Racconti

Il crollo della casa Usher

Descrizione: Pubblicati originariamente su rivista tra il 1835 e il 1842, i sei racconti di Edgar Allan Poe che qui proponiamo, Berenice, Morella, Ligeia, Il crollo della casa Usher, Eleonora, Il ritratto ovale sono tra i piú noti capolavori del genere horror. Tutti incentrati su una esangue, inquietante figura femminile, in essi si riflette al meglio la sapienza stilistica di Poe, il cui "cattivo gusto" - come ha scritto Giorgio Manganelli - mescolato d'astrazione e stravaganza produce risultati "impossibili" assolutamente insuperabili.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: ET Classici

Anno: 1997

ISBN: 9788806144012

Recensito da Roberta Emanuela

Le Vostre recensioni

Il crollo della casa Usher (Einaudi Biblioteca, “I racconti” con traduzione di Giorgio Manganelli)

Il breve racconto Il crollo della casa Usher, pubblicato per la prima volta nel 1839, è un suggestivo esempio della letteratura horror di Edgar Allan Poe (Boston 1809 – Baltimora 1849). Troviamo i classici elementi del genere, quali l’ampia dimora carica di passato, un ambiente tetro, che sia quello esterno e naturale o interno e di fattura umana, rapporti intricati e morbosi, nonché la malattia degenerata in psicosi.

Il narratore, chiamato dall’amico di gioventù Roderick Usher con una lettera “supplice e smaniosa”, arriva “con le ombre lunghe della sera” e la prima cosa che scorge è l’edificio. Spoglio come il paesaggio che lo circonda, provoca in lui “uno sfinimento dell’anima” paragonabile soltanto al “ridestarsi dell’oppiomane dal fasto dei suoi sogni”. L’immagine della casa, riflessa “in una pozza nera e fosforica”, lo getta nell’angoscia.
Usher e la sorella Madeline sono gli abitanti, logorati dalla malattia e dalla malsana convivenza, di quelle mura a cui Roderick attribuisce influssi e poteri. I giorni scorrono tra suoni deformati, declamazioni di ballate, discorsi sulla sensibilità dell’inorganico.

In mezzo alla follia, la morte può essere un inganno, uno stato attribuito precocemente; i rumori possono essere al contempo lotta e tempesta. E l’urlo di Madeline può essere confuso per quello fittizio di un drago morente.
Roderick e Madeline, fratello e sorella, gemelli, vivono insieme gli ultimi istanti e insieme muoiono. Al visitatore non resta che fuggire e guardare una rossa luna piena svelarsi attraverso una fessura e poi uno squarcio nella dimora. Anche Casa Usher, vissuta in simbiosi con chi la abitava e malata da tempo, crolla e sprofonda nella “torbida pozza”.

Roberta Colleoni

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scritto neI 1917 e pubblicato nel 1919, "Demian" è la storia di un ragazzo combattuto fra due mondi, quello bello e pulito del bene e quello terribile, enigmatico eppur allettante del male. Protagonista è il giovane EmiI Sinclair, caduto sotto l'influsso di un cattivo compagno di scuola, Franz Kromer, che lo spinge a ingannare i genitori, rubare e discendere la china del peccato. Sarà un altro compagno, Max Demian, che sembra vivere fuori del tempo o uscire da un passato senza età, ad attrarre Sinclair e a liberarlo dal nefasto influsso di Kromer, guidandolo verso una concezione della vita straordinariamente complessa e misteriosa.

DEMIAN

Hesse Hermann

Quale segreto nasconde l'epitaffio latino scolpito sul sepolcro di Giovanni Pico della Mirandola nella Chiesa di San Marco a Firenze? E perché nel luglio del 2007, dopo quasi cinquecento anni dalla morte di Pico, la tomba è stata riaperta?

999. L’ultimo custode

Martigli Carlo A.

Per la prima volta la storia degli anni di piombo narrata in prima persona dai veri protagonisti, i terroristi neri e rossi che hanno fatto la scelta della lotta armata. Dalla contestazione del '68 allo stragismo, dalla nascita delle BR al sequestro Moro, tutti gli episodi più tragici di un'epoca che ha straziato la coscienza del nostro paese. Un'inchiesta senza pari per complessità e proporzioni, condotta da uno dei grandi nomi del giornalismo televisivo italiano.

La notte della repubblica

Zavoli Sergio

Carmine Abate dà vita a una grandiosa epopea tra l'Italia e il "mondo grande", che ancora una volta scava nella nostra memoria collettiva e ci racconta di uomini e donne coraggiosi: dal capostipite Carmine Leto, con la sua moglie americana, al figlio Jon e al nipote Carmine, il narratore della storia, che segue le tracce segrete del proprio padre; dal duro lavoro nelle miniere del Meridione alle speranze di riscatto nella "terra promessa" oltreoceano; dalle straordinarie donne del passato a quelle di oggi, come Lina Leto, irrequieta e ribelle, e la figlia Lucy, che ai giorni nostri torna inaspettatamente al paese per riscoprire le proprie radici. Sostenuta da una lingua ricca, fedele all'impasto pieno di sapore che da sempre caratterizza la prosa di Abate, e insieme scandita da un ritmo incalzante, cinematografico, sulle pagine prende forma un'indagine narrativa corale che ha il passo serrato di un giallo – e infatti ruota intorno al mistero di una morte da vendicare – ma che è soprattutto un appassionato apologo sulle partenze e i ritorni, sugli strappi e i sotterranei legami tra le generazioni, sui tempi della vita e sull'amore che può sopravvivere alla morte.

La felicità dell’attesa

Abate Carmine