Giallo - thriller - noir

Il gioco del ragno

Perullo Donatella

Descrizione: Mizar, assistente capo, ha sempre desiderato far parte di una squadra investigativa. Fin da quando è entrata in Polizia, spinta da un evento terribile che le ha sconvolto la fanciullezza, ha sentito forte la passione per la giustizia, il desiderio di trovare sempre la verità. E così, quando ha la possibilità di lavorare con il vice ispettore Andrea Suarez, famoso per riunire gli uomini migliori del reparto, non può lasciarsela scappare: rischierà la vita ma dovrà andare sotto copertura in una missione molto pericolosa. Mizar conosce però un segreto di Andrea e questo la rende inquieta tanto da perdere il controllo delle cose. Ma nessuno può rischiare la vita dell'altro, ognuno si fida del proprio compagno e la regola numero uno è non farsi mai coinvolgere da sentimenti personali...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Time Crime

Collana: Nero italiano

Anno: 2017

ISBN: 9788866883517

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dai tempi di Aracne delle Metamorfosi di Ovidio, il ragno è animale che colpisce scrittori e lettori per potere immaginifico e di rappresentazione. La mente va – ad esempio – a Il bacio della donna ragno di Manuel Puig (chi si ricorda il film da premio Oscar?) o a  Spider di Patrick Mc Grath. Su questa scia, anche Donatella Perullo sfida aracnofobi e aracnofili e così propone Il gioco del ragno nel noir fresco di pubblicazione delle edizioni Fanucci.

La storia inizia con una scena molto forte: è “la strage di via Caravaggio”, alla quale sopravvive un giovane testimone, quell’Andrea Suarez, che – anni dopo l’antefatto –  ritroviamo a capo di una squadra di poliziotti: la bella Eva, il sovrintendente Carmine Rizzoli, l’ex hacker Felice Del Vecchio e i gemelli Martinelli (“L’Eremo si trovava all’ultimo piano del commissariato”). A loro si unisce Mizar Sorrento (“È il nome di una stella. La seconda del timone dell’Orsa Maggiore… Fu mia madre a scegliere questo nome… la notte di san Lorenzo…”), figlia di una delle vittime della strage, per un caso investigativo (“Gilda Robinson l’attrice?… Ha ricevuto una richiesta di denaro in cambio di alcune foto che la ritraevano nuda, in compagnia della sua guardia del corpo, nel bagno della sua camera dell’Hotel Superior”) che trova rapida conclusione, ma che consente ai tutori della legge di intercettare un altro reato ben più grave (“Ormai era lampante che si trovavano per le mani un caso ben più serio di quello del ricattatore di fedifraghe”): una sorta di ragnatela ordita da un terribile delinquente (“Lo soprannominarono Shutterstock, perché imprigionava le vittime nel suo gioco come fosse una ragnatela sottile e impietosa e, proprio come il ragno, è letale”), che sembra inafferrabile (“Lui arriva, compie i suoi crimini e svanisce”) e segue una logica spietata di morte (“Così come il ragno paziente e tenace tesse la sua tela, lui avrebbe stretto nella sua morsa quell’uomo”).

Nel corso delle indagini Andrea e Mizar hanno modo di affrontare la matrice comune della loro angoscia (“Non aveva voluto sapere nulla di lei, perché conoscerla avrebbe significato non riuscire più a scrollarsi di dosso il senso di colpa per essere sopravvissuto, per aver permesso che quella donna morisse per salvare lui”) e cercano così di liberare sentimenti intensi e pressanti, ma tenuti in ostaggio dal passato. Per ottenere il risultato, tuttavia, i due giovani devono risalire all’origine del dolore e guardare negli occhi chi l’ha causato.

Il romanzo è sostenuto da un ritmo vivace, a tratti incalzante, è ben congegnato, ma soprattutto è animato dalla straordinaria sensibilità di Donatella Perullo, che conduce un’importante riflessione sugli effetti devastanti del femminicidio e propone nel finale un’originale soluzione di resilienza, tramutando con una magia narrativa il registro noir della vicenda in considerazioni profonde sui complessi meccanismi del sentire umano e riformulando un quesito che spesso sgorga dagli episodi reali della cronaca nera: per l’offeso è davvero possibile perdonare chi è causa del suo male?

Donatella Perullo è stata redattrice di www.i-libri.com e tornerà a trovarci da queste pagine. Le dedichiamo una foto a tema di Ilaria Spes, per esprimere insieme a lei la comune convinzione che, in fondo, nelle loro perfette architetture, i ragni imbastiscono la sinfonia della natura…

Bruno Elpis

Foto di Ilaria Spes

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Donatella

Perullo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Perullo Donatella


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La giovane insegnante precaria, Silvia Martini, è al suo primo incarico annuale nella Scuola "Edmondo De Amicis", collocata in un quartiere periferico e multietnico della città di Torino. Si ritrova ad insegnare in una quarta primaria, una classe difficile da gestire che affronterà con i consigli dell'amica Mirella Sciascia, insegnante alle soglie della pensione. Molteplici saranno le vicissitudini che gli alunni della classe (tra cui la disadattata Pamela, il bullo Alessandro, la viziata Nicoletta e i tanti alunni stranieri), ma a volte anche i colleghi, le faranno vivere, fino al concretizzarsi di un drammatico incidente. Evento che la colpirà profondamente nell'animo, inducendola a sentirsi indirettamente responsabile e a riconsiderare il proprio operato, raccogliendo del materiale, sull'anno scolastico trascorso, in un dossier che poi porgerà al Procuratore (e quindi al lettore) che si occupa del caso, sia per fornire un aiuto alle indagini, ma soprattutto per vedere assolta la propria coscienza.

NON C’E’ CUORE

Caprio Franco

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

L’opera al nero è la storia di un personaggio immaginario, Zenone, medico, alchimista, filosofo, dalla nascita illegittima a Bruges nei primi anni del Cinquecento, fino alla catastrofe che ne conclude l’esistenza. Il racconto lo segue nei viaggi attraverso l’Europa e il Levante, lo vede all’opera nell’esercizio della medicina, sia al capezzale degli appestati sia presso i sovrani, intento a ricerche in anticipo sulla scienza ufficiale del tempo; lo segue nei perpetui e rischiosi spostamenti, tra rivolte e compromessi. Zenone rappresenta un esemplare umano che ha attraversato il Rinascimento dietro le quinte e sta tra il dinamismo sovversivo degli alchimisti del Medio Evo e le conquiste tecniche del mondo moderno, tra il genio visionario dell’ermetismo e della Cabala e un ateismo che osava appena chiamarsi tale. Il destino, il pensiero del personaggio sono ispirati al grande chimico tedesco Paracelso, a Michele Serveto, dedito anche lui a indagini sulla circolazione del sangue, al Leonardo dei Quaderni e a quel filosofo singolarmente audace che fu Tommaso Campanella. Una folla di comparse, mercanti, banchieri, ecclesiastici, operai, donne di ogni livello e condizione, si muove tra le pagine di un libro in cui nulla è sacrificato al pittoresco ma nel quale i decenni 1510-1569 ci appaiono in un aspetto nuovo, quotidiano e, al tempo stesso, sotterraneo, attraverso immagini colte dalla strada maestra, dal laboratorio, dal chiostro, dal banco di vendita, dalla taverna e, infine, dalla prigione.

L’opera al nero

Yourcenar Marguerite

L'"Antigone", la più antica delle sette tragedie sofoclee pervenutaci, riportò la vittoria negli agoni tragici del 442 a. C. e narra di Antigone che trasgredisce gli ordini del re Creonte in nome delle leggi divine e decide di seppellire il fratello Polinice. "Edipo re" è uno dei capolavori del teatro tragico di tutti i tempi; uno dei monumenti della poesia e del pensiero greco. Il re tebano che inconsciamente uccide il padre e sposa la madre, e che poi lentamente scopre i propri misfatti, non è solo il protagonista di un dramma scenico tecnicamente perfetto, ma altresì il simbolo dell'oscura, inconsapevole vicenda dell'uomo, creatura di enorme e nessun valore, di sublime e inetta capacità, alla fine sventurata. Ma quando poi "Edipo a Colono" riprende la storia e presenta il protagonista che, dopo essersi accecato, a distanza ormai di anni, approda con l'unico sostegno della figlia Antigone alla terra ospitale di Atene per morirvi, il delitto e la sventura hanno trovato nella sofferenza la catarsi. Gli orrori sono resi sublimi, l'esperienza eroica. La tensione si è allentata, l'equilibrio ristabilito, e la tragedia, ancora dolente ma piena di saggezza e di affetti, sfuma in una religiosità rasserenante.

Edipo re

Sofocle