Narrativa

Il commesso

Malamud Bernard

Descrizione: La storia è quella di Morris Bober, umile commerciante ebreo che nel cuore di Manhattan conduce una vita misera e consumata dagli anni, e di Frank Alpine, un ladruncolo di origini italiane, deciso a riscattarsi e diventare un uomo onesto e degno di stima, aiutando Morris al negozio. Tuttavia il giovane Frank non resisterebbe dietro al bancone, sempre più assediato dalla concorrenza, se non si innamorasse di Helen, la fi glia di Morris. La vicenda è straordinariamente intrecciata intorno alle emozioni, ai segreti, al destino di queste tre esistenze. La narrazione, dal ritmo quasi ipnotico, e la singolare capacità di Malamud di raccontare i gesti, gli sguardi e le abitudini dei protagonisti rendono possibile sin dalle prime battute una completa comprensione della particolarità dell’ambiente e della psicologia dei personaggi. Lo stile limpido, semplice, a tratti ironico, è un capolavoro di perfezione, e regala quella atmosfera inconfondibile, a metà tra il tragico e il comico, che rende affascinante la narrativa di Malamud.

Categoria: Narrativa

Editore: Minimum Fax

Collana: Minimu classics

Anno: 2013

ISBN: 9788875215170

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Tra i classici della letteratura “Il commesso” di Bernard Malamud ci sospinge nella realtà multietnica americana ove un negoziante ebreo si destreggia tra le sue origini e i pregiudizi della società spesso ostile, nella quale l’individuo fatica ad affermare le proprie passioni e il desiderio di riscatto.

Morris sopravvive a stento nella condizione di povertà alla quale viene costretto da una concorrenza sempre più spietata: il suo negozio di alimentari a malapena gli consente di mantenere la moglie Ida e la bella figlia Helen (“Aspetterò, sognerò. Qualcosa succederà”), che è costretta a rinunciare agli studi e a devolvere parte dello stipendio per garantire al padre la possibilità di continuare la sua attività commerciale.
Dopo una rapina, nel corso della quale Morris viene malmenato, nella vita della famiglia ebrea irrompe un giovane di origini italiane (“Disse di chiamarsi Frank Alpine e d’essere arrivato da poco dall’ovest, per cercare di farsi strada”), abituato a vivere di espedienti (“Mancava una bottiglia di latte e, quando le contò, due pagnotte”),  che si offre di collaborare gratuitamente e risolleva le sorti del negozio (“Sicché l’improvviso rialzo delle vendite nel negozio, pensò Ida, non ci sarebbe stato senza Frank Alpine”).
Il nuovo venuto combatte tra opposte forze (“Prima o poi tutto quello che mi pare valga la pena d’avere mi scappa di mano in un modo o nell’altro”): la tentazione di “fare la cresta” sugli incassi (“Frank vendeva per almeno un dollaro… che non metteva nella cassa”), il desiderio di essere trasparente nei confronti di chi l’ha accolto con benevolenza, l’amore per Helen (“Quando la sentiva scendere le scale andava alla vetrina per vederla uscire”), che confligge con i sotterfugi e gli impulsi violenti ai quali talvolta Frank si abbandona.

Poi la sorte sembra concedere alla famiglia di Morris la possibilità di vendere con profitto il negozio, ma un attimo dopo, la stessa sorte nega quest’opportunità e, in questo momento, Frank è chiamato ad andare contro corrente: opponendosi ai preconcetti (“Non lavorare per un giudeo, ragazzo”), affermando la sincerità dei sentimenti, fornendo una prova tangibile che sancisca una promessa di fedeltà e consenta alla persona amata di realizzare il proprio sogno…

Il commesso” è una bella parabola, condotta con uno stile asciutto ed essenziale, per affermare che l’individuo può prevalere con le azioni e con la determinazione sui meccanismi cogenti della società.

Bruno Elpis

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Malamud

Libri dallo stesso autore

Intervista a Malamud Bernard

Sulle sedia sbagliata

Sara Rattaro

Sulla tua parola. Letture della messa per vivere la parola di Dio. Settembre-ottobre 2014

«Tutti temiamo di vestire i panni della vittima. Viviamo nell'incubo di venire derubati, ingannati, aggrediti, calpestati. Preghiamodi non incontrare sulla nostra strada un assassino. Ma quale ostacolo emotivo dobbiamo superare per immaginare di poter essere noi, un giorno, a vestire i panni del carnefice?» "Le parole di Nicola Lagioia ci portano dentro il caso di cronaca più efferato degli ultimi anni. Un viaggio per le strade buie della città eterna, un'indagine sulla natura umana, sulla responsabilità e la colpa, sull'istinto di sopraffazione e il libero arbitrio. Su chi siamo, o chi potevamo diventare. Nel marzo 2016, in un anonimo appartamento della periferia romana, due ragazzi di buona famiglia di nome Manuel Foffo e Marco Prato seviziano per ore un ragazzo più giovane, Luca Varani, portandolo a una morte lenta e terribile. È un gesto inspiegabile, inimmaginabile anche per loro pochi giorni prima. La notizia calamita immediatamente l'attenzione, sconvolgendo nel profondo l'opinione pubblica. È la natura del delitto a sollevare le domande più inquietanti. È un caso di violenza gratuita? Gli assassini sono dei depravati? Dei cocainomani? Dei disperati? Erano davvero consapevoli di ciò che stavano facendo? Qualcuno inizia a descrivere l'omicidio come un caso di possessione. Quel che è certo è che questo gesto enorme, insensato, segna oltre i colpevoli l'intero mondo che li circonda. Nicola Lagioia segue questa storia sin dall'inizio: intervista i protagonisti della vicenda, raccoglie documenti e testimonianze, incontra i genitori di Luca Varani, intrattiene un carteggio con uno dei due colpevoli. Mettersi sulle tracce del delitto significa anche affrontare una discesa nella notte di Roma, una città invivibile eppure traboccante di vita, presa d'assalto da topi e animali selvatici, stravolta dalla corruzione, dalle droghe, ma al tempo stesso capace di far sentire libero chi ci vive come nessun altro posto al mondo. Una città che in quel momento non ha un sindaco...

La città dei vivi

Lagioia Nicola

Giorni nostri, metà ottobre. In un paese dell’hinterland di Bologna, un anziano squilibrato si mette a sparare dalla finestra, uccide alcune persone e tiene in scacco le forze dell’ordine. A sera inoltrata, la polizia decide di passare al contrattacco e, per disorientare il folle, ordina che venga tolta l’energia elettrica all’intero circondario. In questo quadro – realmente accaduto nel giugno 2005 in un paese dell’Italia settentrionale – si sviluppa la finzione narrativa: cento minuti, quattro storie parallele, tutte segnate dalla mancanza di luce. Mario, un dirigente comunale, cerca di sedurre Federica, sua vicina di appartamento e ausiliaria del 118. A casa del professor Umberto, lui, la moglie e i due figli affrontano l’emergenza facendo un gioco che travolgerà la stessa coesistenza famigliare. Nel bar di Loretta, nella piazza del paese, ci si industria per continuare a giocare a carte e a biliardo, ma presto e in modo del tutto imprevedibile si dipanerà una storia completamente diversa. Intanto, Domenico, uno scrittore solitario, si prepara a realizzare il suo desiderio più oscuro...

SENZA LUCE

Bernardi Luigi