Racconti

Il crollo della casa Usher

Descrizione: Pubblicati originariamente su rivista tra il 1835 e il 1842, i sei racconti di Edgar Allan Poe che qui proponiamo, Berenice, Morella, Ligeia, Il crollo della casa Usher, Eleonora, Il ritratto ovale sono tra i piú noti capolavori del genere horror. Tutti incentrati su una esangue, inquietante figura femminile, in essi si riflette al meglio la sapienza stilistica di Poe, il cui "cattivo gusto" - come ha scritto Giorgio Manganelli - mescolato d'astrazione e stravaganza produce risultati "impossibili" assolutamente insuperabili.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: ET Classici

Anno: 1997

ISBN: 9788806144012

Recensito da Roberta Colleoni

Le Vostre recensioni

Il crollo della casa Usher (Einaudi Biblioteca, “I racconti” con traduzione di Giorgio Manganelli)

Il breve racconto Il crollo della casa Usher, pubblicato per la prima volta nel 1839, è un suggestivo esempio della letteratura horror di Edgar Allan Poe (Boston 1809 – Baltimora 1849). Troviamo i classici elementi del genere, quali l’ampia dimora carica di passato, un ambiente tetro, che sia quello esterno e naturale o interno e di fattura umana, rapporti intricati e morbosi, nonché la malattia degenerata in psicosi.

Il narratore, chiamato dall’amico di gioventù Roderick Usher con una lettera “supplice e smaniosa”, arriva “con le ombre lunghe della sera” e la prima cosa che scorge è l’edificio. Spoglio come il paesaggio che lo circonda, provoca in lui “uno sfinimento dell’anima” paragonabile soltanto al “ridestarsi dell’oppiomane dal fasto dei suoi sogni”. L’immagine della casa, riflessa “in una pozza nera e fosforica”, lo getta nell’angoscia.
Usher e la sorella Madeline sono gli abitanti, logorati dalla malattia e dalla malsana convivenza, di quelle mura a cui Roderick attribuisce influssi e poteri. I giorni scorrono tra suoni deformati, declamazioni di ballate, discorsi sulla sensibilità dell’inorganico.

In mezzo alla follia, la morte può essere un inganno, uno stato attribuito precocemente; i rumori possono essere al contempo lotta e tempesta. E l’urlo di Madeline può essere confuso per quello fittizio di un drago morente.
Roderick e Madeline, fratello e sorella, gemelli, vivono insieme gli ultimi istanti e insieme muoiono. Al visitatore non resta che fuggire e guardare una rossa luna piena svelarsi attraverso una fessura e poi uno squarcio nella dimora. Anche Casa Usher, vissuta in simbiosi con chi la abitava e malata da tempo, crolla e sprofonda nella “torbida pozza”.

Roberta Colleoni

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Oltre 3.500 anni fa, il Sole diede vita a una bambina, Hatshepsut, figlia minore del Faraone. La piccola era fuori dal comune, era agile e aveva doti magiche. Quando sua sorella maggiore morì, fu lei a dover sposare Thutmosis, figlio illegittimo del Faraone, assicurando così una discendenza al sangue divino. La figlia del mattino, «uno dei più bei romanzi storici sulla vita nell’antico Egitto» («The New York Book Review»), racconta le vicissitudini di Hatshepsut, la prima donna faraone, che intorno all’anno 1500 a.C. governò brillantemente per oltre due decenni. A partire dalla descrizione dell’infanzia di Hatshepsut, la sua ascesa al potere, il suo amore impossibile con l’architetto di corte e, infine, il suo assassinio, Pauline Gedge ha scritto un romanzo epico, accuratamente basato su fatti storici, ricco di aneddoti sulla vita a Tebe, sul solare mondo egiziano in tutto il suo splendore.

La figlia del mattino

Gedge Pauline

«Giorni lieti s'avvicinavano per la famiglia Portolu, di Nuoro. Agli ultimi di aprile doveva ritornare il figlio Elias, che scontava una condanna in un penitenziario del continente; poi doveva sposarsi Pietro, il maggiore dei tre giovani Portolu. Si preparava una specie di festa: la casa era intonacata di fresco, il vino ed il pane pronti; pareva che Elias dovesse ritornare dagli studi, ed era con un certo orgoglio che i parenti, finita la sua disgrazia, lo aspettavano. Finalmente arrivò il giorno tanto atteso, specialmente da Zia Annedda, la madre, una donnina placida, bianca, un po' sorda, che amava Elias sopra tutti i suoi figliuoli.»

Elias Portolu

Deledda Grazia

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

Pubblicato nel 1942, "Lo straniero", un classico della letteratura contemporanea, sembra tradurre in immagini quel concetto dell'assurdo che Albert Camus andava allora delineando e che troverà teorizzazione nel coevo "Il mito di Sisifo". Protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili conseguenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Come Sisifo, Meursault è un eroe "assurdo": la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e di sentire. "E una verità ancora negativa," ebbe a scrivere Camus in una prefazione per un'edizione americana dello "Straniero", "senza la quale però nessuna conquista di sé e del mondo sarà mai possibile."

Lo straniero

Camus Albert