Narrativa

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Descrizione: Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930263

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quando Georges Simenon lesse Il giudice e il suo boia, romanzo di Durrenmatt disse: “Non so che età abbia l’autore. Se è alla sua prima prova, credo che farà strada”. Simenon in effetti si espresse bene a proposito dello scrittore svizzero.

Il giudice e il suo boia è un giallo, un noir di grande livello, non solo per la storia in sé, che comunque presenta un colpo di scena finale spiazzante, ma soprattutto per la centralità del tema della giustizia.

Protagonista è l’ispettore Barlach, uomo gravemente malato ma lucido, esperto, paziente e attendista, tanto che lui stesso si definisce “un grosso vecchio gatto nero a cui piace mangiare i topi”. Egli deve occuparsi dell’omicidio di un ispettore di polizia e si fa affiancare da un giovane e ambizioso collega, al quale affida la titolarità dell’indagine.

Si intuisce però che, al di là dell’indagine stessa, c’è un interesse superiore nella mente di Barlach: servirsi del caso per arrivare a Gastmann, un criminale che insegue da anni, ritenuto il sospettato numero uno dell’omicidio dell’ispettore di polizia. Tra i due c’è una conoscenza di lunga data, una rivalità nata a seguito di una scommessa fatta in gioventù, quando Barlach sostenne che “…l’imperfezione umana è il motivo per cui la maggior parte dei delitti viene inevitabilmente alla luce…” mentre Gastmann, per sfidarlo, rispose che “…proprio il garbuglio dei rapporti umani ti permette di compiere delitti che non si possono scoprire…”.

Da quel momento le loro strade si sono incrociate diverse volte, Gastmann è diventato un uomo ricco e potente, con amicizie altolocate e agganci importanti nell’ambiente degli affari e della politica e per questo è praticamente intoccabile, sebbene rimanga un assassino plurimo che Barlach desidera assegnare alla giustizia. Anzi, per meglio dire, dopo tanti anni e tanti scontri, Barlach ritiene di potere diventare il giudice della sorte di Gastmann, per poterlo finalmente consegnare alle mani del boia. Molto avvincente peraltro risulta essere il confronto verbale tra i due, che ritrovandosi vis-à-vis continuano a sfidarsi e irretirsi reciprocamente.

Proprio il tema della giustizia è caro a Durrenmatt e compare nuovamente in questo romanzo, così come in altre sue opere. La giustizia ha sempre un che di aleatorio, di approssimativo, può risultare parziale, strumentale ad altri interessi e pertanto non è sempre scontato che il braccio del boia alla fine colpisca in modo oggettivo e… tenendo conto dei meriti di ciascuno!

Questo sito è interamente dedicato all’autore!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Durrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Durrenmatt Friedrich


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

A Fercolo, piccolo centro dell’entroterra calabrese, vive l’umanità del romanzo. Un’umanità complessa e dolorosa, caratterizzata da situazioni irrisolte e trasversali nell’incertezza dei rapporti. Un professore precario, un politico navigato, una prostituta, un ragazzino alla ricerca del vero padre, due studenti dagli opposti destini, un maresciallo a caccia di un omicida. Un viaggio in pulmino, tra strade e paesi di Calabria, una terra con le sue smemoratezze, “i suoi caratteri, il rammarico profondo per tutto quello che potrebbe essere e non è.” Un viaggio che, seppur breve, rimescola le carte e i rapporti, rimette in discussione le singole vite, stravolgendole: dopo non sarà più come prima. Vicende umane, tra derive e riscatti, paesaggi del cuore e di una regione che, aspra e dura, cerca tenerezza. Prefazione di Pino Aprile.

L’assenza che volevo

Talarico Olimpio

Mauro Assante è, prima di ogni altra cosa, un uomo serio: ha sempre lavorato con scrupolo estremo, guadagnandosi incarichi di crescente responsabilità nell'istituzione in cui presta servizio, l'authority preposta al controllo della trasparenza delle banche italiane. Si è sposato tardi, con la sola donna che sia riuscita ad aprire una breccia nel suo temperamento ombroso, e ha un figlio piccolo, che trascorre i mesi estivi con la madre, in montagna. Questa estate Mauro si trattiene in città perché gli è stato affidato il compito di stilare una relazione particolarmente delicata su di un istituto bancario che con ogni probabilità verrà commissariato in seguito alla sua ispezione. Ma proprio durante queste solitarie giornate di lavoro, nella sua prevedibile esistenza iniziano ad aprirsi minuscole crepe. Dimentica aperta la porta di casa, riceve una telefonata beffarda, si convince di essere seguito da un uomo in motorino. Soprattutto, riceve la visita di una meravigliosa ragazza che evidentemente ha sbagliato indirizzo. Strano, ci dev'essere stato un errore. Ma dalla vita di Mauro Assante gli errori erano sempre stati banditi; così come sarebbe bandito il batticuore che invece lui prova quando, poche sere dopo, rincontra per caso quella stessa ragazza bionda... L'estate avanza, le temperature aumentano, la stesura della relazione si fa più complessa e con essa l'ansia di consegnare tutto senza sbavature, senza condizionamenti.

La relazione

Camilleri Andrea

Nel cuore della Bombay degli anni ottanta, in Suklaji Street, una strada di bordelli e di poveri coperti di stracci, capita un giorno Dom Ullis, un cristiano siriano che si è messo nei guai a New York ed è stato rispedito nella turbolenta metropoli indiana per rimettersi in sesto.

NARCOPOLIS

Thayil Jeet

È la storia di un incontro, questo libro intimo e provocatorio: tra una grande scrittrice che ha fatto della parola il proprio strumento per raccontare la realtà e una donna intelligente e volitiva a cui la parola è stata negata. Non potrebbero essere più diverse, Dacia Maraini e Chiara di Assisi, la santa che nella grande Storia scritta dagli uomini ha sempre vissuto all’ombra di Francesco. Eppure sono indissolubilmente legate dal bisogno di esprimere sempre la propria voce. Chiara ha dodici anni appena quando vede “il matto” di Assisi spogliarsi davanti al vescovo e alla città. È bella, nobile e destinata a un ottimo matrimonio, ma quel giorno la sua vita si accende del fuoco della chiamata: seguirà lo scandaloso trentenne dalle orecchie a sventola e si ritirerà dal mondo per abbracciare, nella solitudine di un’esistenza quasi carceraria, la povertà e la libertà di non possedere. Sta tutta qui la disobbedienza di Chiara, in questo strappo creativo alle convenzioni di un’epoca declinata al maschile. Perché, ieri come oggi, avere coraggio significa per una donna pensare e scegliere con la propria testa, anche attraverso un silenzio nutrito di idee. In questo racconto, che a volte si fa scontro appassionato, segnato da sogni e continue domande, Dacia Maraini traccia per noi il ritratto vivido di una Chiara che prima è donna, poi santa dal corpo tormentato ma felice: una creatura che ha saputo dare vita a un linguaggio rivoluzionario e superare le regole del suo tempo per seguirne una, la sua.

Chiara di Assisi. Elogio della disobbedienza

Maraini Dacia