Narrativa

IL CORPO UMANO

Giordano Paolo

Descrizione: Romanzo d'esordio di un giovanissimo scrittore, La solitudine dei numeri primi è stato uno dei più eclatanti casi letterari degli ultimi anni: cresciuto grazie all'entusiastico passaparola dei lettori, il libro ha incontrato il plauso della critica ed è arrivato a conquistare molti premi, tra cui il principale riconoscimento letterario italiano, lo Strega. Al centro della storia - e di una narrazione che corre tesa verso il finale e brucia per le sue implicazioni emotive - le vite speciali di Alice e Mattia, entrambe segnate da un episodio traumatico accaduto nell'infanzia: un marchio a fuoco che li accompagna, insieme allo sguardo dell'autore, attraverso l'adolescenza, la giovinezza, l'età adulta. I loro destini si incrociano e i due ragazzi si scoprono strettamente uniti eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": separati da un solo numero pari, vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero.

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2010

ISBN: 9788804607748

Trama

Le Vostre recensioni

Con “Il corpo umano” torna uno degli autori più acclamati della narrativa italiana: Paolo Giordano, tanto atteso alla sua seconda prova dopo il botto de “La solitudine dei numeri primi”.

Di fronte al successo del romanzo d’esordio che, oltre ad aver vinto tutto (Premio Campiello opera prima, Premio Fiesole, Premio Strega …), ha venduto milioni di copie, sarebbe naturale e umano patire l’ansia da prestazione. Paolo Giordano dissipa quest’ansia, ammesso che l’abbia mai avuta, con una storia che promette notevoli spunti di riflessione: sulla generazione dei trentenni, sulla guerra (intesa sia in senso bellico sia in chiave esistenziale) e su … “Il corpo umano”. E lo fa da un punto d’osservazione privilegiato: quello del trentenne.

I personaggi

Nell’intreccio, su tutte, due sono le figure in bassorilievo. Due numeri primi, verrebbe da dire.

Il maresciallo René, gigolò a tempo perso (“Di solito va a letto con donne più giovani, per lo più ragazze che vogliono fabbricarsi qualche ricordo eroico prima di abbracciare una vita da mogli giudiziose”), dotato di grande sensibilità umana e di senso della responsabilità (“Nessuna di loro sa cosa significa comandare, nessuna sa cosa comporta avere nelle proprie mani il destino di ventisette uomini”) anche di fronte al suo dilemma privato (“non ha esperienza delle spirali pericolose nelle quali il ragionamento umano può incappare, il suo cervello procede sempre per concatenazioni lineari di idee, per passaggi logici”).

Il tenente Alessandro Egitto: personalità ben più complicata, in preda a “l’angoscia disordinata del periodo seguito alla morte di suo padre – con tutte le reazioni psicosomatiche e i pensieri tetri e seducenti che il foglio illustrativo (ndr: delle pasticche) indicava genericamente come tendenze suicide”. Ė qualcosa di più di una semplice ipocondria: “Una pillola al giorno, ognuna per cancellare una domanda a cui nel tempo non avevo trovato risposta: che cos’è una famiglia?, perché scoppia una guerra?, come si diventa un soldato?”.

Il tenente medico “si trova in Afghanistan da centonovantuno giorni e da quasi quattro mesi alla fob Ice, all’imbocco nord della valle del Gulistan, non lontano dalla provincia di Helmand, dove le milizie americane combattono tutti i giorni per ripulire i villaggi dagli insorti.” Ė afflitto da un passato ingombrante e da una storia familiare complessa.

Sopra di loro, vi sono alcuni ufficiali più rozzi. Come il colonnello Ballesio, che reputa ‘Il piccolo principe’ “roba da finocchi. Mi sono addormentato due volte.

Poi ci sono i ragazzi del terzo plotone della “Charlie”. Tra episodi di nonnismo e scherzi crudeli (“Esistono infinite varianti … la bocca tappata e le caviglie legate con lo scotch da pacchi … Il ghiaccio nelle mutande … La ceretta sulle braccia, il classico sacco con le lenzuola, i capelli imbrattati con il dentifricio …”) fino alla perniciosa missione ne “la valle delle rose”, i soldati della Charlie acquisiscono spessore psicologico e scenografico.

Il corpo

Del corpo, in questo romanzo – un po’ come in filosofia dell’essere – si parla in molti modi (τό ỏν λέγεται πολλαχώς): “Fra loro vige una libertà completa, quasi oscena, per ognuno il corpo degli altri non è meno familiare del proprio …”

Sotto la minaccia di una concezione meccanicistica del corpo (“… tutta la pena, la sofferenza, la compassione verso altri esseri umani si riducono a pura biochimica – ormoni e neurotrasmettitori inibiti o rilasciati”), che domina nella cultura familiare degli Egitto (come emerge durante la crisi giovanile della sorella Marianna: “Se la falla non era nella sua determinazione, doveva trovarsi necessariamente da qualche parte nell’organismo. La sua bambina non era stata sempre la migliore della classe?”), il principale dramma è l’antinomia tra involucro fisico e persona: “Non gli è mai successo niente di simile prima di oggi, eppure il suo corpo sembra serbare un’esperienza antica di quanto sta avvenendo.”

“Vuole essere soltanto un corpo, non una persona …”

Il corpo funziona … ma come se fosse ormai disabitato.”

Fino alla rappresentazione dello smembramento in immagini di corpi fatti a pezzi, raccolti in sacchi e assemblati con una drastica decisione per il riconoscimento delle vittime. Nell’idea che “le fratture peggiori sono quelle che ci si procura da fermi … il corpo … si sbriciola in così tante schegge che dopo è impensabile ricomporlo”.

Il nostro giudizio

Ne bis in idem, recita il brocardo. Che poi, trasposto qui, significa: non era facile bissare eleganza, estetica e universalità (chi di noi non si è sentito, almeno una volta nella vita, un numero primo?) del precedente romanzo. Ma là si trattava di solitudine e di ‘numeri primi’.

Ne “Il corpo umano” invece si parla di guerra, di individui collocati in condizioni estreme, di situazioni limite. La narrazione – per certi versi anticonvenzionale e policentrica – ne risente: nel linguaggio, nella drammaticità di toni e descrizioni. Per questo,

Bruno Elpis

ritiene che Paolo Giordano abbia scritto un romanzo molto interessante, misurandosi in una prova difficile sia per la premessa sia per le conseguenze.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Giordano

Libri dallo stesso autore

Intervista a Giordano Paolo

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio

Marco Laurenti, professore in una media inferiore, con un passato di sofferenze famigliari, accetta un incarico in un paesino fuori dal mondo dove la natura è prepotente, e gli uomini ancora di più. Ammette di essere un cattivo insegnante e un uomo pieno di ombre ma, quando arriva al dunque, sa battersi davvero come un eroe contro il Male. E il Male, nel suo caso, ha i tratti della sua incarnazione più spaventosa: un allievo, figlio dei nostri tempi devastati dall’idiozia tecnologica, che manipola i compagni, plagia due ragazzine fino a farne schiave sessuali, bullizza e cyberbullizza, usa i social per realizzare una supremazia fredda, terribile, disumana. Fra le figure che popolano questa storia c’è anche un vecchio ex criminale di guerra, ma a confronto con il ragazzino, con il “nuovo”, pare un retaggio del passato, più doloroso che minaccioso. Come in tutti i grandi conflitti con il Male, anche qui, non c’è una vera “vittoria” eppure, dopo il crescendo asfissiante di tensione, e a fronte di nodi irrisolti, la fuga del protagonista verso il futuro che lo aspetta, come un secolo fa, nel Nuovo Mondo, suona liberatoria come un happy end.

La vita finora

Montanari Raul

Nella notte del 3 luglio 1582 James Chricton e Thomas entrano nella basilica di Santa Barbara per trafugare qualcosa. Il furto non riesce e sono costretti a scappare.Inseguiti per le strade di Mantova, si imbattono in Ippolito Lanzoni e nel principe Vincenzo Gonzaga. Ne nasce un duello apparentemente senza motivo in cui il giovane Vincenzo ferisce lo scozzese Chricton. Per fare chiarezza sull'accaduto e per trovare le prove che scagionino il principe Gonzaga, Aurelio Zibramonti, consigliere ducale, affida l'indagine a Biagio dell'Orso, affascinante capitano di giustizia. Il caso è un vero rompicapo: apparentemente niente è stato rubato e strana appare la morte di Chricton avvenuta nella spezieria di Geniforti poche ore dopo il duello. Sullo sfondo, l'opulenza della Serenissima, i servizi segreti del Consiglio dei Dieci, spie e cortigiane, la politica del regno d'Inghilterra e del consigliere Walsingham, i luoghi e le atmosfere della Mantova del Cinquecento.

I leoni d’Europa

Silvestrin Tiziana

Nel giorno di Natale del suo ottantaduesimo compleanno la Morte va a trovare Chaplin nella sua casa in Svizzera. Chaplin è anziano, ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere. Perciò fa un patto con la vecchia: se riuscirà a farla ridere avrà guadagnato un anno di vita. E Chaplin riesce sì a divertirla, ma non con l’umorismo consumato dell’attore che egli è, ma per la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. Anno dopo anno la Morte si ripresenta e la commedia della vecchiaia le provoca sempre un’irrefrenabile risata. Nell’attesa dell’incontro Chaplin racconta il suo passato, dai primi passi fino all’incredibile successo. Eppure il romanzo non è solo la biografia apocrifa di uno dei grandi del Novecento, quanto piuttosto l’avventura stessa della vita, il ritratto di un’America piena di promesse, la terra delle illusioni e della fortuna. Sbarcato negli Stati Uniti il giovane Chaplin passa da un mestiere all’altro - strillone, tipografo, boxeur, imbalsamatore - da una costa all’altra, incontra uomini straordinari e anche gente comune, pronti quasi sempre a dargli una possibilità. È un orfano a spasso per il Nuovo Mondo e si paragona a una strada ferrata: «un taglio dentro la terra, un’ambizione smisurata, un desiderio di qualcosa cui non sapevo dare un nome». Su tutto la magia del cinema, l’invenzione dei fratelli Lumière che la fantasia dell’autore attribuisce al guardiano degli elefanti innamorato che Chaplin incontrò nel circo in cui aveva lavorato da giovane. E ritorna il Natale, l’ultimo, Chaplin si impegna davvero a rallegrare la Morte indossando i panni di un vecchissimo Charlot. Ma la sua esibizione è troppo perfetta…

L’ultimo ballo di Charlot

Stassi Fabio