Narrativa

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Descrizione: In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2007

ISBN: 9788806187101

Trama

Le Vostre recensioni

Prima dell’11 settembre 2001, il mondo è un contenitore di opportunità, e per chi è in grado di coglierle si aprono magnifiche sorti e progressive. Certo, la competitività è essenziale, ma Changez è bravo e non ha paura di lavorare duro: dopo studi impeccabili a Princeton (dove vive con sacrifici, a differenza degli altri ricchi studenti, di cui il libro fa un ritratto pure abbastanza benevolo), il giovane pakistano viene assunto come analista in una prestigiosa società di consulenza di New York. La vista dagli uffici dà alla testa: la vita è talmente lussuosa che l’inebriante sensazione di essere un privilegiato non lo abbandona.

Ma la realtà cambia rapidamente, le Torri Gemelle crollano e l’America diventa improvvisamente buona e pura o sporca musulmana.
Quello che colpisce è proprio il percorso psicologico vissuto da Changez, così efficacemente naturale poiché in un certo senso innocente e non intenzionale.
L’America gli ha dato un lavoro di successo, e con esso (l’illusione di) un ruolo nel capitalismo globale, ma adesso gli è ostile. La sua casa è lontana e la sua famiglia ha bisogno di lui e Changez sente davvero che ciò che lo circonda non gli appartiene. Più questa sensazione aumenta, più il giovane si isola, e più si isola, più viene isolato, in un circolo vizioso tanto banale quanto umano. Changez percepisce la violenza dell’atteggiamento americano che nasce in quegli anni e comincia a lavorare di meno. Un risentimento sempre più forte si fa strada in questo ragazzo mite, e straordinariamente saggio, che lo spinge a desiderare di tornare dalla sua famiglia, mentre l’India e il Pakistan stanno facendosi già la guerra  (avvenimento non sempre ricordato a Occidente).
Il giovane e promettente analista intraprende quindi una strada diversa, forse nemmeno così inaspettata…

Il fondamentalista riluttante” è scritto con grande sensibilità e avvicina il lettore al tormento che probabilmente vivono molti esiliati. Con lo sfondo dell’11 settembre che rende tutto più concreto e drammatico, il cammino interiore di Changez potrebbe essere quello di tanti giovani musulmani negli anni Dieci di New York.

Non lascia il segno il personaggio, un po’ pedante, della ricca e fragile Erica. Curioso invece il ruolo di Jim, capo di Changez, che non smette di credere in lui con convinzione, essendo anch’egli vissuto per qualche motivo da outsider.

Nel complesso, un libro “genuinamente” antiamericano e molto interessante per capire meglio l’inganno tirannico della società in cui l’America vive, ma in cui viviamo anche noi…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mohsin

Hamid

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hamid Mohsin

Due sorelle ricche, giovani e belle muoiono improvvisamente...

L’ultima cena

Introna Vito, Panzacchi Francesca

Non c'è persona, tra i contemporanei di Oscar Wilde (1854-1900), che l'abbia conosciuto e non sia rimasto ammaliato dall'arte della sua conversazione. Le platee londinesi del tempo furono conquistate dai dialoghi effervescenti, dai paradossi cinici e brillanti delle sue commedie che mettevano a nudo le convenzioni e le manie della società vittoriana. E se la reputazione letteraria di Wilde ha tratto a volte più danni che vantaggi da tanto virtuosismo verbale, in realtà, come è facile comprendere leggendo gli aforismi - dai più famosi ai meno conosciuti - raccolti in questo volume, l'effetto delle sue battute folgoranti scaturisce dall'innato talento del loro autore, maestro nel cogliere la sottile rete di relazioni fra i concetti più disparati. Con l'effetto di stravolgere e smontare una volta di più le parole chiave della borghesia vittoriana e di scuotere l'Inghilterra dal suo stato di compiaciuto torpore, affermando la dignità, la libertà dell'individuo e la superiorità dell'Arte sulla Vita.

Aforismi

Wilde Oscar

Un galateo fin de siècle delle passioni, descritto dalla penna inesauribile di Matilde Serao attraverso quattro racconti di amori nati e bruciati rapidamente: c'è la passione che si consuma tra fedeltà e infedeltà in un singolare triangolo amoroso, quella che si infrange contro i dubbi di una confessione tra amanti, quella che si tormenta nell'attesa di un incontro incerto, fino alla passione che, ormai trasformata in ricordo, può essere catalogata insieme agli oggetti insignificanti di un personale museo. Sullo sfondo, un microcosmo aristocratico e alto-borghese, chiuso nei suoi riti codificati come nell'eleganza dei suoi salotti. E un fantasma inquietante: "che la vita nella sua più alta espressione, che è l'amore", sia solo "un vano e miserabile sogno".

L’INFEDELE

Serao Matilde

"I giorni scanditi da pensieri ordinati, la messa a fuoco di un'esistenza che sembra crollare da un giorno all'altro, le ansie, gli istanti, le paure e le insicurezze. La pioggia, le cicale, i toraci in fiamme e Gian Maria Volontè che prega in 'Todo Modo'. Una lunga ed attenta riflessione sul significato dell'esistenza, sul dolore, sull'odio e sull'oblio. Un unico racconto, una granitica e tortuosa discesa nella quotidianità che, per emersione, illumina i dettagli della nostra esistenza facendoli danzare tra loro."

Appunti per un discorso sull’odio

Di Carlo Andrea Alessandro