Giallo - thriller - noir

Il grande male

Simenon Georges

Descrizione: Non ci pensa due volte la terribile, dispotica signora Pontreau a spingere giù dalla finestrella del granaio il genero immobilizzato da una crisi di epilessia. La morte di quel buono a nulla, di quella «marionetta» dalle gambe molli, le permetterà di annettersi la sua proprietà e soprattutto di riprendere il controllo sulle tre figlie. Ma c’è un’altra donna, altrettanto terribile, una vecchia domestica rancorosa, che ha dei sospetti e che potrebbe parlare, o ricattarla. Il prezzo da pagare perché tutto venga soffocato, perché una greve cappa di silenzio scenda sulle vittime e i colpevoli, e perché ogni cosa – il paese come la grande casa dalle finestre sprangate – ripiombi in una calma sinistra, sarà altissimo.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Adelphi

Collana: Biblioteca

Anno: 2015

ISBN: 9788845929861

Recensito da Monique Pistolato

Le Vostre recensioni

Per gli amanti di Georges Simenon, Il grande male è un altro romanzo memorabile; per chi, invece, non l’ha ancora incontrato, ecco l’occasione per avventurarsi in una scrittura avvolgente.

La storia s’infila sotto pelle fin dalle prime pagine, lasciando il lettore inquieto e assetato di arrivare alla fine. Sullo sfondo una campagna assolata, una giornata di fatiche per molti uomini e il presagio di qualche cosa di sconvolgente nell’aria. La minaccia, però, non arriva dal cielo o dai braccianti carichi di vino e di lavoro, bensì da un algido piano che parte dalla cucina.

Lì, alcune donne sono intente a preparare la cena del dopo raccolto e a pungolarsi fra loro. A dominare tra i fornelli è la signora Pontreau, protagonista indiscussa, vedova e madre di tre figlie. Una donna dispotica, ferrea, impegnata a difendere un rango che non le appartiene più, agendo con una freddezza chirurgica.

Dall’inizio sappiamo che è lei la mano diabolica che spinge il genero, immobilizzato da una crisi epilettica, oltre la finestrella del granaio.

Liberarsi di quel biondino gracile e malaticcio potrà consentirle d’impadronirsi di una parte dei suoi beni e di recuperare potere sulla vita delle figlie. Tuttavia, una figura altrettanto inquietante sconvolge i suoi progetti: una domestica a ore, ostile e svitata, che forse è stata testimone del delitto…

Un piccolo capolavoro narrativo, un’originale indagine interiore con cui l’autore ci dimostra ancora una volta la sua profonda conoscenza della psicologia femminile e delle sottigliezze dell’animo umano.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Georges

Simenon

Libri dallo stesso autore

Intervista a Simenon Georges


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Giulio Cesare non è morto, durante la congiura delle Idi di marzo...

Cesare il conquistatore

Forte Franco

Cos'hanno in comune gli atti con le azioni? Esistono atti inediti, mai compiuti, che possono divenire autentici mezzi di liberazione e disturbo del "quieto" vivere? E cosa possiamo imparare dagli animali per cambiare lo stato di cose presente? Dal punto di vista della società-grattacielo, le risposte a queste domande dovranno essere qualcosa d'inaccettabile. D'intollerabile, anche solo per un attimo. Quando saranno tollerabili, ecco la filosofia d'accademia, "di cani abbaianti in una cuccia sordomuta, ignoranti allo sbaraglio". La filosofia non cerca soluzioni, ma problemi. Non può prestarsi alla perversione della cura: resta per sua stessa essenza diagnosi.

Flatus vocis

Caffo Leonardo

Ci sono molti modi d'intendere il giallo, genere che ormai ha mille sfaccettature e sa accontentare anche i palati più raffinati. Per Gaia Conventi il giallo ha soprattutto una vena comica, perché di tutto si può ridere, persino in mezzo alla tormenta che costringe un oste, un carabiniere e un curiale a indagare sulla morte di una mummia estense. E non stupitevi di scovare mummie ad Arginario Po, ridente paesino a pochi chilometri da Ferrara, non stupitevi nemmeno di non trovare la località su Google Maps. In "Quarti di vino e mezze verità" l'autrice - ridendo - vi svelerà una strana e cupa storia estense. Arginario Po torna anche nella seconda novella: in "La locanda del Giallo" il morto arriva quando serve e fa più comodo. A parecchia gente. Sarà quindi il caso di far svolgere le indagini alla combriccola di giallisti invitata alla kermesse. Ottima occasione per mettere all'opera gli esperti del settore e per farsi quattro risate ai danni dell'editoria.

Novelle col morto

Conventi Gaia

Marianna Scamardella giovanissima giallista