Letteratura femminile

IL DEMONE

Jun'ichirō Tanizaki

Descrizione: L'erotismo morboso e ossessivo, l'atmosfera di mistero e di angoscia, il gusto per il perverso e il sinistro, che caratterizzano l'opera, specie quella giovanile, del grande scrittore giapponese, sono magistralmente rappresentati in questo racconto del 1912. Il demone ci mostra l'influenza che ebbero su Tanizaki i grandi maestri del decadentismo europeo, da Poe a Wilde, e ci illumina sulle origini del tema decisivo di tutta la sua produzione: l'attrazione per la donna bella e crudele il cui desiderio piú forte è umiliare e annientare l'uomo, il quale a sua volta trova in questo il piacere piú estremo.

Categoria: Letteratura femminile

Editore: Einaudi

Collana: ET Scrittori

Anno: 2010

ISBN: 9788806188818

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Fa sempre un po’ sorridere il tentativo diffuso di ordinare i testi di Tanizaki Jun’ichiro secondo una classifica di gradimento interna alla sua narrativa.

Mai, come nel caso di questo autore, ciascuno dei testi sembra costituire un universo a sé stante, retto da un solido nucleo di motivazioni intrinseche alla narrazione ed estrinseche alla stessa, che rifuggono ad ogni tipo di tassonomia.

Il motivo che rende interessante un testo apparentemente insulso, quasi banale, come Il Demone, breve racconto datato 1912, è il tentativo del maestro di confrontarsi con la letteratura europea, in particolar modo inglese, del tardo Ottocento. Ne risulta un racconto ibrido, in cui la tradizionale prosa giapponese, didascalica e sofisticata, assume nuance quasi gotiche e decadenti, ispirate ai testi di Edgar Allan Poe e Oscar Wilde.

La trama lenta, statica, dal finale fin troppo scontato, non toglie elementi al pathos della narrazione, che in poche pagine intreccia le vite di Saiko, Teruko e Suzuki in una spirale di ossessioni, desideri e minacce che rendono difficile individuare quale, tra i tre personaggi, sia il demone annunciato dal titolo.

Giovane studente universitario che ha già un rapporto difficile e morboso con il mondo, Saeki vive a Tokyo ospite della zia e della bella, lasciva e maliziosa cugina Teruko, che decide di conquistarlo senza ammettere alcun tipo di rifiuto. Al crescere della passione tra i due si oppone Suzuki, secondo studente ospite della casa, innamorato e ossessionato da Teruko, che lo ha rifiutato.

Il finale, annunciato sin dai toni morbosi e angoscianti delle prime pagine, non rende meno interessante l’esperimento di contaminazione di Tanizaki, che indaga negli anfratti di una passione e nelle sue conseguenze mortali, riproducendo, attraverso la sua narrazione, quello stesso meccanismo di restringimento, oppressione e chiusura che accompagna ogni tipo di follia. Una Tokyo opprimente e afosa fa da sfondo alla fuga di Saiko dalla realtà e alla sua vita da semirecluso tra le pareti della sua stanza, nella quale si consumano le passioni, ma anche la quasi totalità dei dialoghi, dei pensieri e delle ossessioni sue e degli altri personaggi. Non è un caso che, nella contrapposizione tra spazi chiusi e aperti, la vicenda trovi il suo epilogo in giardino, dove, il frusciare delle foglie di yatsude annuncerà la presenza dell’assassino, fuggito alla follia della casa ma non ancora riconciliato con le convenzioni, le regole e le buone pratiche della società civile.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tanizaki

Jun'ichirō

Libri dallo stesso autore

Intervista a Jun'ichirō Tanizaki


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

KITCHEN

Yoshimoto Banana

Farfalla

Poker Faces

Luca Moricca

All'era dei pirati della finanza e dell'industria, degli imperi economici costruiti sui campi di battaglia è succeduto lo scenario desolante degli anni Trenta: la borsa in caduta libera, la crisi, la disoccupazione, e "tutti quegli scandali ignobili, quei processi, quei tracolli privi di grandezza"... Come molti della sua generazione, Christophe Bohun non ha né ambizioni, né speranze, né desideri, né nostalgie. È un modesto impiegato nell'azienda che suo padre, il Bohun dell'acciaio, il Bohun del petrolio, è stato costretto, dopo un clamoroso fallimento, ad abbandonare nelle mani del socio. Si lascia svogliatamente amare da una moglie di irritante perfezione e da una cugina da sempre innamorata di lui. "È la pedina" annota la Némirovsky sulla minuta del romanzo "che viene manovrata sulla scacchiera, che per due o tremila franchi al mese sacrifica il suo tempo, la sua salute, la sua anima, la sua vita". Alla morte del padre, però, Christophe trova in un cassetto, bene in evidenza, una busta sigillata: dentro, un elenco di parlamentari, giornalisti, banchieri a cui, nel tentativo di evitare il crac, il vecchio Bohun aveva elargito somme ingenti affinché spingessero il governo ad accelerare i preparativi bellici. Riuscirà questo bruciante retaggio, questa potenziale arma di ricatto, e di riscatto, a scuotere Christophe dal suo "cupo torpore"? Difficile trovare un romanzo così puntualmente applicabile a temi e fatti di ottant'anni dopo.

Una pedina sulla scacchiera

Némirovsky Irène