Classici

Il disprezzo

Moravia Alberto

Descrizione: Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Categoria: Classici

Editore: Bompiani

Collana: I grandi tascabili

Anno: 2000

ISBN: 9788845245374

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dopo L’amore coniugale (1949) Alberto Moravia analizza un’altra relazione coniugale ne Il disprezzo (1954): quella tra Riccardo Molteni ed Emilia (“Mentre mi è possibile indicare con esattezza l’inizio della mia carriera di sceneggiatore, ossia la serata in casa di Battista, mi è molto difficile dire con la stessa precisione quando i miei rapporti con mia moglie incominciarono a peggiorare”).

Di fronte a un segnale esplicito (“Non ti offendi mica se dormo sul divano-letto, di là?”), il tormentato Molteni (“Mi iscrissi al partito comunista”) comincia a riflettere (“Non so se ella si fosse illusa di esaudire i suoi sogni casalinghi con il nostro matrimonio”) e tenta di illudersi (“Ma io l’amavo e c’è nell’amore una grande capacità, non soltanto d’illusione, ma anche di dimenticanza”) nonostante la crisi professionale che lo investe (“Lo sceneggiatore, dunque, è l’uomo che rimane sempre nell’ombra”).

L’indagine ossessiva (“La prima fase, quella del sospetto, era finita… presto sarebbe cominciata quella del dolore, della rivolta e del rimorso”) assilla il protagonista (“Potevo dunque… rivolgere la mente ad un nuovo problema, quello del motivo del suo disamore”), che intravede un possibile lenitivo nella proposta del produttore Battista (“Pensai… che un soggiorno a Capri, in una bella villa, avrebbe potuto forse risolvere molte cose”), che però racchiude una tragica coincidenza (“Un film sui rapporti psicologici tra Ulisse e Penelope… Io intendo fare un film su un uomo che ama sua moglie e non ne è riamato”).

A p. 112 la conferma di un dubbio che si è trascinato per metà romanzo: “Io ti disprezzo… ecco quello che provo per te, ed ecco il motivo per cui non ti amo più… Ti disprezzo e mi fai schifo ogni volta che mi tocchi… Eccola la verità…”

Come sempre, quando un’eventualità (un timore) si tramuta in certezza (“Il disprezzo era nato dal rapporto diuturno dei nostri due caratteri, fuori di ogni prova importante e riconoscibile, allo stesso modo che si definisce la purezza preziosa di un metallo prezioso al contatto con la pietra di paragone”), la disperazione dilaga (“E capii che l’uomo disprezzato non può né deve trovare pace finché il disprezzo dura”), ci si tormenta e ci si interroga (“Una viltà per così dire costituzionale, dovuta non già alla condotta, ma alla natura”), si spera in un capovolgimento che non avviene (“Perché non sei un uomo”), non vi è pace  (“Per un momento ascoltai il silenzio profondo del luogo, così diverso da quello della città che, pur quando è completo, pare sempre conservare in qualche modo la lacerazione e l’indolenzimento dei rumori passati… Non era… un silenzio pieno di vita benché completo, ma un silenzio dal quale qualche cosa di vitale era stato sottratto”).

Il dramma di Molteni si staglia sulle discussioni con il produttore Battista  (“Battista, con la sua forza animalesca e i suoi successi grossolani”) e il regista Rheingold (“Ulisse è l’uomo civilizzato, Penelope è la primitiva”).

Il finale è tragico e metafisico, lo stile di Moravia è magistrale (“Allo stesso modo, pensai ad un tratto, la mosca a cui un bambino crudele ha strappato la testa sembra per qualche tempo non risentire alcun effetto della mutilazione e passeggia, si pulisce le zampe, prima di abbattersi e morire”), la conclusione spiazzante nella sua ovvietà (“Creare una volta di più il miracolo dell’amore che per esistere deve non soltanto accendersi nel nostro cuore ma anche in quello altrui”).

Bruno Elpis

______________________________

Dal romanzo, il film di Godard

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alberto

Moravia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Moravia Alberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo saggio nasce dalla passione dell'autrice per la psicoanalisi e per il canto, ed esplora la voce nel suo valore di legame sociale, di capacità inventiva e sublimatoria. È uno sguardo attento sulla voce mentre fa arte, in un'epoca, quella attuale, controversa e per molti cospetti anestetica, cioè sfavorevole all'estetica e alla sensibilità. All'interno di un discorso dominante in cui "la sicurezza è il bene supremo e l'unica audacia ammessa è quella del consumo", cantare può divenire un modo per affermare la propria unicità e contrastare la spinta all'omologazione del mondo contemporaneo. Come si manifesta nel canto la dimensione pulsionale che contraddistingue ogni atto creativo? In che senso un corpo che dà voce è metaforicamente femminile? Qual è il rapporto tra canto e godimento? A queste e altre domande il volume risponde spaziando dalle "voci narcise" a quelle sperimentali, da Tom Waits a Demetrio Stratos a Mina, dai castrati alla death voice (nata nell'universo heavy metal), dalle diplofonie al rumore bianco, al silenzio. Non mancano una rivisitazione del mito di Orfeo e l'esame coraggioso di tematiche quali la dislessia e le voci stonate, la relazione tra canto e anoressia, il vissuto del cambio della voce negli adolescenti, le voci trans.

Voci smarrite

Pigozzi Laura

Anno del Signore 1205. Padre Vivïen de Narbonne viene braccato da un manipolo di cavalieri che indossano strane maschere. Il monaco possiede un libro molto prezioso, che non vuole cedere agli inseguitori. Tentando di fuggire, precipita in un burrone. Tredici anni dopo Ignazio da Toledo, di ritorno da un esilio in Terrasanta, viene convocato a Venezia da un facoltoso patrizio per compiere una missione: dovrà recuperare un libro molto raro intitolato "Uter Ventorum", lo stesso libro posseduto da Vivïen. Il manoscritto in questione conterrebbe precetti derivati dalla cultura talismanica caldaico-persiana e sembrerebbe in grado di evocare gli angeli, per poter partecipare della loro sapienza. Ignazio si metterà alla ricerca del libro, che secondo le indicazioni è tenuto in custodia nella Chiusa di San Michele presso Torino. Ma alla Chiusa di San Michele, anziché trovare il libro, Ignazio si imbatte in un mistero: l'"Uter Ventorum" è stato smembrato in quattro parti nascoste in Linguadoca e in Castiglia. La curiosità di scoprire il contenuto di quelle pagine lo sprona a proseguire nella ricerca, nonostante il pericolo. Riuscirà svelare tutti gli enigmi che il libro contiene e a evocare gli angeli e la loro sapienza?

Il mercante di libri maledetti

Simoni Marcello

"Se c'è una parola che mi pervade l'animo quando penso a O, questa è pudore. Sarebbe troppo arduo motivarla. E quel vento che corre incessante, che attraversa tutte le stanze. Così soffia anche in O uno spirito, non saprei dir quale, sempre puro e violento, senza tregua, senza ombre. Uno spirito decisivo, che nulla può turbare, né i sospiri né gli onori, né l'estasi né la nausea. L'Histoire d'O, dall'inizio alla fine, procede come un'azione travolgente. Evoca un discorso più che una mera effusione; una lettera più che un diario intimo. Ma a chi è indirizzata la lettera? E chi vuole persuadere il discorso? A chi domandarlo? Non so neppure chi lei sia." (Jean Paulhan)

HISTOIRE D’O

Réage Pauline

In seguito all'uragano Kathrina, due residenti di lunga data a New Orleans, Abdulrahman e Kathy Zeitoun, si ritrovano a dover combattere una battaglia assurda contro forze che vanno ben oltre quelle del vento e dell'acqua. In questa opera di non fiction, sorprendente e profondamente umana, i lettori potranno vedere con occhi nuovi il peggior disastro naturale degli Stati Uniti, scoprendo tutte le speranze e le contraddizioni di un momento unico della storia americana.

Zeitoun

Eggers Dave