Saggi

Il confine

Vassalli Sebastiano

Descrizione: Questa storia inizia nel 1919, con il trattato di St Germain che avanza il confine italiano sul crinale alpino, stabilendo che gli altoatesini, pur essendo di lingua e cultura tedesca, non sono più austriaci ma italiani. È soltanto l’inizio di un’assurdità che dura un secolo, dall’“italianizzazione forzata” del Fascismo alla collaborazione coi nazisti in fuga, fino alle bombe negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Una regione in cui la politica, di ogni colore, anziché eliminare i contrasti li ha lasciati proliferare insieme all’odio. Vassalli ripercorre questo paradosso e arriva ad oggi con una proposta concreta per chiudere i conti con la Storia e andare finalmente avanti.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: La Scala

Anno: 2015

ISBN: 9788817083645

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Affidiamo a “Il confine” di Sebastiano Vassalli il compito d’interpretare un pensiero sulla ricorrenza odierna del 4 novembre.

Le due ricorrenze a cui intendo riferirmi sono i cento anni dalla fine della Prima guerra mondiale: la Grande Guerra, e i cento anni dal trattato di pace tra Italia e Austria, che venne firmato dopo dieci mesi a St. Germain-en-Laye. Le due date saranno rispettivamente, il 4 novembre 2018 e il 10 settembre 2019.
Il 4 novembre, in Italia, è stato a lungo e sarà ancora nel 2018, l’anniversario della vittoria. Una data lieta: e mentre scrivo queste parole mi sembra di sentir risuonare, attraverso i secoli, la risata del grande Erasmo, perché di lieto in quella data c’era davvero poco…”

In quest’opera, l’autore de “La chimera” – premio Strega nel 1990 – ripercorre il XX secolo del Sudtirolo e dei suoi abitanti, per rivelare una realtà neanche troppo sotterranea e in controluce rispetto alla mistica di vallate suggestive e al nitore di paesaggi montani di grande bellezza.
Nel 1983… il destino o il caso mi avrebbero portato a conoscere questa realtà dalla parte allora soccombente: quella degli italiani. L’odio.”

Fa un certo effetto rivivere eventi vergognosi (le imposizioni e le violenze fasciste, le deportazioni naziste, le discriminazioni etniche) attraverso le lucide parole di uno scrittore (“L’autore di questo libro non è uno storico di professione, né un sociologo, né un politico… è uno scrittore ormai anziano… che per caso si è trovato ad assistere, tra quelle montagne, all’ultima stagione della paura e dell’odio…”) che ci ha recentemente lasciato (v. link) e che in quest’opera saltabecca tra le due guerre mondiali (“L’Italia, come l’Austria, è una nazione sconfitta… In seguito ai trattati di pace perderà le colonie africane, il Dodecaneso, l’Istria e la Dalmazia e rischierà di perdere Trieste. Non perderà il Sudtirolo/Alto Adige e il confine al Brennero, per ragioni estranee alla sua volontà…”) e i giorni nostri, sospinto dall’eco di Erasmo da Rotterdam, alla ricerca delle ragioni della follia umana.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Esme ama ogni angolo di New York e soprattutto il suo posto speciale: The Owl, la piccola libreria nell'Upper West Side. Un luogo magico in cui si narra che Pynchon amasse passare pomeriggi d'inverno. Un luogo che può nascondere insoliti tesori, come una prima edizione del Vecchio e il mare di Hemingway. Tra quei vecchi e polverosi scaffali Esme si sente felice. Ed è lì che il destino decide di sorriderle. Sulla vetrina della libreria è appeso un cartello: cercasi libraia. È l'occasione che aspettava, il lavoro di cui ha tanto bisogno. Perché a soli ventitré anni è incinta e non sa cosa fare: il fidanzato Mitchell l'ha lasciata prima che potesse parlargli del bambino. La più grande passione di Esme è la lettura, ma non ha nessuna idea di come funzioni una libreria. Eppure ad aiutarla ci sono i sui curiosi colleghi: George che crede ancora che le parole possano cambiare i mondo; Linda che ha un consiglio per tutti; David e il suo sogno di fare l'attore. E poi c'è Luke timido e taciturno che comunica con lei con la sua musica, con le note della sua chitarra. Sono loro a insegnarle la difficile arte di indovinare i desideri dei lettori: il Mago di Oz può salvare una giornata storta, il Giovane Holden fa vedere le cose da una nuova prospettiva e tra le opere di Shakespeare si trova sempre una risposta per ogni domanda. E proprio quando Esme riesce di nuovo a guardare al futuro con fiducia, la vita la sorprende ancora: Mitchell scopre del bambino e vuole tornare con lei...

Lo strano caso dell’apprendista libraia

Meyler Deborah

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Ad alta voce, la poesia interpretata da Luigi Maria Nastasi Corsanico

Lo Zio è uno spietato boss della camorra. Ha però una fatale debolezza: "il Grande Fratello", di cui non si perde una puntata. Nemmeno se costretto a vivere in latitanza, braccato dall'agente di polizia Woody Alien, soprannominato così per la "bruttezza intellettualoide", che potrebbe incastrarlo grazie a un misterioso informatore. Allora i "guaglioni" dello Zio, scoperta l'identità del traditore, arruolano il pusher Anthony ­ ventenne incensurato, ma in compenso lampadato e depilato ­ per mandargli un messaggio dalla Casa. Dopo un estenuante addestramento, Anthony riesce a superare il provino ed entra nel cast...

NEL NOME DELLO ZIO

Piedimonte Stefano