Narrativa

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

Bach Richard

Descrizione: Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 1977

ISBN: 9788817131629

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I gabbiani vivono in colonie, e con le loro ali snelle ed appuntite fendono l’aria soprattutto alla ricerca di cibo.

Ma per Jonathan è diverso: lui vuole volare davvero, gioire del volo, imparare a farlo in modo perfetto. E per chi si differenzia dalla massa, si sa, la vita non è facile…

Sulle prime, ci prova pure a comportarsi come gli altri gabbiani, ma rassegnarsi ad una dimensione che non è la sua non lo rende felice. Il suo sogno è come una forza irresistibile, e lo porterà a sperimentare e compiere acrobazie mai viste.

Solo dopo numerose avventure ed un lungo periodo trascorso nel Paradiso dei Gabbiani, sentirà il desiderio di tornare e di insegnare quanto appreso allo Stormo Buonappetito, quello stesso stormo che lo aveva deriso ed emarginato…

Il breve romanzo di Bach ha avuto un successo planetario ed il gabbiano Jonathan Livingston è diventato l’emblema del coraggio, un esempio di forza e di perseveranza.

Chi prova a seguire la propria vocazione, la propria “legge interiore”, sa di fare la cosa giusta. Perciò l’invito di Bach è di vivere la vita che senti di voler vivere, anche quando tutt’intorno è pregiudizio e disapprovazione, anche quando chi dovrebbe capirti ed appoggiarti non riesce a vedere quello che sei veramente.

Vivere PER TE, contro tutto e contro tutti: ci sarà poi il tempo di spiegare, e magari anche di condividere. Ma prima devi conquistare la tua libertà e percorrere la tua strada, altrimenti ti inaridirai e non avrai più niente da dare, né sarai capace di ricevere…{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Richard

Bach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bach Richard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La zona tra Brescia, Chiari e Rovato è un distretto produttivo pieno di fabbriche e di capannoni. Ed è il personale inferno di Dante, che di mestiere fa la guardia giurata e gira, notte dopo notte, per verificare che tutto vada per il meglio. Vive insieme a sua madre, una donna che da quando è vedova sembra rinata. Ma rinata male, perché passa il suo tempo tra creme e sesso trovato via internet. Col risultato che Dante è sempre più solo. Nella stessa zona vive anche Samira. Quindici anni, musulmana e bella. Ha un padre violento, reso ancora più violento dal fatto di vivere in un posto che sente straniero e ostile: l’Italia. Così quest’uomo sarebbe pronto ad ammazzare sua figlia se soltanto sapesse che ha incontrato Dante, un cristiano, e che si ostina a frequentarlo. Perché Samira, in realtà, è già una donna. E vuole essere una donna libera. Mentre un gruppetto di suoi connazionali sta preparando un attentato miserabile, da poveracci, e Dante finirà per imbattersi anche in loro. “La notte dei petali bianchi” prova a rispondere a una domanda: fa più paura stare da soli o fanno più paura gli altri, i diversi da noi? E lo fa mettendoci a disposizione una lucida visione dell’Italia dei nostri anni e un strepitoso talento nel raccontarla.

LA NOTTE DEI PETALI BIANCHI

Di Fiore Gianfranco

30 kg

Bravo Simona

La sera in cui a Liliana viene detto che non potrà più andare a scuola, lei non sa nemmeno di essere ebrea. In poco tempo i giochi, le corse coi cavalli e i regali di suo papà diventano un ricordo e Liliana si ritrova prima emarginata, poi senza una casa, infine in fuga e arrestata. A tredici anni viene deportata ad Auschwitz. Parte il 30 gennaio 1944 dal binario 21 della stazione Centrale di Milano e sarà l'unica bambina di quel treno a tornare indietro. Ogni sera nel campo cercava in cielo la sua stella. Poi ripeteva dentro di sé: finché io sarò viva, tu continuerai a brillare. Età di lettura: da 11 anni.

Fino a quando la mia stella brillerà

Segre Liliana

«Ho sempre pensato che a Milano sto bene, che è un posto da combattenti, da apolidi, una legione straniera. Che non saprei dove altro vivere. Ho fatto tutto qui: università, figli, matrimonio, lavoro. Milano mi somiglia. Parla poco, non ha tempo, sembra che non si affezioni a nessuno, ma non è così. Milano è come me, va di fretta e cerca di fare tutto meglio che può, nonostante se stessa.» Mila è stata una bambina amata e luminosa, una ragazza solitaria: oggi è la moglie di Paolo e la madre di Maddi e dei gemelli, una donna che ha perso il filo del suo destino. Un giorno cede a un impulso segreto, e si ritrova in ospedale. Qui incontra Annamaria, un'insegnante laica che, come le suore, ha fatto voto di povertà, castità e obbedienza. Tramite lei Mila torna in contatto con una figura straordinaria della sua infanzia, santa Rita, la santa degli impossibili, che ha attraversato i secoli con la forza della sua testimonianza: quella di una donna che – a nome di tutte le donne – riuscì a volare oltre ogni ostacolo grazie alla potenza magica di una passione inestinguibile. Attraverso un racconto asciutto e raccolto, Daria Bignardi dà vita a un personaggio inquieto, pieno di contraddizioni, segnato da un bisogno di trascendenza inespresso eppure capace di cogliere l'amore del mondo che silenziosamente ci può salvare.

Santa degli impossibili

Bignardi Daria