Narrativa

IL DIARIO PERDUTO DI JANE AUSTEN

James Syrie

Descrizione: "Quelli che leggono i miei romanzi potrebbero chiedersi come può una donna, che nella sua vita non è mai stata nemmeno corteggiata e che non ha mai provato la meravigliosa sintonia di anima e corpo che unisce due persone, pretendere di scrivere sull'amore. La mia risposta è che una mente astuta e un occhio attento, uniti a una fervida immaginazione, possono creare qualsiasi tipo di illusione letteraria. La verità è che ho conosciuto un uomo che mi ha fatto provare realmente le profonde emozioni che descrivevo nei miei libri, che ha risvegliato la mia anima, da lungo tempo ormai sopita. Di quest'uomo non ho mai potuto parlare, ho dovuto relegare il mio amore per lui in un angolo nascosto del mio cuore e bandirlo per sempre. Io, però, non l'ho dimenticato." E se la vita di Jane Austen non fosse stata esattamente come ce l'hanno raccontata? Se dietro ai personaggi indimenticabili di Mr. Darcy, Willoughby ed Edward Ferrars si nascondesse un uomo reale? C'è un solo scritto che riporta questa storia mai dimenticata, per Jane fu il più intimo, il più vero: il suo diario.

Categoria: Narrativa

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2008

ISBN: 9788838468766

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Un romanzo senza troppe pretese che fa rivivere degnamente l’autrice di “Orgoglio e Pregiudizio”, ricalcandone, in parte, anche lo stile

Syrie James descrive gli umori e le insicurezze della giovane scrittrice imbrigliata in una società austera, utilizzando l’espediente di un diario scritto dalla stessa Austen e ritrovato per caso.

Jane Austen rifiutò diverse proposte di matrimonio e restò nubile. Tuttavia, l’amore è un tema centrale nei suoi scritti, e questo ha fatto nascere varie leggende su un fantomatico uomo amato in segreto e per lei fonte di ispirazione.

Il Lord Ashford creato dalla fantasia di Syrie James sintetizza proprio i personaggi maschili delle storie raccontate da Jane Austen e ricambia il suo sentimento. La storia, però, non avrà un lieto fine…

Belle ed intense le pagine dedicate al mondo femminile dell’epoca, soprattutto le confidenze e le chiacchierate intime con la sorella Cassandra.

L’inizio è meno entusiasmante, ma la narrazione risulta sempre piacevole.

Voto: 7

 “Quella notte, appena fui sicura che Cassandra stesse dormendo, accesi una candela, feci scivolare uno scialle sulle spalle, tirai fuori il più silenziosamente possibile da sotto il letto la cassetta dove tenevo gelosamente i miei scritti e vi rovistai dentro senza far rumore, guardando uno per uno i miei lavori con affetto. Ritenevo che, per i contenuti, alcuni fossero superiori agli altri; uno o due non andavano affatto bene; altri (i tre volumi di opere giovanili che avevo diligentemente messo in bella copia a imitazione dei libri a stampa, completi di titolo e frontespizio) erano solo tentativi inconsistenti e puerili, e non avevano altro valore se non quello del piacevole ricordo che mi procuravano. Eppure in un modo o nell’altro li sentivo tutti come figli miei, poiché avevo trascorso una considerevole parte della mia esistenza insieme ad essi”.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Syrie

James

Libri dallo stesso autore

Intervista a James Syrie


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni '60 (che compra e distrugge in bizzarre gare amatoriali) è convinto di essere uno scrittore di talento incompreso. Il riconosci-mento economico e letterario arriverà quando, sotto pseudonimo, comincerà a pubblicare thriller da autogrill, Potrebbe finalmente scappare da Milano, dalla madre rompiballe e dal fratello artista con cui vive, ma un infarto improvviso stravolge ogni piano. Da un ospedale di periferia Franco si ritrova a dover ripensare la propria vita. Con lui, un agguerrita gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della condizione umana. Un romanzo egregiamente scritto per chi nella vita non riesce a sfondare, anche per cause "contingenti". Perché solo uno spirito illuminato sa scherzare sulla propria morte.

Grandi momenti

Krauspenhaar Franz

Le due amiche d'infanzia Margaret e Letty, entrambe trentacinquenni, sono molto insoddisfatte della propria vita. Margaret decide di dare una svolta alla sua esistenza licenziandosi dal lavoro per dedicarsi anima e corpo alla scrittura, certa di diventare un'autrice di bestseller. Letty, madre di quattro figli, stretta nella morsa della quotidianità, approfittando della promozione del marito, concentra tutti i suoi sforzi nell'apparire e nel farsi accettare dalla "high society" di Los Angeles. Ma Margaret, che non ha una vera storia da raccontare, quasi inconsciamente inizia piano piano a rubare all'amica i suoi momenti di vita per trasporli a sua insaputa nel suo romanzo.

TUTTO É VANITÁ

Schwarz Christina

Tasso è un uomo con un piolo conficcato in testa, un po' lento (direbbe sua madre), ma molto sensibile alle attenzioni della signora Pilar. Anchise è disposto a pagare di tasca propria per poter continuare a suonare ogni sabato con la sua band, e scambiare quello sguardo di profondissima intesa con Diana, la bassista, prima che lei torni dal marito. E poi c'è una Polaroid che a un certo punto comincia a catturare non solo le immagini ma anche i pensieri, e una sala d'attesa in cui perdere la cognizione del tempo mentre aspetti invano che l'Assegnatore chiami il tuo numero. Insomma, questi racconti - cosi diversi fra loro e cosi inseparabili, quasi una classe scolastica eterogenea ma affiatata - sono un tripudio di fantasia e vividezza. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura di Ligabue: la cornice surreale e la musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l'amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell'abbandono, nell'accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare la loro - e la nostra - quotidiana spettacolare magia.

Scusate il disordine

Ligabue, Luciano

Christophe Douvier è un corriere di diamanti per la multinazionale olandese De Weld. Dopo anni di irreprensibile lavoro ha deciso che quello alle miniere del Botswana sarà l'ultimo incarico. Non ha più tempo da perdere. Per lui non c'è più speranza. La diagnosi del suo medico non concede aspettative: tumore al polmone. C'è una sola cosa che Christophe Douvier vuole fare: assicurare un avvenire sereno a Isabeau, l'amata sorella. Come le altre volte ritira il prezioso carico, stavolta però con l'obiettivo di farlo sparire. Prima di lasciare il Sudafrica però Douvier, surfista appassionato, vuole realizzare un ultimo desiderio. Una spiaggia di Durban è il posto giusto per l'ultima sfida alle onde. Ma il destino si materializza sotto forma di uno squalo, pronto a sovvertire ogni verità creduta e ad accendere la miccia di un complotto che vede coinvolti gli spietati vertici della De Weld, una branca deviata dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il popolo di un'isola misteriosa della Polinesia e uno spietato mercenario - Chimera - al soldo del miglior offerente.

IL PAZIENTE ZERO

Zarini Gianpaolo