Narrativa

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Descrizione: Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817072687

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Per Serena Dandini, Il futuro di una volta deve fare i conti con un presente nel quale la vita è profondamente mutata nei meccanismi e nel sentire comune (“Sarebbero tutti scesi in piazza, precari compresi, per difendere la libertà di twittare e taggare, l’unico diritto inalienabile per cui valeva ancora la pena di combattere”).

Interpreti di questa relazione problematica tra modo d’essere e realtà sono alcuni amici, che hanno ormai passato la soglia dei sessant’anni: “Chi erano questi anziani con lo sguardo da bambini che avevano sorvolato i decenni con la leggerezza di aquiloni colorati? Avevano coltivato marijuana in giardino, si erano ritirati come eremiti in montagna o gestivano una trattoria a chilometro zero ma lontana mille chilometri dal paese più vicino…

Vivono di ricordi (su tutti, i giorni trascorsi sulle spiagge di Goa), di musiche (“Let it be, l’inevitabile inno”), di pratiche borderline (il “funerale di un cane che si è suicidato”) per prolungare i sogni di un passato ormai irrimediabilmente inattuale (“Tutti avevano amato tutti e avevano fatto soffrire tutti e adesso era il tempo della pace universale”).

Del gruppo fa parte Laury, che si appresta a celebrare il settantesimo compleanno e che – per un tragico scherzo del destino – deve convertire il genetliaco in un’altra cerimonia di carattere anagrafico (“Un sito si chiamava addirittura Cenere digitale e proponeva uno spargimento virtuale delle tue polveri nei luoghi più suggestivi del pianeta”).
A lei si rapporta in modo critico e scettico la figlia Elena, giovane impiegata disincantata alle prese con l’assenza della figura paterna per le scelte d’indipendenza della madre (“Sua madre era sempre rimasta giovane”) e ancora in debito con la vita quanto a progetti esistenziali (“Tosca… fai bene… a coltivare un sogno, un’ambizione, è che i tempi sono un po’ complicati per fare delle scelte così azzardate…”). Per lei, l’esperienza della morte dell’amica Marta (“Perché se n’era andata così?”) agirà da detonatore nel mutato scenario reale (“Schiacciare il tasto elimina contatto sarebbe come perderla una seconda volta…”).
In parallelo alle vicende di Laury ed Elena, in una “Parigi d’antan”, vivono il barcaiolo Yves (“Il simpatico sessantacinquenne ciancicato e senza un dito  camminava a fatica nel mondo delle persone che sapevano bene come maneggiare i sentimenti”) e i suoi strambi amici: il circense Maurice, il libraio Fred.

Dopo aver divertito il pubblico con programmi televisivi cult come la TV delle ragazze, Avanzi e Tunnel, Serena Dandini torna a riproporre,  sotto altra forma espressiva, alcuni temi-tormentone già visibili in quelle trasmissioni. Ma è cambiato il registro: la satira al vetriolo ha lasciato il posto a un’ironia soffusa e nostalgica, che mimetizza una sofferenza di fondo per gli ideali delusi e per i sogni infranti.

Che sia questo l’effetto che sempre lascia Il futuro di una volta?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Serena

Dandini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Dandini Serena

Venite con me. Catechismo per l’iniziazione cristiana dei fanciulli (8-10 anni)

Nonostante l'avversione dell'investigatrice Stella Spada ad uscire dalle mura della città di Bologna, in questa nuova indagine si sposta a Badi, un paese dell'Appennino bolognese sul lago di Suviana. Qui è stata chiamata ad indagare sulla morte di alcuni componenti della famiglia Doria, trovati annegati nel lago. Nel frattempo ha alcuni altri casi da portare a termine, come ad esempio la sparizione del nano Orfeo dall'aiuola della Arena Orfeonica. Attorno a lei molti personaggi e molti misteri famigliari. Stella dice di essere cambiata, o almeno ci sta provando, ma sarà vero?

Il nano rapito

Lusetti Lorena

“Una foschia rosso porpora” è la più scrupolosa e dettagliata biografia di Jimi Hendrix mai scritta, uno sterminato mosaico di informazioni e dati che non ha eguali nella letteratura rock. Il volume di Shapiro e Glebbeek si estende dalla musica a immagini rare, ai dischi, a quella labirintica “Discoteca di Babele” che fra opere ufficiali, antologie e bootleg conta centinaia di pezzi, qui sistemati dagli autori con precisione maniacale. A quarant’anni dalla morte di Jimi Hendrix ritorna in libreria l’opera definitiva su un maestro ancora influente e venerato, che con la sua chitarra ha ridisegnato i confini della musica americana del Novecento.

Una foschia rosso porpora

Glebbeek Caesar

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l'improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell'amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l'equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una grande saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico, dando nuovo splendore al genere fantasy in Italia.

TERRA IGNOTA

Santoni Vanni