Racconti

Il corrispondente misterioso

Proust Marcel

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Garzanti

Collana: I libri della spiga

Anno: 2021

ISBN: 9788811818632

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il corrispondente misterioso di Marcel Proust

Il volume raccoglie “una serie di novelle scritte alla stessa epoca de L’indifferente, vale a dire quella della raccolta I piaceri e i giorni, ma che non vennero mai pubblicate… manoscritti allo stato di abbozzo”.

Il denominatore comune di alcuni di questi scritti getta nuova luce sulla biografia di Proust: “Questi racconti affrontano quasi sempre il tema dell’omosessualità… la questione che ossessiona Proust”.

Così come appare chiaro al curatore dell’opera il motivo per il quale i racconti non hanno trovato compimento per essere pubblicati: “Queste novelle troppo esplicite, e allora probabilmente troppo scandalose, il loro giovane autore ha scelto di mantenerle segrete… mettono in luce una psicologia sostanzialmente dolorosa…”

Ne Il corrispondente misterioso – il racconto che dà il titolo alla raccolta – è chiara l’ispirazione a “La lettera rubata” di Poe: l’amore di Christiane per Francoise de Lucques si consuma sotto forma di un malessere (“quella malattia di languore”) che porta l’amante sul letto di morte.

Nel Ricordo di un capitano riaffiora lo struggimento per i luoghi (“I luoghi che l’amore mi ha reso incapace di rievocare senza un grande brivido, e i luoghi, pur così umili, come i muri della caserma e il nostro giardinetto, adorni solo delle attrattive diverse che la luce porta con sé a seconda dell’ora, dell’umore del tempo e della stagione”) e per l’oggetto del desiderio (“Il brigadiere di guardia che leggeva un giornale seduto sul paracarro… esercitò su di me una seduzione tutta misteriosa e presi a fare attenzione alle mie parole e ai miei gesti, cercando di piacergli e di dire cose un po’ degne di ammirazione…”).

Agli inferi è un dialogo per certi versi “scolastico” tra Sansone, Quelus-Caylus e un contemporaneo, Ernest Renan, sul castigo che incombe sui reprobi come Caylus.

La consapevolezza di amarla condensa in uno strano animale da compagnia (“Una specie di gatto-scoiattolo ricoperto di una pelliccia bianca, sfumata di grigio argentato, con lunghi occhi azzurri, e sul capo un ciuffetto bianco da uccello sembrava aspettarmi seminascosto dalla cortina del letto”) sia il concetto dell’amico immaginario sia le suggestioni del sentimento.

Il dono delle fate, un racconto d’ispirazione favolistica, tematizza la convergenza dell’esasperazione della sensibilità nel vittimismo (“Le mie sorelle ti hanno dato la bellezza, il coraggio, la dolcezza. Tuttavia soffrirai poiché ai loro doni devo purtroppo aggiungere i miei. Sono la fata delle sensibilità incomprese. Tutti ti faranno del male, ti feriranno coloro che non amerai, ancor di più coloro che amerai. Poiché i più lievi rimproveri, un po’ d’indifferenza o di ironia ti faranno spesso soffrire…”).

Arricchito da tante annotazioni e dallo studio bio-bibliografico che cerca di correlare questi manoscritti con l’opera compiuta della Ricerca del tempo perduto, il volume riveste un interesse specifico per i cultori di Proust.

Bruno Elpis

_________________________________________________________

Leggi il nostro articolo intitolato Tutti con Marcel (Proust) a questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcel

Proust

Libri dallo stesso autore

Intervista a Proust Marcel

Benjamín Chaparro, cancelliere di tribunale nell’Argentina degli anni ’70, si imbatte nel caso di una donna violentata e uccisa su cui la giustizia non vuole fare chiarezza: il marito della vittima, devastato e inconsolabile, viene lasciato solo a covare la vendetta contro un misterioso assassino rimasto in libertà. Venticinque anni dopo, ormai pensionato, Benjamín decide di colmare questo vuoto e aprire una sua personale indagine sul caso. Lungo il percorso rivivrà l’amore mai dichiarato che l’ha legato a Irene - giudice nello stesso tribunale in cui lui lavorava ai tempi del caso irrisolto -, vedrà tornare a tormentarlo sensi di colpa pesanti come macigni per la morte di un amico, ma soprattutto svelerà poco a poco il mistero dell’omicidio e degli eventi che lo hanno seguito. Sullo sfondo di un’Argentina che sprofonda progressivamente nella violenza politica, Il segreto dei suoi occhi narra la storia di un gruppo di persone che fanno della ricerca della verità il proprio destino, della memoria un percorso imprescindibile e della lealtà un valore che trascende il tempo, le distanze e la morte.

IL SEGRETO DEI SUOI OCCHI

Sacheri Eduardo A.

In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio

Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Mauro Bignami, professore di filosofia, ha due amici che gestiscono un B&B ed ospitano alcuni americani che soggiornano nella loro struttura. Sul green del Golf Club di Pleasant Valley, un caddy viene colpito a morte da un fucile di precisione durante una partita di golf, e questo evento coinvolge direttamente uno degli ospiti del B&B. Bignami spinto da curiosità e senso della giustizia, si lascia coinvolgere in questa vicenda, correndo grossi rischi ma imprimendo alla torbida faccenda lo sviluppo conclusivo.

Trappola per lupi

Vallepiano Bruno