Letteratura inglese

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

Descrizione: Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854131989

Trama

Le Vostre recensioni

Scarlett Thomas torna con un romanzo che in Inghilterra è stato pubblicato per la prima volta nel 2002, quattro anni prima dell’opera che l’ha finalmente portata in Italia e consacrata al grande pubblico, Che fine ha fatto mr. Y?.

Un romanzo che Newton ha portato nelle nostre librerie a ragione: anche in questa storia non manca l’arguzia e lo spirito brillantemente anticonvenzionale che contraddistingue l’autrice.

Quel che stupisce leggendo i libri di Scarlett Thomas, come sempre, è la sua capacità di prendere quali protagonisti delle vicende personaggi del tutto surreali e al contempo lucidamente reali e privi dell’abbellimento che solitamente, anche nel più marcato realismo, un autore riserva alle proprie creature.

Il risultato, come nelle altre opere, è che le persone di cui parla spiccano per autenticità e unicità: cioè, le stranezze impietosamente messe in tavola, le nevrosi, la diversità finiscono per completare un carattere semplicemente “normale”, eroico e patetico al tempo stesso, in cui è facile riconoscersi, ma in cui è sempre possibile trovare uno squarcio di illuminazione sulla realtà.

O semplicemente la descrizione di una piccola illusione mentale fine a se stessa, su cui magari non ci siamo mai soffermati: ecco un esempio.

Julie trova normale che le possano piacere dei numeri. Forse per via dei loro colori. Lei ha sempre immaginato i numeri a colori, forse lo fanno tutti. Il numero 1 è bianco, il 2 è giallo e il 3 è blu; il 4 è rosso scuro il 5 è arancione, il 6 è bianco, quasi come l’1, ma con una piccola sfumatura di blu; il 7 è rosso o blu, a seconda del suo umore; l’8 è arancione scuro ed il 9 è nero.

A volte si chiede se anche le altre persone vedano i numeri a colori e, in generale, come li immaginano. Nella mente di Julie formano un disegno ben definito, che lei saprebbe persino tracciare, se necessario: una linea diagonale che si allunga a partire da -100 nell’angolo in basso a sinistra della sua mente, fino a 100, che lei vede in alto a destra.”.

La divagazione continua per più di una pagina. E ce ne sono moltissime disseminate per la storia.

Una storia surreale come ci si aspetta da questa autrice dalle mille sfaccettature e dai mille interessi: un ragazzo allergico al sole che non è mai potuto uscire di casa, bloccato dalle insidie della realtà esterna alla sua camera, decide di affrontare un viaggio per incontrare un santone che ritiene di poterlo guarire, accompagnato da un improbabile circo di amici e conoscenti, protetto sostanzialmente da una sorta di tuta spaziale creata in modo casalingo di nascosto.

Ciascuno porta con sé le proprie fisse e i propri perché, in un viaggio che è il fulcro della trama, pur iniziando solo ben oltre la metà del romanzo.

Come sempre la lettura è un po’ faticosa, ostacolata dalle continua divagazione cui si accennava, e certo metterà in difficoltà i lettori che ricercano una trama avvincente e senza rallentamenti; ma per chi ama voli pindarici, gusto dell’assurdo e scoperta di uno spaccato di realtà (im)possibile, Scarlett Thomas resta una regina indiscussa della narrativa contemporanea.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scarlett

Thomas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thomas Scarlett


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Classifica – 22 -28 aprile 2013

VIAGGIO NEL DIALETTO MILANESE – di Giorgio Caprotti

Michel Djerzinski e Bruno Clement sono fratellastri e sembrano essere accomunati unicamente dall'abbandono della madre. Michel è uno scienziato dedito alla biologia molecolare e vicino al Nobel. Un uomo che ha dedicato la sua esistenza agli studi scientifici che lo hanno portato all'isolamento e all'impermeabilità a qualunque emozione. Il suo sogno è riuscire a clonare gli esseri umani così da poter garantire a essi una vita perfetta. Bruno è un uomo di lettere, fa l'insegnante, è attirato dal sesso in modo morboso, ed è costretto dalla malattia a entrare e uscire dalle cliniche psichiatriche. Sia la morbosità patologica di Bruno sia l'asettica razionalità di Michel sono il risultato dell'ambiente che li circonda: un mondo fatto di solitudini e dominato dal caso in cui i desideri sembrano scaturire dagli spot pubblicitari. Nella descrizione di questo quadro apocalittico, nell'aridità di questa umanità scarnificata si intravedono scenari futuri dai risvolti inquietanti.

Le particelle elementari

Houellebecq

Siamo arrivati in nove. In apparenza, siamo uguali a voi: vestiamo come voi, parliamo come voi, viviamo come voi. Ma non siamo affatto come voi. Siamo più forti, più veloci e più abili di qualsiasi essere vivente del vostro pianeta. Avete presente i supereroi dei fumetti e quelli che ammirate al cinema? Una cosa del genere, però con una grossa differenza: noi siamo reali. Ci siamo rifugiati sulla Terra e ci siamo divisi per prepararci: dovevamo allenarci, scoprire tutti i nostri poteri e imparare a usarli. Poi ci saremmo riuniti, tutti e nove, e saremmo stati pronti. A combatterli. Ma loro hanno scoperto che siamo qui e adesso ci stanno dando la caccia. Così siamo costretti a scappare, a spostarci in continuazione. Attualmente mi faccio chiamare John Smith, e mi nascondo a Paradise, in Ohio. Credevo di essere al sicuro, ma ho commesso un errore gravissimo: mi sono innamorato di una mia compagna di scuola. E non potevo scegliere un momento peggiore. Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia Il Numero Due in Inghilterra. Il Numero Tre in Kenya. E li hanno uccisi. Io sono il Numero Quattro. Io sono il prossimo...

SONO IL NUMERO QUATTRO

Lore Pittacus