Giallo - thriller - noir

Il killer delle ballerine

Tura Stefano

Descrizione: Il primo romanzo di Stefano Tura e il sequel inedito in un unico thriller. Il killer delle ballerine: Rimini, anni '90. Fabrizio Dentice è un pericoloso psicopatico, condannato e rinchiuso in un manicomio per l'omicidio di cinque cubiste. Ma il verdetto non convince Luca Rambaldi, giovane giornalista di provincia e fidanzato di una delle ragazze orrendamente assassinate. Tanto più che i brutali delitti riprendono. E così Luca, aiutato da Carmen, un'intraprendente e coraggiosa ragazza, e da Samantha, transgender che sembra conoscere tutti i segreti della vita dei locali notturni della riviera, mette in atto una personale indagine per dare un volto allo spietato serial-killer. Fino a scoprire una perversa e sconvolgente verità. L'ultimo ballo: Rimini, 20 anni dopo. La riviera romagnola ha cambiato completamente volto, molte delle discoteche hanno chiuso, alcune sono state addirittura abbattute. È un mondo dominato dalla "rete", dagli smartphone, dai social network, un mondo in cui il livello di discriminazione e violenza è aumentato esponenzialmente. E quando due terribili delitti sconvolgono la notte riminese, riaffiorano paure mai superate e incubi che sembravano appartenere al passato.I sopravvissuti alla vicenda di 20 anni prima si rendono subito conto dell'agghiacciante realtà: il killer delle ballerine è tornato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La Corte Editore

Collana: Underground

Anno: 2021

ISBN: 9788831209618

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Stefano Tura, Il killer delle ballerine + L’ultimo ballo, La Corte editore 2021

La Corte editore ha deciso di ripubblicare quello che è stato il libro d’esordio di Stefano Tura, intitolato Il killer delle ballerine, a cui fa seguito un inedito, dal titolo L’ultimo ballo, il tutto compreso in un unico volume.

Stefano Tura, giornalista e scrittore, è nato a Bologna, ma vive a Londra, dove lavora come corrispondente per la Rai.

Il Killer delle ballerine racconta la vicenda di cinque donne, cubiste nelle discoteche di Rimini, uccise e poi smembrate. Il killer, oltre a ucciderle con un’accetta, ne amputa pezzi di carne che conserva come trofei.

Ad avviare un’indagine parallela a quella ufficiale è il giovane giornalista Luca Rambaldi, mosso anche dalla sete di vendetta per la morte della sua fidanzata Martina. La verità però sarà peggiore di come se l’era immaginata.

Ne L’ultimo ballo siamo sempre a Rimini, ma vent’anni dopo. Rimini è cambiata, le discoteche di allora sono per la maggior parte chiuse e la città è un cimitero di locali abbandonati. Il Killer delle ballerine, Fabrizio Dentice, è stato consegnato alla giustizia; ma gli anni da scontare in carcere sono stati pochi: dieci anni, due per ogni ballerina uccisa. Qualcosa non torna neppure per il giornalista Luca che non può, però, fare altro che accettare la sentenza. Il male è sempre in agguato, e quando altri due terribili delitti vengono commessi, non si può fare altro che chiedersi: “Il Killer delle ballerine è tornato?

Il Male in questo romanzo è sicuramente il secondo protagonista. Il Male scorre tranquillo e travolge tutto e chiunque.

Il romanzo è scritto con uno stile asciutto ma preciso, il taglio è giornalistico e non si perde in inutili fronzoli. La trama è elaborata e il lasso di tempo intercorrente tra le due storie, un ventennio, è reso con sapienza narrativa. Un ottimo elaborato per gli amanti del genere…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Tura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tura Stefano

Nel tepore ingannevole di un maggio malato, il raccogliticcio gruppo di investigatori comandato da Gigi Palma si trova a fronteggiare un crimine terribile: un bambino di dieci anni, nipote di un ricco imprenditore, è stato rapito. Le indagini procedono a tentoni, mentre il buio si impadronisce lentamente dei cuori e delle anime e la morsa di una crisi di cui nessuno intravede l'uscita stravolge le vite di tanti, spegnendo i sentimenti piú profondi. Anche un banale furto in un appartamento può nascondere le peggiori sorprese. I Bastardi dovranno essere piú uniti che mai, per trovare insieme la forza di sporgersi su un abisso di menzogne e rancori dove non balena alcuna luce. Intanto, nel commissariato piú chiacchierato della città, i rapporti di lavoro e quelli personali si complicano, e il vecchio Pisanelli prosegue la sua battaglia solitaria contro un serial killer alla cui esistenza nessuno vuole credere.

Buio per i bastardi di Pizzofalcone

De Giovanni Maurizio

Tasso è un uomo con un piolo conficcato in testa, un po' lento (direbbe sua madre), ma molto sensibile alle attenzioni della signora Pilar. Anchise è disposto a pagare di tasca propria per poter continuare a suonare ogni sabato con la sua band, e scambiare quello sguardo di profondissima intesa con Diana, la bassista, prima che lei torni dal marito. E poi c'è una Polaroid che a un certo punto comincia a catturare non solo le immagini ma anche i pensieri, e una sala d'attesa in cui perdere la cognizione del tempo mentre aspetti invano che l'Assegnatore chiami il tuo numero. Insomma, questi racconti - cosi diversi fra loro e cosi inseparabili, quasi una classe scolastica eterogenea ma affiatata - sono un tripudio di fantasia e vividezza. E soprattutto irrompono sulla scena due elementi nuovissimi nella scrittura di Ligabue: la cornice surreale e la musica. La musica in tutte le sue declinazioni. La musica che, come il sesso e l'amore, sfugge fortunatamente a ogni tentativo di imbrigliarla. Perché solo nell'abbandono, nell'accettazione del mistero, nello stupore che ci afferra ogni volta come fosse la prima, possiamo sperimentare la loro - e la nostra - quotidiana spettacolare magia.

Scusate il disordine

Ligabue, Luciano

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

Frecce: poesie che… aiutano a vivere

AA.VV.