Narrativa

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

Descrizione: Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Anno: 2019

ISBN: 9788806240745

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il gioco degli dei di Paolo Maurensig è il chaturanga (“Per il chaturaji, versione antichissima del chaturanga, servono quattro giocatori che si affrontano in coppia”), omologo orientale  e progenitore dell’occidentale gioco degli scacchi (“Le torri diventano carri, e gli alfieri elefanti”).

Un inviato del Washington Post, alle soglie del conflitto che sta per scoppiare tra India e Pakistan, apprende che il leggendario Sultan Khan è ospite di una vicina missione.

In virtù del suo interesse per il gioco degli scacchi (“Da ragazzi, come tanti coetanei, ero stato un appassionato di scacchi e avevo i miei beniamini, Sultan Khan era tra tutti il preferito. Il fatto che provenisse dall’India misteriosa, viaggiando sotto la protezione di un autentico maharaja, non aveva fatto che alimentare la mia fantasia di adolescente”) e forse attratto dallo scandalo che ha coinvolto Sultan Khan (“Un impostore, un avventuriero senza scrupoli che avrebbe indotto un’ingenua vedova ottantenne a sposarlo, per poter mettere le mani sull’ingente patrimonio”), l’inviato lo scova ormai in fin di vita (“Un animo privo di doppiezza, incapace di mentire”) e lo convince a lasciarsi intervistare.

Nel racconto-ricordo la biografia del campione scorre avvincente nel romanzo che ripercorre l’infanzia dell’orfano Sultan, l’incontro con il maharaja (“Vorrei imparare a fondo il chaturanga”) che sarà suo mentore e mecenate (“Sir Umar Khan ha grandi progetti per te”), il viaggio in Gran Bretagna e le sfide (“Molti di loro, quando si rendevano conto di aver perso, mi avrebbero volentieri sparato un colpo a bruciapelo”) che lo proclameranno campione nazionale, la partita vittoriosa con il campione del mondo (“La celebre partita contro Capablanca”).

Nella narrazione emergono le differenze tra la mentalità indiana e quella occidentale, le inclinazioni culturali e la filosofia orientale che giustificano la scarsa ambizione (“Nonostante giocassi bene a scacchi, restavo pur sempre un suo servo”) e non consentono al talento di affermarsi sino in fondo, i pregiudizi del colonialismo europeo e l’orgoglio dei colonizzati (“Da quando il mio Paese aveva cominciato a nutrire chiare simpatie per il nascente nazionalsocialismo tedesco, ribellandosi sempre più all’impero britannico, la gente mi additava per strada”).

L’immobilismo sociale dell’induismo (“Appartenevo alla casta degli Shudra, dei servitori, dopo la quale veniva quella peggiore degli intoccabili”) congiura contro il promettente Sultan (“Ero uno scherzo della natura, un fenomeno da baraccone più che un autentico scacchista”): il maharaja rimpatria in India e affida il giovane a Lord Cleanwater, un nobiluomo britannico, che lo consegna alle cure del maggiordomo di Florence Hall (“Il ruolo di chauffeur… avevo un incarico preciso”).

Quando  scoppia la seconda guerra mondiale, presso la residenza del Lord si affermano strani traffici dell’associazione I maestri della guerra, che incuriosiscono Sultan e che lo inducono a partecipare ai giochi di strategia bellica (“Ero anche un esperto del gioco della guerra più antico del mondo, il chaturanga… e chi era un profondo conoscitore di questo gioco poteva prevedere le sorti di qualsiasi battaglia”) che, in fondo, sono una trasposizione del gioco degli scacchi (“Quando si arrivò al punto cruciale del conflitto, e all’atteso sbarco in Europa delle truppe alleate… mi fu chiesto dove sarebbe avvenuta l’invasione… Puntai il dito su Calais”) anche nell’epilogo (“Mi piace pensare che… la mia errata indicazione abbia contribuito a salvare il mondo”).

Il bombardamento su Florence Hall, il ricovero in ospedale e le insidie post belliche inducono Sultan a emigrare in America. Da tassista, a New York, l’incontro con la miliardaria Cecilia Abbott (“Le raccontai persino della mia fuga in America ricercato dalla Società di parapsicologia, sotto cui si celava il controspionaggio britannico”) segna il nuovo corso della vita di Sultan.

Il romanzo è un bell’affresco degli scontri culturali e di conflitti storici trasposti sul tavoliere dei giochi di strategia. La vita avventurosa di Sultan ripiega mestamente verso un destino ove karma  (“Tutte le tecniche di yoga… sono… tentativi di spezzare il fascino inesorabile che Maya esercita sull’uomo. La sua attrazione è irresistibile, ci tiene legati alla materia, esistenza dopo esistenza, in una catena che è difficile spezzare”), miti indù e rassegnazione si fondono in modo poetico e riflessivo.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Maurensig

Libri dallo stesso autore

Intervista a Maurensig Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La storia di Brooke Shields, una delle donne più belle del mondo, che partorisce a 38 anni la piccola Rowan e non smette di piangere dal primo istante in cui gliela mettono in braccio e scivola in una tremenda depressione da cui si riprenderà solo molti mesi dopo, e quella di Valentina Vezzali, il "cobra", che dopo appena diciotto giorni dalla nascita del figlio Pietro riprende gli incontri di scherma e le bastano tre mesi di allenamento per vincere i campionati del mondo. La storia delle madri di Plaza de Mayo, a cui la dittatura argentina ha rubato i figli, capaci di un amore assoluto per le proprie creature scomparse, perché l'amore materno perfetto è solo quello per chi non c'è più, e quella di Mercè Anglada, ostetrica di 44 anni, che per aver dedicato l'intera vita a far nascere i figli degli altri non si è mai sposata e non ne ha mai avuti di propri. Storie di madri e di maternità, storie di amore e di paura, storie di gioia e di terribili depressioni. Concita De Gregorio compie un viaggio, attraverso venti racconti di maternità, in una realtà circondata da moltissimi luoghi comuni, per cercare di dare voce a una realtà silenziosa: la fatica di essere madri in un mondo in cui per le madri non c'è posto.

Una madre lo sa

De Gregorio Concita

Dialogando con il figlio mai avuto, un uomo ripercorre la sua vita. Ma se a quel padre e a quel figlio dà la voce Erri De Luca, leparole nate dalla notte emanano luce. “Le parole, figlio, non inventano la realtà, che esiste comunque. Danno alla realtà la lucidità improvvisa, che le toglie la sua naturale opacità e così la rivela.” In una sera senza corrente elettrica, mentre rilegge Pinocchio, un uomo sente la presenza del figlio che non ha avuto, il figlio che la madre – la donna con cui in gioventù lo concepì – decise di abortire. Alla fiamma del camino, il figlio gli appare già adulto, e quella presenza basta “qui e stasera” a fare la sua paternità. Per tutta la notte al figlio “estratto da una cena d’inverno” lui racconta “un poco di vita scivolata”. E così ecco l’infanzia napoletana, la nostalgia della madre e del padre, il bisogno di andare via, di seguire la propria libertà – “lalibertà che ho conosciuto è stata andare e stare dove non potevo fare a meno” –, le guerre trascorse ma anche i baci che ha dato… e, a poco a poco che racconta, immagina le reazioni di questo figlio adulto, ciò che potrebbe dire, fino a che il figlio, da muto che era, prende la parola e inizia a dare voce alla propria curiosità (“a proposito di maschere, di che ti vestivi a Carnevale?”), punteggia il racconto del padre con domande e osservazioni, lo guida, aiuta a mettere i dettagli a fuoco, e si fa guidare. Il monologo iniziale diventa così un dialogo a due voci, che indaga su una vita, sugli affetti, sulle scelte fatte, sui libri letti e su quelli scritti, sull’importanza delle parole e delle storie. Un’indagine che, più che tracciare un bilancio, vuol essere scandaglio, ricerca intima – quasi una rivelazione –, che accoglie l’obiezione, è aperta all’errore, si china sull’inevitabilità di ciò che è stato e salva, tramanda le qualità emerse dai ricordi (“questa potrebbe essere una dote per me: imparare da qualunque esempio”)...

Il giro dell’oca

De Luca Erri

Nel 1960 Celia Taylor è una giovane ereditiera americana che, dopo aver sposato l’aristocratico inglese Richard Marsdon, decide di andare a vivere nell’antico maniero dei Marsdon nel Sussex, in Inghilterra. Il tempo di sistemarsi in un’ala del castello che bizzarri fenomeni cominciano ad accadere. Richard si comporta in una maniera decisamente fuori dell’ordinario e Celia comincia a soffrire di strani accessi di follia e visioni. Lily Taylor, la madre di Celia, chiede allora aiuto al dottor Akananda, un guru indiano suo amico, che scopre quello che non va nella giovane coppia. Le angustie del presente possono essere superate solo ponendo fine a una tragedia accaduta in un lontanissimo passato. Precisamente quattro secoli prima, quando in Inghilterra regnava Edoardo VI, e la giovane affascinante Celia de Bohun si innamorò del cappellano Stephen Marsdon, che spasimava ardentemente per lei, ma non voleva rompere il suo voto di castità.

Verde oscurità

Seton Anya

«Lui non aveva paura della morte, non aveva paura di niente.» Lui è Willy l’Olandese, un vecchio killer implacabile. Un gigante silenzioso e in apparenza indifferente a tutto come un dio nordico. Quando arriva nella valle presso il grande lago del Norditalia che ogni anno è la sua meta estiva, in una pensione dove fa da cameriera la bella Adriana, non sa di avere appuntamento con il destino. Il telefono ha squillato in una casa a pochi chilometri da lì e un altro killer, un trentenne sfigurato al volto da un remoto incidente d’auto, ha ricevuto l’incarico di ucciderlo. Tutta la storia si svolge nell’arco di 24 ore, ma la tensione monta capitolo dopo capitolo nell’attesa del momento fatale: lo scontro fra due killer professionisti, due terribili macchine di morte. E tra loro l’inquietudine di Adriana, che senza saperlo ne deciderà le sorti. Tutt’intorno uno scenario affascinante: un piccolo paese rivierasco, le acque buie del grande lago, e una valle profonda, percorsa da un torrente gelido. Un paesaggio che sta per essere contaminato dall’approssimarsi del Male. Con rara potenza, Montanari ci restituisce il clima feroce e geometrico di Durrenmatt e del grande noir americano immergendoli nel contesto della provincia italiana, fino a creare un contrasto sorprendente e irresistibile.

La perfezione

Montanari Raul