Letteratura inglese

IL CUORE DI DERFEL

Cornwell Bernard

Descrizione: Torna l’attesa voce di Derfel Cadarn, il guerriero fattosi monaco, un tempo protetto di Merlino e paladino fedele di Artù, per accompagnarci lungo un nuovo capitolo delle sue memorie, che lo vede impegnato a lottare su due fronti ugualmente insidiosi: l’amore e la guerra. Dopo aver affrontato i demoni dell’Isola dei Morti per liberare la sacerdotessa Nimue, Derfel è accanto al suo signore, Artù, nella sanguinosa battaglia contro il regno del Powys. Il re di quelle terre vuole infatti vendicare a caro prezzo l’offesa subita da sua figlia Ceinwyn, ripudiata da Artù che le ha preferito Ginevra. Artù e i suoi cavalieri riescono a vincere solo grazie ai poteri di Merlino, e si decide di sancire la ristabilita unità dei britanni celebrando l’unione tra Ceinwyn e Lancillotto. Neanche questa volta però è destino che il matrimonio della nobile fanciulla abbia luogo: durante la cerimonia di fidanzamento, Ceinwyn abbandona il promesso sposo e fugge con Derfel, di cui si è innamorata. Un amore che rischia di mettere a repentaglio il fragile equilibrio politico raggiunto a costo di molte, troppe vite umane...

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Longanesi

Collana: La Gaja scienza

Anno: 2012

ISBN: 9788804528753

Trama

Le Vostre recensioni

 

Il cuore di Derfel” è il secondo romanzo di una saga fantasy composta di cinque libri. Questo volume segue “Il Re d’inverno” e precede “La torre in fiamme”, “Il Tradimento” e “La spada perduta”. La saga narra le vicende epiche di Re Artù, di Ginevra, della fata Morgana, Mago Merlino e la sacerdotessa Nimue. La storia di Exalibur è rivisitata da Cornwell che dà una nuova visione di molti dei personaggi umanizzandoli e mostrandone, in molti casi, le debolezze. Lancillotto, ad esempio, ne esce come un vanitoso, vigliacco e disonesto. Di lui, infatti, Derfel dice:

«Avrebbe potuto affrontare la battaglia, ma di solito la evitava. Vedi, aveva il terrore di una cicatrice che gli deturpasse il viso. Teneva molto al proprio aspetto. […]Soprattutto, non era onesto. Mentiva per nascondere la sua vera natura, ma, quando voleva, sapeva anche farsi prendere in simpatia.» 

La voce narrante de “Il cuore di Derfel” è proprio quella del protetto di Merlino che, divenuto monaco, narra a Ingraine, regina dei Powys e sua protettrice al monastero di Dinnewrac, le proprie avventure di gioventù. Derfel ripercorre la sua vita di guerriero fedele a re Artù e ricorda le sue battaglie e i suoi amori.  Così all’inizio del suo racconto ricorda di come si sia recato senza alcuna esitazione all’isola dei morti per trarre in salvo la sacerdotessa orba Nimue, di cui era innamorato e con la quale aveva stretto un patto di sangue. Allo stesso modo parla dell’amore vissuto con Ceinwyn, capace diabbandonare il suo promesso sposo Lancillotto per fuggire con lui.

Cornwel è maestro nel descrivere le scene di guerra e di combattimenti, che rende vivide e coinvolgenti, così come è bravo a rendere tridimensionali i suoi personaggi, sfruttando ad arte la sua profonda conoscenza del periodo storico e delle vicende epiche della tavola rotonda.

“Il cuore di Derfel” è un romanzo ben scritto,coinvolgente così come gli altri della saga di Exalibur.

Bernard Cornwel nasce a Londra nel 1944. Specializzato in romanzi storici e d’avventura, ha scritto numerosissimi romanzi, ma è conosciuto soprattutto per la serie di libri dedicata alle Avventure di Richard Sharpe dai quali, a partire dal 1997, la televisione britannica ha tratto una serie di film. Di grande successo sono anche le saghe della Storia dei re sassoni, quella che narra La ricerca del Santo Graal e proprio la saga di Exalibur.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Bernard

Cornwell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cornwell Bernard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nel 1929 Washington Irving soggiornò a Granada all’interno dell’Alhambra, il massimo monumento dell’arte moresca in Spagna, “uno dei luoghi più belli, romantici, deliziosi del mondo”, come scrisse a un amico. Per lo scrittore americano, molto noto anche in Europa, il soggiorno all’Alhambra rappresentò un porto tranquillo, un luogo incantato e incantevole dove potersi dedicare alla scrittura e anche una fonte di argomenti che appassionavano l’immaginazione dei lettori dell’epoca, dominata dalla passione per il Romanticismo europeo e per le storie esotiche e orientaleggianti. Dal periodo trascorso all’Alhambra nacque così la raccolta di bozzetti, storie e leggende, The Alhambra, un libro che ebbe un grandissimo successo e che fu tradotto in molte lingue, rinnovando così la notorietà dello scrittore alla vigilia del suo ritorno negli Stati Uniti dopo il lungo soggiorno europeo.

I racconti dell’Alhambra

Washington Irving

Ostaggi – 8 aprile 2017, ore 20:45, al Nuovo Teatro Ariberto di Milano

Peter, assiduo lettore di annunci matrimoniali, Davide, disincantato osservatore della realtà, Matteo, ostinato maniaco della pulizia, e Diego, inetto slacciatore di reggiseni, sono compagni d'appartamento. Vivono gli anni universitari barcamenandosi tra imprese goliardiche, crucci esistenziali e amori tormentati. “Cassonetti” racconta la loro storia, descrivendo tre giornate della loro vita esattamente a distanza di un anno, le une dalle altre. Ma il tempo non scorre lineare, stravolge gli eventi, portandoli a incontrare se stessi, senza riconoscersi, mentre compiono le stesse azioni. Come se la loro vita fosse un interminabile fermo immagine, sospesa nel tempo, fino al finale.

CASSONETTI

Antoni Gianluca

La carriola