Classici

Il disprezzo

Moravia Alberto

Descrizione: Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845245374

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dopo L’amore coniugale (1949) Alberto Moravia analizza un’altra relazione coniugale ne Il disprezzo (1954): quella tra Riccardo Molteni ed Emilia (“Mentre mi è possibile indicare con esattezza l’inizio della mia carriera di sceneggiatore, ossia la serata in casa di Battista, mi è molto difficile dire con la stessa precisione quando i miei rapporti con mia moglie incominciarono a peggiorare”).

Di fronte a un segnale esplicito (“Non ti offendi mica se dormo sul divano-letto, di là?”), il tormentato Molteni (“Mi iscrissi al partito comunista”) comincia a riflettere (“Non so se ella si fosse illusa di esaudire i suoi sogni casalinghi con il nostro matrimonio”) e tenta di illudersi (“Ma io l’amavo e c’è nell’amore una grande capacità, non soltanto d’illusione, ma anche di dimenticanza”) nonostante la crisi professionale che lo investe (“Lo sceneggiatore, dunque, è l’uomo che rimane sempre nell’ombra”).

L’indagine ossessiva (“La prima fase, quella del sospetto, era finita… presto sarebbe cominciata quella del dolore, della rivolta e del rimorso”) assilla il protagonista (“Potevo dunque… rivolgere la mente ad un nuovo problema, quello del motivo del suo disamore”), che intravede un possibile lenitivo nella proposta del produttore Battista (“Pensai… che un soggiorno a Capri, in una bella villa, avrebbe potuto forse risolvere molte cose”), che però racchiude una tragica coincidenza (“Un film sui rapporti psicologici tra Ulisse e Penelope… Io intendo fare un film su un uomo che ama sua moglie e non ne è riamato”).

A p. 112 la conferma di un dubbio che si è trascinato per metà romanzo: “Io ti disprezzo… ecco quello che provo per te, ed ecco il motivo per cui non ti amo più… Ti disprezzo e mi fai schifo ogni volta che mi tocchi… Eccola la verità…”

Come sempre, quando un’eventualità (un timore) si tramuta in certezza (“Il disprezzo era nato dal rapporto diuturno dei nostri due caratteri, fuori di ogni prova importante e riconoscibile, allo stesso modo che si definisce la purezza preziosa di un metallo prezioso al contatto con la pietra di paragone”), la disperazione dilaga (“E capii che l’uomo disprezzato non può né deve trovare pace finché il disprezzo dura”), ci si tormenta e ci si interroga (“Una viltà per così dire costituzionale, dovuta non già alla condotta, ma alla natura”), si spera in un capovolgimento che non avviene (“Perché non sei un uomo”), non vi è pace  (“Per un momento ascoltai il silenzio profondo del luogo, così diverso da quello della città che, pur quando è completo, pare sempre conservare in qualche modo la lacerazione e l’indolenzimento dei rumori passati… Non era… un silenzio pieno di vita benché completo, ma un silenzio dal quale qualche cosa di vitale era stato sottratto”).

Il dramma di Molteni si staglia sulle discussioni con il produttore Battista  (“Battista, con la sua forza animalesca e i suoi successi grossolani”) e il regista Rheingold (“Ulisse è l’uomo civilizzato, Penelope è la primitiva”).

Il finale è tragico e metafisico, lo stile di Moravia è magistrale (“Allo stesso modo, pensai ad un tratto, la mosca a cui un bambino crudele ha strappato la testa sembra per qualche tempo non risentire alcun effetto della mutilazione e passeggia, si pulisce le zampe, prima di abbattersi e morire”), la conclusione spiazzante nella sua ovvietà (“Creare una volta di più il miracolo dell’amore che per esistere deve non soltanto accendersi nel nostro cuore ma anche in quello altrui”).

Bruno Elpis

______________________________

Dal romanzo, il film di Godard

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un ufficiale che diserta e intraprende un viaggio attraverso l'Italia devastata dalla guerra. Una ragazza di buona famiglia che diventa una partigiana pronta a uccidere un fascista dopo l'altro. Un ingegnere aeronautico che si nasconde in attesa che passi la bufera. Matteo, sua sorella Adele, il cognato Aldo: sono i personaggi di "In territorio nemico", tre giovani separati dalla guerra che, dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943, cercano di ritrovarsi in un paese in preda al caos. Nei venti mesi terribili dell'occupazione nazista, i tre protagonisti faranno esperienza della battaglia, dell'isolamento, dell'amore, del conflitto con se stessi, fino ad affrontare la prova più difficile: scegliere da che parte stare mentre la morte li minaccia a ogni passo. "In territorio nemico" è una nuova epica della Resistenza. Un'epopea corale resa possibile dal lavoro di oltre cento scrittori e ispirata alle testimonianze di chi la guerra l'ha vissuta e non ha cessato di raccontarla. Un romanzo vivo e toccante che, tenendo ben presente l'eredità di Fenoglio, Malaparte e Calvino, apre una rinnovata prospettiva sull'esperienza tragica e fondativa della seconda guerra mondiale in Italia.

In territorio nemico

Francesco è un quarantenne che si è appena lasciato, a un passo dalle nozze. Una mattina di primavera, mentre passeggiando a San Gimignano cerca di riafferrare il senso della sua vita, incontra un signore francese con il quale entra subito in sintonia e che gli propone di lavorare per lui, presso la sua azienda vinicola in Borgogna. Quella per la Francia è una passione che Francesco ha sempre coltivato. Si trova quindi di fronte alla possibilità di realizzare veramente il sogno di una vita. Così lascia il suo lavoro e si trasferisce pieno di entusiasmo. Le sue aspettative sono subito appagate: il posto è splendido, la collega Ludivine affascinante, il lavoro interessante. Fino a quando, oltre i colori pastello di quel paesaggio così tipicamente francese, non cominceranno a emergere i segni di un passato inquietante che riguarda sia il suo datore di lavoro, sia la bella Ludivine, della quale si sta ormai innamorando. Una prova decisiva per Francesco che, in un crescendo di colpi di scena, riuscirà a portare luce nel passato della donna e nel suo presente.

Primavera in Borgogna

Terenzoni Luca

C'è una fanciulla che tutte le sere spazzola i suoi soffici capelli color di corallo, prima che il Sonno la conduca tra i Sogni della sera. A occhi chiusi, immagina la storia di un'amicizia, quella tra Jim, un piccolo ometto con la passione per il disegno, e Graf, un drago di grafite che vive confinato in un pezzo di carta. Il Tempo, inesorabile, muta il loro legame e il loro aspetto. I contorni di Graf sbiadiscono e quelli del suo compagno di giochi si allungano impedendogli di entrare nel foglio. Sentendosi trascurato, Graf diventa esigente. Chiede a Jim di dargli un nuovo look - magari facendolo diventare di plastica come quei soldatini che non ridono mai -, amici con cui non si sentirà mai solo e un castello dorato nel quale nascondersi al bisogno. La vita, però, imprevedibile come al solito, cambierà le sorti di Graf e del suo creatore, tracciando i confini di un'avventura tutta da scoprire tra matite colorate, clessidre mangiapolvere e una sirena appassionata di moda.

Il drago di carta

Pozzati Simone - Cerilli Valeria

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, che nomina incessantemente il suo morto: è piccola e astuta, un’abile mercante che venderebbe l’acqua santa al diavolo. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo. Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer. Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote...

Le sultane

Oliva Marilù