Letteratura araba

Il fallimento della letteratura araba (nella traduzione): Il fallimento dei recensori

Descrizione:

Categoria: Letteratura araba

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Recentemente ho partecipato ad una discussione con il Prof. Robyn Creswell (The Paris Review) ed il Prof. Elias Muhanna (@qifanabki) della Brown University:


Il nome del convegno era “New Media and Arabic Literature” (I nuovi media e la letteratura araba) e uno degli argomenti emersi, proposto proprio dal moderatore, Jake Karr, è stata la scelta delle opere da tradurre. Quali sono i temi principali?

Ne ho tratto una risposta. I libri sono principalmente scelti dai traduttori. Solo pochi editori (Bloomsbury Qatar, AUC Press) sono abbastanza informati da avere una propria lista. L’International Prize for Arabic Fiction (IPAF) comunque sta in parte cambiando questa realtà, creando un elenco, e immagino ci sarà una gara per ottenere il libro vincitore dell’IPAF, Bamboo Stalk, di Saud al-Sanoussi.

Abbiamo parlato di come qualche volta i libri portati dagli editori accademici restino confinati in spazi troppo ristretti e con un pubblico limitato. Abbiamo parlato degli errori di traduzione. Ho citato alcuni nuovi libri di poche aspettative: Sonallah Ibrahim That Smell (re-trans. Robyn Creswell) e Rabee Jaber The Mehlis Report (trans. Kareem James Abu-Zaid). Avrei potuto menzionare due nuovi libri di Youssef Rakha. Saadi Youssef Nostalgia, My Enemy (trans. Sinan Antoon and Peter Money). Molti, molti altri.

Secondo il Prof. Creswell, molti editori stanno facendo un ottimo lavoro e sono interessati a progetti di traduzioni dal Medio oriente.

 

Dimenticatevi, dunque, di incolpare gli editori. I veri colpevoli, ha detto, sono i critici: Ce ne sono troppo pochi che si occupano di letteratura araba in traduzione. Troppo pochi sono in grado anche di tenere il libro nel modo corretto. I critici che parlano di letteratura araba sono solitamente accademici che discutono dell’aspetto meno interessante di una traduzione, ha detto Creswell.

Mi prendo qualche altra libertà, ma immagino il Prof. Creswell continuare:

Ci sono troppi pochi critici che vanno a fondo, che scavano intorno e analizzano le questioni umane e letterarie in ballo. Ce ne sono troppo pochi che veramente avviano un dialogo sulla letteratura araba e costruiscono una conversazione letteraria. Troppo pochi approcciano i libri arabi seriamente, preoccupandosi della vita, delle famiglie e delle storie dei libri.

Recentemente, un lettore di ArabLit mi ha chiesto il nome di alcuni romanzi egiziani che siano stati tradotti per un serio interesse letterario (e non antropologico), e che siano stati ben accolti dalla critica e dal pubblico. Non ho avuto molti problemi nel risolvere la prima parte dell’equazione, ma ne ho avuti molti con la seconda. Avrei voluto nominare Stealth. Ma se una bella storia in una concisa e velata traduzione (grazie, Hosam Aboul-Ela) è stata recensita da due o tre persone, questa conta come “ben accolta dalla critica”? Se un libro cade in una foresta, e …

Quindi dovremmo smetterla di incolpare gli editori e prendercela con I recensori?

Mi piacerebbe. Dopo tutto incolpare me stesso sembra molto più produttivo. Potrei fare qualcosa. Potrei dire: recensioni più serie! Più nottate! Più innovazione e produzione!

Ma

Stavo poi parlando con un recensore serio presente all’Abu Dhabi International Book Fair. Abbiamo discusso di come sia poco remunerativa la vita passata a scrivere di libri. Anche se un talentuoso e ben agganciato recensore (come lui) piazza pezzi con riviste e giornali di alto profilo e ben remunerati, ne esce comunque con 2 dollari e 40 l’ora. Per i meno conosciuti che passano il loro tempo in blog letterari, il prezzo è ancora più basso.

Incolpa i 

 

Giornali o le riviste? Forse, ma qual è il punto?

Credo, comunque, che potremmo incolpare le fondazioni che investono in arte. C’è supporto per le traduzioni. C’è supporto per le riviste. C’è supporto per gli scrittori e per i traduttori. Ma non c’è alcun supporto per i critici indipendenti.

 

Articolo tradotto dall’originale inglese di Elisabeth Jaquette da Diego Manzetti, in collaborazione con il blog Arabic Literature: originale disponibile al link: http://arablit.wordpress.com/2013/04/25/the-failure-of-arabic-literature-in-translation-the-failure-of-reviewers/

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1° agosto 1937, una sfilata piena di bandiere rosse attraversa Parigi. È il corteo funebre per Gerda Taro, la prima fotografa morta su un campo di battaglia che proprio quel giorno avrebbe compiuto ventisette anni. Robert Capa, in prima fila, è distrutto. È stato lui a insegnarle l'uso della Leica e poi sono partiti assieme per la Guerra di Spagna. Nella folla seguono altri che sono legati a Gerda da molto prima che diventasse la ragazza di Capa. Ruth Cerf, l'amica di Lipsia, con cui ha vissuto nei tempi più duri a Parigi, dopo che entrambe erano fuggite dalla Germania. Willy Chardack, che s'accontenta del ruolo di cavalier servente da quando l'irresistibile ragazza gli aveva preferito Georg Kuritzkes, che ora combatte nelle Brigate Internazionali. Per tutti Gerda Taro rimarrà una presenza più forte e viva dell'eroina antifascista celebrata dai discorsi funebri. Gerda li ha spesso delusi e feriti, ma la sua gioia di vivere, la sua sete di libertà, erano scintille capaci di riaccendersi a distanza di decenni. Basta che Willy e Georg si risentano per tutt'altro motivo. La telefonata intercontinentale avvia un romanzo caleidoscopico, incardinato sulle fonti originali, di cui Gerda Taro è il cuore attivo.

La ragazza con la Leica

Janeczek Helena

La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Non esiste modo migliore per capire un musicista che quello di farlo parlare nel suo stesso linguaggio: la musica. È con questo presupposto che Ben Radiff, erede della più autorevole critica jazz statunitense, ha incontrato quindici fra i maggiori jazzisti contemporanei e li ha invitati a conversare di musica liberamente e disinteressatamente, fuori dalle logiche della promozione discografica o da quelle della confessione biografica. Il risultato è questo libro unico nel suo genere, destinato a rinnovare radicalmente la metodologia del giornalismo musicale. Chiedendo a ciascun artista di scegliere uno o più brani da ascoltare e commentare insieme a lui, Radiff accompagna i suoi interlocutori in un affascinante viaggio nella musica che è allo stesso tempo esame delle tecniche esecutive, espressione dei sentimenti suscitati dall'ascolto, riconoscimento delle paternità e dei debiti artistici. Che sia Pat Metheny a commentare la tromba di Miles Davis, Sonny Rollins a spiegare il genio di Charlie Parker, o Joshua Redman a confrontarsi con il mostro sacro Coltrane, i musicisti che prendono la parola in questo libro non smettono di ricordarci a ogni pagina che la magia del jazz è sempre lì, a un tiro di stereo dalle nostre orecchie, se soltanto siamo disposti a lasciarcene catturare.

Come si ascolta il jazz

Ratliff Ben

"Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra