Giallo - thriller - noir

IL GIOCO DEGLI OCCHI

Fitzek Sebastian

Descrizione: Un pericoloso maniaco, detto il Collezionista di occhi, rapisce i bambini e li nasconde. Uccide la madre. Il padre ha quarantacinque ore a disposizione per scoprire il nascondiglio. Questo è il gioco. Quando l’ultimatum scade, la vittima muore. Ma l’orrore non finisce qui, perché al cadavere del bambino manca qualcosa: l’occhio sinistro. L’assassino però non vuole essere considerato un collezionista, ma un giocatore. E in questo gioco sinistro è intrappolato anche il reporter Alexander Zorbach, un ex poliziotto, narratore in prima persona, che man mano che la storia procede si rende conto che sta diventando sempre di più una pedina in un duello mortale. Il Collezionista di occhi finora non ha lasciato tracce. Ma improvvisamente compare una testimone misteriosa: Alina Gregoriev, una psicoterapeuta cieca, che sostiene di poter vedere nel passato dei suoi pazienti attraverso il semplice contatto fisico. E forse, ieri, ha avuto in terapia proprio il Collezionista di occhi…

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Elliot

Collana:

Anno: 2011

ISBN: 9788861921757

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Per gli amanti del genere Elliot pubblica l’ultimo romanzo del più importante autore tedesco di psychothriller, Sebastian Fitzek.

La chiave del successo di quest’opera non è solo la trama ben congegnata e dal ritmo incalzante, principale ingrediente per la buona riuscita di un thriller, ma la costruzione dei personaggi, che riescono ad imporsi al contempo per la loro originalità e credibilità.
La vicenda vede protagonista un detective che, abbandonata la polizia in seguito ad un tragico caso, conclusosi con la morte di una donna, non riesce a prendere definitivamente le distanze dalla sua vecchia vita e  dalle indagini in corso. Per tale ragione, come reporter locale, si occupa della cronaca nera, trovandosi non di rado coinvolto, insieme agli ex colleghi, in discussioni o confronti durante i quali offre consigli o preziose intuizioni in via informale, in cambio di qualche privilegio sulla rivelazione delle notizie.
Il caso di un serial killer che sceglie come vittime giovani madri cui rapisce i figli allo scopo di inscenare un inquietante e macabro nascondino con i padri, inaspettatamente, lo vedrà coinvolto direttamente, costringendolo in una corsa contro il tempo molto avvincente che terrà i lettori con il fiato sospeso.
Fitzek scrive una storia che come si dice “si legge tutta d’un fiato”, pagina dopo pagina, coinvolgendo gli spettatori in un’indagine ricca di suspense e colpi di scena, ma soprattutto capace di lasciare un brivido sulla pelle.
Una menzione speciale deve poi essere fatta per il personaggio femminile principale, la non vedente Alina, davvero indimenticabile per il carattere caparbio, l’originale personalità e la capacità di aprire uno squarcio su questa invalidità con intelligenza e ironia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastian

Fitzek

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fitzek Sebastian


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

E’ questione di pelle

Gabriella Franceschini

Anita, redattrice in una rivista di moda, è quello che tutte sognano di essere: bella, giovane, elegante e colta. Ma anche tremendamente complicata. Sua madre e sua sorella, così concrete, non capiscono da dove arrivi la sua inquietudine, quella voglia di mangiarsi ogni attimo come fosse l'ultimo e di scappare a gambe levate non appena qualcuno minaccia di metterla in gabbia. Anita però lo sa bene: quando si guarda allo specchio, le sue "mille me" - così le chiama lei - riflettono i suoi cambiamenti di umore e la incoraggiano, la contraddicono, la rimproverano quando sbaglia. Perché Anita sbaglia spesso, soprattutto quando si tratta di uomini. I suoi errori più grandi sono tre: Filippo, affascinante e indisponibile, incontrato per caso su un volo per New York; Flavio, un incrocio di sguardi che si è trasformato in passione; e poi Jacopo, il marito che le è sempre stato accanto ma ultimamente sembra non capirla più. Anita crede di amarli tutti, ma forse la verità è che la vita le sta sfuggendo di mano, come la sua immagine riflessa nello specchio. Dovrà scavarsi dentro e fare i conti con un passato ancora dolorosissimo, per imparare a prendersi cura di sé senza smettere di innamorarsi e di sbagliare: solo così potrà ricominciare a vedersi, e a esistere, davvero.

Se non ti vedo non esisti

Levante

De Amicis, Edmondo – LA PICCOLA VEDETTA LOMBARDA (Cuore, 1886)

Per Isabella Bossi Fedrigotti la scrittura è sempre stata una «scorciatoia segreta» per indagare a fondo i legami familiari, svelando le tensioni e i veleni ipocritamente nascosti in molti inferni domestici. In questo libro, la sua scorciatoia segreta l’ha condotta ancora più in fondo, lì dove abitualmente regna il silenzio dell’incomprensione e del dolore. L’ha portata a raccontare storie di figli dimenticati e lasciati soli da genitori fragili, frustrati o semplicemente egoisti. La sua attenta compassione ci inchioda commossi al racconto di queste piccole vite difficili segnate dalla solitudine: Lorenzo – con i suoi «non voglio» gridati e le sue instancabili domande – che, sconfitto e domato, finisce con lo spegnere la sua energia e la sua curiosità diventando un adolescente silenzioso, assente e indifferente. Annalisa, intoccabile e irraggiungibile, innamorata del suo corpo senza carne. Paolina, bambina soave che finisce a vivere per strada, infagottata, sporca e arrabbiata. Pietro, che scappa continuamente di casa per sottrarsi alla triste giostra della famiglia allargata. Francesco e la sua trascinante vitalità prosciugata da videogiochi e film porno. Dopo aver letto queste storie sarà davvero difficile farsi cogliere impreparati dalla solitudine dei nostri figli.

Se la casa è vuota

Fedrigotti Bossi Isabella