Narrativa

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Descrizione: Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930263

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quando Georges Simenon lesse Il giudice e il suo boia, romanzo di Durrenmatt disse: “Non so che età abbia l’autore. Se è alla sua prima prova, credo che farà strada”. Simenon in effetti si espresse bene a proposito dello scrittore svizzero.

Il giudice e il suo boia è un giallo, un noir di grande livello, non solo per la storia in sé, che comunque presenta un colpo di scena finale spiazzante, ma soprattutto per la centralità del tema della giustizia.

Protagonista è l’ispettore Barlach, uomo gravemente malato ma lucido, esperto, paziente e attendista, tanto che lui stesso si definisce “un grosso vecchio gatto nero a cui piace mangiare i topi”. Egli deve occuparsi dell’omicidio di un ispettore di polizia e si fa affiancare da un giovane e ambizioso collega, al quale affida la titolarità dell’indagine.

Si intuisce però che, al di là dell’indagine stessa, c’è un interesse superiore nella mente di Barlach: servirsi del caso per arrivare a Gastmann, un criminale che insegue da anni, ritenuto il sospettato numero uno dell’omicidio dell’ispettore di polizia. Tra i due c’è una conoscenza di lunga data, una rivalità nata a seguito di una scommessa fatta in gioventù, quando Barlach sostenne che “…l’imperfezione umana è il motivo per cui la maggior parte dei delitti viene inevitabilmente alla luce…” mentre Gastmann, per sfidarlo, rispose che “…proprio il garbuglio dei rapporti umani ti permette di compiere delitti che non si possono scoprire…”.

Da quel momento le loro strade si sono incrociate diverse volte, Gastmann è diventato un uomo ricco e potente, con amicizie altolocate e agganci importanti nell’ambiente degli affari e della politica e per questo è praticamente intoccabile, sebbene rimanga un assassino plurimo che Barlach desidera assegnare alla giustizia. Anzi, per meglio dire, dopo tanti anni e tanti scontri, Barlach ritiene di potere diventare il giudice della sorte di Gastmann, per poterlo finalmente consegnare alle mani del boia. Molto avvincente peraltro risulta essere il confronto verbale tra i due, che ritrovandosi vis-à-vis continuano a sfidarsi e irretirsi reciprocamente.

Proprio il tema della giustizia è caro a Durrenmatt e compare nuovamente in questo romanzo, così come in altre sue opere. La giustizia ha sempre un che di aleatorio, di approssimativo, può risultare parziale, strumentale ad altri interessi e pertanto non è sempre scontato che il braccio del boia alla fine colpisca in modo oggettivo e… tenendo conto dei meriti di ciascuno!

Questo sito è interamente dedicato all’autore!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Durrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Durrenmatt Friedrich

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda

"Come sospettavo, non c'è nulla di prevedibile, nella vita, nell'arte e tantomeno in questi viaggi.Tutti abbiamo viaggiato per lo stesso motivo. Per cercare delle risposte al nostro esistere, ma qualcuno una volta mi disse che siamo tutti fili di un immenso quadro di un ricamo, visto da dietro". Giorgio è un ragazzo universitario sempre alla ricerca di risposte a dubbi e domande che affollano la sua giovane esistenza. Grazie all'aiuto di un cruciverba speciale Giò intraprende un viaggio interiore, fatto di sogni incrociati e condivisi con la sua amica Stefania, che lo conducono in situazioni fuori dal comune. Grazie a questo percorso Giò e Stefi saranno in grado di esplorare e di ottenere rivelazioni straordinarie.

Rivelazioni incrociate

Perucca Mariapaola

Paul Overt, giovane autore con qualche buon romanzo alle spalle, incontra con grande emozione Henry St. George, lo scrittore da lui idolatrato, che lo mette in guardia dalle insidie dell’amore romantico, persuaso com’è che la vita di famiglia, con i suoi gravami, comprometta la creatività e l’integrità artistica. Esaltato e lacerato dalle parole del collega più anziano, Overt partirà per un lungo viaggio all’estero. Ma al ritorno, due anni più tardi, di fronte a una sorpresa dal sapore beffardo, si domanderà se il sublime sacrificio che avrebbe voluto imporsi fosse davvero così imperativo: e la lezione che avrà appreso sarà meno eccelsa, e più venefica, di quella impartitagli dal sommo, ineffabile Maestro.

La lezione del maestro

James Henry

Spagna, Costa Blanca. il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgo nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mauthausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Sa bene che le loro mani sottili e rugose si sono macchiate del sangue degli innocenti. Ma ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. A leggere dietro i loro silenzi, i sorrisi, le parole dette non dette, i regali. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché è impossibile restituire la vita alle vittime. Ma almeno fare in modo che tutto ciò che è successo non cada nell'oblio. E che il male non rimanga impunito.

Il profumo delle foglie di limone

Sanchez Clara