Letteratura femminile

IL DELFINO

Morelli Elettra

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il racconto erotico approda online e lo fa senza confini. Scrittori, giornalisti, reporter e fotografi provenienti da ogni parte del mondo ci raccontano l’eros come non lo avevamo mai vissuto. Da Kyoto a Montpellier, passando da Assan e Beirut, la casa editrice Lite Editions (http://www.lite-editions.com) ci accompagna in un viaggio seducente attraverso le pieghe più profonde del desiderio erotico. Lo fa con Atlantis, una collana di racconti digitali, curata dallo scrittore Lorenzo Mazzoni e dal fotografo Marco Belli.

Il viaggio virtuale parte dalla scelta di un Paese sulla mappa che appare sulla home del sito: una breve presentazione del racconto ed una galleria accattivante di immagini illustrano al lettore l’avventura erotica da intraprendere. Una volta acquistato il racconto, non rimane che creare il proprio eBook con la scelta del titolo, della dedica e delle foto.

Un modo semplice per creare la propria biblioteca erotica che parla al lettore con lingue diverse. Così il racconto della scrittrice di origine yemenita Ebla Ahmed -“L’amore ai tempi di Bin Laden” – ha il corpo e la sensualità della sua giovane protagonista che, dopo aver vissuta per anni in Occidente, giunge nello Yemen per svelare suggestioni e passioni del mondo arabo e musulmano. “Appuntamento olimpico” di Marco Wong è lo scambio tenero e sensuale tra due mondi apparentemente molto distanti: quello di Lucia, atleta italiana, e Liu, velocista cinese, entrambi – per motivi diversi – esclusi dalla competizione olimpica a Pechino.

La scoperta di Atlantis è un’esperienza interculturale che ha il significato di una conquista: la letteratura erotica di qualità si fa strada attraverso il web e raggiunge i suoi fruitori portando con sé un bagaglio di esperienze e di contaminazioni letterarie di grande interesse.

Non rimane che iniziare il viaggio nel mondo di Atlantis, preparandosi ai molteplici percorsi che il sito offre e aprendosi ad ogni tipo di esperienza virtuale, perdendosi magari tra vicoli o strade abitate, abbandonandosi accaldati sulle spiagge nude del Mediterraneo, lasciandosi turbare come giovani studenti dal buio di luoghi familiari.

Buon viaggio

http://atlantis.lite-editions.com/index.php

IL DELFINO di Elettra Morelli – (Taranto)

Non convince subito: una telefonata tra due giovani amanti in cui lei, Arianna, racconta a Dario di un sogno. Sono loro i protagonisti e fanno del sesso. Lei vuole provocarlo, ma Dario non è uno che si lascia coinvolgere. Al massimo finirà per masturbarsi sui libri. In fondo se la porta a letto ma è fidanzato con un’altra. Fin qui niente di nuovo. Poi, però, si innesca un gioco intrigante: Arianna è su un autobus e sta raggiungendo la sua nuova conquista online. Un altro sconosciuto con cui fare sesso: non è la prima volta e, come ogni volta, lo dirà a Dario. Vuole provocare la sua gelosia, sperando che lui la fermi, che se la vada a riprendere. Non succede mai.    

Eppure, quando torno da questi appuntamenti casuali e spesso isolati, tu sei diverso. Più irruento, passionale, quasi come se avessi paura di non vedermi tornare da te. La prima volta che è successo mi sembrava di sognare. – Come ti sei permessa di farti scopare da un altro, eh, troia? – hai sibilato, mentre mi prendevi da dietro con furia, tenendomi per i capelli. Un brivido violento mi percorreva, mentre pensavo che, forse, avevo trovato un modo per tenerti legato a me”.

Il gioco perverso di Arianna la porta all’ennesimo incontro. Stesso copione, stesso esito. Dario è presente nei suoi pensieri mentre lei si lascia spogliare dallo sconosciuto. Il vestito che indossa è quello che piace a Dario.

È per te che mi tocco i seni, che mi succhio le dita. Stavolta potrò dirti che mi è proprio piaciuto tanto, tu ti imbestialirai e mi terrai a gambe aperte per ore. Forse mi legherai e mi morderai i capezzoli. E nella tua furia leggerò la tua paura di perdermi”.

Arianna è brava a giocare, a tenere le giuste distanze da tutti e da se stessa.
La giovane scrittrice – già autrice di racconti erotici – è brava a giocare con i pensieri di Arianna, a rendere il suo corpo terribilmente desiderabile, a farsi male con lei. Lo sfondo è quello di una città che sorge da due mari, in cui è facile perdersi e liberarsi da legami sbagliati.

Il mare è profondo e scuro. Potrei anche buttarmi di sotto, perché no. Magari verrebbe a ripescarmi il leggendario delfino e mi porterebbe via da qui, via per sempre da te. Perché solo un avvenimento traumatico e definitivo mi potrebbe staccare da questa situazione”.

Elettra Morelli è nata a Taranto nel 1981. Ha un blog personale, Minima Immoralia: racconti d’eros e d’anima, nel quale raccoglie numerosi racconti erotici e poesie. Ha pubblicato Ragazza nello specchio (Romance Magazine/Delos Books, 2011), Sara e Giulia (Nuova Prosa/Greco e Greco Editore, 2012) e Villa Flora (Lite Editions, 2012).

  

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elettra

Morelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morelli Elettra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Si può sfuggire allo scorrere del tempo, come scrive l'autore di LA SCIENZA DI VIVERE PER SEMPRE? Esiste una connessione profonda tra la presenza di uno strano essere a Dartmoor, una nave in bottiglia, il tracciato di un ricamo all'uncinetto che rappresenta il mondo intero e le fate di Cottingley? Tra una recensione da consegnare e un libro da scrivere, Meg Carpenter non se la passava né troppo bene né troppo male. Aveva un ragazzo che era il classico inetto, certo. Arrivare alla fine del mese non era proprio una passeggiata, certo. E i libri erano tutta la sua vita, si potrebbe dire. Almeno fino a quando, tra le pagine di un testo di pseudoscienza, Meg non ha cominciato a guardare il suo tragico universo con occhi diversi. Tra psicologia e tarocchi, enigmi buddisti e teoremi di fisica, antiche cosmologie e leggende fatate, Meg si è messa alla ricerca delle risposte definitive a tutte le domande sul senso della vita e su come le relazioni nascano, crescano e poi, miseramente, muoiano. Mescolando filosofia e humour, ironia e colpi di genio, con IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO Scarlett Thomas ci regala un altro giro di giostra nella migliore letteratura: quella che fa sognare e riflettere senza soluzione di continuità.

IL NOSTRO TRAGICO UNIVERSO

Thomas Scarlett

La silloge poetica vincitrice del Premio Casinò di Sanremo 2018

Costellazioni di Ilaria Spes

Spes Ilaria

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

Un cellulare che squilla nella notte, una voce irriconoscibile e poche taglienti parole: una minaccia di morte. Cesare Almansi, avvocato di successo, ha da poco deciso di entrare in politica quando sono iniziate ad arrivare queste misteriose telefonate. C'è solo una persona a cui può rivolgersi: il suo vecchio amico del liceo, il detective Bacci Pagano. Sono passati anni da quel lontano '68 e dai cortei a cui i due partecipavano per le vie di Genova, trascinati dall'idea di cambiare il mondo puntando su valori diversi, quasi rivoluzionari. Valori in cui Cesare crede ancora e che ha trasferito nella nuova avventura elettorale. Ora qualcuno vuole fermarlo, anche se l'avvocato non ha idea di chi possa essere. Nessuna pista per Bacci Pagano che inizia a indagare nell'intricato sistema di potere dei partiti e dei favori per ottenere voti. Eppure su quel fronte tutto si risolve in buco nell'acqua. L'investigatore dei carruggi avrebbe bisogno del suo intuito infallibile, ma per la prima volta nella sua carriera, è distratto da qualcosa, o meglio da qualcuno: Lou, la responsabile dell'ufficio stampa di Almansi, capelli biondi e occhi azzurri come due squarci feroci di cielo. Bacci Pagano rimane invischiato in una relazione fatta di tira e molla, di passione e di fughe improvvise. Quando l'indagine porta a galla una verità che viene dal passato, il detective deve fare i conti con una terribile notte di trent'anni prima. Una notte che lui e Cesare volevano dimenticare.

Lo spaventapasseri

Morchio Bruno