Giallo - thriller - noir

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

Descrizione: Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Time Crime

Collana: Nero italiano

Anno: 2017

ISBN: 9788866883517

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dai tempi di Aracne delle Metamorfosi di Ovidio, il ragno è animale che colpisce scrittori e lettori per potere immaginifico e di rappresentazione. La mente va – ad esempio – a Il bacio della donna ragno di Manuel Puig (chi si ricorda il film da premio Oscar?) o a  Spider di Patrick Mc Grath. Su questa scia, anche Donatella Perullo sfida aracnofobi e aracnofili e così propone Il gioco del ragno nel noir fresco di pubblicazione delle edizioni Fanucci.

La storia inizia con una scena molto forte: è “la strage di via Caravaggio”, alla quale sopravvive un giovane testimone, quell’Andrea Suarez, che – anni dopo l’antefatto –  ritroviamo a capo di una squadra di poliziotti: la bella Eva, il sovrintendente Carmine Rizzoli, l’ex hacker Felice Del Vecchio e i gemelli Martinelli (“L’Eremo si trovava all’ultimo piano del commissariato”). A loro si unisce Mizar Sorrento (“È il nome di una stella. La seconda del timone dell’Orsa Maggiore… Fu mia madre a scegliere questo nome… la notte di san Lorenzo…”), figlia di una delle vittime della strage, per un caso investigativo (“Gilda Robinson l’attrice?… Ha ricevuto una richiesta di denaro in cambio di alcune foto che la ritraevano nuda, in compagnia della sua guardia del corpo, nel bagno della sua camera dell’Hotel Superior”) che trova rapida conclusione, ma che consente ai tutori della legge di intercettare un altro reato ben più grave (“Ormai era lampante che si trovavano per le mani un caso ben più serio di quello del ricattatore di fedifraghe”): una sorta di ragnatela ordita da un terribile delinquente (“Lo soprannominarono Shutterstock, perché imprigionava le vittime nel suo gioco come fosse una ragnatela sottile e impietosa e, proprio come il ragno, è letale”), che sembra inafferrabile (“Lui arriva, compie i suoi crimini e svanisce”) e segue una logica spietata di morte (“Così come il ragno paziente e tenace tesse la sua tela, lui avrebbe stretto nella sua morsa quell’uomo”).

Nel corso delle indagini Andrea e Mizar hanno modo di affrontare la matrice comune della loro angoscia (“Non aveva voluto sapere nulla di lei, perché conoscerla avrebbe significato non riuscire più a scrollarsi di dosso il senso di colpa per essere sopravvissuto, per aver permesso che quella donna morisse per salvare lui”) e cercano così di liberare sentimenti intensi e pressanti, ma tenuti in ostaggio dal passato. Per ottenere il risultato, tuttavia, i due giovani devono risalire all’origine del dolore e guardare negli occhi chi l’ha causato.

Il romanzo è sostenuto da un ritmo vivace, a tratti incalzante, è ben congegnato, ma soprattutto è animato dalla straordinaria sensibilità di Donatella Perullo, che conduce un’importante riflessione sugli effetti devastanti del femminicidio e propone nel finale un’originale soluzione di resilienza, tramutando con una magia narrativa il registro noir della vicenda in considerazioni profonde sui complessi meccanismi del sentire umano e riformulando un quesito che spesso sgorga dagli episodi reali della cronaca nera: per l’offeso è davvero possibile perdonare chi è causa del suo male?

Donatella Perullo è stata redattrice di www.i-libri.com e tornerà a trovarci da queste pagine. Le dedichiamo una foto a tema di Ilaria Spes, per esprimere insieme a lei la comune convinzione che, in fondo, nelle loro perfette architetture, i ragni imbastiscono la sinfonia della natura…

Bruno Elpis

Foto di Ilaria Spes

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Donatella

Perullo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Perullo Donatella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi, Iride, ed. Rubbettino

Sonetti reali di Jacopo Ricciardi

Ricciardi Jacopo

Una piccola città di provincia. Una casa al limite della campagna. Un garage. Un gruppo di adolescenti che ogni martedì si incontra là sotto, per giocare di ruolo. Lo fanno per vent’anni, fino a diventare uomini fatti. Una forma di resistenza, un disperato tessere mondi, opposto a quella forza centripeta che, come il ‘Nulla’ della Storia infinita, divora il fuori, vaporizza le vite e le relazioni. Qualcuno lascia, qualcun altro rientra, c’è chi non ha più tempo e chi scopre di averne troppo. Se nella ‘stanza profonda’ i mondi fantastici diventano sempre più complessi e le schede-personaggio si accumulano, fuori la provincia italiana va dissipandosi. La piccola città perde di senso, di connessioni, il lavoro non c’è più o si atomizza in unità risibili; le identità faticano a coagularsi; lo spazio urbano si fa dormitorio. Un libro ibrido, una narrative non fiction, un po’ memoir e un po’ affresco sociale, che, tra drammi di provincia e viaggi nel cuore degli Stati Uniti, punta a raccontare la storia di un hobby nato in un garage e arrivato alla conquista del mondo, finendo per gettare le basi di un modello di realtà, quello basato sulla proiezione codificata del sé, che viviamo ogni giorno attraverso Facebook e gli altri social network. Vent’anni dopo, Il Trono di Spade, Il Signore degli Anelli, Word of Warcraft sono nomi globali, così come globale è diventata l’industria del videogioco, diretta filiazione di quella dei giochi di ruolo.

La stanza profonda

Santoni Vanni

Quasi tutti i Crosby, da Howard a George Washington, hanno lasciato vedove le mogli e orfani i figli. Charlie Crosby costituisce l'eccezione. Il destino è scritto diversamente per lui. Nipote di George Washington, Charlie vive a Enon, una piccola città a nord di Boston. Pittura case, e a volte gli capita di tagliare l'erba nei giardini e spalare la neve. Una vita fatta di piccole cose: camminare nei boschi con Kate, contemplare Susan, la moglie. Un giorno però irrompe, crudele, insensata, terribile, la tragedia. In un piovoso pomeriggio di settembre che annuncia la fine dell'estate, mentre sta rientrando in auto dopo una passeggiata nei boschi, Charlie riceve una telefonata di Susan. Con la voce spezzata dal dolore, la moglie gli dice che un automobilista ha travolto Kate mentre tornava in bici dalla spiaggia. La fine della ragazza lascia macigni pesanti sul cuore di Charlie. Susan cerca di reagire, di non soccombere alla sofferenza, ma Charlie cede di schianto. Un giorno, dopo aver trascorso quasi tutta la notte seduto al buio, esausto e senza riuscire a dormire, Charlie scaglia un pugno contro la parete del pianerottolo. Susan se ne torna a casa dei suoi, nella sua vecchia camera da letto, che la madre usa per cucire ormai da vent'anni. Sembrerebbe tutto perduto per il nipote di George Washington Crosby. Tuttavia, da qualche parte è ancora all'opera la semplicità salvifica della natura e del mondo.

Enon

Harding Paul

L’estetica dell’oltre

Zanarella Michela