Classici

Il giorno della civetta

Sciascia Leonardo

Descrizione: Leonardo Sciascia pubblico questo romanzo nel 1961. Allora, nelle parole dell'autore stesso, . La stessa parola mafia era usata con tutte le cautele e quasi di malavoglia. Eppure noi sappiamo che proprio in quegli anni avveniva la radicale trasformazione che sposto la mafia dal mondo agrario a quello degli appalti, delle commesse e di altre realta , non piu regionali ma nazionali e internazionali. Lo scrittore Sciascia irrompe dunque in questa realta come nominandola per la prima volta. Basta leggere la pagina iniziale del Giorno della civetta per capire che essa finalmente cominciava a esistere nella parola. Sciascia sottopose il testo a un delicato lavoro di limatura, riducendolo ai tratti essenziali con l'arte del : e, visto a distanza di anni, tale lavoro si rivela piu che mai un'astuzia dell'arte. Qui infatti Sciascia ha scoperto, una volta per tutte, quel suo inconfondibile modo di narrare che non si concede ambagi e volute, ma fissa lo sguardo sempre e soltanto sulle nervature del significato, fossero anche in un minimo gesto o dettaglio. In questo senso, se Il giorno della civetta e diventato il romanzo piu popolare di Sciascia, e anche perche lo rappresenta in una forma che, nel piu piccolo spazio, raggiunge la massima densita.

Categoria: Classici

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 1993

ISBN: 9788845909573

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Primo romanzo di Sciascia, Il giorno della civetta può definirsi un giallo, seppur non totalmente e perfettamente ascrivibile al genere. Il motivo, il fatto che ha indotto l’autore a realizzare un’opera di questo tipo è legato all’omicidio di un sindacalista in Sicilia e a un’intervista fatta al Presidente della Regione Alessi, il quale affermò che la mafia non esisteva affatto e che si trattava di una pura invenzione del Nord.

L’autore ha voluto prendere in mano la penna e comporre un testo per affrontare questa tematica per la prima volta pubblicamente: tre anni dopo l’uscita del romanzo, infatti, lo Stato Italiano aprì un’inchiesta sulla mafia.

Il romanzo si svolge prevalentemente su due linee: una romana e una siciliana.
Quella romana è fatta soprattutto di pause, o intermezzi, in cui due politici anonimi sembrano discutere dei fatti che si svolgono in Sicilia, volendo così alludere adun legame diretto tra politica e mafia, rapporto che sarà più approfondito nei successivi romanzi.
La linea siciliana, invece, riguarda tutta la trama del “romanzo giallo”, per quanto, come accennavo primai, di romanzo giallo non si possa parlare in pieno.
Il giallo infatti presuppone una totale e incondizionata fiducia nella ragione, mentre la conclusione del romanzo di Sciascia mostra il continuo oscillare dell’autore tra la fiducia illuministica e la rassegnazione ad una situazione stagnante.

Il romanzo assume le forme di un’inchiesta di polizia, condotta dal capitano Bellodi, che incarna i valori del Nord (è infatti originario di Parma) e pertanto avrà il suo bel da fare per entrare nella mentalità meridionale. Suo antagonista è Don Mariano, personaggio che ha procurato qualche critica a Sciascia, soprattutto per quel suo monologo, al momento dell’arresto: il sistema clientelare, vassallatico, sembra essere necessario e indispensabile per la sopravvivenza in quel mondo.

Alla fine l’autore non pare sicuro della soluzione che la ragione ha permesso di raggiungere con l’indagine: infatti, nonostante si sia palesato il mandante dell’omicidio, lo status quo sembra preservarsi e Sciascia si avvia verso le soluzioni dei successivi romanzi, attraverso il trasferimento di Bellodi al Nord. Però una nota positiva ancora permane: il capitano, infatti, nonostante sia tornato tra amici e conoscenti, nella sua terra natia, si sente profondamente catturato da quel mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leonardo

Sciascia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sciascia Leonardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Palermo, Borgo Vecchio. Thomas Giuliani è un commissario della omicidi. Quasi ogni mattina lascia che il rasoio di Filippo Bonanno gli lisci le guance in una bottega di barbiere benedetta dagli sbirri e dalla mafia. Sono gli ultimi giorni di servizio per il commissario Giuliani ma il suo telefono non cessa di squillare. Tra la munnizza, un ragazzino ha trovato il corpo di una donna. Violentata, sodomizzata con una bottiglia di vetro. Una lama le ha spento la vita. C'è un cadavere che aspetta giustizia e la giustizia corre dietro a tre Drughi, dei malacarne che hanno consacrato la loro vita alla violenza. Thomas Giuliani è la sintesi di una Palermo piena di ombre mai esplorate, di ghetti periferici e di vite consumate sull'asfalto tra le disillusioni e la precarietà degli affetti. Da Mezzanotte a zero è il tempo del dolore e di una vendetta consumata negli angoli bui di una città livida.

Da mezzanotte a zero

Zingales Vitobenicio

I proventi di questo ebook andranno totalmente all’Associazione onlus Franca Cassola Pasquali, una bella realtà che opera sul nostro territorio soprattutto a sostegno della Senologia di Tortona. Otto racconti che hanno per protagoniste altrettante donne. Persone comuni, come lo sono di solito i personaggi delle mie storie, che vivono delle situazioni particolari e che si ritrovano a dover compiere delle scelte, capaci, nel bene e nel male, di condizionare la loro vita. Sono donne ben diverse l’una dall’altra, sia per età che per estrazione sociale, sia per le problematiche del loro vivere che per il modo in cui ognuna le affronta, ma in egual modo ricche di sentimenti e di quella sensibilità speciale che caratterizza l’animo femminile. E’ diversa anche l’atmosfera che si respira nei vari racconti, in alcuni triste se non addirittura tragica, in altri più lieve e persino venata di ironia e di umorismo. E anche lo stile si adatta al contenuto. Ho raccolto i racconti accostandoli a due a due, puntando su un aspetto, che, in qualche modo, accomuna le protagoniste. Filomena e Altea. Essere prigioniere del marito e della casa può risultare orrendo, oppure qualcosa a cui non si vuole rinunciare. Tutto dipende dalla situazione personale. Pinuccia e Teresa. La condizione di suocera non è facile, specie se col marito della propria figlia esiste un feeling decisamente scarso. Anna e Carmela. Un figlio può costituire un problema se se lo si desidera intensamente e ci viene negato, ma anche se una gravidanza inaspettata arriva ad aggiungere difficoltà a una situazione familiare già non facile. Silvana e Angela. Entrambe le protagoniste si rivolgono a una persona cara, la madre e la figlia, e traggono dal loro ottimismo, dalla loro positività, coraggio e speranza.

8 marzo – Storie di donne

Sanna Silvana

La giovane insegnante precaria, Silvia Martini, è al suo primo incarico annuale nella Scuola "Edmondo De Amicis", collocata in un quartiere periferico e multietnico della città di Torino. Si ritrova ad insegnare in una quarta primaria, una classe difficile da gestire che affronterà con i consigli dell'amica Mirella Sciascia, insegnante alle soglie della pensione. Molteplici saranno le vicissitudini che gli alunni della classe (tra cui la disadattata Pamela, il bullo Alessandro, la viziata Nicoletta e i tanti alunni stranieri), ma a volte anche i colleghi, le faranno vivere, fino al concretizzarsi di un drammatico incidente. Evento che la colpirà profondamente nell'animo, inducendola a sentirsi indirettamente responsabile e a riconsiderare il proprio operato, raccogliendo del materiale, sull'anno scolastico trascorso, in un dossier che poi porgerà al Procuratore (e quindi al lettore) che si occupa del caso, sia per fornire un aiuto alle indagini, ma soprattutto per vedere assolta la propria coscienza.

NON C’E’ CUORE

Caprio Franco

Un colpo sordo, un corpo che si schianta sui sampietrini di una nobile strada romana. Via Rasella, sessant’anni dopo l’attentato che fece da drammatico prologo all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Così muore Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza, nel giorno del suo sessantesimo compleanno. E l’ora di quella morte, omicidio o suicidio che sia, è la stessa della strage ordinata dalle cellule partigiane. Prende le mosse da qui, una delle più straordinarie storie gialle ambientate nella Capitale, nella quale si fondono passato e presente, esoterismo e misteri, inseguimenti e colpi di scena, in un intreccio che si salda nei canoni più classici dell’indagine poliziesca fino al rendez vous conclusivo, ad alta tensione.

LA MEMORIA DEL DESTINO

Turitto Pierpaolo