Narrativa

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Descrizione: In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2007

ISBN: 9788806187101

Trama

Le Vostre recensioni

Prima dell’11 settembre 2001, il mondo è un contenitore di opportunità, e per chi è in grado di coglierle si aprono magnifiche sorti e progressive. Certo, la competitività è essenziale, ma Changez è bravo e non ha paura di lavorare duro: dopo studi impeccabili a Princeton (dove vive con sacrifici, a differenza degli altri ricchi studenti, di cui il libro fa un ritratto pure abbastanza benevolo), il giovane pakistano viene assunto come analista in una prestigiosa società di consulenza di New York. La vista dagli uffici dà alla testa: la vita è talmente lussuosa che l’inebriante sensazione di essere un privilegiato non lo abbandona.

Ma la realtà cambia rapidamente, le Torri Gemelle crollano e l’America diventa improvvisamente buona e pura o sporca musulmana.
Quello che colpisce è proprio il percorso psicologico vissuto da Changez, così efficacemente naturale poiché in un certo senso innocente e non intenzionale.
L’America gli ha dato un lavoro di successo, e con esso (l’illusione di) un ruolo nel capitalismo globale, ma adesso gli è ostile. La sua casa è lontana e la sua famiglia ha bisogno di lui e Changez sente davvero che ciò che lo circonda non gli appartiene. Più questa sensazione aumenta, più il giovane si isola, e più si isola, più viene isolato, in un circolo vizioso tanto banale quanto umano. Changez percepisce la violenza dell’atteggiamento americano che nasce in quegli anni e comincia a lavorare di meno. Un risentimento sempre più forte si fa strada in questo ragazzo mite, e straordinariamente saggio, che lo spinge a desiderare di tornare dalla sua famiglia, mentre l’India e il Pakistan stanno facendosi già la guerra  (avvenimento non sempre ricordato a Occidente).
Il giovane e promettente analista intraprende quindi una strada diversa, forse nemmeno così inaspettata…

Il fondamentalista riluttante” è scritto con grande sensibilità e avvicina il lettore al tormento che probabilmente vivono molti esiliati. Con lo sfondo dell’11 settembre che rende tutto più concreto e drammatico, il cammino interiore di Changez potrebbe essere quello di tanti giovani musulmani negli anni Dieci di New York.

Non lascia il segno il personaggio, un po’ pedante, della ricca e fragile Erica. Curioso invece il ruolo di Jim, capo di Changez, che non smette di credere in lui con convinzione, essendo anch’egli vissuto per qualche motivo da outsider.

Nel complesso, un libro “genuinamente” antiamericano e molto interessante per capire meglio l’inganno tirannico della società in cui l’America vive, ma in cui viviamo anche noi…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mohsin

Hamid

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hamid Mohsin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per le alte sfere della polizia sono degli indesiderabili. Tutti li aspettano al varco, pronti a metterli alla gogna, ma loro non smettono di sorprendere. Sono i Bastardi di Pizzofalcone. È una tiepida giornata di primavera. Recandosi al lavoro l'agente Guida trova vicino a un cassonetto una neonata che piange e la porta in commissariato. La bambina è in ottima salute e sembra essere stata cambiata da poco. Passa qualche ora e arriva una segnalazione: da un paio di giorni il parroco di Santa Maria degli Angeli non riesce a contattare una ragazza che assiste, giovanissima e incinta. Facile immaginare che i due casi siano collegati. Il cadavere della donna viene trovato presso la sua fatiscente abitazione: è stata uccisa con un colpo alla testa. Gli esami sul corpo confermano che ha partorito, ma da almeno ventiquattr'ore, mentre la bambina è stata abbandonata da molto meno, perché la spazzatura viene ritirata alle prime luci dell'alba. Chi ha ucciso la donna, un'immigrata di vent'anni? E chi ha messo la bambina vicino ai bidoni dell'immondizia? Romano e Di Nardo, presi dalle loro vicende personali, dovranno scavare nei diciotto mesi di permanenza della giovane in città e indagare tra tutti quelli che l'avevano conosciuta, amata e odiata per scoprire cosa sia davvero successo. Nel frattempo Lojacono e Aragona cercheranno di capire chi è che rapisce i cani e i gatti dei ricchi del quartiere, e perché.

Cuccioli

De Giovanni Maurizio

L'automobile del marito nel vialetto di casa. La chiave nella toppa. I passi che risuonano in corridoio. Rumori familiari per Sarah Bridgewater. Ma è notte. E l'uomo in corridoio non è suo marito Stephen. È uno sconosciuto, che però sembra conoscere tutto di lei. Sarah deve mantenersi calma a tutti i costi. Perché nella stanza vicina dorme suo figlio di sei anni...

Phobia

Dorn Wulf

Madame Bovary, apparso a puntare sulla "Revue de Paris" nel 1856 e integralmente un anno dopo, incontrò subito un grande successo di pubblico - dovuto anche al clamore del processo a cui il suo autore, incriminato per oltraggio alla morale e alla religione, fu sottoposto -, imponendosi all'attenzione della critica come il capolavoro assoluto del romanzo moderno. Incentrato sulla superba figura di Madame Bovary - donna inquieta, insoddisfatta, simbolo di un'insanabile frustrazione sentimentale e sociale - e giocato su un antiromanticismo ideologico e formale di fondo, Madame Bovary, come ha scritto Vladimir Nabokov, "dal punto di vista stilistico è prosa che fa ciò che si suppone faccia la poesia. Senza Flaubert non ci sarebbe stato Marcel Proust in Francia, né un James Joyce in Irlanda. In Russia, Cechov non sarebbe stato Checov".

Madame Bovary

Flaubert Gustave

Dicembre 2003. Qualche giorno prima di Natale, gli scrittori John Gregory Dunne e Joan Didion vedono una banale influenza della loro unica figlia Quintana degenerare prima in polmonite, poi in choc settico. Soltanto qualche giorno più tardi, rientrati da una visita alla figlia ancora grave in ospedale, John e Joan siedono a tavola: all'improvviso l'uomo cade a terra e, in pochi minuti, muore d'infarto. "La vita cambia in fretta", scriverà Joan Didion qualche giorno dopo. Per oltre un anno la vita di Joan Didion è stata schiacciata dalla portata di questi due eventi, e questo libro è il resoconto di quell'anno, del tentativo di venire a patti con il modo repentino in cui la sua vita è stata stravolta. Diventa faticoso allora il dialogo tra la realtà e le strategie che si mettono in atto per accettarla: se per sopportare la malattia della figlia studia testi di medicina, si rende insopportabile alle infermiere dell'ospedale e si rivolge ad amici in cerca di numeri di telefono e indirizzi di ottimi medici, allo stesso tempo si rende conto che la morte e la malattia sono eventi che al di là dal suo controllo la lasciano in preda dei suoi ricordi, e si sorprende a pensare come i bambini: "come se i miei pensieri o i miei desideri avessero il potere di rovesciare la storia dei fatti".

L’anno del pensiero magico

Didion Joan