Letteratura inglese

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

Descrizione: Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

Categoria: Letteratura inglese

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854131989

Trama

Le Vostre recensioni

Scarlett Thomas torna con un romanzo che in Inghilterra è stato pubblicato per la prima volta nel 2002, quattro anni prima dell’opera che l’ha finalmente portata in Italia e consacrata al grande pubblico, Che fine ha fatto mr. Y?.

Un romanzo che Newton ha portato nelle nostre librerie a ragione: anche in questa storia non manca l’arguzia e lo spirito brillantemente anticonvenzionale che contraddistingue l’autrice.

Quel che stupisce leggendo i libri di Scarlett Thomas, come sempre, è la sua capacità di prendere quali protagonisti delle vicende personaggi del tutto surreali e al contempo lucidamente reali e privi dell’abbellimento che solitamente, anche nel più marcato realismo, un autore riserva alle proprie creature.

Il risultato, come nelle altre opere, è che le persone di cui parla spiccano per autenticità e unicità: cioè, le stranezze impietosamente messe in tavola, le nevrosi, la diversità finiscono per completare un carattere semplicemente “normale”, eroico e patetico al tempo stesso, in cui è facile riconoscersi, ma in cui è sempre possibile trovare uno squarcio di illuminazione sulla realtà.

O semplicemente la descrizione di una piccola illusione mentale fine a se stessa, su cui magari non ci siamo mai soffermati: ecco un esempio.

Julie trova normale che le possano piacere dei numeri. Forse per via dei loro colori. Lei ha sempre immaginato i numeri a colori, forse lo fanno tutti. Il numero 1 è bianco, il 2 è giallo e il 3 è blu; il 4 è rosso scuro il 5 è arancione, il 6 è bianco, quasi come l’1, ma con una piccola sfumatura di blu; il 7 è rosso o blu, a seconda del suo umore; l’8 è arancione scuro ed il 9 è nero.

A volte si chiede se anche le altre persone vedano i numeri a colori e, in generale, come li immaginano. Nella mente di Julie formano un disegno ben definito, che lei saprebbe persino tracciare, se necessario: una linea diagonale che si allunga a partire da -100 nell’angolo in basso a sinistra della sua mente, fino a 100, che lei vede in alto a destra.”.

La divagazione continua per più di una pagina. E ce ne sono moltissime disseminate per la storia.

Una storia surreale come ci si aspetta da questa autrice dalle mille sfaccettature e dai mille interessi: un ragazzo allergico al sole che non è mai potuto uscire di casa, bloccato dalle insidie della realtà esterna alla sua camera, decide di affrontare un viaggio per incontrare un santone che ritiene di poterlo guarire, accompagnato da un improbabile circo di amici e conoscenti, protetto sostanzialmente da una sorta di tuta spaziale creata in modo casalingo di nascosto.

Ciascuno porta con sé le proprie fisse e i propri perché, in un viaggio che è il fulcro della trama, pur iniziando solo ben oltre la metà del romanzo.

Come sempre la lettura è un po’ faticosa, ostacolata dalle continua divagazione cui si accennava, e certo metterà in difficoltà i lettori che ricercano una trama avvincente e senza rallentamenti; ma per chi ama voli pindarici, gusto dell’assurdo e scoperta di uno spaccato di realtà (im)possibile, Scarlett Thomas resta una regina indiscussa della narrativa contemporanea.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scarlett

Thomas

Libri dallo stesso autore

Intervista a Thomas Scarlett


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Premosello, Piemonte, 1967. A sei anni, Tobia sa già leggere, come l'inseparabile amico Ettore. A scuola si innamora di Carolina, ma trova un nemico, Gioacchino, che non perderà occasione per umiliarlo. In classe, sul campo da calcio e nei pomeriggi in campagna, passati a scoprire la natura. Con Gioacchino finisce a botte, una sera d'estate, e dal giorno dopo il bambino sparirà per sempre. Per vergogna, Tobia tace di fronte ai carabinieri, ma un altro atroce delitto porta ben presto alla scoperta del colpevole. Lasciando il paese con la famiglia, Tobia rimarrà sempre con il dubbio che in realtà l'assassino sia un altro... Quarant'anni dopo, una telefonata di Ettore, mai più sentito da allora, riporterà Tobia nei luoghi della sua infanzia, costringendolo a percorrere a ritroso la verità.

L’arte sconosciuta del volo

Fovanna Enrico

Quando incontra il Professore per la prima volta, Doria ha sedici anni e la sua vita è intrappolata tra le mura della pensione del padre. Lui ha molti più anni e porta con sé un bagaglio dentro al quale conoscenza e mistero si alternano con intrigante complicità. Quando l'anno successivo l'uomo fa ritorno in Liguria, la natura prende il sopravvento e la loro storia prende forma. L'uomo è sposato e Doria è solo una tappa lungo il viaggio che durante le vacanze estive lo porta dalla moglie e la figlia a Nizza. Una tappa che però diventa piacevole abitudine e si ripete ogni estate. Negli anni più delicati della sua giovinezza, si abbandona a lui e pur di non deluderlo è disposta non solo ad assecondare ogni sua fantasia, ma anche a imparare nuove pratiche, facendo esperienze con i compagni durante gli interminabili mesi scolastici. Durante i loro fugaci incontri, il Professore si dedica totalmente a lei con il chiaro intento di iniziarla alla ricerca di se stessa e del piacere. Dopo una lunga separazione, ad aspettarlo però non troverà Doria, ma un plico di lettere in cui racconta di se stessa, di loro e di un segreto che non ha mai avuto il coraggio di confidargli.

Il basilico raccolto all’alba

Gènin Eugènie

In un pittoresco mosaico di stravaganti preghiere si dipanano storie cucite ad arte, tra il sacro ed il profano. Questi racconti sono perle di un rosario, gocce stillanti, e voci fuori dal coro. Un campionario di vicende narrate senza filtri, dove il perbenismo non è ammesso e dove prendono vita in maniera spontanea e bestiale, solipsistiche aberrazioni del sé. Perché la verità condita da bianche bugie è più nera del sole. Profane preghiere scandiscono il tempo dell'incertezza. Qui dove nessuna lezione di vita viene impartita. Racconti diversi a volte per-versi inscenano un carosello di esistenze violate. Dove il sacro è pretesto per riscoprire il corpo e il credo solo un vincolo profano. Non vi è spazio per l'ipocrisia della correttezza in queste pagine sporcate dalle penne di anime originali e controcorrente. Una raccolta di diciotto racconti curata dall'autore Simone Pozzati. Un mix di scrittori in cui spiccano i racconti di autori noti al panorama nazionale come Marilù Manzini, il poeta beat Antonio Veneziani, il regista Livio Galassi, il biografo e poeta Ignazio Gori, lo scrittore Maurizio Valtieri, il commediografo Simone Romano e l'editore Simone Di Matteo.

Del sacro e del profano

Pozzati Simone e autori vari

Una storia sul Risorgimento, dalle delusione del 1848 alla riscossa del '59, attraverso il dramma di un fervente cattolico modernista e di sua moglie, liberale e tiepida credente.

Piccolo mondo antico

Fogazzaro Antonio