Narrativa

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Descrizione: Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930263

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quando Georges Simenon lesse Il giudice e il suo boia, romanzo di Durrenmatt disse: “Non so che età abbia l’autore. Se è alla sua prima prova, credo che farà strada”. Simenon in effetti si espresse bene a proposito dello scrittore svizzero.

Il giudice e il suo boia è un giallo, un noir di grande livello, non solo per la storia in sé, che comunque presenta un colpo di scena finale spiazzante, ma soprattutto per la centralità del tema della giustizia.

Protagonista è l’ispettore Barlach, uomo gravemente malato ma lucido, esperto, paziente e attendista, tanto che lui stesso si definisce “un grosso vecchio gatto nero a cui piace mangiare i topi”. Egli deve occuparsi dell’omicidio di un ispettore di polizia e si fa affiancare da un giovane e ambizioso collega, al quale affida la titolarità dell’indagine.

Si intuisce però che, al di là dell’indagine stessa, c’è un interesse superiore nella mente di Barlach: servirsi del caso per arrivare a Gastmann, un criminale che insegue da anni, ritenuto il sospettato numero uno dell’omicidio dell’ispettore di polizia. Tra i due c’è una conoscenza di lunga data, una rivalità nata a seguito di una scommessa fatta in gioventù, quando Barlach sostenne che “…l’imperfezione umana è il motivo per cui la maggior parte dei delitti viene inevitabilmente alla luce…” mentre Gastmann, per sfidarlo, rispose che “…proprio il garbuglio dei rapporti umani ti permette di compiere delitti che non si possono scoprire…”.

Da quel momento le loro strade si sono incrociate diverse volte, Gastmann è diventato un uomo ricco e potente, con amicizie altolocate e agganci importanti nell’ambiente degli affari e della politica e per questo è praticamente intoccabile, sebbene rimanga un assassino plurimo che Barlach desidera assegnare alla giustizia. Anzi, per meglio dire, dopo tanti anni e tanti scontri, Barlach ritiene di potere diventare il giudice della sorte di Gastmann, per poterlo finalmente consegnare alle mani del boia. Molto avvincente peraltro risulta essere il confronto verbale tra i due, che ritrovandosi vis-à-vis continuano a sfidarsi e irretirsi reciprocamente.

Proprio il tema della giustizia è caro a Durrenmatt e compare nuovamente in questo romanzo, così come in altre sue opere. La giustizia ha sempre un che di aleatorio, di approssimativo, può risultare parziale, strumentale ad altri interessi e pertanto non è sempre scontato che il braccio del boia alla fine colpisca in modo oggettivo e… tenendo conto dei meriti di ciascuno!

Questo sito è interamente dedicato all’autore!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Durrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Durrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Ci sono fatti che possono essere accantonati. Altri addirittura dimenticati. Ma ce ne sono alcuni, terribili, devastanti, su cui nessuno può passare sopra. Questo è il caso di Michele. Una parte della sua vita se ne è andata, una parola fine scritta dalla penna del destino. Incomprensibile, inimmaginabile. Un dolore che sembra non finire mai, che conduce la mente nell'oblio più profondo. Michele non può sopportarlo. Deve fare qualcosa. Deve scegliere il proprio destino. Il nostro destino. È davvero nostro? Siamo veramente noi a sceglierlo? Michele si trova nel bel mezzo di una spirale di eventi di cui lui stesso non è in grado di carpire il filo conduttore. Pensa di avere in mano la situazione, di poter controllare il flusso degli eventi. Eppure c'è qualcosa nei suoi piani che sta per andare in fumo. Qualcosa che non aveva calcolato e che nessuno può fermare. È una voce, un'idea, una persona. O forse niente di tutto questo. È il disegno del destino.

Il disegno del destino

Simoncini Davide

Qual è il giorno in cui siamo diventati umani? Quale l’attimo in cui questa vitale e spossante consapevolezza ci ha invaso? Questa la domanda che Paolo Zardi fa al lettore. Ma prima lo chiede ai personaggi che animano queste pagine. Un padre che cova l’insopprimibile desiderio che sua figlia non somigli alla madre; una moglie che nell’istante assoluto del pentimento capisce che tradirà ancora; un vecchio che ad ogni compleanno avverte quanto sia difficile morire; una vedova all’ossessiva ricerca di un’alternativa ai ricordi; una dottoressa che, per un momento, vede nel corpo attraente di un paziente la giovinezza che avrebbe avuto suo figlio. Creature sospese tra l’amore e il dolore, tra desiderio e paura, tra la vergogna e la grazia. La delicatezza dei corpi, la labilità delle intenzioni, la precarietà di ogni condizione umana sono i punti focali attorno ai quali i personaggi di questi racconti si muovono, combattono, vivono, fotografati tutti nella loro abbagliante purezza.

IL GIORNO CHE DIVENTAMMO UMANI

Zardi Paolo

Scritta nel 1966 e messa in scena per la prima volta nel 1977 a Roma, cioè a due anni dalla scomparsa del suo autore, Affabulazione narra la storia di una rivolta tra padre e figlio che diventa una dolente metafora del mancato dialogo tra due generazioni.

Affabulazione

Pasolini Pier Paolo

Scegliere di vivere ciò che si è: può sembrare semplice ma è una delle decisioni più complicate della vita di ognuno. Eppure questa è la scelta che tutti siamo, prima o poi, chiamati ad affrontare se vogliamo arrivare un po' più vicino alla felicità. Questo libro è la storia di una ricerca, il viaggio verso sé e gli altri di chi, costretto ad affermare se stesso ogni giorno, decide di trasformare ciò che poteva sembrare un problema, in un vantaggio. Crescere in una famiglia un po' speciale, scoprire la propria sessualità, innamorarsi, perdersi per poi ritrovarsi, diventare adulti e, infine, genitori; le tappe più importanti della vita affrontate dal punto di vista di una donna che ama le donne, e che sulla naturalezza delle proprie emozioni, sulla consapevolezza di sé, e la convinzione che l'omosessualità non debba essere considerata un problema, ha costruito tutta la sua battaglia di civiltà. "T'innamorerai senza pensare..." è una frase della canzone Figlia che il padre di Francesca, il cantautore Roberto Vecchioni, le ha dedicato quando è nata.

T’innamorerai senza pensare

Vecchioni Francesca