Classici

Il giorno della civetta

Sciascia Leonardo

Descrizione: Leonardo Sciascia pubblico questo romanzo nel 1961. Allora, nelle parole dell'autore stesso, . La stessa parola mafia era usata con tutte le cautele e quasi di malavoglia. Eppure noi sappiamo che proprio in quegli anni avveniva la radicale trasformazione che sposto la mafia dal mondo agrario a quello degli appalti, delle commesse e di altre realta , non piu regionali ma nazionali e internazionali. Lo scrittore Sciascia irrompe dunque in questa realta come nominandola per la prima volta. Basta leggere la pagina iniziale del Giorno della civetta per capire che essa finalmente cominciava a esistere nella parola. Sciascia sottopose il testo a un delicato lavoro di limatura, riducendolo ai tratti essenziali con l'arte del : e, visto a distanza di anni, tale lavoro si rivela piu che mai un'astuzia dell'arte. Qui infatti Sciascia ha scoperto, una volta per tutte, quel suo inconfondibile modo di narrare che non si concede ambagi e volute, ma fissa lo sguardo sempre e soltanto sulle nervature del significato, fossero anche in un minimo gesto o dettaglio. In questo senso, se Il giorno della civetta e diventato il romanzo piu popolare di Sciascia, e anche perche lo rappresenta in una forma che, nel piu piccolo spazio, raggiunge la massima densita.

Categoria: Classici

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 1993

ISBN: 9788845909573

Recensito da Serena Vissani

Le Vostre recensioni

Primo romanzo di Sciascia, Il giorno della civetta può definirsi un giallo, seppur non totalmente e perfettamente ascrivibile al genere. Il motivo, il fatto che ha indotto l’autore a realizzare un’opera di questo tipo è legato all’omicidio di un sindacalista in Sicilia e a un’intervista fatta al Presidente della Regione Alessi, il quale affermò che la mafia non esisteva affatto e che si trattava di una pura invenzione del Nord.

L’autore ha voluto prendere in mano la penna e comporre un testo per affrontare questa tematica per la prima volta pubblicamente: tre anni dopo l’uscita del romanzo, infatti, lo Stato Italiano aprì un’inchiesta sulla mafia.

Il romanzo si svolge prevalentemente su due linee: una romana e una siciliana.
Quella romana è fatta soprattutto di pause, o intermezzi, in cui due politici anonimi sembrano discutere dei fatti che si svolgono in Sicilia, volendo così alludere adun legame diretto tra politica e mafia, rapporto che sarà più approfondito nei successivi romanzi.
La linea siciliana, invece, riguarda tutta la trama del “romanzo giallo”, per quanto, come accennavo primai, di romanzo giallo non si possa parlare in pieno.
Il giallo infatti presuppone una totale e incondizionata fiducia nella ragione, mentre la conclusione del romanzo di Sciascia mostra il continuo oscillare dell’autore tra la fiducia illuministica e la rassegnazione ad una situazione stagnante.

Il romanzo assume le forme di un’inchiesta di polizia, condotta dal capitano Bellodi, che incarna i valori del Nord (è infatti originario di Parma) e pertanto avrà il suo bel da fare per entrare nella mentalità meridionale. Suo antagonista è Don Mariano, personaggio che ha procurato qualche critica a Sciascia, soprattutto per quel suo monologo, al momento dell’arresto: il sistema clientelare, vassallatico, sembra essere necessario e indispensabile per la sopravvivenza in quel mondo.

Alla fine l’autore non pare sicuro della soluzione che la ragione ha permesso di raggiungere con l’indagine: infatti, nonostante si sia palesato il mandante dell’omicidio, lo status quo sembra preservarsi e Sciascia si avvia verso le soluzioni dei successivi romanzi, attraverso il trasferimento di Bellodi al Nord. Però una nota positiva ancora permane: il capitano, infatti, nonostante sia tornato tra amici e conoscenti, nella sua terra natia, si sente profondamente catturato da quel mondo.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Leonardo

Sciascia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sciascia Leonardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un sobborgo di Tokyo il giovane Okada Toru ha appena lasciato volontariamente il suo lavoro e si dedica alle faccende di casa. Due episodi apparentemente insignificanti riescono tuttavia a rovesciare la sua vita tranquilla: la scomparsa del suo gatto e la telefonata anonima di una donna dalla voce sensuale. Toru si accorgerà presto che oltre al gatto, a cui la moglie Kumiko è molto affezionata, dovrà cercare Kumiko stessa. Lo spazio limitato del suo quotidiano diventerà il teatro di una ricerca in cui sogni, ricordi e realtà si confondono e che lo porterà a incontrare personaggi sempre più strani: dalla prostituta psicotica alla sedicenne morbosa, dal politico diabolico al vecchio e misterioso veterano di guerra. A poco a poco Toru dovrà risolvere i conflitti della sua vita passata di cui nemmeno sospettava l'esistenza. Un intrigante romanzo che illumina quelle zone d'ombra in cui ognuno nasconde segreti e fragilità.

L’UCCELLO CHE GIRAVA LE VITI DEL MONDO

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola

MASTRO DON GESUALDO – di Giovanni Verga

Da nove anni, Jeanie vive in una prigione di silenzio. Da quando, una fredda sera di autunno, suo marito George è rientrato a casa e ha iniziato a comportarsi come se lei non esistesse. Ancora oggi, lui non la guarda, non le parla, dorme in un'altra stanza. Per Jeanie, gli unici momenti di gioia sono i giovedì al parco insieme con la nipotina. Ed è proprio in una di quelle occasioni che lei conosce Ray, anche lui lì col nipote. Ray è galante, spiritoso, gentile. Per la prima volta dopo tanto tempo, Jeanie si sente di nuovo apprezzata e, settimana dopo settimana, sente nascere dentro di sé una passione che credeva non avrebbe mai più provato. Eppure la felicità ha un prezzo. Ben presto, infatti, Jeanie si rende conto che, per vivere in pieno un nuovo amore, deve recidere ciò che la lega al passato, mettendo così a rischio tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Come l'affetto dei figli, che non capiscono cosa stia succedendo alla madre, o la stima degli amici, che le suggeriscono di non dare peso a un sentimento effimero. Ma, soprattutto, Jeanie deve ricominciare a comunicare col marito, e l'unico modo per farlo è scoprire cosa sia successo quella notte di nove anni prima...

I nostri giovedì al parco

Boyd Hilary