Narrativa

IL FONDAMENTALISTA RILUTTANTE

Hamid Mohsin

Descrizione: In un caffè di Lahore, nel vecchio mercato di Anarkali, un giovane pakistano, Changez, racconta la propria storia a un cittadino americano incontrato apparentemente per caso. È la storia della sua ascesa come brillante analista finanziario a New York, del suo amore tragico per una bella e fragile fanciulla, e della sua caduta in disgrazia nei mesi successivi all'Undici settembre. Cos'è successo all'America? Cos'è successo a Changez? La sete di vendetta americana sembra averlo trasformato, controvoglia, in un pericoloso fondamentalista. E forse l'incontro nel caffè del vecchio mercato non è avvenuto per caso. "Una scrittura stupenda - che gioia imbattersi in una prosa tanto intelligente, in una simile chiarezza di pensiero e di esposizione - e una struttura impeccabile. L'autore sa avvitare le spire della suspense senza che il lettore se ne renda conto, dando vita a una storia di enorme tensione".

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2007

ISBN: 9788806187101

Trama

Le Vostre recensioni

Prima dell’11 settembre 2001, il mondo è un contenitore di opportunità, e per chi è in grado di coglierle si aprono magnifiche sorti e progressive. Certo, la competitività è essenziale, ma Changez è bravo e non ha paura di lavorare duro: dopo studi impeccabili a Princeton (dove vive con sacrifici, a differenza degli altri ricchi studenti, di cui il libro fa un ritratto pure abbastanza benevolo), il giovane pakistano viene assunto come analista in una prestigiosa società di consulenza di New York. La vista dagli uffici dà alla testa: la vita è talmente lussuosa che l’inebriante sensazione di essere un privilegiato non lo abbandona.

Ma la realtà cambia rapidamente, le Torri Gemelle crollano e l’America diventa improvvisamente buona e pura o sporca musulmana.
Quello che colpisce è proprio il percorso psicologico vissuto da Changez, così efficacemente naturale poiché in un certo senso innocente e non intenzionale.
L’America gli ha dato un lavoro di successo, e con esso (l’illusione di) un ruolo nel capitalismo globale, ma adesso gli è ostile. La sua casa è lontana e la sua famiglia ha bisogno di lui e Changez sente davvero che ciò che lo circonda non gli appartiene. Più questa sensazione aumenta, più il giovane si isola, e più si isola, più viene isolato, in un circolo vizioso tanto banale quanto umano. Changez percepisce la violenza dell’atteggiamento americano che nasce in quegli anni e comincia a lavorare di meno. Un risentimento sempre più forte si fa strada in questo ragazzo mite, e straordinariamente saggio, che lo spinge a desiderare di tornare dalla sua famiglia, mentre l’India e il Pakistan stanno facendosi già la guerra  (avvenimento non sempre ricordato a Occidente).
Il giovane e promettente analista intraprende quindi una strada diversa, forse nemmeno così inaspettata…

Il fondamentalista riluttante” è scritto con grande sensibilità e avvicina il lettore al tormento che probabilmente vivono molti esiliati. Con lo sfondo dell’11 settembre che rende tutto più concreto e drammatico, il cammino interiore di Changez potrebbe essere quello di tanti giovani musulmani negli anni Dieci di New York.

Non lascia il segno il personaggio, un po’ pedante, della ricca e fragile Erica. Curioso invece il ruolo di Jim, capo di Changez, che non smette di credere in lui con convinzione, essendo anch’egli vissuto per qualche motivo da outsider.

Nel complesso, un libro “genuinamente” antiamericano e molto interessante per capire meglio l’inganno tirannico della società in cui l’America vive, ma in cui viviamo anche noi…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Mohsin

Hamid

Libri dallo stesso autore

Intervista a Hamid Mohsin


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata con un cordone sanitario dal resto del mondo, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da esperimento per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni, ma neppure è capace di "essere felice da solo", il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l'indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l'egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, "La peste" è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi. Cronologia di Annalisa Ponti

La peste

Camus Albert

Lavorare in un ospedale psichiatrico è difficile. Ogni giorno la dottoressa Ellen Roth si scontra con un’umanità reietta, con la sofferenza più indicibile, con il buio della mente. Tuttavia, a questo caso non era preparata: la stanza numero 7 è satura di terrore, la paziente rannicchiata ai suoi piedi è stata picchiata, seviziata. È chiusa in se stessa, mugola parole senza senso. Dice che l’Uomo Nero la sta cercando. La sua voce è raccapricciante, è la voce di una bambina in un corpo di donna: le sussurra che adesso prenderà anche lei, Ellen, perché nessuno può sfuggire all’Uomo Nero. E quando il giorno dopo la paziente scompare all’ospedale senza lasciare traccia, per Ellen incomincia l’incubo. Nessuno l’ha vista uscire, nessuno l’aveva vista entrare. Ellen la vuole rintracciare a tutti i costi ma viene coinvolta in un macabro gioco da cui non sa come uscire. Chi è quella donna? Cosa le è successo? E chi è veramente l’Uomo Nero? Ellen non può far altro che tentare di mettere insieme le tessere di un puzzle diabolico, mentre precipita in un abisso di violenza, paranoia e angoscia. Eppure sa che, alla fine, tutti i nodi verranno al pettine...

LA PSICHIATRA

Dorn Wulf

La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell'incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un'affannosa ricerca, un'avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l'amore.

Shadowhunters. Città di ossa

Clare Cassandra

Un giovane cui "difetta in via assoluta qualsiasi forma di voglia carnale per l'altro sesso" deve imparare a vivere celando la propria autentica identità. In pagine in cui risultano indissolubilmente commisti sessualità e candore, esultanza e disperazione, il protagonista di questo romanzo confessa le esperienze cruciali attraverso le quali è giunto a conoscere se stesso: dalla "adorazione indicibile" per un paio di calzoni all'elaborazione di fantasie sadomasochistiche, dall'identificazione con personaggi femminili celebri alle sconcertanti interpretazioni di fiabe e motivi iconografici occidentali... L'accettazione di se stesso come uomo diverso dagli altri uomini non si attua senza una lotta, tanto strenua quanto vana, per conquistare la normalità: simula vizi immaginari per far passare inosservate le proprie vere inclinazioni, si costringe a corteggiare giovinette per chiarire sino a qual punto la donna possa offrire piaceri reali, corregge con zelo manifestazioni di rischiosa passionalità... Ma "le emozioni non hanno simpatia per l'ordine fisso" e i suoi sentimenti reali rimangono, tenaci, quelli nascosti dalla maschera della correttezza ufficiale.

Confessioni di una maschera

Mishima Yukio