Letteratura femminile

IL DELFINO

Morelli Elettra

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il racconto erotico approda online e lo fa senza confini. Scrittori, giornalisti, reporter e fotografi provenienti da ogni parte del mondo ci raccontano l’eros come non lo avevamo mai vissuto. Da Kyoto a Montpellier, passando da Assan e Beirut, la casa editrice Lite Editions (http://www.lite-editions.com) ci accompagna in un viaggio seducente attraverso le pieghe più profonde del desiderio erotico. Lo fa con Atlantis, una collana di racconti digitali, curata dallo scrittore Lorenzo Mazzoni e dal fotografo Marco Belli.

Il viaggio virtuale parte dalla scelta di un Paese sulla mappa che appare sulla home del sito: una breve presentazione del racconto ed una galleria accattivante di immagini illustrano al lettore l’avventura erotica da intraprendere. Una volta acquistato il racconto, non rimane che creare il proprio eBook con la scelta del titolo, della dedica e delle foto.

Un modo semplice per creare la propria biblioteca erotica che parla al lettore con lingue diverse. Così il racconto della scrittrice di origine yemenita Ebla Ahmed -“L’amore ai tempi di Bin Laden” – ha il corpo e la sensualità della sua giovane protagonista che, dopo aver vissuta per anni in Occidente, giunge nello Yemen per svelare suggestioni e passioni del mondo arabo e musulmano. “Appuntamento olimpico” di Marco Wong è lo scambio tenero e sensuale tra due mondi apparentemente molto distanti: quello di Lucia, atleta italiana, e Liu, velocista cinese, entrambi – per motivi diversi – esclusi dalla competizione olimpica a Pechino.

La scoperta di Atlantis è un’esperienza interculturale che ha il significato di una conquista: la letteratura erotica di qualità si fa strada attraverso il web e raggiunge i suoi fruitori portando con sé un bagaglio di esperienze e di contaminazioni letterarie di grande interesse.

Non rimane che iniziare il viaggio nel mondo di Atlantis, preparandosi ai molteplici percorsi che il sito offre e aprendosi ad ogni tipo di esperienza virtuale, perdendosi magari tra vicoli o strade abitate, abbandonandosi accaldati sulle spiagge nude del Mediterraneo, lasciandosi turbare come giovani studenti dal buio di luoghi familiari.

Buon viaggio

http://atlantis.lite-editions.com/index.php

IL DELFINO di Elettra Morelli – (Taranto)

Non convince subito: una telefonata tra due giovani amanti in cui lei, Arianna, racconta a Dario di un sogno. Sono loro i protagonisti e fanno del sesso. Lei vuole provocarlo, ma Dario non è uno che si lascia coinvolgere. Al massimo finirà per masturbarsi sui libri. In fondo se la porta a letto ma è fidanzato con un’altra. Fin qui niente di nuovo. Poi, però, si innesca un gioco intrigante: Arianna è su un autobus e sta raggiungendo la sua nuova conquista online. Un altro sconosciuto con cui fare sesso: non è la prima volta e, come ogni volta, lo dirà a Dario. Vuole provocare la sua gelosia, sperando che lui la fermi, che se la vada a riprendere. Non succede mai.    

Eppure, quando torno da questi appuntamenti casuali e spesso isolati, tu sei diverso. Più irruento, passionale, quasi come se avessi paura di non vedermi tornare da te. La prima volta che è successo mi sembrava di sognare. – Come ti sei permessa di farti scopare da un altro, eh, troia? – hai sibilato, mentre mi prendevi da dietro con furia, tenendomi per i capelli. Un brivido violento mi percorreva, mentre pensavo che, forse, avevo trovato un modo per tenerti legato a me”.

Il gioco perverso di Arianna la porta all’ennesimo incontro. Stesso copione, stesso esito. Dario è presente nei suoi pensieri mentre lei si lascia spogliare dallo sconosciuto. Il vestito che indossa è quello che piace a Dario.

È per te che mi tocco i seni, che mi succhio le dita. Stavolta potrò dirti che mi è proprio piaciuto tanto, tu ti imbestialirai e mi terrai a gambe aperte per ore. Forse mi legherai e mi morderai i capezzoli. E nella tua furia leggerò la tua paura di perdermi”.

Arianna è brava a giocare, a tenere le giuste distanze da tutti e da se stessa.
La giovane scrittrice – già autrice di racconti erotici – è brava a giocare con i pensieri di Arianna, a rendere il suo corpo terribilmente desiderabile, a farsi male con lei. Lo sfondo è quello di una città che sorge da due mari, in cui è facile perdersi e liberarsi da legami sbagliati.

Il mare è profondo e scuro. Potrei anche buttarmi di sotto, perché no. Magari verrebbe a ripescarmi il leggendario delfino e mi porterebbe via da qui, via per sempre da te. Perché solo un avvenimento traumatico e definitivo mi potrebbe staccare da questa situazione”.

Elettra Morelli è nata a Taranto nel 1981. Ha un blog personale, Minima Immoralia: racconti d’eros e d’anima, nel quale raccoglie numerosi racconti erotici e poesie. Ha pubblicato Ragazza nello specchio (Romance Magazine/Delos Books, 2011), Sara e Giulia (Nuova Prosa/Greco e Greco Editore, 2012) e Villa Flora (Lite Editions, 2012).

  

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elettra

Morelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morelli Elettra

Il nostro tempo sembra aver dissolto ogni confine, compresi quelli stabiliti dai tabú. Non esiste piú un limite che non sia possibile valicare. La trasgressione è divenuta un obbligo che non implica alcun sentimento di violazione. La disinibizione diffusa ha preso il posto della reverenza passiva e sacrificale di fronte alle nostre vecchie credenze. Ma i tabú devono semplicemente essere smantellati dalla nuova ragione libertina che caratterizza il nostro tempo oppure conviene provare a ripensarli criticamente senza nutrire alcuna nostalgia per il passato? Ci sono parole chiave come preghiera, lavoro, desiderio, colpa, eutanasia, famiglia, che sono state in modi diversi associate ai tabú e che esigono oggi di essere riattraversate criticamente. Vi sono anche figure mitologiche, storiche o letterarie che sono divenute crocevia essenziali della nostra storia individuale e collettiva e che ci spingono a incontrare in modo nuovo lo spigolo duro del tabú: Ulisse, Antigone, Edipo, Medea, Amleto, Isacco, Don Giovanni, Caino. Dal riferimento a grandi autori dell'Occidente - da Platone a Hegel, da Dostoevskij a Sartre, da Freud a Lacan, da Marx a Calvino, da Molière a Beckett - cosí come nelle miserie della nostra vita quotidiana, Recalcati rintraccia la sparizione del tabú e l'apparizione delle sue nuove maschere.

I tabù del mondo

Recalcati Massimo

Scrivere un racconto sulla paternità è come scriverne uno sulla vecchiaia: puoi immaginartela anche a vent'anni, ma non ti scricchiolano le ossa. Per questo motivo fanno parte di "Scena padre" soltanto scrittori che genitori lo sono davvero. Di fronte ai figli "di carta" non c'è bisogno di ricalibrare costantemente le proprie aspettative, o di reinventarsi ogni giorno. Nella vita invece può capitare che, superato lo stupore della prima notte passata in casa con la figlia appena nata, ci si domandi chi diventerà quel fagotto che dorme nella culla. Magari qualcuno con cui non sarà facile parlare, se non con brevi comunicazioni di servizio appiccicate sul frigorifero ("A che ora devo accompagnarti in palestra?", "Ho lasciato il pollo nel forno", "Anche oggi un'altra nota?") cercando di far passare fra le righe prima di tutto l'affetto. In quest'antologia di racconti inediti, otto scrittori affrontano la meraviglia e il divertimento nel constatare quanto un figlio possa esserti alleato e rivale in parti uguali. E mentre affini la creatività e l'ironia necessarie a parare i colpi, ti accorgi dello scarto tra la potenza del generare e l'impotenza dell'allevare, davanti a qualcuno che riesce sempre a spiazzarti. E allora diventare padri può significare anche rimettersi in discussione come figli.

Scena padre

Magrelli Valerio, Fois Marcello, De Silva Diego...

Solo in cucina Ginny riesce a esprimere se stessa e a ritrovare i sapori di una vita che dopo la morte dei genitori le sembra diventata incomprensibile. E mentre dai fornelli si leva il profumo corposo e piccante della zuppa della nonna, davanti le appare il fantasma della nonna stessa che le sussurra una frase sibillina: Non lasciarglielo fare. Chissà che cosa voleva dire, chissà se ha a che fare con il fatto che la prepotente sorella maggiore di Ginny vuole vendere la casa. Una casa che ha ancora tanti segreti da svelare...

LA CUCINA DEGLI INGREDIENTI MAGICI

McHenry Jael

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia