Letteratura inglese

IL CUORE DI DERFEL

Cornwell Bernard

Descrizione: Torna l’attesa voce di Derfel Cadarn, il guerriero fattosi monaco, un tempo protetto di Merlino e paladino fedele di Artù, per accompagnarci lungo un nuovo capitolo delle sue memorie, che lo vede impegnato a lottare su due fronti ugualmente insidiosi: l’amore e la guerra. Dopo aver affrontato i demoni dell’Isola dei Morti per liberare la sacerdotessa Nimue, Derfel è accanto al suo signore, Artù, nella sanguinosa battaglia contro il regno del Powys. Il re di quelle terre vuole infatti vendicare a caro prezzo l’offesa subita da sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù che le ha preferito Ginevra. Artù e i suoi cavalieri riescono a vincere solo grazie ai poteri di Merlino, e si decide di sancire la ristabilita unità dei britanni celebrando l’unione tra Ceinwyn e Lancillotto. Neanche questa volta però è destino che il matrimonio della nobile fanciulla abbia luogo: durante la cerimonia di fidanzamento, Ceinwyn abbandona il promesso sposo e fugge con Derfel, di cui si è innamorata. Un amore che rischia di mettere a repentaglio il fragile equilibrio politico raggiunto a costo di molte, troppe vite umane...

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN: 9788804528753

Trama

Le Vostre recensioni

 

Il cuore di Derfel” è il secondo romanzo di una saga fantasy composta di cinque libri. Questo volume segue “Il Re d’inverno” e precede “La torre in fiamme”, “Il Tradimento” e “La spada perduta”. La saga narra le vicende epiche di Re Artù, di Ginevra, della fata Morgana, Mago Merlino e la sacerdotessa Nimue. La storia di Exalibur è rivisitata da Cornwell che dà una nuova visione di molti dei personaggi umanizzandoli e mostrandone, in molti casi, le debolezze. Lancillotto, ad esempio, ne esce come un vanitoso, vigliacco e disonesto. Di lui, infatti, Derfel dice:

«Avrebbe potuto affrontare la battaglia, ma di solito la evitava. Vedi, aveva il terrore di una cicatrice che gli deturpasse il viso. Teneva molto al proprio aspetto. […]Soprattutto, non era onesto. Mentiva per nascondere la sua vera natura, ma, quando voleva, sapeva anche farsi prendere in simpatia.» 

La voce narrante de “Il cuore di Derfel” è proprio quella del protetto di Merlino che, divenuto monaco, narra a Ingraine, regina dei Powys e sua protettrice al monastero di Dinnewrac, le proprie avventure di gioventù. Derfel ripercorre la sua vita di guerriero fedele a re Artù e ricorda le sue battaglie e i suoi amori.  Così all’inizio del suo racconto ricorda di come si sia recato senza alcuna esitazione all’isola dei morti per trarre in salvo la sacerdotessa orba Nimue, di cui era innamorato e con la quale aveva stretto un patto di sangue. Allo stesso modo parla dell’amore vissuto con Ceinwyn, capace diabbandonare il suo promesso sposo Lancillotto per fuggire con lui.

Cornwel è maestro nel descrivere le scene di guerra e di combattimenti, che rende vivide e coinvolgenti, così come è bravo a rendere tridimensionali i suoi personaggi, sfruttando ad arte la sua profonda conoscenza del periodo storico e delle vicende epiche della tavola rotonda.

“Il cuore di Derfel” è un romanzo ben scritto,coinvolgente così come gli altri della saga di Exalibur.

Bernard Cornwel nasce a Londra nel 1944. Specializzato in romanzi storici e d’avventura, ha scritto numerosissimi romanzi, ma è conosciuto soprattutto per la serie di libri dedicata alle Avventure di Richard Sharpe dai quali, a partire dal 1997, la televisione britannica ha tratto una serie di film. Di grande successo sono anche le saghe della Storia dei re sassoni, quella che narra La ricerca del Santo Graal e proprio la saga di Exalibur.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Cornwell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cornwell Bernard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti più grandi che non hanno nulla a che spartire con lei. Incapace di creare una relazione con chiunque, Lou passa la maggior parte del suo tempo libero a vivere le emozioni degli altri: guarda il calcio in televisione per osservare la gioia dei giocatori, spia le persone per strada e, soprattutto, frequenta le stazioni ferroviarie parigine perché in quei luoghi si concentra l'emozione di amanti che si salutano, di famiglie rimaste a lungo separate, di amici che si ritrovano. È proprio qui, alla stazione di Austerlitz, che Lou trova, tra la folla, una ragazza appena più grande di lei, Nolwenn, che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Tra le due, nel tempo di uno sguardo, si crea un'intesa speciale, che nessuna delle due aveva mai trovato prima. Due ragazze totalmente sole, diverse ma destinate, in qualche modo, a riconoscersi tra la folla della città, finiranno così per stringere un'amicizia che, nata lentamente, arriverà a cambiare la loro vita e il loro mondo. La vicenda, drammatica eppure lieve, di due vite chiamate a intrecciarsi e, se non a salvarsi, almeno a trovare nuove speranze.

GLI EFFETTI SECONDARI DEI SOGNI

Vigan Delphine, de

Un tango sulla Senna è una raccolta di racconti folgoranti, un inno alle trascurabili (ma fondamentali) gioie della vita, quelle che ci rendono liberi anche nei momenti più tragici della nostra Storia. Piaceri come un mojito bevuto in un bistrot, la sorpresa di un temporale improvviso, l’impercettibile movimento delle labbra di un bambino che impara a leggere, un pomeriggio al mare prolungato all’infinito; piaceri grandi come la nostalgia, l’amore, la felicità. Sono tanti i buoni motivi per stare al mondo: li conosciamo e sappiamo che esistono, ma non sembrano mai tanto belli come quando ce li racconta Philippe Delerm.

Un tango sulla Senna e altre piccole gioie di questo mondo

Delerm Philippe

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Amleto

Shakespeare William