Narrativa

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Descrizione: Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817072687

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Per Serena Dandini, Il futuro di una volta deve fare i conti con un presente nel quale la vita è profondamente mutata nei meccanismi e nel sentire comune (“Sarebbero tutti scesi in piazza, precari compresi, per difendere la libertà di twittare e taggare, l’unico diritto inalienabile per cui valeva ancora la pena di combattere”).

Interpreti di questa relazione problematica tra modo d’essere e realtà sono alcuni amici, che hanno ormai passato la soglia dei sessant’anni: “Chi erano questi anziani con lo sguardo da bambini che avevano sorvolato i decenni con la leggerezza di aquiloni colorati? Avevano coltivato marijuana in giardino, si erano ritirati come eremiti in montagna o gestivano una trattoria a chilometro zero ma lontana mille chilometri dal paese più vicino…

Vivono di ricordi (su tutti, i giorni trascorsi sulle spiagge di Goa), di musiche (“Let it be, l’inevitabile inno”), di pratiche borderline (il “funerale di un cane che si è suicidato”) per prolungare i sogni di un passato ormai irrimediabilmente inattuale (“Tutti avevano amato tutti e avevano fatto soffrire tutti e adesso era il tempo della pace universale”).

Del gruppo fa parte Laury, che si appresta a celebrare il settantesimo compleanno e che – per un tragico scherzo del destino – deve convertire il genetliaco in un’altra cerimonia di carattere anagrafico (“Un sito si chiamava addirittura Cenere digitale e proponeva uno spargimento virtuale delle tue polveri nei luoghi più suggestivi del pianeta”).
A lei si rapporta in modo critico e scettico la figlia Elena, giovane impiegata disincantata alle prese con l’assenza della figura paterna per le scelte d’indipendenza della madre (“Sua madre era sempre rimasta giovane”) e ancora in debito con la vita quanto a progetti esistenziali (“Tosca… fai bene… a coltivare un sogno, un’ambizione, è che i tempi sono un po’ complicati per fare delle scelte così azzardate…”). Per lei, l’esperienza della morte dell’amica Marta (“Perché se n’era andata così?”) agirà da detonatore nel mutato scenario reale (“Schiacciare il tasto elimina contatto sarebbe come perderla una seconda volta…”).
In parallelo alle vicende di Laury ed Elena, in una “Parigi d’antan”, vivono il barcaiolo Yves (“Il simpatico sessantacinquenne ciancicato e senza un dito  camminava a fatica nel mondo delle persone che sapevano bene come maneggiare i sentimenti”) e i suoi strambi amici: il circense Maurice, il libraio Fred.

Dopo aver divertito il pubblico con programmi televisivi cult come la TV delle ragazze, Avanzi e Tunnel, Serena Dandini torna a riproporre,  sotto altra forma espressiva, alcuni temi-tormentone già visibili in quelle trasmissioni. Ma è cambiato il registro: la satira al vetriolo ha lasciato il posto a un’ironia soffusa e nostalgica, che mimetizza una sofferenza di fondo per gli ideali delusi e per i sogni infranti.

Che sia questo l’effetto che sempre lascia Il futuro di una volta?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Serena

Dandini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dandini Serena

Mi chiamo Teresa Ciabatti, ho quarantaquattro anni e non trovo pace. Voglio scoprire perché sono questo tipo di adulto, deve esserci un'origine, ricordo, collego. Deve essere successo qualcosa. Qualcuno mi ha fatto del male. Ricordo, collego, invento. Cosa ha generato questa donna incompiuta?

La più amata

Ciabatti Teresa

In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

A un narratore è prudente non chiedere mai di raccontare la sua vera storia: quantomeno si innervosisce. La protagonista di questo romanzo non fa eccezione e, se potesse scegliere, continuerebbe a nascondersi come sempre dietro invenzioni, personaggi e «suoni corti, urgenti, che servono soprattutto a far capire agli altri se sto bene o se sto male». Invece, per ragioni alimentari, accetta di tenere un seminario che, primo, ha per oggetto una disciplina neonata e vagamente grottesca, la «lettura creativa», e secondo, ha come destinatari gli uditori meno accomodanti: un gruppo di vecchi amici, riemersi da un passato non del tutto limpido. A questo piccolo pubblico, inaspettatamente, la scrittrice finirà per raccontarla davvero, la storia perturbante e per nulla gradevole che i suoi allievi credevano di voler ascoltare. Il risultato è una commedia amara e tagliente, in cui ogni battuta e ogni silenzio hanno un peso.

COME SE NIENTE FOSSE

Muratori Letizia

Alla vigilia del suo nono compleanno, la timida Rose Edelstein scopre improvvisamente di avere uno strano dono: ogni volta che mangia qualcosa, il sapore che sente è quello delle emozioni provate da chi l'ha preparato, mentre lo preparava. I dolci della pasticceria dietro casa hanno un retrogusto di rabbia, il cibo della mensa scolastica sa di noia e frustrazione; ma il peggio è che le torte preparate da sua madre, una donna allegra ed energica, acquistano prima un terrificante sapore di angoscia e disperazione, e poi di senso di colpa. Rose si troverà così costretta a confrontarsi con la vita segreta della sua famiglia apparentemente normale, e con il passare degli anni scoprirà che anche il padre e il fratello - e forse, in fondo, ciascuno di noi - hanno doni misteriosi con cui affrontare il mondo. Mescolando il realismo psicologico e la fiaba, la scrittura sensuale di Aimee Bender torna a regalarci una storia appassionante sulle sfide che ogni giorno ci pone il rapporto con le persone che amiamo.

L’INCONFONDIBILE TRISTEZZA DELLA TORTA AL LIMONE

Bender Aimee