Letteratura giapponese

Il gigante sepolto

Ishiguro Kazuo

Descrizione: Siamo nel VI secolo d.C.: Artú è morto da qualche tempo ormai e la terra della futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra britanni, romanizzati e cristianizzati, e sassoni, indigeni e pagani, gode ora di relativa pace. Ma uno strano fenomeno interessa entrambe le popolazioni: una nebbia diffusa sovrasta le genti e causa una labilità della memoria di breve e anche di lungo periodo, che impedisce loro di capire le ragioni del presente. Beatrice e Axl, ormai in tarda età, partono alla ricerca del figlio che ricordano vagamente di aver avuto. Per la strada si uniscono a loro un ragazzino morso da un demone, Edwin, un guerriero senza paura, Wistan, e un cavaliere della tavola rotonda, Gawain, ormai vecchissimo e male in arnese, a suo dire incaricato da Artú di uccidere la draghessa Querig, responsabile della nebbia che porta via la memoria. Sotto la veste del romanzo d’avventura, pur ricco d’inventiva e avvincente com’è, Il gigante sepolto nasconde un tema di piú lungo e profondo respiro: il contrasto fra ricordo e perdono, fra il dovere e la peculiarità umana della memoria, da un lato, e l’ostacolo che essa rappresenta all’appianamento dei conflitti, dall’altro. È la memoria il gigante sepolto e semimorto del libro, e la risposta individuale del lettore alle domande che esso pone non può essere né univoca né prevedibile.

Categoria: Letteratura giapponese

Editore: Einaudi

Collana: Supercoralli

Anno: 2015

ISBN: 9788806222321

Recensito da Anna Maria Balzano

Le Vostre recensioni

 Il gigante sepolto – Memoria e oblio. Guerra e pace.

Destinato a far discutere a lungo Il gigante sepolto, l’ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro. Una storia ambientata ai tempi di poco successivi al regno di re Artù, vede protagonisti due anziani britanni, Axl e Beatrice, che, angustiati da una penosa perdita di memoria che ha cancellato il loro passato, partono alla ricerca di un figlio che, non ricordano né quando né perché, si é allontanato da loro. Nel fitto di una nebbia inquietante, che altro non è che il fiato d’un drago-femmina in grado di provocare un angosciante oblio degli eventi del passato, i due si incamminano verso una meta difficile da raggiungere. Durante il viaggio essi incontrano numerosi personaggi, dal sassone Wistan, al fanciullo Edwin, al vecchio cavaliere di Artù, Galvano.

Si tratta di un racconto che risente fortemente dell’influenza di alcune opere ben note, quali Beowulf, il primo poema epico della letteratura inglese, La chanson de Roland, il Don Qijote, e persino relativamente al rapporto sassone-bretone il Gargantua e Pantagruel di Rabelais, fino al ben noto Signore degli anelli di J.R.R. Tolkien. Personaggi fantastici e spaventosi, come orchi e draghim devono essere affrontati e sconfitti, perché il viaggio possa proseguire. È la perenne lotta tra il bene e il male. In questo arduo cammino, Axl e Beatrice si chiedono perché la memoria li abbia abbandonati.

Forse Dio si vergogna talmente di noi, di qualcosa che abbiamo fatto, che vorrebbe egli stesso dimenticare… se Dio non vuole ricordare, non sorprende certo che non ci lriusciamo noi.”

Senza memoria, essi diventano, dunque, una sorta di “uomini vuoti”, individui senza radici. Il recupero della memoria si impone come necessità per ricostruire la propria identità e l’identità stessa del genere umano. Condizione indispensabile al raggiungimento di questo obiettivo ê l’eliminazione del drago Querig. Solo dopo aver compiuto questo atto, con l’aiuto di Wistan i due anziani coniugi potranno aspirare a raggiungere l’isola in cui troveranno pace, accompagnati da un traghettatore, ispirato al dantesco Caronte.

Ecco però che tra i personaggi che condividono queste ardue imprese si insinua il dubbio se sia davvero utile risvegliare la memoria, disseppellire questo gigante addormentato, testimone di tante guerre, di tante lotte e stragi, di spargimento di sangue, di tradimenti e infedeltà o non sia meglio mantenere quella pace priva di passato e scevra di rancori, rinunciando a una pur legittima identità. Questo è il vero quesito che Ishiguro ci pone. La memoria, dunque, sulla quale noi tutti insistiamo, perché venga coltivata e trasmessa al fine di non ripetere gli errori del passato, può essere vista come un’insidia, se ad essa si attribuisce il risveglio di odi e rancori che possono minacciare altre guerre e devastazioni. Una proposta di riflessione assai suggestiva, se si considera che ci sono misfatti che non possono essere dimenticati. Spetta all’uomo, a un umanesimo culturale e progressista, sapere gestire con equilibrio il valore e la potenzialità della memoria. Dimenticare, no. Una pace fondata sull’oblio è fragile e inconsistente, ma una pace fondata sul consapevole rigetto degli errori del passato può avere una speranza di divenire duratura.

Per quanto riguarda l’aspetto stilistico, questo romanzo fa uso di un linguaggio consono all’epoca dei fatti raccontati. Per questo motivo potrà sembrare piuttosto anacronistico. A mio avviso, è il risultato di uno studio accurato. I personaggi possono a volte apparire privi di spessore psicologico. Anche qui essi rispondono all’esigenza di creare figure che siano in sintonia con il contesto storico. Così come in pittura i primi dipinti non mostravano alcuna conoscenza della prospettiva che poi avrebbe dato spessore, consistenza e profondità alla scena.

_______________________________________________________

A Kazuo Ishiguro il Nobel della Letteratura 2017 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Kazuo

Ishiguro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ishiguro Kazuo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il bugiardo patologico, il parassita, l’altruista, l’uomo del mistero: sono solo alcuni dei manipolatori psicologici, quelli che le donne incontrano ogni giorno e che le trasformano in vittime di molestie, stalking e talvolta peggio. L’autrice analizza i 10 profili più diffusi, il comportamento, le peculiarità, attraverso le testimonianze delle vittime; ne riassume le caratteristiche principali e spiega come non cadere nella loro trappola.

Il manipolatore affettivo e le sue maschere

Mammoliti Cinzia

«In zona San Siro a Milano una macabra scoperta ha funestato questa mattina il lavoro di Khalid Buhar, macchinista dell’impresa edile Milano Costruzioni, mentre si accingeva a spianare il terreno a ridosso di una vecchia villa, abbattuta per far posto a un nuovo ipermercato di proprietà del magnate svizzero Karl Heimer. Stava operando con la scavatrice quando, dalle macerie, sono improvvisamente venuti alla luce alcuni resti umani». Guido Barbieri, professore di storia in pensione, non ha dubbi: si tratta di Angela Pozzi, scomparsa a 17 anni nel lontano 1965. Una ragazza della quale lui, diciottenne, era follemente innamorato. Ma sembra che la morte di Angela Pozzi interessi solo a lui e di riflesso alla figlia Laura, giornalista di un’emittente televisiva. La magistratura ha infatti gatte da pelare molto più urgenti e pressanti. Sarà però un nuovo inaspettato delitto a richiedere l’intervento deciso di Daniele Ferrazza, un commissario di polizia giudiziaria che nutre per Laura un interesse non soltanto professionale. Il commissario si troverà ad affrontare un caso oscillante tra passato e presente, all’apparenza indecifrabile. Tanto indecifrabile da sfuggire ai canoni classici dei fatti di sangue. La vera protagonista del romanzo è come sempre Milano, con la trasformazione che ha subito, dagli anni Sessanta ad oggi, da città industriale a città di servizi multietnica, dove sono scomparse le latterie, i trani, il fumo delle ciminiere e lo smog delle caldaie a carbone, lasciando il posto ad asettici uffici, al proliferare dei media, al trionfo del digitale. Una mutazione nella quale si specchia il rapporto non facile tra un padre cresciuto sull’onda ideologica di un Novecento che non c’è più e una figlia pragmatica e interamente dedita alla carriera professionale, e nella quale la presenza ingombrante dei media nei casi giudiziari diventa la normalità. “Oggi i processi si fanno in televisione”, commenta uno dei personaggi. Una realtà del nostro tempo che qui trova l’ennesima conferma.

Morte a San Siro. Milano, il mistero di villa Pozzi

Bastasi Alessandro

Incastonando uno straordinario equilibrio di grottesco e oggettivo, di concreto e assurdo, in un impianto stilistico sopraffino, Kafka è riuscito a creare un capolavoro letterario senza tempo. La parabola di umiliazione suprema alla quale Gregor Samsa non può fare a meno di sottostare, dà sfogo ad un intrico di contraddizioni mai risolte e di vincoli insormontabili nel rantolo senza voce di un insetto; l'opressione e la repressione familiare, il legame di schiavitù civile col posto di lavoro, lo scontro silenzioso tra le tensioni individuali e i rigidi schemi di una società inesorabilmente vicina al collasso, rendono questo gioiello un'incredibile allegoria di ogni umana vicenda.

La metamorfosi

Kafka Franz

Paul Léautaud, piccolo classico del Novecento e mito discreto, aveva fatto nella sua vita ciò che ognuno almeno una volta ha vagheggiato: aveva trasformato una gelosa, ermetica solitudine in un osservatorio sulle assurdità e le bassezze del tempo. Ed anche questi tre rari racconti non concedono nulla di prevedibile al lettore: buoni sentimenti, riferimenti ideologici, appartenenze letterarie, perfino l’inevitabile speranza, di ciò tutto è estraneo a una scrittura che odia ogni preziosismo e resta elegantissima e crudele mentre affonda nelle lacerazioni di una vita: «Nessuno mi avrà conosciuto. Sono stato, sotto il mio riso, il disincanto, la disperazione assoluta. Non l’ho mai mostrato per pudore, nel timore del ridicolo». Il primo dei tre, Il piccolo amico, considerato da molti il suo capolavoro, è una cronaca-confessione di straziante distacco, pur nell’immagine che vuol offrire di quasi gaio cinismo, del suo rapporto con la madre eterna assente: Léautaud, abbandonato a pochi giorni dalla nascita, la rivide solo dopo vent’anni (tranne per brevi incontri occasionali) e ne fu appassionato così intensamente da turbarla e spingerla ad allontanarsi per sempre. La storia procede in due tempi: nel primo, la madre appare e scompare in tutte le figure di «amiche» che popolano l’infanzia e la prima giovinezza, e tutto è immerso nel luccicante incanto del tempo sfuggente, dell’infanzia e dei luoghi di Parigi; il secondo tempo è «un bel romanzo d’amore con la madre»: romanticamente, il protagonista cerca di rivivere la voluttà di un ricordo di bambino, quando, tra profumi e abbracci, poté la seconda volta incontrare la madre. Gli altri due racconti si riconnettono in realtà a quel travolgente amore: In memoriam ricorda la morte del padre (uomo di spettacolo e persona non meno evanescente), e Amori, ancora una storia di abbandono, racconta della prima esperienza erotica e del primo innamoramento per una «amica» che poi dovette sposare il suo protettore.

AMORI

Léautaud Paul