Narrativa

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

Descrizione: Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2019

ISBN: 9788806240745

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il gioco degli dei di Paolo Maurensig è il chaturanga (“Per il chaturaji, versione antichissima del chaturanga, servono quattro giocatori che si affrontano in coppia”), omologo orientale  e progenitore dell’occidentale gioco degli scacchi (“Le torri diventano carri, e gli alfieri elefanti”).

Un inviato del Washington Post, alle soglie del conflitto che sta per scoppiare tra India e Pakistan, apprende che il leggendario Sultan Khan è ospite di una vicina missione.

In virtù del suo interesse per il gioco degli scacchi (“Da ragazzi, come tanti coetanei, ero stato un appassionato di scacchi e avevo i miei beniamini, Sultan Khan era tra tutti il preferito. Il fatto che provenisse dall’India misteriosa, viaggiando sotto la protezione di un autentico maharaja, non aveva fatto che alimentare la mia fantasia di adolescente”) e forse attratto dallo scandalo che ha coinvolto Sultan Khan (“Un impostore, un avventuriero senza scrupoli che avrebbe indotto un’ingenua vedova ottantenne a sposarlo, per poter mettere le mani sull’ingente patrimonio”), l’inviato lo scova ormai in fin di vita (“Un animo privo di doppiezza, incapace di mentire”) e lo convince a lasciarsi intervistare.

Nel racconto-ricordo la biografia del campione scorre avvincente nel romanzo che ripercorre l’infanzia dell’orfano Sultan, l’incontro con il maharaja (“Vorrei imparare a fondo il chaturanga”) che sarà suo mentore e mecenate (“Sir Umar Khan ha grandi progetti per te”), il viaggio in Gran Bretagna e le sfide (“Molti di loro, quando si rendevano conto di aver perso, mi avrebbero volentieri sparato un colpo a bruciapelo”) che lo proclameranno campione nazionale, la partita vittoriosa con il campione del mondo (“La celebre partita contro Capablanca”).

Nella narrazione emergono le differenze tra la mentalità indiana e quella occidentale, le inclinazioni culturali e la filosofia orientale che giustificano la scarsa ambizione (“Nonostante giocassi bene a scacchi, restavo pur sempre un suo servo”) e non consentono al talento di affermarsi sino in fondo, i pregiudizi del colonialismo europeo e l’orgoglio dei colonizzati (“Da quando il mio Paese aveva cominciato a nutrire chiare simpatie per il nascente nazionalsocialismo tedesco, ribellandosi sempre più all’impero britannico, la gente mi additava per strada”).

L’immobilismo sociale dell’induismo (“Appartenevo alla casta degli Shudra, dei servitori, dopo la quale veniva quella peggiore degli intoccabili”) congiura contro il promettente Sultan (“Ero uno scherzo della natura, un fenomeno da baraccone più che un autentico scacchista”): il maharaja rimpatria in India e affida il giovane a Lord Cleanwater, un nobiluomo britannico, che lo consegna alle cure del maggiordomo di Florence Hall (“Il ruolo di chauffeur… avevo un incarico preciso”).

Quando  scoppia la seconda guerra mondiale, presso la residenza del Lord si affermano strani traffici dell’associazione I maestri della guerra, che incuriosiscono Sultan e che lo inducono a partecipare ai giochi di strategia bellica (“Ero anche un esperto del gioco della guerra più antico del mondo, il chaturanga… e chi era un profondo conoscitore di questo gioco poteva prevedere le sorti di qualsiasi battaglia”) che, in fondo, sono una trasposizione del gioco degli scacchi (“Quando si arrivò al punto cruciale del conflitto, e all’atteso sbarco in Europa delle truppe alleate… mi fu chiesto dove sarebbe avvenuta l’invasione… Puntai il dito su Calais”) anche nell’epilogo (“Mi piace pensare che… la mia errata indicazione abbia contribuito a salvare il mondo”).

Il bombardamento su Florence Hall, il ricovero in ospedale e le insidie post belliche inducono Sultan a emigrare in America. Da tassista, a New York, l’incontro con la miliardaria Cecilia Abbott (“Le raccontai persino della mia fuga in America ricercato dalla Società di parapsicologia, sotto cui si celava il controspionaggio britannico”) segna il nuovo corso della vita di Sultan.

Il romanzo è un bell’affresco degli scontri culturali e di conflitti storici trasposti sul tavoliere dei giochi di strategia. La vita avventurosa di Sultan ripiega mestamente verso un destino ove karma  (“Tutte le tecniche di yoga… sono… tentativi di spezzare il fascino inesorabile che Maya esercita sull’uomo. La sua attrazione è irresistibile, ci tiene legati alla materia, esistenza dopo esistenza, in una catena che è difficile spezzare”), miti indù e rassegnazione si fondono in modo poetico e riflessivo.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Maurensig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maurensig Paolo

Premio Rapallo Carige Opera Prima per la donna scrittrice 2015. Alento è un borgo abbandonato che sembra rincorrere l'oblio, e che non vede l'ora di scomparire. Il paesaggio d'intorno frana ma, soprattutto, franano le anime dei fantasmi che Estella, la protagonista di questo intenso e struggente romanzo, cerca di tenere in vita con disperato accudimento. Voci, dialoghi, storie di un mondo chiuso dove la ricchezza e la miseria sono impastate con la stessa terra nera. Capricci, ferocie, crudeltà, memorie e colpe di un paese condannato a ritornare alla terra. Come tra le quinte di un teatro ecco aggirarsi un anarchico, un venditore di vasi da notte, una donna che non vuole sposarsi, un banditore cieco, una figlia che immagina favole, un padre abile nel distruggerle. Con Carmen Pellegrino l'abbandonologia diviene scienza poetica. E questo modo particolare di guardare le rovine, di cui molto si è parlato sui giornali e su internet, ha finalmente il suo romanzo.

Cade la terra

Pellegrino Carmen

È l'ultimo giorno di università, e per due ragazzi sta finendo un'epoca. Ormai si sentono adulti e indipendenti, hanno davanti a sé l'intera vita, da afferrare a piene mani. Emma e Dexter sono a letto insieme, nudi. Lui è alto, scuro di carnagione, bello, ricco. Lei ha i capelli rossi, fa di tutto per vestirsi male, adora le questioni di principio e i grandi ideali. Si sono appena laureati, il giorno successivo lasceranno l'università. Dopo una serata di grandi bevute sono finiti a baciarsi con passione, e poi tra le lenzuola. Ora sono lì, l'uno accanto all'altra, nell'alba di una vita nuova. Quel giorno, il 15 luglio 1988, Dexter e Emma si dicono addio per la prima volta. Le loro strade si separano, lui è destinato a una vita di viaggi, divertimenti, ricchezza. Emma non ha soldi, ha bisogno al più presto di un lavoro, e sogna di cambiare il mondo. Emma si sposterà a Londra, farà la cameriera in un pessimo ristorante messicano e prenderà due decisioni importanti: diventare insegnante e andare a vivere con il suo ragazzo, Ian, un comico che non riesce a strappare una risata. Nel frattempo Dexter, grazie alla sue conoscenze e alle possibilità economiche, entra nell'industria dello spettacolo. Presenta un programma televisivo di dubbio gusto, assieme a una donna con cui si trova a uscire fin troppo spesso. È diventato dipendente dalle droghe, dal sesso facile e dalle celebrità di terza categoria che frequentano il suo mondo. Ma ogni 15 luglio c'è un momento speciale per entrambi: dove sarà Emma, cosa farà Dexter? Per venti anni, in quel giorno, si terranno in contatto. Nel corso di venti anni, ogni anno, per un giorno, saranno di nuovo assieme...

UN GIORNO

Nicholls David

Cinque domande a Zoizi

Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario. Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza. Comincia così, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

La misura del tempo

Gianrico Carofiglio