Giallo - thriller - noir

Il delitto di via Filodrammatici

Bezzon Emiliano

Descrizione: La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente "in crescendo" sembra fermarsi in riverente pausa davanti alla sacralità del tempio mondiale della Lirica, il Teatro alla Scala, e alla quiete della casa di riposo Giuseppe Verdi, dove anziani musicisti vivono di musica e di ricordi. Ma quel mondo apparentemente rarefatto nasconde storie di invidie, sesso, denaro, potere e tradimenti: l'assassinio "quasi perfetto" del potente sovrintendente è come un terremoto che sconquassa la superficie patinata e porta alla luce quel sommerso di odio e intrighi. Il sovrintendente viene trovato di prima mattina dal suo segretario particolare nel suo studio, riverso sulla scrivania, privo di vita, senza una goccia di sangue. Ma i primi rilievi tolgono subito ogni dubbio: non si tratta di morte accidentale. La scottante indagine viene affidata alla giovane e determinata capitana dei carabinieri Doriana Messina. Single per sofferta scelta in nome dell'Arma, la capitana è amata e stimata dai suoi stretti collaboratori, ma deve invece destreggiarsi tra le invidie di colleghi che la vedono come ostacolo alla loro carriera, e le avance più o meno esplicite di uomini che non vogliono perdersi l'esperienza della donna in divisa, magari con il valore aggiunto di manette e pistola. A Doriana si affianca come consulente del PM la psicologa e amica Giorgia del Rio con cui ha collaborato nel corso di una precedente indagine. Grazie a lei e ai racconti della sua anziana amica musicista che vive a Casa Verdi, si scopre che in quei giorni...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Tascabili. Noir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434228

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Il delitto di via Filodrammatici. La nuova indagine di Giorgia del Rio e Doriana Messina di Emiliano Bezzon

Emiliano Bezzon, dopo aver pubblicato con successo Il manoscritto perduto di Siddharta  e la raccolta di racconti I delitti della città in un giardino, torna sulla scena letteraria con Il delitto di via Filodrammatici, un giallo dalle atmosfere di grande fascino, rarefatte, sull’onda di un tema principale: il mondo della musica classica. La storia infatti è ambientata a Milano, città che si rivela essere ben conosciuta nei dettagli dallo stesso autore ( “La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente in crescendo”).

In tale atmosfera, un fatto tragico sconvolge la metropoli: nel tempio mondiale della lirica, il Teatro della Scala, il potente sovrintendente viene trovato morto dal suo segretario particolare. Quest’ultimo è un uomo ambiguo, deluso e oltraggiato nell’intimo: “Per anni aveva tentato di diventare un musicista professionista senza riuscirvi. (…) La Scala era la sua vita ma si sentiva come un amante fedele tradito, e il suo amore per la musica era ormai sopraffatto dal livore e dall’odio per gli artisti, baciati dal successo e dalla ricchezza.”

In modo fin troppo ovvio i sospetti si concentrano sulla sua persona. Ma a condurre l’indagine è la capitana Doriana Messina, che non si accontenta di una soluzione che pare essere confezionata ad hoc. Lei è una donna capace, molto stimata anche dai collaboratori, sempre con i “capelli castano scuro che scendevano morbidi fino alle spalle, proteggendo il collo dritto, sempre nella posizione di chi è abituato a tenere la testa alta. (…) Doriana Messina era nota per la sua indiscutibile bravura investigativa, ma anche per la sua proverbiale permalosità, che diventava intolleranza quando era nervosa o in ritardo.”

Insieme a lei una consulente d’eccezione: la psicologa Giorgia De Rio, “elegante, ma non eccessivamente ricercata nel vestire, curata ma non appariscente nell’aspetto Giorgia sprizzava curiosità da ogni sguardo.”

Psicologa e capitana iniziano un’investigazione condotta con perizia e metodo, che si addentra in molti lati oscuri e segreti, con colpi di scena che sconvolgono e ribaltano i risultati raggiunti: ad esempio, viene ritrovata una partitura del Re Lear, e ciò  è un “buon motivo di tensione e forse, addirittura, un movente per uccidere.”

La lettura è avvincente e viene condotta con mano esperta e sapiente dall’autore, che dimostra di conoscere a menadito i meccanismi e le regole dell’investigazione (“Il punto di vista è fondamentale. Capire da dove guardare un oggetto o una scena è essenziale a coglierne tutti i dettagli o, almeno, quelli più interessanti”).

Scritto con prosa fluida e ricercata, il testo risponde bene alle caratteristiche del genere a cui appartiene. Elaborato con  puntigliosità e sapienza narrativa, il libro ben bilancia le descrizioni ambientali con quelle dei personaggi, nel rispetto di una trama coinvolgente e di fascino. Nel lettore vengono suscitate emozioni vivide sotto lo sguardo sornione e severo del buon Giuseppe Verdi, che tutto vede e tutto sa. Il finale inaspettato è di grande raffinatezza e stupisce nel profondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emiliano

Bezzon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezzon Emiliano

Dall’incipit del libro: Una dedicatoria a un becchino? — E perchè no? Non è egli forse un uomo come un altro e — non ve l’abbiate a male — non può egli essere un galantuomo par vostro e mio? Anzi — e sarei pronto a giurarlo sul Vangelo —, ei valeva assai più di tanti e tanti che han titolo di baccelliere, e magari di dottore, i quali col nastrino all’occhiello dell’abito, sono saliti tant’alto da credere che gli onesti non li ravvisino più per quel ch’e’sono: barattieri solenni. Dico perciò che, se aveste conosciuto quel povero becchino, lo avreste, come me, amato e, aggiungo anche, onorato. Io, allora, ero quasi fanciullo; ma quando il brav’uomo morì, portavo già i peli del labbro superiore arricciati dispettosamente all’insù con quella boria de’ vent’anni, che sarebbe molto ridicola, se non fosse altrettanto innocente. Di quel tempo certi fumi si guardan con occhio benevolo, avvegnachè, più o meno, li abbiamo avuti tutti, quei fumi; e, invero, quella è proprio l’età delle leggerezze e delle scappatelle, le quali — ove non passino la misura o il segno — meritano sempre benevolo perdono. A quei giorni io credo che Tomaso Giona, soprannominato il Griso, andasse oltre i sessant’anni; e tuttavia quel numero di pasque se le portava bene.

La leggenda del Buranco

Maineri Baccio Emanuele

In "Storie della preistoria", Moravia narra le avventure e disavventure di una grande folla di animali umanizzati. O meglio: di uomini che si nascondono dietro una maschera animalesca. Ma le sue storie, libere da schematismi e da certezze usurate dal tempo, si propongono piane, efficaci, più spesso esilaranti, per una lettura accattivante e per un'interpretazione autonoma e personalissima.

Storie della preistoria

Moravia Alberto

Casa desolata

Dickens Charles

"Per i Supernotes si può morire, in spregio a qualsiasi legge, in barba a qualsiasi regola o accordo. Per i Supernotes si può finire all'inferno." Ma cosa sono i Supernotes? Dollari "falsi ma autentici" che circolano in notevoli quantità in alcuni Paesi, Stati "canaglia". "Segui i soldi" diceva il giudice Giovanni Falcone, e proprio per seguire i soldi gli americani chiedono un favore all'alleato italiano. C'è un agente - Kasper - un ex carabiniere che ha operato per il ROS, ex pilota militare, poi passato ai Servizi, infiltrato in Cambogia per indagare sui traffici orientali delle mafie italiane. Kasper è già stato protagonista di clamorose azioni anti narcos, come quando - da agente sotto copertura - ha fatto saltare un'intera organizzazione tra la Colombia e l'Italia. Kasper ha le esperienze e le conoscenze giuste. Indagando su chi stampa questo fiume di denaro, Kasper finirà all'inferno, nel campo di concentramento di Prey Sar, in Cambogia. Ma se gli aguzzini sono gli ex-khmer rossi, chi ha dato l'ordine di imprigionarlo? E perché le autorità internazionali (incluse quelle italiane) nascondono la vicenda? In questo libro Luigi Carletti raccoglie la testimonianza dell'agente Kasper e getta luce su uno dei segreti meglio custoditi dall'intelligence occidentale. Quel che ne esce è un romanzo di spionaggio internazionale. Con un unico difetto: è tutto vero.

Supernotes

Carletti Luigi Agente Kasper