Letteratura femminile

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Descrizione: L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: ET Scrittori

Anno: 2010

ISBN: 9788806188818

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Fa sempre un po’ sorridere il tentativo diffuso di ordinare i testi di Tanizaki Jun’ichiro secondo una classifica di gradimento interna alla sua narrativa.

Mai, come nel caso di questo autore, ciascuno dei testi sembra costituire un universo a sé stante, retto da un solido nucleo di motivazioni intrinseche alla narrazione ed estrinseche alla stessa, che rifuggono ad ogni tipo di tassonomia.

Il motivo che rende interessante un testo apparentemente insulso, quasi banale, come Il Demone, breve racconto datato 1912, è il tentativo del maestro di confrontarsi con la letteratura europea, in particolar modo inglese, del tardo Ottocento. Ne risulta un racconto ibrido, in cui la tradizionale prosa giapponese, didascalica e sofisticata, assume nuance quasi gotiche e decadenti, ispirate ai testi di Edgar Allan Poe e Oscar Wilde.

La trama lenta, statica, dal finale fin troppo scontato, non toglie elementi al pathos della narrazione, che in poche pagine intreccia le vite di Saiko, Teruko e Suzuki in una spirale di ossessioni, desideri e minacce che rendono difficile individuare quale, tra i tre personaggi, sia il demone annunciato dal titolo.

Giovane studente universitario che ha già un rapporto difficile e morboso con il mondo, Saeki vive a Tokyo ospite della zia e della bella, lasciva e maliziosa cugina Teruko, che decide di conquistarlo senza ammettere alcun tipo di rifiuto. Al crescere della passione tra i due si oppone Suzuki, secondo studente ospite della casa, innamorato e ossessionato da Teruko, che lo ha rifiutato.

Il finale, annunciato sin dai toni morbosi e angoscianti delle prime pagine, non rende meno interessante l’esperimento di contaminazione di Tanizaki, che indaga negli anfratti di una passione e nelle sue conseguenze mortali, riproducendo, attraverso la sua narrazione, quello stesso meccanismo di restringimento, oppressione e chiusura che accompagna ogni tipo di follia. Una Tokyo opprimente e afosa fa da sfondo alla fuga di Saiko dalla realtà e alla sua vita da semirecluso tra le pareti della sua stanza, nella quale si consumano le passioni, ma anche la quasi totalità dei dialoghi, dei pensieri e delle ossessioni sue e degli altri personaggi. Non è un caso che, nella contrapposizione tra spazi chiusi e aperti, la vicenda trovi il suo epilogo in giardino, dove, il frusciare delle foglie di yatsude annuncerà la presenza dell’assassino, fuggito alla follia della casa ma non ancora riconciliato con le convenzioni, le regole e le buone pratiche della società civile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tanizaki

Jun'ichirō

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jun'ichirō Tanizaki

Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Il grande male

Simenon Georges

6 domande a giovani poeti su Pier Paolo Pasolini è un’inchiesta, una ricognizione sul rapporto fra la giovane poesia italiana, rappresentata da 18 poeti del nord, del centro e del sud della penisola, e il pensiero, la produzione artistica e letteraria, la poesia di Pier Paolo Pasolini, a cento anni dalla nascita. 18 giovani poeti, nati fra il 2001 e il 1984, sorprendono per acume e intelligenza critica, rispondendo alle 6 domande, formulate seguendo la lezione moraviana delle indagini di «Nuovi Argomenti». Un volume per tornare alla poesia di Pier Paolo Pasolini, cogliendo, attraverso lo sguardo limpido e la voce chiara di giovani poeti, la presenza fastidiosa del Poeta delle Ceneri e la sua disperata inattualità, che è nello stupore di un uomo innamorato dell’antico barbarico, e si volge al nostro presente, più contemporaneo di ogni contemporaneo.

Pier Paolo Pasolini – 6 domande a giovani poeti

Favaro Angelo

Questa antologia contiene gli autori che hanno aderito all'iniziativa editoriale e che hanno partecipato alle sezioni Racconto Breve Inedito e Poesia Inedita del Premio Letterario il Borgo Italiano 2021, la cui cerimonia di premiazione è stata ospitata dal borgo di Lanzo Torinese.

Il borgo italiano

AA. VV.

Il conte Neville, aristocratico belga decaduto, è costretto a vendere il suo magnifico castello nelle Ardenne. Prima di uscire di scena, per celebrare l'onore della famiglia, decide di organizzare una lussuosissima festa di addio. Ma nei giorni che precedono l'evento Sérieuse, la sua figlia più giovane, fugge di casa e si nasconde nella foresta. A trovarla è una misteriosa chiaroveggente e sarà costei, dopo aver avvertito il conte del ritrovamento della ragazza, a fargli una spaventosa profezia: "Durante il ricevimento, lei ucciderà un invitato." Il conte Neville, ossessionato da queste parole, dovrà trovare un modo per sfuggire al suo tragico destino. Riprendendo Oscar Wilde e la tragedia greca Amélie Nothomb gioca con la letteratura e con l'intelligenza dei lettori, fornendo come al solito una sua personale versione dei miti.

Il delitto del conte Neville

Nothomb Amèlie