Giallo - thriller - noir

Il fantasma di San Michele

Reali Alessandro

Descrizione: Tre giovani seminaristi sono testimoni involontari della morte misteriosa dello scultore Gianni Malatesta mentre, di prima mattina, attraversano il sagrato della Basilica di San Michele Maggiore, a Pavia, avvolto nella nebbia. Ingaggiati dalla moglie del Malatesta per far luce sulla vicenda - e sul passato del marito - Sambuco e Dell'Oro dovranno riannodare i fili di una storia popolata da "fantasmi" del passato e del presente, che si radica molti anni addietro - durante la Resistenza, negli anni '70 e ai giorni nostri - tra l'Oltrepò, la Riviera Ligure e Pavia. Relazioni sospette tra loschi personaggi, atmosfere familiari solo in apparenza tranquille e colpi di scena caratterizzano la nuova indagine di Sambuco e Dell'Oro all'ombra della maestosa Basilica di San Michele.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Tascabili. Noir

Collana:

Anno: 2017

ISBN: 9788869432316

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Il fantasma di San Michele  –  Un nuovo romanzo di Alessandro Reali, edito dai Fratelli Frilli, una nuova indagine per i personaggi a cui l’autore ha abituato i suoi lettori. Come nelle storie precedenti Reali inserisce il racconto in un tempo che fluttua tra il presente e il passato. In questo caso si tratta di un triplice movimento, documenti che riportano le investigazioni ai tempi della seconda guerra, eventi radicati negli anni settanta e delitti che imperversano nel presente. Si evoca tra le nebbie mattutine di Pavia, sotto le mura della Basilica di San Michele, la presenza di un fantasma capace di uccidere. L’insistenza di una vedova e lo sguardo preoccupato di un seminarista testimone involontario di un accadimento dai contorni troppo sfumati indurranno gli investigatori Sambuco e Dell’Oro a mettersi sulle tracce di una storia complicata. Tornano i vezzi e le caratteristiche di questi personaggi. Il serio Sambuco, toccato da una pena che attraversa la sua vita inesorabilmente. Lo scapestrato Dell’Oro, che a volte perde il controllo e rischia la pelle. Grande protagonista rimane il paesaggio, tra Pavia e l’Oltrepò, con incursioni rivierasche in Liguria. Il resto lo fanno ambienti da bar, dandy consumati e donne di mestiere. Patine di lusso e stanze degli orrori.

Ci sono molti ingredienti a latere dello scorrere riflessivo del Ticino, del salire lento del fumo di un toscano, delle canzoni nostalgiche di Endrigo. Delle muse in caffetano e di sogni proibiti, forse.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Reali

Libri dallo stesso autore

Intervista a Reali Alessandro

«David Golder è un libro che gronda odio, soprattutto verso il denaro e tutto ciò che può essere trasformato in denaro, oggetti e sentimenti, e verso le forme infinite che il denaro può assumere. Oggi, non ci rendiamo conto di cosa sia stato il denaro nel diciannovesimo secolo, o nella prima parte del ventesimo: una fiamma ardentissima, una colata di sangue disseccata, sbarre d’oro sciolte e di nuovo pietrificate. Diventava eros, pensiero, sensazioni, sentimenti, fango, abisso, potere, violenza, furore, come nella Comédie humaine ... David Golder è un libro durissimo e secchissimo, che incide di continuo terribili ritratti, che in parte ricordano la memorialistica e la tradizione aforistica francese».

DAVID GOLDER

Némirovsky Irène

La prima raccolta di poesie di Sara Mancini

Questa sono io

Mancini Sara

Una Venezia estiva ammorbata da una peste incombente ospita l'inquieto Gustav Aschenbach, famoso scrittore tedesco che ha costruito vita e opera sulla più ostinata fedeltà ai canoni classici dell'etica e dell'estetica. Un sottile impulso lo scuote nel momento in cui compare sulla spiaggia del Lido la spietata bellezza di Tadzio, un ragazzo polacco. Un unico gioco di sguardi, la vergogna della propria decrepitezza, la scelta di imbellettarsi per nasconderla, sono i passi che scandiscono la vicenda. In pieno Novecento, Thomas Mann ha colto e rappresentato la grande cultura borghese in via di dissoluzione, in un'opera emblematica che fonde la perfezione formale con la rappresentazione degli aspetti patologici di quella crisi.

La morte a Venezia

Mann Thomas

"Il mare Mediterraneo si sta riempiendo di morti. Barche inadeguate e stipate all'inverosimile navigano a vista, provando a raggiungere le nostre coste. Alcune ci riescono, altre vengono riacciuffate e riportate indietro, in Libia. Altre ancora, moltissime, affondano. Ho deciso di andare a vedere. Angosciata dall'irrazionalità e dalla ferocia che spinge ministri e politici a considerare i morti un buon esempio, un deterrente per gli altri migranti pronti a partire, mi sono imbarcata con chi invece vuole salvarli. 'Venne alla spiaggia un assassino' è il racconto del tempo trascorso sulle barche delle famigerate ONG, trasformate in pochi mesi da alleate della guardia costiera italiana in colpevoli di ogni nefandezza. Donne e uomini che dedicano la propria vita al soccorso in mare e meriterebbero il Nobel per la pace e invece vengono insultati. Ma è anche una specie di romanzo d'avventura, la cui protagonista è convinta di fare la cosa sbagliata per lei, ma decisa a farla fino in fondo. Ci sono libri che si raccontano al ritorno, dopo essersi allontanati molto da se stessi, facendo i conti con un po' di nostalgia, i ricordi e molta incredulità: abbiamo ceduto la nostra misericordia, la pietà, in cambio di niente. Stiamo facendo una terribile confusione tra colpevoli e innocenti. A volte è difficile capire da che parte stare, altre è facilissimo." (L'autrice)

Venne alla spiaggia un assassino

Stancanelli Elena