Letteratura araba

Il fallimento della letteratura araba (nella traduzione): Il fallimento dei recensori

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Recentemente ho partecipato ad una discussione con il Prof. Robyn Creswell (The Paris Review) ed il Prof. Elias Muhanna (@qifanabki) della Brown University:


Il nome del convegno era “New Media and Arabic Literature” (I nuovi media e la letteratura araba) e uno degli argomenti emersi, proposto proprio dal moderatore, Jake Karr, è stata la scelta delle opere da tradurre. Quali sono i temi principali?

Ne ho tratto una risposta. I libri sono principalmente scelti dai traduttori. Solo pochi editori (Bloomsbury Qatar, AUC Press) sono abbastanza informati da avere una propria lista. L’International Prize for Arabic Fiction (IPAF) comunque sta in parte cambiando questa realtà, creando un elenco, e immagino ci sarà una gara per ottenere il libro vincitore dell’IPAF, Bamboo Stalk, di Saud al-Sanoussi.

Abbiamo parlato di come qualche volta i libri portati dagli editori accademici restino confinati in spazi troppo ristretti e con un pubblico limitato. Abbiamo parlato degli errori di traduzione. Ho citato alcuni nuovi libri di poche aspettative: Sonallah Ibrahim That Smell (re-trans. Robyn Creswell) e Rabee Jaber The Mehlis Report (trans. Kareem James Abu-Zaid). Avrei potuto menzionare due nuovi libri di Youssef Rakha. Saadi Youssef Nostalgia, My Enemy (trans. Sinan Antoon and Peter Money). Molti, molti altri.

Secondo il Prof. Creswell, molti editori stanno facendo un ottimo lavoro e sono interessati a progetti di traduzioni dal Medio oriente.

 

Dimenticatevi, dunque, di incolpare gli editori. I veri colpevoli, ha detto, sono i critici: Ce ne sono troppo pochi che si occupano di letteratura araba in traduzione. Troppo pochi sono in grado anche di tenere il libro nel modo corretto. I critici che parlano di letteratura araba sono solitamente accademici che discutono dell’aspetto meno interessante di una traduzione, ha detto Creswell.

Mi prendo qualche altra libertà, ma immagino il Prof. Creswell continuare:

Ci sono troppi pochi critici che vanno a fondo, che scavano intorno e analizzano le questioni umane e letterarie in ballo. Ce ne sono troppo pochi che veramente avviano un dialogo sulla letteratura araba e costruiscono una conversazione letteraria. Troppo pochi approcciano i libri arabi seriamente, preoccupandosi della vita, delle famiglie e delle storie dei libri.

Recentemente, un lettore di ArabLit mi ha chiesto il nome di alcuni romanzi egiziani che siano stati tradotti per un serio interesse letterario (e non antropologico), e che siano stati ben accolti dalla critica e dal pubblico. Non ho avuto molti problemi nel risolvere la prima parte dell’equazione, ma ne ho avuti molti con la seconda. Avrei voluto nominare Stealth. Ma se una bella storia in una concisa e velata traduzione (grazie, Hosam Aboul-Ela) è stata recensita da due o tre persone, questa conta come “ben accolta dalla critica”? Se un libro cade in una foresta, e …

Quindi dovremmo smetterla di incolpare gli editori e prendercela con I recensori?

Mi piacerebbe. Dopo tutto incolpare me stesso sembra molto più produttivo. Potrei fare qualcosa. Potrei dire: recensioni più serie! Più nottate! Più innovazione e produzione!

Ma

Stavo poi parlando con un recensore serio presente all’Abu Dhabi International Book Fair. Abbiamo discusso di come sia poco remunerativa la vita passata a scrivere di libri. Anche se un talentuoso e ben agganciato recensore (come lui) piazza pezzi con riviste e giornali di alto profilo e ben remunerati, ne esce comunque con 2 dollari e 40 l’ora. Per i meno conosciuti che passano il loro tempo in blog letterari, il prezzo è ancora più basso.

Incolpa i 

 

Giornali o le riviste? Forse, ma qual è il punto?

Credo, comunque, che potremmo incolpare le fondazioni che investono in arte. C’è supporto per le traduzioni. C’è supporto per le riviste. C’è supporto per gli scrittori e per i traduttori. Ma non c’è alcun supporto per i critici indipendenti.

 

Articolo tradotto dall’originale inglese di Elisabeth Jaquette da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/04/25/the-failure-of-arabic-literature-in-translation-the-failure-of-reviewers/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Il protagonista di Samsa innamorato, un giorno, si sveglia in un letto e scopre con orrore di essersi trasformato in un essere umano. Non ricorda nulla della sua vita precedente. Sa solo che si chiama Gregor Samsa. Che fine ha fatto lo spesso carapace che lo proteggeva? E perché adesso è ricoperto da questa sottile, delicata pelle rosa? Chi, o cosa, era prima di quel risveglio? Insomma, adesso Samsa dovrà adattarsi alla nuova e "mostruosa" condizione di uomo. Quando però alla sua porta bussa una ragazza il cui fisico è deformato da un'enorme gobba, Samsa dovrà fare i conti con qualcos'altro di sconosciuto: il desiderio e l'erotismo visto con gli occhi nuovi di chi sa andare oltre le apparenze. Habara, il protagonista di Shahrazàd, è un uomo solo, confinato in una casa nella quale gli è vietato ogni contatto col mondo. Non sapremo mai perché, e in fondo non è importante: quello che sappiamo è che il suo unico svago sono le visite regolari di una donna misteriosa che lo rifornisce di libri, musica, film... e sesso. Ma soprattutto gli racconta delle storie, come faceva Shahrazàd nelle Mille e una notte. E in queste storie Habara si tuffa come un bambino, finalmente libero.

Uomini senza donne

Murakami Haruki

Un libro essenziale per ogni fan di Freddie, che racconta il crepuscolo del cantante e l’alba del mito.

L’ultimo Freddie Mercury

De Ponti Roberto

In una Londra irrequieta e vibrante, le avventura, gli amori, la passione per la musica, i sogni e le disillusioni di una generazione di trentenni ancora piena di voglia di vivere. Commovente, scanzonato, amaro, ma soprattutto molto divertente, Alta fedeltà è il libro culto della nuova letteratura inglese, diventato un grande successo internazionale.

ALTA FEDELTA’

Hornby Nick

Tre topolini ciechi

Christie Agatha