Classici

Il disprezzo

Moravia Alberto

Descrizione: Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845245374

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dopo L’amore coniugale (1949) Alberto Moravia analizza un’altra relazione coniugale ne Il disprezzo (1954): quella tra Riccardo Molteni ed Emilia (“Mentre mi è possibile indicare con esattezza l’inizio della mia carriera di sceneggiatore, ossia la serata in casa di Battista, mi è molto difficile dire con la stessa precisione quando i miei rapporti con mia moglie incominciarono a peggiorare”).

Di fronte a un segnale esplicito (“Non ti offendi mica se dormo sul divano-letto, di là?”), il tormentato Molteni (“Mi iscrissi al partito comunista”) comincia a riflettere (“Non so se ella si fosse illusa di esaudire i suoi sogni casalinghi con il nostro matrimonio”) e tenta di illudersi (“Ma io l’amavo e c’è nell’amore una grande capacità, non soltanto d’illusione, ma anche di dimenticanza”) nonostante la crisi professionale che lo investe (“Lo sceneggiatore, dunque, è l’uomo che rimane sempre nell’ombra”).

L’indagine ossessiva (“La prima fase, quella del sospetto, era finita… presto sarebbe cominciata quella del dolore, della rivolta e del rimorso”) assilla il protagonista (“Potevo dunque… rivolgere la mente ad un nuovo problema, quello del motivo del suo disamore”), che intravede un possibile lenitivo nella proposta del produttore Battista (“Pensai… che un soggiorno a Capri, in una bella villa, avrebbe potuto forse risolvere molte cose”), che però racchiude una tragica coincidenza (“Un film sui rapporti psicologici tra Ulisse e Penelope… Io intendo fare un film su un uomo che ama sua moglie e non ne è riamato”).

A p. 112 la conferma di un dubbio che si è trascinato per metà romanzo: “Io ti disprezzo… ecco quello che provo per te, ed ecco il motivo per cui non ti amo più… Ti disprezzo e mi fai schifo ogni volta che mi tocchi… Eccola la verità…”

Come sempre, quando un’eventualità (un timore) si tramuta in certezza (“Il disprezzo era nato dal rapporto diuturno dei nostri due caratteri, fuori di ogni prova importante e riconoscibile, allo stesso modo che si definisce la purezza preziosa di un metallo prezioso al contatto con la pietra di paragone”), la disperazione dilaga (“E capii che l’uomo disprezzato non può né deve trovare pace finché il disprezzo dura”), ci si tormenta e ci si interroga (“Una viltà per così dire costituzionale, dovuta non già alla condotta, ma alla natura”), si spera in un capovolgimento che non avviene (“Perché non sei un uomo”), non vi è pace  (“Per un momento ascoltai il silenzio profondo del luogo, così diverso da quello della città che, pur quando è completo, pare sempre conservare in qualche modo la lacerazione e l’indolenzimento dei rumori passati… Non era… un silenzio pieno di vita benché completo, ma un silenzio dal quale qualche cosa di vitale era stato sottratto”).

Il dramma di Molteni si staglia sulle discussioni con il produttore Battista  (“Battista, con la sua forza animalesca e i suoi successi grossolani”) e il regista Rheingold (“Ulisse è l’uomo civilizzato, Penelope è la primitiva”).

Il finale è tragico e metafisico, lo stile di Moravia è magistrale (“Allo stesso modo, pensai ad un tratto, la mosca a cui un bambino crudele ha strappato la testa sembra per qualche tempo non risentire alcun effetto della mutilazione e passeggia, si pulisce le zampe, prima di abbattersi e morire”), la conclusione spiazzante nella sua ovvietà (“Creare una volta di più il miracolo dell’amore che per esistere deve non soltanto accendersi nel nostro cuore ma anche in quello altrui”).

Bruno Elpis

______________________________

Dal romanzo, il film di Godard

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Chi mai, se non lo stesso Busi, avrebbe potuto scrivere la sua "autobiografia non autorizzata", lanciandola spericolatamente al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità terribile e al contempo scanzonata? Un romanzo che riconduce al punto di partenza secondo un percorso perfettamente circolare nel quale nulla accade perché tutto è già accaduto e non resta che prendere atto della verità così come la scrittura la riconosce e la indaga, la tenta, invano, a uscire allo scoperto attraverso personaggi che vorrebbero sottrarsi e restare misteriosi ma che sono troppo incantevoli e stregoneschi per non far girare la fantasia a mille del lettore.

Vacche amiche

Busi Aldo

"I giorni scanditi da pensieri ordinati, la messa a fuoco di un'esistenza che sembra crollare da un giorno all'altro, le ansie, gli istanti, le paure e le insicurezze. La pioggia, le cicale, i toraci in fiamme e Gian Maria Volontè che prega in 'Todo Modo'. Una lunga ed attenta riflessione sul significato dell'esistenza, sul dolore, sull'odio e sull'oblio. Un unico racconto, una granitica e tortuosa discesa nella quotidianità che, per emersione, illumina i dettagli della nostra esistenza facendoli danzare tra loro."

Appunti per un discorso sull’odio

Di Carlo Andrea Alessandro

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato

Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso…