Narrativa

IL DELFINO

Bambarén Sergio

Descrizione: A dieci anni dal grande successo de "Il delfino", Sergio Bambarén torna a narrare le avventure oceaniche di Daniel Alexander Dolphin, con un percorso che si svolge fra le onde del mare aperto e nelle profondità del mondo interiore di Daniel. Questa volta Daniel dovrà capire se la sua continua ricerca di pace interiore possa coniugarsi con il desiderio e la necessità di creare una famiglia e di accudire una nuova vita che sta per nascere.

Categoria: Narrativa

Editore: Sperling

Collana:

Anno: 1997

ISBN: 9788820045678

Trama

Le Vostre recensioni

Chi sei?” domandò senza indugio.

“Sono uno squalo e tu non dovresti rivolgermi la parola. Noi, i delfini ce li mangiamo. Dovresti aver paura di me”.
“Non ho paura di quello che non conosco”, gli rispose Daniel.
Lo squalo esitò: nessun delfino gli aveva mai risposto così.
“Che cosa ci fai qui tutto solo, lontano dagli altri tuoi simili?”.
“Seguo il mio sogno. Sto cercando l’onda perfetta
“.

(Tratto da Il delfino di Sergio Bambarén)

Con queste perle di saggezza Sergio Bambarén, scrittore australiano di origine peruviana, pubblica Il delfino, il suo primo romanzo, iniziando così a farsi conoscere ad apprezzare come “poeta dell’anima”. Amante della natura e del mare, scrive storie di vita e di amore tra gli elementi appartenenti a quei mondi, e le sue parole escono dal cuore e arrivano dirette all’anima dei suoi lettori.

Il primo romanzo di Bambarén, quello che lo ha reso famoso racconta la storia di Daniel Alexander Dolphin, un delfino che, determinato a non rinunciare ai suoi sogni, impara ad ascoltare quella voce che solo lui sente e quando arriva il momento, lascia il suo branco e intraprende un lungo viaggio attraverso gli oceani per cercare dentro se stesso il significato della sua vita, spinto dal suo amore per il mare e dall’onda dei suoi desideri. Non ha dubbi: sa che qualcosa al di là della barriera corallina lo attende invitandolo al salto che cambierà per sempre la sua vita. Abbandona le acque sicure, prende il largo, e, con stupore scopre, di non essere solo: creature sconosciute, ma messaggere di sublime saggezza, lo guideranno all’appuntamento con la sua onda perfetta.

Lo speciale protagonista di questo romanzo da subito sa farsi amare dai lettori, e l’autore narra le vicende del suo viaggio, tra sfide e voglia di inseguire il suo sogno, cercando di impartire lezioni di vita come possiamo estrapolare da questo meraviglioso passaggio: “Che cosa faresti se fossi in me? Abbandoneresti il tuo sogno per paura di morire o cercheresti almeno una volta di toccare il sole? Mi estinguerò nel tentativo di realizzare il mio proposito. In ogni caso è meglio che morire senza averci provato.” E sarà solo quando incontra l’onda perfetta, che Dolphin si accorgerà di aver scoperto il vero scopo della vita: dare un senso ad ogni istante, inseguire i sogni, perché solo così si è realmente felici!

Abile poeta, Bambarén, dalla sua penna fa uscire una scrittura fluida e delicata ed i suoi romanzi, storie di vita vissuta paragonabili a favole, sono intrisi di insegnamenti e piccole morali.

Chi ama la poesia dell’anima, non può non leggere un romanzo di questo scrittore. E chi sceglie un suo titolo, non può, poi, rinunciare a conoscere Dolphin, il suo primo personaggio protagonista de Il Delfino.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sergio

Bambarén

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bambarén Sergio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Leonardo Sciascia pubblico questo romanzo nel 1961. Allora, nelle parole dell'autore stesso, . La stessa parola mafia era usata con tutte le cautele e quasi di malavoglia. Eppure noi sappiamo che proprio in quegli anni avveniva la radicale trasformazione che sposto la mafia dal mondo agrario a quello degli appalti, delle commesse e di altre realta , non piu regionali ma nazionali e internazionali. Lo scrittore Sciascia irrompe dunque in questa realta come nominandola per la prima volta. Basta leggere la pagina iniziale del Giorno della civetta per capire che essa finalmente cominciava a esistere nella parola. Sciascia sottopose il testo a un delicato lavoro di limatura, riducendolo ai tratti essenziali con l'arte del : e, visto a distanza di anni, tale lavoro si rivela piu che mai un'astuzia dell'arte. Qui infatti Sciascia ha scoperto, una volta per tutte, quel suo inconfondibile modo di narrare che non si concede ambagi e volute, ma fissa lo sguardo sempre e soltanto sulle nervature del significato, fossero anche in un minimo gesto o dettaglio. In questo senso, se Il giorno della civetta e diventato il romanzo piu popolare di Sciascia, e anche perche lo rappresenta in una forma che, nel piu piccolo spazio, raggiunge la massima densita.

Il giorno della civetta

Sciascia Leonardo

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Ossigeno

Christiano Cerasola

Dodecamenos/inverno

Giuliani Rania