Racconti

Il corrispondente misterioso

Proust Marcel

Descrizione:

Categoria: Racconti

Editore: Garzanti

Collana: I libri della spiga

Anno: 2021

ISBN: 9788811818632

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il corrispondente misterioso di Marcel Proust

Il volume raccoglie “una serie di novelle scritte alla stessa epoca de L’indifferente, vale a dire quella della raccolta I piaceri e i giorni, ma che non vennero mai pubblicate… manoscritti allo stato di abbozzo”.

Il denominatore comune di alcuni di questi scritti getta nuova luce sulla biografia di Proust: “Questi racconti affrontano quasi sempre il tema dell’omosessualità… la questione che ossessiona Proust”.

Così come appare chiaro al curatore dell’opera il motivo per il quale i racconti non hanno trovato compimento per essere pubblicati: “Queste novelle troppo esplicite, e allora probabilmente troppo scandalose, il loro giovane autore ha scelto di mantenerle segrete… mettono in luce una psicologia sostanzialmente dolorosa…”

Ne Il corrispondente misterioso – il racconto che dà il titolo alla raccolta – è chiara l’ispirazione a “La lettera rubata” di Poe: l’amore di Christiane per Francoise de Lucques si consuma sotto forma di un malessere (“quella malattia di languore”) che porta l’amante sul letto di morte.

Nel Ricordo di un capitano riaffiora lo struggimento per i luoghi (“I luoghi che l’amore mi ha reso incapace di rievocare senza un grande brivido, e i luoghi, pur così umili, come i muri della caserma e il nostro giardinetto, adorni solo delle attrattive diverse che la luce porta con sé a seconda dell’ora, dell’umore del tempo e della stagione”) e per l’oggetto del desiderio (“Il brigadiere di guardia che leggeva un giornale seduto sul paracarro… esercitò su di me una seduzione tutta misteriosa e presi a fare attenzione alle mie parole e ai miei gesti, cercando di piacergli e di dire cose un po’ degne di ammirazione…”).

Agli inferi è un dialogo per certi versi “scolastico” tra Sansone, Quelus-Caylus e un contemporaneo, Ernest Renan, sul castigo che incombe sui reprobi come Caylus.

La consapevolezza di amarla condensa in uno strano animale da compagnia (“Una specie di gatto-scoiattolo ricoperto di una pelliccia bianca, sfumata di grigio argentato, con lunghi occhi azzurri, e sul capo un ciuffetto bianco da uccello sembrava aspettarmi seminascosto dalla cortina del letto”) sia il concetto dell’amico immaginario sia le suggestioni del sentimento.

Il dono delle fate, un racconto d’ispirazione favolistica, tematizza la convergenza dell’esasperazione della sensibilità nel vittimismo (“Le mie sorelle ti hanno dato la bellezza, il coraggio, la dolcezza. Tuttavia soffrirai poiché ai loro doni devo purtroppo aggiungere i miei. Sono la fata delle sensibilità incomprese. Tutti ti faranno del male, ti feriranno coloro che non amerai, ancor di più coloro che amerai. Poiché i più lievi rimproveri, un po’ d’indifferenza o di ironia ti faranno spesso soffrire…”).

Arricchito da tante annotazioni e dallo studio bio-bibliografico che cerca di correlare questi manoscritti con l’opera compiuta della Ricerca del tempo perduto, il volume riveste un interesse specifico per i cultori di Proust.

Bruno Elpis

_________________________________________________________

Leggi il nostro articolo intitolato Tutti con Marcel (Proust) a questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Marcel

Proust

Libri dallo stesso autore

Intervista a Proust Marcel

LA NAUSEA

Sartre Jean-Paul

Roma, via Puccini, 30 agosto 1970. L’avvocato Cesare Previti, all’epoca trentaseienne, arriva con la polizia sulla scena di un triplice omicidio. Tre corpi, tre vite: un viveur, una arrampicatrice sociale, un miliardario. Tre storie avvitate l’una all’altra, strette intorno a un unico asse patrimoniale. Il giovane e rampante legale romano capisce subito che a quel delitto è agganciata una delle più grandi collezioni di beni della storia d’Italia: l’eredità Casati Stampa. Luca Telese ha inseguito, con il fiuto e la tenacia del vero cronista d’inchiesta, le tracce del mega business (per Berlusconi e i suoi, naturalmente) che fu l’acquisto della villa nel 1974. Ne è uscito uno spaccato inquietante e decisamente esemplare della modalità di “condurre gli affari” da parte dell’avvocato di fiducia del Cavaliere, Previti, e del Cavaliere stesso. Sin da quei lontani anni Settanta che videro l’inizio delle loro fortune, delle loro ascese irresistibili e strettamente intrecciate.

La marchesa, la villa e il Cavaliere

Telese Luca

DEDALUS – di James Joyce

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda