Letteratura femminile

IL DELFINO

Morelli Elettra

Descrizione:

Categoria: Letteratura femminile

Editore: AC Edizioni - lite editions

Collana:

Anno: 2012

ISBN:

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Il racconto erotico approda online e lo fa senza confini. Scrittori, giornalisti, reporter e fotografi provenienti da ogni parte del mondo ci raccontano l’eros come non lo avevamo mai vissuto. Da Kyoto a Montpellier, passando da Assan e Beirut, la casa editrice Lite Editions (http://www.lite-editions.com) ci accompagna in un viaggio seducente attraverso le pieghe più profonde del desiderio erotico. Lo fa con Atlantis, una collana di racconti digitali, curata dallo scrittore Lorenzo Mazzoni e dal fotografo Marco Belli.

Il viaggio virtuale parte dalla scelta di un Paese sulla mappa che appare sulla home del sito: una breve presentazione del racconto ed una galleria accattivante di immagini illustrano al lettore l’avventura erotica da intraprendere. Una volta acquistato il racconto, non rimane che creare il proprio eBook con la scelta del titolo, della dedica e delle foto.

Un modo semplice per creare la propria biblioteca erotica che parla al lettore con lingue diverse. Così il racconto della scrittrice di origine yemenita Ebla Ahmed -“L’amore ai tempi di Bin Laden” – ha il corpo e la sensualità della sua giovane protagonista che, dopo aver vissuta per anni in Occidente, giunge nello Yemen per svelare suggestioni e passioni del mondo arabo e musulmano. “Appuntamento olimpico” di Marco Wong è lo scambio tenero e sensuale tra due mondi apparentemente molto distanti: quello di Lucia, atleta italiana, e Liu, velocista cinese, entrambi – per motivi diversi – esclusi dalla competizione olimpica a Pechino.

La scoperta di Atlantis è un’esperienza interculturale che ha il significato di una conquista: la letteratura erotica di qualità si fa strada attraverso il web e raggiunge i suoi fruitori portando con sé un bagaglio di esperienze e di contaminazioni letterarie di grande interesse.

Non rimane che iniziare il viaggio nel mondo di Atlantis, preparandosi ai molteplici percorsi che il sito offre e aprendosi ad ogni tipo di esperienza virtuale, perdendosi magari tra vicoli o strade abitate, abbandonandosi accaldati sulle spiagge nude del Mediterraneo, lasciandosi turbare come giovani studenti dal buio di luoghi familiari.

Buon viaggio

http://atlantis.lite-editions.com/index.php

IL DELFINO di Elettra Morelli – (Taranto)

Non convince subito: una telefonata tra due giovani amanti in cui lei, Arianna, racconta a Dario di un sogno. Sono loro i protagonisti e fanno del sesso. Lei vuole provocarlo, ma Dario non è uno che si lascia coinvolgere. Al massimo finirà per masturbarsi sui libri. In fondo se la porta a letto ma è fidanzato con un’altra. Fin qui niente di nuovo. Poi, però, si innesca un gioco intrigante: Arianna è su un autobus e sta raggiungendo la sua nuova conquista online. Un altro sconosciuto con cui fare sesso: non è la prima volta e, come ogni volta, lo dirà a Dario. Vuole provocare la sua gelosia, sperando che lui la fermi, che se la vada a riprendere. Non succede mai.    

Eppure, quando torno da questi appuntamenti casuali e spesso isolati, tu sei diverso. Più irruento, passionale, quasi come se avessi paura di non vedermi tornare da te. La prima volta che è successo mi sembrava di sognare. – Come ti sei permessa di farti scopare da un altro, eh, troia? – hai sibilato, mentre mi prendevi da dietro con furia, tenendomi per i capelli. Un brivido violento mi percorreva, mentre pensavo che, forse, avevo trovato un modo per tenerti legato a me”.

Il gioco perverso di Arianna la porta all’ennesimo incontro. Stesso copione, stesso esito. Dario è presente nei suoi pensieri mentre lei si lascia spogliare dallo sconosciuto. Il vestito che indossa è quello che piace a Dario.

È per te che mi tocco i seni, che mi succhio le dita. Stavolta potrò dirti che mi è proprio piaciuto tanto, tu ti imbestialirai e mi terrai a gambe aperte per ore. Forse mi legherai e mi morderai i capezzoli. E nella tua furia leggerò la tua paura di perdermi”.

Arianna è brava a giocare, a tenere le giuste distanze da tutti e da se stessa.
La giovane scrittrice – già autrice di racconti erotici – è brava a giocare con i pensieri di Arianna, a rendere il suo corpo terribilmente desiderabile, a farsi male con lei. Lo sfondo è quello di una città che sorge da due mari, in cui è facile perdersi e liberarsi da legami sbagliati.

Il mare è profondo e scuro. Potrei anche buttarmi di sotto, perché no. Magari verrebbe a ripescarmi il leggendario delfino e mi porterebbe via da qui, via per sempre da te. Perché solo un avvenimento traumatico e definitivo mi potrebbe staccare da questa situazione”.

Elettra Morelli è nata a Taranto nel 1981. Ha un blog personale, Minima Immoralia: racconti d’eros e d’anima, nel quale raccoglie numerosi racconti erotici e poesie. Ha pubblicato Ragazza nello specchio (Romance Magazine/Delos Books, 2011), Sara e Giulia (Nuova Prosa/Greco e Greco Editore, 2012) e Villa Flora (Lite Editions, 2012).

  

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Elettra

Morelli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morelli Elettra


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Caligola. Impero e follia (dialogando con l’autore)

Forte Franco

Inghilterra, 1915. Come ogni mattina, Julia compie i rituali dell’attesa: lucida la casa alla perfezione, indossa l’abito più elegante che possiede e si acconcia i capelli, accorda il violoncello e poi si siede alla finestra. E aspetta. Aspetta che la promessa venga mantenuta, che suo marito Peter torni dal fronte. Anche Nadine aspetta, ripensando a quell’amore tenero e spensierato sbocciato a Londra, sotto la neve d’inverno. Quello che prova per Riley è un amore impossibile, contrastato aspramente dai genitori di Nadine. Ed è proprio per conquistarli che Riley è partito per il fronte, quella guerra lampo che, dicevano tutti, sarebbe durata soltanto un inverno. Ma l’inverno si era sbagliato. Rose non ha tempo di aspettare. Infermiera in prima linea nel conflitto, ha visto troppi uomini feriti nel corpo quanto nell’anima aspettare soltanto una cosa, la morte. E c’è un filo sottile, fragile e capriccioso, fatto di messaggi dalla trincea, che Rosa ha visto troppe volte spezzarsi. Julia, Nadine e Rosa sanno che questa maledetta guerra è una lunga attesa, ma unite dalla medesima determinazione e dall’imprevedibilità del destino scopriranno che quest’attesa può essere interrotta solo in un modo: con il coraggio dei loro cuori.

L’INVERNO SI ERA SBAGLIATO

Louisa Young

Tutto lo sforzo che facciamo per dare ordine alla vita è un logorio costante, disperato, che usura i nervi, li sfianca, ma è necessario alla nostra sopravvivenza. "Le età della vita" è proprio questo, è il tentativo di dare ordine al caos, di riordinare i ricordi, le sensazioni, di prendere per le briglie una vita che è sempre sul limite di deragliare. Ambientato negli anni Ottanta a Roma, i fondali della narrazione sono il mercato ittico di via Ostiense, l'università La Sapienza e la metropoli romana. È in queste praterie urbane che il protagonista diventa funambolo della propria vita, mentre gli spazi vuoti vengono controbilanciati da svariate pressioni: il lavoro, l'università, una storia d'amore e l'intenso rapporto con Carmine, figura ai margini della società.Questo scenario acquisisce ulteriore forza grazie al doppio registro linguistico (romanesco e italiano) che ha la capacità di catapultare il lettore all'interno di ogni immagine descritta, dentro ogni inquadratura che viene proposta, nel cuore della narrazione. L'immersione è totale.

Le età della vita

Mantioni Paolo