Classici

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

Descrizione: "Una delle poche cose, anzi forse la sola ch'io sapessi di certo era questa: che mi chiamavo Mattia Pascal', è l'incipit del romanzo più noto di Luigi Pirandello: Il fu Mattia Pascal (1904). In esso è contenuta la cellula generativa dell'intero libro. Quando lo scrisse, lo scrittore siciliano ne sapeva quanto chi, scorse queste prime righe, si predispone alla lettura. Scelti nome e cognome, cominciano le peripezie del personaggio, il quale presto si trova in una situazione simile a quella dell'autore: deve lui stesso dare vita a "un uomo inventato". Durante questa vera e propria avventura dei nomi, il libro assume la sua forma pienamente novecentesca, nella quale autobiografia e biografia immaginaria si confondono. Consanguineo di quelli che saranno i sei personaggi in cerca d'autore, Mattia Pascal sembra a tratti lanciare messaggi al lettore perché lo liberi dal vincolo cartaceo e dunque dalla sua muta solitudine.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Classici

Anno: 2001

ISBN: 9788804492504

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Per Pirandello non siamo altro che burattini in una società regolata da leggi, convenzioni ed abitudini già fissate. Una società che, con o senza la nostra complicità, ci assegna una “forma”, una maschera, una parte da recitare.

E noi la accettiamo questa parte, per pigrizia o per convenienza, anche se contrasta con il nostro vero Io. La paura è di scontrarci con pregiudizi ineliminabili, invincibili, troppo radicati nella gente; o anche di perdere la stasi dell’inconsapevolezza, che sa donarci una sorta di pace, sia pur artificiale.

Talvolta, però, non riusciamo a controllare lo spirito, l’anima “istintiva”, che improvvisamente esplode per frantumare la vecchia forma.

Sulle prime, prevale il senso di libertà, proviamo un profondo stato di benessere, ma purtroppo dura poco.

Presto, prestissimo, il nuovo modo di vivere ci imprigiona in un’altra forma, altrettanto intollerabile perché la realtà è un fluire inarrestabile, ed anche noi siamo mutevoli, cangianti. Nessuna forma è in grado di rappresentarci in modo definitivo.

Mattia Pascal avrebbe potuto passarsela piuttosto bene ma, morto il padre, sua madre affida ingenuamente la gestione del loro patrimonio ad un amico di famiglia, il Malagna.

Idea pessima, visto che l’uomo si rivela un amministratore disonesto e fa anche naufragare la storia d’amore tra Mattia e la bella Oliva.

Seguono una serie di sventure. D’altronde, quando il destino si accanisce, c’è poco da fare, ed il povero Mattia viene letteralmente travolto dagli eventi.

Il matrimonio con Romilda si rivela un autentico disastro; la suocera Marianna Dandi lo detesta; perde le sue proprietà e riesce a raccattare solo un lavoro da bibliotecario. Il che gli risulterebbe anche interessante, se solo non si trovasse in un paese di analfabeti…

La madre muore, ed anche sua figlia; un ennesimo litigio con Romilda… e Mattia esplode.

Quando tutto va rotoli, le reazioni posso essere le più svariate, ma sostanzialmente sono riconducibili a tre opzioni: c’è chi si rassegna, chi si suicida e chi se ne va.

L’idea di Mattia è di raggiungere Marsiglia e di imbarcarsi per l’America.

Il destino, però, decide ancora per lui e, in una sosta a Montecarlo, vince una grossa somma alla roulette, di quelle che risolvono i problemi.

Il suo primo pensiero, è il più ovvio, quello che scatterebbe a chiunque: pago i miei debiti, riscatto qualche proprietà, continuo la mia vita più serenamente…

Ma mentre sta per tornare a casa, Mattia legge su un giornale una notizia incredibile: nel suo paese è stato rinvenuto un cadavere in stato di decomposizione, e sia sua suocera che sua moglie lo hanno riconosciuto come il suo.

Ne rimane ovviamente turbato, ed anche dispiaciuto: le due donne lo hanno identificato con il povero suicida con estrema leggerezza, quasi non aspettassero altro. Poi, però, viene pervaso dalla gioia profonda che solo la libertà, quella vera, è in grado di dare.

Adesso può rinascere, reinventarsi! A nessuno capitano mai fortune del genere!

Ha la possibilità di ricominciare daccapo, cambiare tutto quello che non gli garba, essere una persona completamente nuova: da oggi sarà Adriano Meis.

La sua vita diventa un continuo viaggiare, sostare in bellissime città e ripartire.

Molto stimolante, certo, ma… senza affetti, senza legami, un uomo può essere davvero felice?

Desideroso di tranquillità, di una pausa dal suo lungo girovagare, Mattia/Adriano decide di stabilirsi a Roma, ed alloggia in una pensione.

Anche qui, però, deve scontrarsi con la sua condizione sui generis di persona che per la legge non esiste: quando s’innamora di Adriana, non può sposarla; quando viene derubato, non può denunziare il ladro.

Se vuoi vivere in una società, devi accettarne le regole, di questo alla fine si convince suo malgrado Mattia/Adriano: la libertà è un’utopia. Forse è giunto il momento di far ritorno a casa…

Il problema è che anche a Miragno ogni cosa è cambiata… Nessuno di noi è veramente indispensabile, e Mattia/Adriano capisce ben presto e con tristezza che riprendere il suo vecchio posto significherebbe distruggere i nuovi equilibri…

Il finale è amaro, e non potrebbe essere altrimenti. Ma fa sorridere… perché la vita sa essere paradossale.

Il che vuol dire, in fondo, che noi anche oggi crediamo che la luna non stia per altro nel cielo, che per farci lume di notte, come il sole di giorno, e le stelle per offrirci un magnifico spettacolo. Sicuro. E dimentichiamo spesso e volentieri di essere atomi infinitesimali per rispettarci e ammirarci a vicenda, e siamo capaci di azzuffarci per un pezzettino di terra o di dolerci di certe cose, che, ove fossimo veramente compenetrati di quello che siamo, dovrebbero parerci miserie incalcolabili

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luigi

Pirandello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pirandello Luigi

1498, Milano. Leonardo da Vinci aveva atteso con ansia quel primo incontro con Frate Luca Pacioli, allievo di Piero della Francesca e illustre matematico. Entrato nella cella del frate nel monastero francescano, nell’attesa che questi arrivi, Leonardo si sofferma su un dipinto che ritrae lo studioso. Un insieme di allegorie e di richiami alla geometria euclidea che lo colpisce infinitamente, di certo era stato il frate a scegliere ogni dettaglio. Per Leonardo, da sempre interessato a ogni branca del sapere, la matematica, il cui studio gli è stato precluso, rimaneva la regina di ogni scienza. Dal francescano avrebbe finalmente potuto apprendere quel sapere. L’incontro tra i due uomini, però, è funestato dalla morte del vicino di cella di Pacioli, un sedicente frate, in realtà un ladro, reo di aver trafugato degli antichi testi bizantini giunti in Italia in seguito alla rovinosa crociata condotta da Sigismondo Malatesta. Quei volumi sono di grandissimo interesse anche per Leonardo e Pacioli. Insieme, da Milano a Mantova, da Firenze a Urbino, attraversando un’Italia ormai al tramonto della felice epoca pacifica e indipendente, i due si metteranno sulle tracce dell’assassino e Leonardo scoprirà il misterioso enigma nascosto nel quadro che raffigura Pacioli.

La biblioteca segreta di Leonardo

Fioretti Francesco

Menina, centenaria, unica erede dei potenti Carvalhais Medeiros, spadroneggia sulla famiglia e su tutta la città. Chiusa nella sua villa sontuosa, teme il sesso, la luce, i colori. Vive di minacce e rancore, della sua fredda intelligenza. Solo una giovane nipote, Marina, non si lascia intimidire. Con João, ha esplorato tutti gli angoli della città, i quartieri più poveri, le vie delle prostitute. Il suo amore per lui è nato a diciott'anni, sulla sabbia fine delle dune di Jaçaña. E adesso che João è in prigione, per aver scritto sui muri che la libertà è un passero blu,Marina non vede l'ora che venga il sabato, per andarlo a trovare con una scatola di biscotti fatti in casa.

LA LIBERTA’ E’ UN PASSERO BLU

Studart Heloneida

"Qui dentro troverete animali con nomi di persone, fili d'erba più grandi degli alberi, campi di grano dorati, pipe che non si possono fumare, cieli azzurri, bombette e molti bambini. Come in un quadro che si rispetti, qui dentro troverete tutto. E forse anche di più." (Dalla prefazione a cura di Neri Marcorè).

I colori della luna

Bujatti Eleonora

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne