Narrativa

IL FIUTO DELLO SQUALO

Solla gianni

Descrizione: Sergio Scozzacane è un impresario musicale. Lo chiamano "lo squalo" per la forma a pinna del suo naso. Un soprannome, ma anche un destino da carnivoro: è il proprietario della casa discografica Musica Blue Records, che produce dischi a pagamento vendendo illusioni a cantanti privi di talento. Alloggiato in una pensione d'infimo ordine e sommerso dai debiti contratti con la camorra, lo squalo progetta una improbabile uscita di scena. Ma quando tutto sembra perduto, una speranza si riaccende: Mattia, un giovane cantante che ha ancora sotto contratto per due mesi, vince un talent show televisivo, e portarlo a cantare a Sanremo sembra l'occasione di riscatto della sua vita da agente fallito e per salvare la pelle. Ma anche il "viaggio della speranza" nella città dei fiori, che lo squalo affronta assieme a Mattia (bella voce ma leggermente autistico) e alla sorella Sofia (cieca, bellissima e determinata), con la camorra alle costole, si rivela l'ennesimo buco nell'acqua.

Categoria: Narrativa

Editore: Marsilio

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788831711807

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

 

Sergio Scozzacane non è un impresario serio: promette agli aspiranti cantanti la realizzazione di un sogno, ma non è disposto ad investire sul loro talento. Tra l’altro, gli strimpellatori e gli urlatori con cui ha a che fare di talentuoso non hanno proprio nulla. Lavoro frustrante? Forse. Peró i soldi che i giovani destinano speranzosi alla Musica Blue Records sono sufficienti a far sopravvivere la piccola casa discografica, o almeno lo sono stati fino ad ora.

In sintesi, Sergio è uno Squalo di nome e di fatto, e non solo per via del suo bizzarro naso, grosso come la pinna di un pescecane. Probabilmente vi ricorderà alcuni editori che vendono fumo e non sanno cosa sia la letteratura. Scozzacane peró lo troverete simpatico. Molto. Perchè è sfortunato, debole e consapevole, una persona senza ambizioni e senza pretese che cerca semplicemente di tirare avanti come puó. Purtroppo, nonostante i numerosi sforzi che lo devastano nel corpo e nella mente, riesce a mala pena a tenersi in piedi. E certo non lo aiuta il fatto che lo scagnozzo dei Santamaria gli abbia selvaggiamente tagliato un mignolo per ricordargli che con la camorra non si scherza e che i debiti vanno pagati.

Poi… arriva Mattia, la possibilità di un riscatto, la possibilità di sistemare ogni cosa e ricominciare daccapo, partendo da Sanremo…

Il libro di Gianni Solla è divertente e dissacrante, realistico e fantasioso. Un’amara fotografia dell’umano fallimento che vi susciterà tenerezza e comprensione. Lo squalo non è cattivo: è solo un predatore per natura.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Gianni

Solla

Libri dallo stesso autore

Intervista a Solla gianni


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Colin è un giovane parigino ricco e annoiato. Passa il tempo dedicandosi a ricette inverosimili, strimpellando bizzarri strumenti di sua invenzione, bighellonando con Chick – il suo migliore amico – un ingegnere spiantato e sperperone che ha uno strano pallino: collezionare le opere di Jean-Sol Partre. Poi, nella vita del signorino entra, in modo esplosivo, l'amore. L'incontro con la bella Chloé è un colpo di fulmine: decidono di sposarsi nel giro di pochi giorni. Per la cerimonia nuziale, Colin non bada a spese: ingaggia un Arcivettovo, settantatré musicisti, quattordici Figli della Fede e due pederasti d'onore. Nella chiesa, ridipinta di fresco a strisce gialle e viola, entrano anche le nuvole, profumate di coriandolo e di erbe di montagna. Gli sposini si imbarcano in un lungo e stralunato viaggio di nozze nel Sud della Francia, scortati dal cuoco di Colin, Nicolas. Al ritorno dal viaggio, Chloè si ammala. Nei suoi polmoni si annida un male terribile, fatica a respirare. Mentre il tempo va sempre più veloce, e l'appartamento dove vivono, inizialmente di dimensioni faraoniche, si fa sempre più stretto... Romanzo dolce e pirotecnico, surreale fiaba d'amore e feroce denuncia del conformismo, piena di invenzioni che fanno ridere e piangere, La schiuma dei giorni è il capolavoro di un genio ventisettenne: Boris Vian. Prefazione di Ivano Fossati. Con un'intervista a Daniel Pennac.

LA SCHIUMA DEI GIORNI

Vian Boris

Questo libro ci porta nel laboratorio di Elena Ferrante, ci permette di dare uno sguardo nei cassetti da cui sono usciti i suoi primi tre romanzi e poi i quattro capitoli dell'"Amica geniale", offrendo un esempio di passione assoluta per la scrittura. La scrittrice risponde a non poche delle domande che le hanno fatto i suoi lettori. Dice, per esempio, perché chi scrive un libro farebbe bene a tenersi in disparte e lasciare che il testo faccia il suo corso. Dice i pensieri e le ansie di quando un romanzo diventa film. Dice com'è complicato trovare risposte in pillole alle domande di un'intervista. Dice delle gioie, delle fatiche, delle angosce di chi narra una storia e poi la scopre insufficiente. Dice dei suoi rapporti con la psicoanalisi, con le città in cui è vissuta, con l'infanzia come magazzino di mille suggestioni e fantasie, con la maternità, con il femminismo. Il risultato è l'autoritratto di una scrittrice al lavoro.

La frantumaglia

Ferrante Elena

OLTRE L’ORIZZONTE

De Sanctis Antonello

Amélie torna in Giappone ma abbandona i tragicomici panni di impiegata nella multinazionale Yumimoto, vicenda narrata in Stupore e Tremori, e si concentra sulle peripezie sentimentali di quel periodo. Rinri è il suo fidanzato giapponese, bello e ricco, li lega un amore bizzarro ma non privo di poesia, raccontato con il solito umorismo, affondando lo sguardo chirurgico che le è proprio nell'incandescente universo dell'amore. Ma l'emozione più grande e la relazione più forte è ancora una volta quella che lega l'autrice al paese in cui è nata, e dove ha trascorso gli anni mitici dell'infanzia.

Né di Eva né di Adamo

Nothomb Amélie