Racconti

Il crollo della casa Usher

Descrizione: Pubblicati originariamente su rivista tra il 1835 e il 1842, i sei racconti di Edgar Allan Poe che qui proponiamo, Berenice, Morella, Ligeia, Il crollo della casa Usher, Eleonora, Il ritratto ovale sono tra i piú noti capolavori del genere horror. Tutti incentrati su una esangue, inquietante figura femminile, in essi si riflette al meglio la sapienza stilistica di Poe, il cui "cattivo gusto" - come ha scritto Giorgio Manganelli - mescolato d'astrazione e stravaganza produce risultati "impossibili" assolutamente insuperabili.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: ET Classici

Anno: 1997

ISBN: 9788806144012

Recensito da Roberta Emanuela

Le Vostre recensioni

Il crollo della casa Usher (Einaudi Biblioteca, “I racconti” con traduzione di Giorgio Manganelli)

Il breve racconto Il crollo della casa Usher, pubblicato per la prima volta nel 1839, è un suggestivo esempio della letteratura horror di Edgar Allan Poe (Boston 1809 – Baltimora 1849). Troviamo i classici elementi del genere, quali l’ampia dimora carica di passato, un ambiente tetro, che sia quello esterno e naturale o interno e di fattura umana, rapporti intricati e morbosi, nonché la malattia degenerata in psicosi.

Il narratore, chiamato dall’amico di gioventù Roderick Usher con una lettera “supplice e smaniosa”, arriva “con le ombre lunghe della sera” e la prima cosa che scorge è l’edificio. Spoglio come il paesaggio che lo circonda, provoca in lui “uno sfinimento dell’anima” paragonabile soltanto al “ridestarsi dell’oppiomane dal fasto dei suoi sogni”. L’immagine della casa, riflessa “in una pozza nera e fosforica”, lo getta nell’angoscia.
Usher e la sorella Madeline sono gli abitanti, logorati dalla malattia e dalla malsana convivenza, di quelle mura a cui Roderick attribuisce influssi e poteri. I giorni scorrono tra suoni deformati, declamazioni di ballate, discorsi sulla sensibilità dell’inorganico.

In mezzo alla follia, la morte può essere un inganno, uno stato attribuito precocemente; i rumori possono essere al contempo lotta e tempesta. E l’urlo di Madeline può essere confuso per quello fittizio di un drago morente.
Roderick e Madeline, fratello e sorella, gemelli, vivono insieme gli ultimi istanti e insieme muoiono. Al visitatore non resta che fuggire e guardare una rossa luna piena svelarsi attraverso una fessura e poi uno squarcio nella dimora. Anche Casa Usher, vissuta in simbiosi con chi la abitava e malata da tempo, crolla e sprofonda nella “torbida pozza”.

Roberta Colleoni

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Fare i conti con un tumore vuol dire anche provare a raccontare le cose come stanno. Imparare a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che amiamo e che all’improvviso sembrano deformate dalla nostra malattia. Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica dell’essere umano, descrive per la prima volta il proprio mondo sconvolto dalla notizia del cancro. Una rivelazione che di colpo lo trasforma da dottore in paziente.

Il corpo segreto

Andreoli Vittorino

Una mattina d'aprile del 1941 Virginia Woolf usciva di casa e si dirigeva come per una passeggiata verso il vicino fiume Ouse. A cinquantanove anni, la più grande scrittrice del Novecento aveva scelto di spegnere nel silenzioso fluire delle acque la tensione ormai insostenibile della sua esistenza. Sulla scrivania, due lettere di congedo e l'ultimo romanzo, "Tra un atto e l'altro", il più rarefatto e insieme il più struggente dei suoi capolavori. Tra un atto e l'altro di un'ingenua rappresentazione dilettantesca in un paese della campagna d'Inghilterra, si liberano i "momenti dell'essere" più squisitamente woolfiani: gli uomini, gli spettatori della vita, sono colti nel loro stato di protagonisti. Rigurgiti ansiosi, voluttuose fantasticherie, accensioni di desiderio, guizzi di rivolta, sottomissioni, monologanti lirismi percorrono un tempo neutro, un'ora zero della vita, e confluiscono in un unico stream che si oppone con fluida, magnetica tenacia alla tragica, banale fissità degli avvenimenti rappresentati. "Tra un atto e l'altro" è il romanzo del presente, del mobile, del fuggevole, del frammentario che anela a comporsi in unità, in una compiuta polifonia.

Tra un atto e l’altro

Woolf Virginia

La fine del liceo segna per Melania, adolescente cresciuta in un contesto matriarcale dell'entroterra sardo, un momento di svolta. L'abbandono della terra natale e la presa d'atto dei propri desideri saranno solo le prime di una serie di tappe in un labirinto di sguardi e di proiezioni. Il filo della vita porterà la protagonista a riflettere sui limiti e sulle ambiguità dell'identità femminile, ripercorrendo le orme di una nonna e una madre le cui ombre la seguiranno anche oltre il confine col mare.

Le Furie

Farina Mariachiara

Un raccapricciante delitto si è consumato nella città di Metz. Il dottor Valadier, medico legale in pensione, si trova inspiegabilmente coinvolto nelle indagini e si mette sulle tracce degli assassini. Più le sue ricerche procedono, più una complicata trama viene alla luce, intessuta da menti sottili e diaboliche. All'insaputa dell'intera umanità, è in corso una guerra combattuta da forze occulte che si muovono nell'oscuro universo dell'Esoterismo. Le origini di due antichi popoli, gli Ebrei e gli Zingari, legati da un comune destino di sofferenza e di persecuzione, sono la chiave per comprendere l'incredibile vicenda che sta per compiersi. La protagonista è una giovane e bellissima zingara, che si dibatte tra la sottomissione al suo Dio e la passione per un uomo. Un dilemma che riflette quello dell'intera umanità, alla vigilia di un eccezionale cambiamento. La Zingara fa le carte al mondo, e scopre l'Angelo del Giudizio, mentre un'epoca spirituale sta per tramontare e un'altra completamente nuova, sta per sorgere.

La zingara di Metz

Rosaci Domenico