Narrativa

Il giudice e il suo boia

Durrenmatt Friedrich

Descrizione: Esiste il delitto perfetto? Gastmann, “demonio in forma umana”, ne è convinto, e per dimostrarlo al commissario Barlach – e vincere la scommessa fatta in una bettola sul Bosforo – getta un uomo dal ponte di Galata. Per oltre quarant’anni il commissario seguirà le orme di quella belva feroce, finché un giorno, nella tetra quiete del lago di Biel, in Svizzera, l’assassinio dell’ispettore Schmied lo metterà nuovamente di fronte all’inquietante spettro del suo nemico e degli audaci, efferati delitti da lui commessi. A Barlach non resta molto da vivere: giusto il tempo di regolare i conti.

Categoria: Narrativa

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno: 2015

ISBN: 9788845930263

Recensito da Gabriele Lanzi

Le Vostre recensioni

Quando Georges Simenon lesse Il giudice e il suo boia, romanzo di Durrenmatt disse: “Non so che età abbia l’autore. Se è alla sua prima prova, credo che farà strada”. Simenon in effetti si espresse bene a proposito dello scrittore svizzero.

Il giudice e il suo boia è un giallo, un noir di grande livello, non solo per la storia in sé, che comunque presenta un colpo di scena finale spiazzante, ma soprattutto per la centralità del tema della giustizia.

Protagonista è l’ispettore Barlach, uomo gravemente malato ma lucido, esperto, paziente e attendista, tanto che lui stesso si definisce “un grosso vecchio gatto nero a cui piace mangiare i topi”. Egli deve occuparsi dell’omicidio di un ispettore di polizia e si fa affiancare da un giovane e ambizioso collega, al quale affida la titolarità dell’indagine.

Si intuisce però che, al di là dell’indagine stessa, c’è un interesse superiore nella mente di Barlach: servirsi del caso per arrivare a Gastmann, un criminale che insegue da anni, ritenuto il sospettato numero uno dell’omicidio dell’ispettore di polizia. Tra i due c’è una conoscenza di lunga data, una rivalità nata a seguito di una scommessa fatta in gioventù, quando Barlach sostenne che “…l’imperfezione umana è il motivo per cui la maggior parte dei delitti viene inevitabilmente alla luce…” mentre Gastmann, per sfidarlo, rispose che “…proprio il garbuglio dei rapporti umani ti permette di compiere delitti che non si possono scoprire…”.

Da quel momento le loro strade si sono incrociate diverse volte, Gastmann è diventato un uomo ricco e potente, con amicizie altolocate e agganci importanti nell’ambiente degli affari e della politica e per questo è praticamente intoccabile, sebbene rimanga un assassino plurimo che Barlach desidera assegnare alla giustizia. Anzi, per meglio dire, dopo tanti anni e tanti scontri, Barlach ritiene di potere diventare il giudice della sorte di Gastmann, per poterlo finalmente consegnare alle mani del boia. Molto avvincente peraltro risulta essere il confronto verbale tra i due, che ritrovandosi vis-à-vis continuano a sfidarsi e irretirsi reciprocamente.

Proprio il tema della giustizia è caro a Durrenmatt e compare nuovamente in questo romanzo, così come in altre sue opere. La giustizia ha sempre un che di aleatorio, di approssimativo, può risultare parziale, strumentale ad altri interessi e pertanto non è sempre scontato che il braccio del boia alla fine colpisca in modo oggettivo e… tenendo conto dei meriti di ciascuno!

Questo sito è interamente dedicato all’autore!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Friedrich

Durrenmatt

Libri dallo stesso autore

Intervista a Durrenmatt Friedrich

Catania. Nella grotta di un fiume sotterraneo usata come saletta da un locale molto noto viene ritrovato il cadavere di un uomo: lo hanno accoltellato. Una brutta faccenda su cui dovrà fare luce il vicequestore Vanina Guarrasi che, come se non bastasse, da qualche settimana è pure sotto scorta. «La migliore scrittrice di storie di poliziotte in circolazione» – Severino Colombo, Corriere della Sera «Cristina Cassar Scalia conduce il lettore negli angoli più bui di Catania, lo spinge a vedere oltre le apparenze, a inseguire i fantasmi della città che si agitano tra la vecchia pescheria, i quartieri popolari e quelli benestanti. E nello stesso tempo riavvolge il passato di Vanina e la spinge a confrontarsi con i suoi incubi.» - Stefania Parmeggiani, Robinson Vincenzo La Barbera, professore di filosofia presso il liceo classico, era un tipo solitario, che usava come casa una vecchia barca a vela ormeggiata nel porto ed era amatissimo dagli studenti. Niente debiti, né legami con la malavita. Eppure qualcuno lo ha ucciso, lasciando il suo corpo nel letto dell'Amenano, un corso d'acqua che secoli fa un'eruzione dell'Etna ha ricoperto di lava e che ora scorre sotto il centro storico della città. Vanina Guarrasi – la cui esistenza si è complicata, casomai ce ne fosse bisogno, per via di una minaccia di morte giunta dalla mafia palermitana – prende in mano l'indagine. Di indizi, nemmeno l'ombra. Il mistero è assai complesso, e forse ha le sue radici nel passato ribelle della vittima. Per risolverlo, però, Vanina potrà contare ancora una volta sull'aiuto dell'impareggiabile commissario in pensione Biagio Patanè.

L’uomo del porto

Cassar Scalia Cristina

Protagonista di questo romanzo a quattro mani è Salim Mohammed Salah. Ha 29 anni, una laurea in economia e più di centomila euro in contanti, ottenuti tramite una truffa. In fuga dalla Tunisia si è rifugiato in Italia, ma qui viene arrestato per detenzione di stupefacenti (che non gli appartengono). I soldi, però, sono al sicuro, nascosti in un posto che lui solo conosce. In carcere, Mohammed conosce Cattaneo, un impiegato amministrativo con il quale stringe un accordo: Mohammed gli rivelerà dove sono i soldi, indirizzandolo sugli investimenti; i profitti saranno divisi a metà. E così i due, nel giro di alcuni mesi, cominciano a vedere dei soldi. Di questo intrigo finanziario dietro le sbarre si accorge Gaetano Quarello, un boss al 41 bis che decide di affidare a Mohammed la gestione dei suoi risparmi, un’offerta che non si può rifiutare considerato da chi proviene... Gli affari finanziari vanno bene fino a quando uno dei compagni di cella, Buscaino, non rivela a Mohammed di essere un agente sotto copertura infiltrato in carcere per distruggere la rete di Quarello; con l’aiuto di Mohammed, potrebbe riuscire a seguire il flusso di denaro del boss e sgominare l’organizzazione. Mohammed si trova così di fronte a un dilemma: perdere tutti i suoi soldi e guadagnare la libertà in quanto collaboratore di giustizia, oppure rimanere in galera.

Vento in scatola

Malvaldi Marco

Intrighi e morte sull’Adda

Dodici sono i portici di Bologna candidati a patrimonio dell'umanità UNESCO, i più belli e ricchi di storia di tutta la città. Sono portici costruiti in epoche diverse, legati ai palazzi nobiliari, alle piazze che abbracciano, al quartiere dove sorgono. I portici, amati dai bolognesi che senza di loro non sanno stare, di certo sono rappresentativi di Bologna al pari dei Tortellini, delle Due Torri e dell'Università. Altrettanto rappresentativa di Bologna è l'investigatrice privata Stella Spada, unica e senza rivali, che dal suo studio di via dell'Inferno indaga sui casi che le vengono affidati, a patto che siano tutti nel centro di Bologna o poco distante. In questo romanzo breve, un caso molto speciale la obbliga ad una corsa contro il tempo dall'uno all'altro dei 12 portici candidati dall'UNESCO per ritrovare Filippo, il cane della vicina rapito da un misterioso personaggio che le lascia indizi in rima. Riuscirà Stella a ritrovare l'amato sanbernardo? Scoprirà e punirà il crudele rapitore?

Il mistero dei dodici portici

Lusetti Lorena