Saggi

Il confine

Vassalli Sebastiano

Descrizione: Questa storia inizia nel 1919, con il trattato di St Germain che avanza il confine italiano sul crinale alpino, stabilendo che gli altoatesini, pur essendo di lingua e cultura tedesca, non sono più austriaci ma italiani. È soltanto l’inizio di un’assurdità che dura un secolo, dall’“italianizzazione forzata” del Fascismo alla collaborazione coi nazisti in fuga, fino alle bombe negli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta. Una regione in cui la politica, di ogni colore, anziché eliminare i contrasti li ha lasciati proliferare insieme all’odio. Vassalli ripercorre questo paradosso e arriva ad oggi con una proposta concreta per chiudere i conti con la Storia e andare finalmente avanti.

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana: La Scala

Anno: 2015

ISBN: 9788817083645

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Affidiamo a “Il confine” di Sebastiano Vassalli il compito d’interpretare un pensiero sulla ricorrenza odierna del 4 novembre.

Le due ricorrenze a cui intendo riferirmi sono i cento anni dalla fine della Prima guerra mondiale: la Grande Guerra, e i cento anni dal trattato di pace tra Italia e Austria, che venne firmato dopo dieci mesi a St. Germain-en-Laye. Le due date saranno rispettivamente, il 4 novembre 2018 e il 10 settembre 2019.
Il 4 novembre, in Italia, è stato a lungo e sarà ancora nel 2018, l’anniversario della vittoria. Una data lieta: e mentre scrivo queste parole mi sembra di sentir risuonare, attraverso i secoli, la risata del grande Erasmo, perché di lieto in quella data c’era davvero poco…”

In quest’opera, l’autore de “La chimera” – premio Strega nel 1990 – ripercorre il XX secolo del Sudtirolo e dei suoi abitanti, per rivelare una realtà neanche troppo sotterranea e in controluce rispetto alla mistica di vallate suggestive e al nitore di paesaggi montani di grande bellezza.
Nel 1983… il destino o il caso mi avrebbero portato a conoscere questa realtà dalla parte allora soccombente: quella degli italiani. L’odio.”

Fa un certo effetto rivivere eventi vergognosi (le imposizioni e le violenze fasciste, le deportazioni naziste, le discriminazioni etniche) attraverso le lucide parole di uno scrittore (“L’autore di questo libro non è uno storico di professione, né un sociologo, né un politico… è uno scrittore ormai anziano… che per caso si è trovato ad assistere, tra quelle montagne, all’ultima stagione della paura e dell’odio…”) che ci ha recentemente lasciato (v. link) e che in quest’opera saltabecca tra le due guerre mondiali (“L’Italia, come l’Austria, è una nazione sconfitta… In seguito ai trattati di pace perderà le colonie africane, il Dodecaneso, l’Istria e la Dalmazia e rischierà di perdere Trieste. Non perderà il Sudtirolo/Alto Adige e il confine al Brennero, per ragioni estranee alla sua volontà…”) e i giorni nostri, sospinto dall’eco di Erasmo da Rotterdam, alla ricerca delle ragioni della follia umana.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano

Un segreto tenuto nascosto per lunghi anni, una scoperta sconvolgente, un uomo di successo e una donna in carriera, un artista squattrinato ma geniale, autore di un quadro misterioso. Immersa nelle atmosfere di una Trieste nebulosa e di una Venezia dal fascino liquido, si agita l’intrigante storia di Eugenio e Francesca, amanti sanguigni, dolci quanto irascibili. “Amata tela” è un romanzo in cui le vicende dei protagonisti si tingono di passioni travolgenti, in un vortice senza fine che si abbatterà inesorabilmente sulle loro vite. Amore, sesso e arte, si mescolano nei luoghi del sogno e del sentimento. “Amata tela” costruisce un’epica di esperienze umane, tra gioie e paure, attraverso un disegno sapientemente tracciato dalla penna di Giulia Madonna.

Amata tela

Madonna Giulia

Fabio ha sei anni, due genitori e una decina di nonni. Sì, perché è l'unico bimbo della famiglia Mancini, e i tanti fratelli del suo vero nonno - uomini impetuosi e pericolosamente eccentrici - se lo contendono per trascinarlo nelle loro mille imprese, tra caccia, pesca e altre attività assai poco fanciullesche. Così Fabio cresce senza frequentare i suoi coetanei, e il primo giorno di scuola sarà per lui un concentrato di sorprese sconvolgenti: è incredibile, ma nel mondo esistono altri bambini della sua età, che hanno tanti amici e pochissimi nonni, e si divertono tra loro con giochi misteriosi dai nomi assurdi - nascondino, rubabandiera, moscacieca. Ma la scoperta più allarmante è che sulla sua famiglia grava una terribile maledizione: tutti i maschi che arrivano a quarant'anni senza sposarsi impazziscono. I suoi tanti nonni strambi sono lì a testimoniarlo. Per fortuna accanto a lui c'è anche un padre affettuoso, che non parla mai ma con le mani sa aggiustare le cose rotte del mondo. E poi la mamma, intenzionata a proteggere Fabio dalle delusioni della vita, una nonna che comanda tutti e una ragazzina molto saggia che va in giro travestita da coccinella. Una famiglia caotica e gigantesca che pare invincibile, finché qualcosa di totalmente inatteso la travolge. Giorno dopo giorno, dalle scuole elementari fino alle medie, il protagonista cerca di crescere nel precario equilibrio tra un mondo privato pieno di avventure e smisurato come l'immaginazione, e il mondo là fuori, stretto da troppe regole e dominato dalla legge del più forte...

Il mare dove non si tocca

Genovesi Fabio

Il muggito di Sarajevo di Lorenzo Mazzoni

Mazzoni Lorenzo

Il creatore di ‘Barbatoze’ parla dello stato attuale delle Graphic Novel in Egitto e i possibili sviluppi futuri