Narrativa

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

Bach Richard

Descrizione: Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 1977

ISBN: 9788817131629

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

I gabbiani vivono in colonie, e con le loro ali snelle ed appuntite fendono l’aria soprattutto alla ricerca di cibo.

Ma per Jonathan è diverso: lui vuole volare davvero, gioire del volo, imparare a farlo in modo perfetto. E per chi si differenzia dalla massa, si sa, la vita non è facile…

Sulle prime, ci prova pure a comportarsi come gli altri gabbiani, ma rassegnarsi ad una dimensione che non è la sua non lo rende felice. Il suo sogno è come una forza irresistibile, e lo porterà a sperimentare e compiere acrobazie mai viste.

Solo dopo numerose avventure ed un lungo periodo trascorso nel Paradiso dei Gabbiani, sentirà il desiderio di tornare e di insegnare quanto appreso allo Stormo Buonappetito, quello stesso stormo che lo aveva deriso ed emarginato…

Il breve romanzo di Bach ha avuto un successo planetario ed il gabbiano Jonathan Livingston è diventato l’emblema del coraggio, un esempio di forza e di perseveranza.

Chi prova a seguire la propria vocazione, la propria “legge interiore”, sa di fare la cosa giusta. Perciò l’invito di Bach è di vivere la vita che senti di voler vivere, anche quando tutt’intorno è pregiudizio e disapprovazione, anche quando chi dovrebbe capirti ed appoggiarti non riesce a vedere quello che sei veramente.

Vivere PER TE, contro tutto e contro tutti: ci sarà poi il tempo di spiegare, e magari anche di condividere. Ma prima devi conquistare la tua libertà e percorrere la tua strada, altrimenti ti inaridirai e non avrai più niente da dare, né sarai capace di ricevere…{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Richard

Bach

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bach Richard


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nata per essere assediata. È così che si sente Amira, diciotto anni e un grande sogno da realizzare nella città di Sarajevo del '93, lacerata dalle rappresaglie fra serbi e bosniaci. Il cuore della suonatrice di cigar box guitar batte all'unisono con i colpi di mortaio e le raffiche di mitra, ma Amira canta la sopravvivenza, la speranza. Della band Senza Strumenti fanno parte anche il colonnello Mustafa Setka, mago del basso, e il gigantesco ballerino di kolo, Masne, alle percussioni. I due per tutto il giorno seguono Jack, meglio conosciuto come Mozambik l'irlandese, fidanzato di Amira, spacciatore. All'occorrenza, Jack si offre come guida agli inviati di guerra che affollano l'Holiday Inn semidistrutto. Così conosce Carlo e Oscar, due fotoreporter italiani che inseguono uno scoop davvero straordinario: intendono trovare una vacca indiana che si dice abbia poteri da chiromante. Sarà per caso la zebù gir che il vecchio Ivan nasconde nella corte interna del suo negozio di tabacchi, adattato a fumeria d'oppio dopo l'inizio del conflitto? Del resto, non è la sola ospite che il commerciante cela a sguardi e orecchie indiscrete. In uno sgabuzzino è segregato, infatti, un serbo fuori di testa che, dopo una scorpacciata di funghi allucinogeni, si è ritrovato al di là delle linee nemiche. Lo scopo di Ivan è rispedirlo al mittente in cambio di un riscatto, da chiedere a un oscuro cecchino dei servizi segreti serbi, che trova la concentrazione solo canticchiando le hit di Barbra Streisand...

Il muggito di Sarajevo di Lorenzo Mazzoni

Mazzoni Lorenzo

E’ questione di pelle

Gabriella Franceschini

«Chi nasce il 29 febbraio vive il tempo in un modo davvero strano: salta da 4 a 8, da 8 a 12, e così via». Hassinu, il protagonista del romanzo, è un impiegato alle poste di Algeri. Ha 40 anni ma non lo sa, perché è nato il 29 febbraio: senza preavviso passa da 36 a 40 anni e si sente in qualche modo scippato della propria vita, come molti della sua generazione cui hanno rubato gli anni migliori. Amara Lakhous racconta una generazione, un paese che ha anticipato, in qualche modo, quello che sta succedendo oggi in tutto il mondo arabo. Hassinu vuole il pane e la libertà, come i giovani arabi di oggi che si stanno ribellando alle dittature.

UN PIRATA PICCOLO PICCOLO

Lakhous Amara

Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenzieria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche altrimenti conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell'archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l'occhio di un semplice detective non può scorgere. Un'anomalia.

Il cacciatore del buio

Carrisi Donato