rotto con il consesso dei propri simili, che si è ridotto a sbirciare da lontano le loro passioni incomprensibili, i loro trasporti effimeri, rientra prepotentemente nella vita. È successo che si è girato di scatto, sentendosi osservato. È successo che si è materializzata vicino a lui una donna bellissima. È successo che questa inaudita creatura gli ha rivolto, con accento straniero, una frase: «Vuoi bruciare con me?», e poi è scomparsa. Da quel momento, l'uomo ha di nuovo una ragione per vivere: ritrovare la donna misteriosa che gli sembra di vedere dappertutto e ogni volta gli sfugge. Comincia così un romanzo straordinario e imprevedibile, un'avventura amorosa estrema, che implica l'apparizione estatica e la dolorosa eclissi, che evoca fantasmi inattuali, condizioni date per estinte da secoli: è possibile che la donna dai denti d'oro sia, come lei stessa mormora, una schiava? E da chi può essere tenuta in soggezione una simile creatura? Un romanzo d'amore come è difficile leggerne. Erotico, mitologico, alchemico. Un'avventura che mescola misticismo ed eros, spy story e fantastico, combattimento, azione e passione, in un mondo dominato dalla schiavitù e dalla morte, fino a un finale spiazzante - un viaggio al termine della vita e oltre. Dopo il vasto affresco di Canti del caos, un romanzo breve, fulmineo e intenso, scritto di getto come una scintilla staccata da un incendio più grande, una fiammata narrativa nella quale anche il lettore diventa ansioso di bruciare.

GLI INCENDIATI

Moresco Antonio

Per Isabella Bossi Fedrigotti la scrittura è sempre stata una «scorciatoia segreta» per indagare a fondo i legami familiari, svelando le tensioni e i veleni ipocritamente nascosti in molti inferni domestici. In questo libro, la sua scorciatoia segreta l’ha condotta ancora più in fondo, lì dove abitualmente regna il silenzio dell’incomprensione e del dolore. L’ha portata a raccontare storie di figli dimenticati e lasciati soli da genitori fragili, frustrati o semplicemente egoisti. La sua attenta compassione ci inchioda commossi al racconto di queste piccole vite difficili segnate dalla solitudine: Lorenzo – con i suoi «non voglio» gridati e le sue instancabili domande – che, sconfitto e domato, finisce con lo spegnere la sua energia e la sua curiosità diventando un adolescente silenzioso, assente e indifferente. Annalisa, intoccabile e irraggiungibile, innamorata del suo corpo senza carne. Paolina, bambina soave che finisce a vivere per strada, infagottata, sporca e arrabbiata. Pietro, che scappa continuamente di casa per sottrarsi alla triste giostra della famiglia allargata. Francesco e la sua trascinante vitalità prosciugata da videogiochi e film porno. Dopo aver letto queste storie sarà davvero difficile farsi cogliere impreparati dalla solitudine dei nostri figli.

Se la casa è vuota

Fedrigotti Bossi Isabella