Letteratura femminile

IL COMPASSO

Forlani Francesco

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

In sostanza mi chiede se è vero quanto si dice – e si scrive sui rotocalchi – che agli uomini piacciano particolarmente le donne che si depilino il sesso. Faccio mente locale e le dico che quando capita la cosa è sulle prime un po’ spaesante ma e allo stesso tempo intrigante, insomma. Insostenibile se messa in relazione con il sesso dei bambini – on dirait une poupée. La risposta sembra rassicurarla e ride quando le dico che comunque sia se qualcuno mi depilasse l’origine del mondo di Courbet, sono convinto che molto di quella potenza evocativa sparirebbe di colpo. E mi volto su un fianco. Giusto in tempo per notare che la questione sollevata da Silvie concerne mezza spiaggia, senza alcuna differenza tra uomini e donne. La metà dei bagnanti infatti, presenti alle Maguelone, a prescindere dall’età, presenta i propri sessi depilati. E così mi sono voltato verso la mia amica e le ho detto : – Ci facciamo un bagno? – Perché anche quella dell’oblio insieme a quella del romanzo, è un’arte”.

Il lunghissimo litorale delle Maguelones si estende, nudo, tra la città di Montpellier – dove le donne sono molto belle – e il mare. Rimanere  incagliati nell’immagine di corpi scoperti è facile come “condividerne l’aria, il respiro, l’umidità. Da lì farsi trasportare in un viaggio che sa di evasione il passo è breve: lo sa bene il protagonista di questo racconto erotico che, accompagnato da una donna dalle gambe meravigliose, Ginevieve, si ritroverà in un club molto esclusivo.

Dalla pista di ballo del pian terreno, con i due angoli bar dominati dalle inservienti in topless si poteva accedere attraverso una scala ad un ampio locale che disseminato di ripiani su cui stavano appoggiati come materassini di canapa, nella penombra, centinaia di uomini e donne si scambiavano ogni tipo di umore, a geometrie variabili anche se tra i sessi era quello femminile a farla da padrona”.

 

Con descrizioni tra l’erotico ed il grottesco, l’autore – grazie anche ad un’insolita quanto geniale contaminazione linguistica – rende al lettore un racconto divertente e terribilmente accattivante tra scambisti, femmine procaci ed ammucchiate degne di un festa orgiastica di Dionisio.  

Siamo solo a Montpellier, dove le donne sono molto belle e le cui gambe, per dirla con il Bertrand di Truffaut, “sono dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli  equilibrio ed armonia”.

Il viaggio di Atlantis passa anche da qui.

http://atlantis.lite-editions.com/ebook.php?c=&;p=6

 

Francesco Forlani è nato a Caserta nel 1967   e vive tra Parigi e Torino. Ha collaborato e collabora a riviste come Baldus (Milano), Atelier du Roman (Parigi), News from the Republic of letters (Boston), Reportage, Corriere nazionale, e attualmente dirige la rivista letteraria Sud. È presente in rete come redattore del più importante blog letterario italiano: Nazione Indiana Ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano, fra cui Métromorphoses (Ed. Nicolas Philippe, 2002), Il manifesto del comunista dandy (Blu di Prussia-Edizioni La Camera Verde, 2007), Autoreverse (Edizioni Ancora del Mediterraneo, 2008), Chat noir (disegni di Raffaella Nappo; Manhattan Experiment, 2010). Traduttore dal francese, di diversi autori fra cui Fernando Arrabal, Lakis Proguidis, François Taillandier, Philippe Muray, Louis Ferdinand Cèline, Blaise Cendrars, ha tradotto con Alessandra Mosca, L’insegnamento dell’ignoranza, di Jean-Claude Michèa (Edizioni Metauro, 2005). Ha portato in scena (Torino, Milano, Bologna, Napoli, Caserta, Lerici) l’operetta Patrioska e Cave canem. Ha da poco pubblicato il suo ultimo romanzo, Chiunque cerca chiunque, senza editori e con tiratura limitata di duecento copie. Conduttore insieme a Marco Fedele del programma radiofonico Cocina Clandestina, fa parte della nazionale scrittori Osvaldo Soriano Football Club (maglia numero 16) di cui è uscita nel giugno 2010 l’antologia Era l’anno dei mondiali (Rizzoli-Corriere della Sera).

 

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francesco

Forlani

Libri dallo stesso autore

Intervista a Forlani Francesco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È domenica pomeriggio 22 marzo 1981 e al Bar Marco tra i tavoli da carte e il rumore dei flipper riecheggiano le partite di calcio. Tutti seguono la radiocronaca e controllano la schedina. A Sanremo, a pochi passi dai lustrini luccicanti del Casinò, dall'aristocratica clientela degli hotel dell'Imperatrice e dagli splendori delle ville liberty, il Bar illumina un quartiere sorto rapidamente, senza anima apparente ma stracolmo di umanità parallele. Qui sui tavoli del biliardo si sfiorano senza incontrarsi, destini impegnati a sopravvivere alla vita e vite impegnate a sopravvivere ad un destino. Vite in movimento apparente, vacuamente oscillanti al caso come la pallina della roulette, e destini sfilacciati, duri da mordere, incatenati ad un filo di necessità. Destini appesi al bancone del Bar Marco, fra un bicchiere di troppo e una sigaretta mai spenta, in attesa del tredici che ne cambierà per sempre segno e direzione. Una vincita milionaria, il furto della schedina, un mistero da risolvere in un intreccio di emozioni e traiettorie. Un ingorgo di miserie, furbizie, espedienti e sudore che trova la sua perfezione provvisoria nella geometria euclidea del biliardo, nella esatta corrispondenza della sponda, nella fredda pazienza del ragno che tesse l'ineludibile disegno della tela. Una melodia distillata in infinite modulazioni fra tonalità maggiori e minori, scale ascendenti e discendenti, alla ricerca di una cifra armonica che riempia e sazi gli spazi dell'anima ruota intorno a Mario, il barista-investigatore dalla debordante umanità.

Un pastis al bar Marco

Fellegara Morena

Composto da Albert Camus prima de "Lo straniero" e lasciato intenzionalmente inedito, "La morte felice" è già opera autonoma, sguardo lucido e solidissimo sull'umano nelle sue manifestazioni più estreme. Un romanzo che un altro grande scrittore francese contemporaneo di Camus, Andre Gide, considerava la crisalide nella quale si formava la larva delle sue opere successive. Un romanzo che è dunque al contempo narrazione e progetto di narrazioni.

La morte felice

Camus Albert

L'eroe è diverso, solo e diverso. È solo l'eroe tragico, così come l'eroe lirico. Marco è ormai prossimo alla fine. Ha diciassette anni e soffre di progeria, una malattia che accelera vertiginosamente lo scorrere del tempo e condanna a una vecchiaia precoce. Suo padre, Stefano Quondam, fuori dal tempo e dal mondo ci si è sempre trovato, anche se in maniera diversa. È un luminare di letteratura greca, grandissimo e misconosciuto, un Don Chisciotte che non ha mai smesso di combattere una testarda battaglia contro la stupidità e l'omologazione. Ma tra i due, chi è veramente il mercante di luce? Chi salva l'altro? Questa è la cronaca degli ultimi dieci giorni di un ragazzo colto e curioso, emozionato di fronte a quello che sa della vita, e di un padre che gliene spiega il senso, l'unico che conosce. Il filo che li unisce, che trasforma il pensiero in un racconto che non potrà essere dimenticato, è la poesia greca: un excursus appassionato, un viaggio luminoso in cui si rincorrono i grandi gesti e le tenere paure di poeti e poetesse dell'unico tempo possibile, quello tra il mito e l'invenzione dell'amore. E sarà proprio qui, in un punto sospeso tra pagine da sfogliare, gioco, passioni e vita vissuta, che troveranno il varco per salvarsi entrambi, perché non è possibile che "gli uccelli cantino quando finisce una tempesta e un uomo non sappia essere felice per il sole che gli resta".

Il mercante di luce

Vecchioni Roberto

Lanciare pietre di Yves Bonnefoy