Fantasy

Il gioco dei ricordi

Bellini Laura

Descrizione: Dopo il dolore causato dalla fine della sua storia con Gabriel, Ayleen ha finalmente ricominciato ad amare: si tratta di un ragazzo misterioso del quale non conosce neppure il nome, ma le è bastato sedere al suo fianco sulla riva del lago per capire che il suo posto è dov'è lui. Ma perché ha la sensazione di potersi fidare ciecamente di un uomo del quale non sa nulla mentre Tamara, la sua migliore amica, le intima di stare alla larga da lui? E se di giorno i dubbi la tormentano, la notte porta con sé incubi dai quali si risveglia immemore con un solo nome a fior di labbra: "Nathan". Gabriel e Nathan, il Bene e il Male e, nel mezzo, una maledizione che attraversa i secoli. Dalla Roma degli intrighi al naufragio del Titanic passando attraverso il Quattrocento di Caterina Sforza, Ayleen viaggerà nella Storia per compiere la scelta più dolorosa, e capirà che il segreto dell'amore riposa nel tempo che scorre sulle cose, travolgendole. Perché l'amore, esattamente come il tempo, non può essere misurato che da un metro soltanto: l'eterno.

Categoria: Fantasy

Editore: Butterfly Edizioni

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897810223

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

La vita di Ayleen scorre tranquilla. Vive con la madre in un piccolo paese sulle sponde di un lago, va all’università, ha una migliore amica e un ex ragazzo bellissimo, Gabriel, che ha lasciato perché la faceva penare con le sue continue scappatelle. Tutto intorno a lei sembra scorrere nella più placida normalità fino a quando Ayleen s’imbatte un misterioso giovane dal quale si sente irrimediabilmente attratta. Non conosce il suo nome, non sa nulla di lui, eppure ogni giorno si reca sulla sponda del lago e gli si siede accanto. Restano ore senza sfiorarsi eppure irrimediabilmente uniti.

La sua migliore amica, Tamara, e Gabriel cercano di dissuaderla dal rivederlo ancora, ma lei non riesce a fare a meno di incontrarlo. Tutto precipita il giorno in cui Ayleen, dopo un nuovo incontro con lo sconosciuto, perde i sensi.

Al suo risveglio strani ricordi iniziano ad affiorare nella sua mente. Immagini dapprima sfocate poi sempre più nitide e un nome, Nathan, che le rimbomba imperante nei pensieri.

Chi è Nathan, il misterioso sconosciuto? Da dove viene? Cosa vuole da lei e perché non la sfiora mai?

Inizia così Il gioco dei ricordi, titolo quanto mai appropriato per il romanzo di Laura Bellini.

Il gioco dei ricordi è un fantasy emozionante che parte da presupposti probabilmente già visti in romanzi che l’hanno preceduto, ma che si sviluppa su tutt’altri binari e riesce a sorprendere con la complessità della trama ma soprattutto con la profonda umanità e lo spirito di sacrificio spesso estremo di alcuni dei protagonisti.

Il gioco dei ricordi approda alla pubblicazione dopo la partecipazione al Torneo Letterario Ioscrittore, indetto dal gruppo editoriale GeMS, nel quale si classificò tra i duecento semifinalisti.

Laura Bellini è una scrittrice di talento. Nata a San Piero in Bagno è estetista, moglie e madre di due splendidi bambini: Nicola e Celeste. Ama leggere quanto scrivere. Il gioco dei ricordi è il suo sesto romanzo e segue: Il coraggio dell’amore (2009) – Albatros; Lontano da te (2010) – La riflessione Editore; Ancora tu (2010) – La Caravella Editore; I disegni imprevedibili del destino (2011) – La caravella Editore e Il mondo dopo di te (2012) – Butterfly Edizioni.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Laura

Bellini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bellini Laura


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Napoli, Eremo dei Camaldoli; Vinicio Lamia, editore fallito e morfinomane, scopre l'archetipo di tutti i libri sacri, Nekros. "É il più sconosciuto dei testi poiché contiene la chiave di tutti gli altri; è alla portata di chiunque ma nessuno sa dove sia". Pubblicarlo sarà pericoloso: niente inchiostro né carta, solo sangue e pelle umana. Un vecchio avventuriero gesuita, una vedova avvenente e un amico ben armato, lo seguiranno per aiutarlo; o per impedirgli di rivoluzionare ogni principio teologico.

NEKROS

Ciaccio Ugo

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

La letteratura americana negli ultimi anni ci ha abituato a serial killer colti e sofisticati, anime mostruose chiuse dentro involucri corporei insospettabili, addirittura eleganti. Ci ha abituato ad assassini capaci di dissertare sull'eterno conflitto tra Bene e Male e a vittime incapaci di far fronte al carnefice non solo sul piano fisico ma anche su quello metafisico. Cormac McCarthy ci sorprende ancora una volta raccontando con un sogghigno il trionfo assoluto del Male. Piú simile ai personaggi del Caldwell di La via del tabacco che non a quelli di Faulkner, Lester Ballard, il protagonista di questo romanzo, è uno dei tanti «poveri bianchi» che popolano le catapecchie e i cortili del Sud rurale, le campagne fuori del tempo dove la Storia è scandita dai linciaggi e dalle pubbliche impiccagioni, dove la promiscuità e l'incesto sono la regola, dove la miseria e l'abiezione rendono incongrua, quasi surreale, la sporadica comparsa di un'aula di tribunale o di una stanza di ospedale. Nello spazio di una breve gelida stagione, Ballard, il contadino solitario, amante della caccia e del whisky fatto in casa, si trasforma in un animale da preda: da feticista a stupratore, ad assassino, a necrofilo. Le scorribande sempre piú sanguinose di questo serial killer controcorrente hanno come cornice la natura violenta e il paesaggio incantato delle montagne del Tennessee, e a commentarle è un coro di personaggi che, come sempre, attinge a quel museo degli orrori che è l'immaginazione di uno scrittore peraltro capace di insospettate, improvvise delicatezze.

FIGLIO DI DIO

McCarthy Cormac

Igor Malev ha una sola cosa in mente: la sua ex moglie Ewa. Anche se è un uomo ricco, affascinante e di innato carisma, lei lo ha lasciato per uno stilista di grande successo, una ferita, questa, da cui non è mai riuscito a riprendersi. Così decide di riconquistarla. Nella cornice del Festival di Cannes, circondato dal lusso e dagli eccessi della nuova aristocrazia, i vincitori definitivi nella gara edonistica della vita moderna, inizia una battaglia lunga ventiquattro ore. Perché Igor è un uomo di rara forza e fredda intelligenza, e quella che vuole non sarà una riconciliazione ordinaria, pacifica. Perché ha fatto a se stesso la promessa di distruggere tutto ciò che si interpone tra lui e la sua amata. E lui mantiene sempre la parola. Con Il vincitore è solo Paulo Coelho torna ai grandi temi di Undici minuti e lo Zahir offrendoci un romanzo avvincente e ricco di tensione, specchio del mondo in cui viviamo, dove la ricerca del lusso e del successo a tutti i costi spesso impedisce di ascoltare quello che ci sussurra il nostro cuore.

Il vincitore è solo

Coelho Paulo