Narrativa

Il gioco

D'Amicis Carlo

Descrizione: La cosa più affascinante del sesso non è il sesso, ma tutto ciò che gli ruota attorno: in una sola parola, la vita. È per questo cheLeonardo, Eva e Giorgio, dovendo parlare di sesso, raccontano le rispettive esistenze (audaci e innocenti allo stesso tempo) a un intervistatore che vorrebbe scrivere un libro sul piacere, e che invece si ritrova in continuazione a fare i conti con il loro dolore. Del resto, nel gioco erotico, tutto è così terribilmente intrecciato: non solo il piacere e il dolore, ma anche la trasgressione e le regole, la libertà e il possesso, l'eccitazione e la noia, l'io e la maschera. Quelle che i nostri eroi indossanoin questo romanzo corrispondono ai tre ruoli chiave del gioco: Leonardo (nome in codice: Mister Wolf) è il bull, maschio alfa che applica al sesso seriale la disciplina e la meticolosità degli antichi samurai, Eva (la First Lady) è la sweet, regina e schiava deldesiderio maschile, Giorgio (il Presidente) è il cuckold, tradito consenziente che sguazza nella sua impotenza ma non rinuncerebbe mai a manovrare i fili. Insieme formano il triangolo più classico e scabroso dell'intera geometria erotica, quello in cui l'ossessione maschile di possedere e offrire l'oggetto del proprio desiderio s'incastra con l'aspirazione della donna ad appartenere, finalmente, solo a se stessa. Recitano dei ruoli, Mister Wolf, la First Lady e il Presidente. Ma quanto più il corpo è il loro abito di scena, tanto più la loro anima si denuda, rivelando ai nostri occhi l'umanità struggente, tenera, e talvolta esilarante, di tre protagonisti fuori dagli schemi.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani e stranieri

Anno: 2018

ISBN: 9788804687351

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il gioco di Carlo D’Amicis, nella cinquina finalista del Premio Strega 2018, non ha potuto partecipare al Premio Strega Giovani – già assegnato al romanzo di Lia Levi, Questa sera è già domani – per il contenuto erotico ritenuto inadatto al target della sezione speciale del concorso letterario.

Bastano infatti poche pagine per comprendere quali siano tenore e contenuti di un romanzo che non fa mistero del tema trattato: il sesso inteso come dimensione fondante di comportamenti, pensieri e personalità.

Quanto alla struttura, il romanzo si articola in tre parti che corrispondono ad altrettante interviste ai protagonisti di triangolo suscettibile di estensioni laterali. Il rapporto che lega i tre personaggi – dotati (!) di pseudonimo e ruolo – è facilmente intuibile: c’è un dominatore-samurai (“Un bull deve possedere senso del dovere, risolutezza, generosità, fermezza d’animo, magnanimità, umanità… le virtù elencate nell’antico codice dei samurai”), Leonardo in arte Mr Wolf e svolge il ruolo del bull: il toro, il maschio alfa; c’è la regina-schiava, Eva alias la First Lady ed è la sweet; e infine c’è il cornuto felice di essere tale, che tuttavia esercita il suo ruolo di signore (“Un uomo che serve… quando il suo daimyo è duro e capriccioso, ecco, quello è un vero guerriero”), imprime volontà ed esprime desideri (di sopraffazione e umiliazione): Giorgio denominato il Presidente, tecnicamente designato con il rango di cuckold.

Nella prima parte scopriamo fenomenologia, psicologia evolutiva e acrobazie erotiche di Leonardo, una derivazione del Don Giovanni che si specializza in collezionismo di avventure (“E godevo… della spettacolarizzazione del tradimento, della sua trasformazione in gioco di ruolo”), rapporti plurimi, elaborati equilibrismi sado-masochistici con coppie alla ricerca del “particolare”. Il tutto condito con una filosofia edonistica  che sconfina nel pansessualismo (“Avevamo maturato a poco a poco la convinzione che qualunque essere umano, nessuno escluso, contenesse un vulcano chiamato sesso”) e si frastaglia in alcune enormità al limite dell’eresia (“Alexander Fleming… La sua più grande ricompensa… è stata quella di aver salvato milioni di vite umane. Il paragone, naturalmente, era eccessivo. Ma chi poteva dire quanto bene avrebbe fatto la nostra piccola grande rivoluzione? In fondo, le vittime dell’ipocrisia e di tutte le altre miserie che volevamo combattere con le gioie del sesso non erano certo meno numerose di quelle dello stafilococco”).

Il percorso di Leonardo trapassa esperienze monotematiche (“Desiderare la donna d’altri diventò il peccato che dovevo commettere per evitare il rischio di possederne una mia”), ma composite: un’iniziazione sessuale sui generis in un collegio religioso (“Tutto ciò che aveva nutrito la nostra amicizia, dalla passione per i libri al back-spin del suo rovescio, fino alla meticolosità con cui, prima di premere il pulsante della Polaroid, metteva in posa me e Orsetta, era stato una continua ricerca della bellezza”); un rapporto morboso con allieva, madre e padre dalla doppia vita; la frequentazione di sale cinematografiche a luci rosse; l’idolatria della pornodiva Marina Frajese (“Io che ero entrato e uscito mille volte dai cinema a luci rosse, che avevo scritto sceneggiature per dive dell’hard-core, che mi ero fatto fotografare in tutte le posizione da un prete pornografo…”); la psicanalisi condotta da due terapeuti-pazienti; la collaborazione nella redazione della rivista Le Ore con il deforme Giacomo, poeta, amico e compagno di “gioco” (“Macho con Freak: così presentavamo il nostro team…).
Ed è proprio in occasione dell’avventura erotica organizzata da  Leonardo-Giacomo – sino all’improbabile, scabroso epilogo che annienterà il duo – che il bull conosce la sua sweet e il suo cuckold. Ma questa è storia della seconda e terza parte del romanzo, che lasciamo a voi scoprire con la lettura, se riterrete che temi e situazioni trattate suscitino la vostra curiosità o addirittura siano nelle vostre corde!

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Carlo

D'amicis

Libri dallo stesso autore

Intervista a D'Amicis Carlo

BENVENUTI IN CASA ESPOSITO

Imperatore Pino

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James

Pietro è un ragazzino di città. La madre lavora in un consultorio di periferia, farsi carico degli altri è il suo talento. Il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera carico di rabbia. Ma sono uniti da una passione comune, fondativa: in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e l'orizzonte lineare di Milano li riempie ora di rimpianto e nostalgia. Quando scoprono il paesino di Graines sentono di aver trovato il posto giusto: Pietro trascorrerà tutte le estati in quella Val d'Ayas "chiusa a monte da creste grigio ferro e a valle da una rupe che ne ostacola l'accesso" ma attraversata da un torrente che lo incanta dal primo momento. E lì, ad aspettarlo, c'è Bruno, capelli biondo canapa e collo bruciato dal sole: ha la sua stessa età ma si occupa del pascolo delle vacche. Sono estati di esplorazioni e scoperte, tra le case abbandonate, il mulino e i sentieri più aspri. Sono gli anni in cui Pietro inizia a camminare con suo padre, "la cosa più simile a un'educazione che io abbia ricevuto da lui". La montagna è un sapere, un modo di respirare, il suo vero lascito: "Eccola lì, la mia eredità: una parete di roccia, neve, un mucchio di sassi squadrati, un pino". Paolo Cognetti esordisce nel romanzo con un libro sui rapporti che possono essere accidentati ma granitici, sulla possibilità di imparare e sulla ricerca del nostro posto nel mondo.

Le otto montagne

Cognetti Paolo

Libro vincitore del Premio Bagutta 2024. Gianni Biondillo ci regala un racconto corale di uomini e donne che presero coscienza del crollo delle false ideologie e che decisero di schierarsi nel nome della Resistenza e della libertà, spesso pagandone le conseguenze.

Quello che noi non siamo

Biondillo Gianni