Giallo - thriller - noir

Il delitto di via Filodrammatici

Bezzon Emiliano

Descrizione: La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente "in crescendo" sembra fermarsi in riverente pausa davanti alla sacralità del tempio mondiale della Lirica, il Teatro alla Scala, e alla quiete della casa di riposo Giuseppe Verdi, dove anziani musicisti vivono di musica e di ricordi. Ma quel mondo apparentemente rarefatto nasconde storie di invidie, sesso, denaro, potere e tradimenti: l'assassinio "quasi perfetto" del potente sovrintendente è come un terremoto che sconquassa la superficie patinata e porta alla luce quel sommerso di odio e intrighi. Il sovrintendente viene trovato di prima mattina dal suo segretario particolare nel suo studio, riverso sulla scrivania, privo di vita, senza una goccia di sangue. Ma i primi rilievi tolgono subito ogni dubbio: non si tratta di morte accidentale. La scottante indagine viene affidata alla giovane e determinata capitana dei carabinieri Doriana Messina. Single per sofferta scelta in nome dell'Arma, la capitana è amata e stimata dai suoi stretti collaboratori, ma deve invece destreggiarsi tra le invidie di colleghi che la vedono come ostacolo alla loro carriera, e le avance più o meno esplicite di uomini che non vogliono perdersi l'esperienza della donna in divisa, magari con il valore aggiunto di manette e pistola. A Doriana si affianca come consulente del PM la psicologa e amica Giorgia del Rio con cui ha collaborato nel corso di una precedente indagine. Grazie a lei e ai racconti della sua anziana amica musicista che vive a Casa Verdi, si scopre che in quei giorni...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Frilli

Collana: Tascabili. Noir

Anno: 2020

ISBN: 9788869434228

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Il delitto di via Filodrammatici. La nuova indagine di Giorgia del Rio e Doriana Messina di Emiliano Bezzon

Emiliano Bezzon, dopo aver pubblicato con successo Il manoscritto perduto di Siddharta  e la raccolta di racconti I delitti della città in un giardino, torna sulla scena letteraria con Il delitto di via Filodrammatici, un giallo dalle atmosfere di grande fascino, rarefatte, sull’onda di un tema principale: il mondo della musica classica. La storia infatti è ambientata a Milano, città che si rivela essere ben conosciuta nei dettagli dallo stesso autore ( “La Milano del dopo Expo, dei grattacieli e del nuovo skyline, la Milano dal ritmo continuamente in crescendo”).

In tale atmosfera, un fatto tragico sconvolge la metropoli: nel tempio mondiale della lirica, il Teatro della Scala, il potente sovrintendente viene trovato morto dal suo segretario particolare. Quest’ultimo è un uomo ambiguo, deluso e oltraggiato nell’intimo: “Per anni aveva tentato di diventare un musicista professionista senza riuscirvi. (…) La Scala era la sua vita ma si sentiva come un amante fedele tradito, e il suo amore per la musica era ormai sopraffatto dal livore e dall’odio per gli artisti, baciati dal successo e dalla ricchezza.”

In modo fin troppo ovvio i sospetti si concentrano sulla sua persona. Ma a condurre l’indagine è la capitana Doriana Messina, che non si accontenta di una soluzione che pare essere confezionata ad hoc. Lei è una donna capace, molto stimata anche dai collaboratori, sempre con i “capelli castano scuro che scendevano morbidi fino alle spalle, proteggendo il collo dritto, sempre nella posizione di chi è abituato a tenere la testa alta. (…) Doriana Messina era nota per la sua indiscutibile bravura investigativa, ma anche per la sua proverbiale permalosità, che diventava intolleranza quando era nervosa o in ritardo.”

Insieme a lei una consulente d’eccezione: la psicologa Giorgia De Rio, “elegante, ma non eccessivamente ricercata nel vestire, curata ma non appariscente nell’aspetto Giorgia sprizzava curiosità da ogni sguardo.”

Psicologa e capitana iniziano un’investigazione condotta con perizia e metodo, che si addentra in molti lati oscuri e segreti, con colpi di scena che sconvolgono e ribaltano i risultati raggiunti: ad esempio, viene ritrovata una partitura del Re Lear, e ciò  è un “buon motivo di tensione e forse, addirittura, un movente per uccidere.”

La lettura è avvincente e viene condotta con mano esperta e sapiente dall’autore, che dimostra di conoscere a menadito i meccanismi e le regole dell’investigazione (“Il punto di vista è fondamentale. Capire da dove guardare un oggetto o una scena è essenziale a coglierne tutti i dettagli o, almeno, quelli più interessanti”).

Scritto con prosa fluida e ricercata, il testo risponde bene alle caratteristiche del genere a cui appartiene. Elaborato con  puntigliosità e sapienza narrativa, il libro ben bilancia le descrizioni ambientali con quelle dei personaggi, nel rispetto di una trama coinvolgente e di fascino. Nel lettore vengono suscitate emozioni vivide sotto lo sguardo sornione e severo del buon Giuseppe Verdi, che tutto vede e tutto sa. Il finale inaspettato è di grande raffinatezza e stupisce nel profondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Emiliano

Bezzon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bezzon Emiliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Opera d'esordio, pubblicata in Giappone nel 1944. Nucleo centrale dei racconti è il desiderio che sottile e struggente si insinua nel cuore dei personaggi, i quali creano in se stessi un mondo onirico e psicologico, alternativo a quello reale.

La foresta in fiore

Mishima Yukio

Alchimia e poesia, o meglio poesia alchemica, questo ciò che "Quore" offre al lettore. Versi dal sapore ermetico a volte criptico che inducono ad un arduo lavoro di introspezione e di sgrossamento. Un percorso alchemico appunto fatto di varie fasi fino alla scoperta e la conoscenza del proprio vero sé.

Quore

Spinosa Claudio

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall'inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un'oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque... Droghe illegali, stimmate divine, tesi gnostiche, Barbie Dolls: "Le tre stimmate di Palmer Eldritch" è tutto questo e in piú una grandiosa storia di invasione della Terra.

LE TRE STIMMATE DI PALMER ELDRITCH

Dick Philip K.

Monique ha sempre creduto nel suo matrimonio. Soprattutto, ha sempre creduto nel suo ruolo di moglie: muoversi sicura per casa, gestire la vita familiare, provvedere agli altri con la certezza di essere necessaria. Ma è bastata una frase di Maurice: "C'è una donna". E se Monique è tradita dal marito, la madre di Philippe lo è dal figlio, che al progressismo materno preferisce lo spirito pratico e conservatore della moglie. Murielle, invece, non ha né mariti né figli con cui scontrarsi: due matrimoni finiti male e il suicidio della figlia la condannano a una solitudine che la rende cruda e volgare, astiosa verso il mondo e verso un Dio che forse non c'è. Tre racconti, tre donne, tre crisi.

Una donna spezzata

De Beauvoir Simone