Racconti

Il fantasma di Canterville

Wilde Oscar

Descrizione: Che cosa può spingere un vecchio fantasma aristocratico sull'orlo della depressione? Il povero Sir Simon di Canterville, che in preda a uno scatto d'ira uccise la moglie, è condannato a un eterno vagare per il castello, con l'unica gioia rimastagli di far scappare dalla paura ogni nuovo inquilino. Ma non ci sono catene scricchiolanti e ululati sinistri che tengano, quando ad abitare il castello arrivano il ministro americano Hiram B. Otis e famiglia. Contro il loro scetticismo, le burle dei gemelli e il pragmatismo della signora Otis che lava le pozze di sangue con lo smacchiatore, il povero fantasma finisce nel ridicolo, fino a desiderare di morire di nuovo.

Categoria: Racconti

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Scrittori

Anno: 2012

ISBN: 9788806210595

PRIMA EDIZIONE

Il fantasma di Canterville

Editore:

Anno: 1887

Info:

Recensito da Michele Nenna

Le Vostre recensioni

Racconto pubblicato nel 1887, “Il fantasma di Canterville” presenta sin dalle prime righe un umorismo davvero impareggiabile, degno del suo autore. Oscar Wilde inserirà come sottotitolo  “Fantasia Ilo-idealistica”, rifacendosi alla teoria filosofica secondo cui è la materia a possedere il principio vitale che la anima.

Le modalità con cui la vicenda si svolge sono fedeli al periodo culturale dell’Inghilterra di fine ‘800, nonché appartenenti allo stile vittoriano.

Tutto inizia con l’acquisto da parte dell’ambasciatore americano, Hiram B. Otis, del castello di proprietà della famiglia dei Canterville. Lo stesso Lord Canterville, al momento della trattativa, elenca al futuro acquirente tutte le disavventure che da oltre tre secoli avvengono in quel castello infestato dai fantasmi. In particolare, non manca di descrivere le morti precoci a cui ha assistito, con dovizia di particolari, ma il signor Otis è ormai convinto della sua scelta. Di li a poco si sarebbe trasferito con tutta la sua famiglia, comprando in blocco mobili e fantasma; dalle sue parti ormai queste sono storie che non fanno paura a nessuno, dato che proviene da una nazione moderna.

Ad attendere l’insediamento della nuova famiglia c’è la governante Mrs Umney, che già in precedenza ha offerto i suoi servigi alla casa dei Canterville. La famiglia Otis invece è composta dall’ambasciatore, sua moglie Lucretia, e i loro figli Washington, Virginia e i gemelli soprannominati “a stelle e strisce”.

Già durante la prima notte i nuovi inquilini del castello avvertono i segnali di una presenza spiritica, ma nessuno di loro si spaventa. Anzi, i piccoli gemelli intraprendono addirittura una battaglia a suon di dispetti con il fantasma.

Questo si rivela poi essere Sir Simon Canterville, che tre secoli prima ha ucciso la sua adorata moglie proprio lì nel castello.

Ostacolato dunque nel suo intento dal comportamento dell’intera famiglia Otis, il fantasma di Canterville sperimenta la sconfitta.

Dopo diversi tentativi falliti, l’unico membro della famiglia ad avvicinarsi è Virgina, una ragazzina di quindici anni dalla spiccata sensibilità.

Nella camera dove si è rifugiato, il fantasma di Sir Simon Canterville confessa alla giovane di essere in attesa della morte da oltre trecento anni. Si sente triste e solo ma è suo malgrado bloccato in quello stato. A sostegno della sua verità, una scritta all’interno della biblioteca principale della casa:

Quando una fanciulla dai capelli d’oro strappar saprà

una preghiera da labbra che peccati ha,

quando il mandorlo inaridito fiorirà

e una piccola creatura le sue lacrime piangerà,

allora sulla dimora la quiete scenderà

e a Canterville la pace tornerà“.

Virgina non riusce a comprenderne il significato e così il fantasma le spiega cosa fare per aiutarlo a liberarsi e ritrovare la pace, conducendola in un diverso spazio temporale.

Allarmati dalla sua sparizione, gli uomini della famiglia Otis, con l’aiuto di Cecil (giovane ragazzo innamorato perdutamente di Virginia) partono alla ricerca di Virginia che, una volta liberato il fantasma di Canterville dai suoi peccati, riceve in dono costosissimi gioielli, da far invidia a qualsiasi ragazza.

Ciò che è avvenuto tra Virgina e Sir Simon non viene svelato, ma alla richiesta di spiegazioni del suo ragazzo Cecil, la fanciulla arrossisce, lasciando intendere un retroscena che solo la fantasia del lettore sa tradurre.

“Il fantasma di Canterville” è una delle pietre miliari della produzione tardo vittoriana e fa intravedere quanta arretratezza ci sia nel vecchio mondo rispetto alla cultura americana dell’epoca.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Oscar

Wilde

Libri dallo stesso autore

Intervista a Wilde Oscar


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lasciatosi alle spalle i duri inverni del Colorado e il ricordo di un'infanzia poverissima, Bandini, l'ambizioso italo-americano, è arrivato finalmente a Los Angeles che diventa lo spassoso teatro delle sue ambizioni artistiche e il luogo magico della sua educazione sentimentale. Con un'introduzione di Alessandro Baricco

Chiedi alla polvere

Fante John

La vita di Andrea Scotto è tutto fuorché perfetta, specie quando c’è di mezzo la famiglia. Fotografo quarantenne, single e ostinatamente immaturo, Andrea ha sempre preferito tenersi alla larga dai parenti: dal padre Libero, comandante di navi a riposo, procidano, trasferitosi a Napoli con i figli dopo la morte della moglie, e dalla sorella Marina, sposata, con due bambine e un evidente problema di ansia da controllo. Quando però Marina è costretta a partire e a lasciare il padre gravemente malato, tocca ad Andrea prendere il timone. È l’inizio di un fine settimana rocambolesco, in cui il divieto di mangiare dolci e fritti imposto da Marina è solo uno dei molti che vengono infranti. Tallonato da Cane pazzo Tannen, un bassotto terribile che ringhia anche quando dorme, costretto a stare dietro a un padre che si rifiuta di farsi trattare da infermo e che continua a sorprenderlo con richieste imprevedibili, Andrea sbarca a Procida e ritorna dopo anni tra le persone e i luoghi dell’infanzia, sulla spiaggia nera che ha fatto da sfondo alle sue prime gioie e delusioni d’amore e tra le case colorate della Corricella scrostate dalla salsedine. E proprio in mezzo a quei contrasti, in quell’imperfetta perfezione che riporta a galla ferite non rimarginate ma anche ricordi di infinita dolcezza, cullato dalla brezza che profuma di limoni, capperi e ginestre e dal brontolio familiare della vecchia Dyane della madre, Andrea trova finalmente il suo equilibrio. Sullo sfondo di un’isola dal fortissimo immaginario letterario, Lorenzo Marone racconta una storia di grande potenza narrativa, intima e al tempo stesso universale.

Tutto sarà perfetto

Marone Lorenzo

I ritratti di Virginia Woolf – parte seconda

Sempre più spesso a chi si occupa di discipline umanistiche in Italia viene chiesto: «A cosa serve?». Dietro questa domanda agisce una vera e propria rete di metafore economiche usate per rappresentare la sfera della cultura e della creazione intellettuale («giacimenti culturali», «offerta formativa», «spendibilità dei saperi», «crediti», «debiti» e cosí via). A fronte di tanta pervasività di immagini economiche, sta il fatto che la storia testimonia un’immagine della creazione intellettuale decisamente rovesciata rispetto a quella che si va affermando oggi. La civiltà infatti è prima di tutto una questione di pazienza: e anche la nostra si è sviluppata proprio in relazione al fatto che alla creazione culturale non si è chiesto immediatamente «a che cosa servisse». Se si vuole mantenere viva la presenza della cultura classica in Italia, però, è indispensabile un vero e proprio cambiamento di paradigma nell’insegnamento delle materie classiche nelle nostre scuole.

A che servono i Greci e i Romani?

Bettini Maurizio