Giallo - thriller - noir

Il killer delle ballerine

Tura Stefano

Descrizione: Il primo romanzo di Stefano Tura e il sequel inedito in un unico thriller. Il killer delle ballerine: Rimini, anni '90. Fabrizio Dentice è un pericoloso psicopatico, condannato e rinchiuso in un manicomio per l'omicidio di cinque cubiste. Ma il verdetto non convince Luca Rambaldi, giovane giornalista di provincia e fidanzato di una delle ragazze orrendamente assassinate. Tanto più che i brutali delitti riprendono. E così Luca, aiutato da Carmen, un'intraprendente e coraggiosa ragazza, e da Samantha, transgender che sembra conoscere tutti i segreti della vita dei locali notturni della riviera, mette in atto una personale indagine per dare un volto allo spietato serial-killer. Fino a scoprire una perversa e sconvolgente verità. L'ultimo ballo: Rimini, 20 anni dopo. La riviera romagnola ha cambiato completamente volto, molte delle discoteche hanno chiuso, alcune sono state addirittura abbattute. È un mondo dominato dalla "rete", dagli smartphone, dai social network, un mondo in cui il livello di discriminazione e violenza è aumentato esponenzialmente. E quando due terribili delitti sconvolgono la notte riminese, riaffiorano paure mai superate e incubi che sembravano appartenere al passato.I sopravvissuti alla vicenda di 20 anni prima si rendono subito conto dell'agghiacciante realtà: il killer delle ballerine è tornato.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: La Corte Editore

Collana: Underground

Anno: 2021

ISBN: 9788831209618

Recensito da Ornella Donna

Le Vostre recensioni

Stefano Tura, Il killer delle ballerine + L’ultimo ballo, La Corte editore 2021

La Corte editore ha deciso di ripubblicare quello che è stato il libro d’esordio di Stefano Tura, intitolato Il killer delle ballerine, a cui fa seguito un inedito, dal titolo L’ultimo ballo, il tutto compreso in un unico volume.

Stefano Tura, giornalista e scrittore, è nato a Bologna, ma vive a Londra, dove lavora come corrispondente per la Rai.

Il Killer delle ballerine racconta la vicenda di cinque donne, cubiste nelle discoteche di Rimini, uccise e poi smembrate. Il killer, oltre a ucciderle con un’accetta, ne amputa pezzi di carne che conserva come trofei.

Ad avviare un’indagine parallela a quella ufficiale è il giovane giornalista Luca Rambaldi, mosso anche dalla sete di vendetta per la morte della sua fidanzata Martina. La verità però sarà peggiore di come se l’era immaginata.

Ne L’ultimo ballo siamo sempre a Rimini, ma vent’anni dopo. Rimini è cambiata, le discoteche di allora sono per la maggior parte chiuse e la città è un cimitero di locali abbandonati. Il Killer delle ballerine, Fabrizio Dentice, è stato consegnato alla giustizia; ma gli anni da scontare in carcere sono stati pochi: dieci anni, due per ogni ballerina uccisa. Qualcosa non torna neppure per il giornalista Luca che non può, però, fare altro che accettare la sentenza. Il male è sempre in agguato, e quando altri due terribili delitti vengono commessi, non si può fare altro che chiedersi: “Il Killer delle ballerine è tornato?

Il Male in questo romanzo è sicuramente il secondo protagonista. Il Male scorre tranquillo e travolge tutto e chiunque.

Il romanzo è scritto con uno stile asciutto ma preciso, il taglio è giornalistico e non si perde in inutili fronzoli. La trama è elaborata e il lasso di tempo intercorrente tra le due storie, un ventennio, è reso con sapienza narrativa. Un ottimo elaborato per gli amanti del genere…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stefano

Tura

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tura Stefano

Come si può continuare a scrivere quando la morte ti ha sottratto la tua Musa? È questo l'interrogativo che, l'8 giugno 1290, tormenta Dante Alighieri, giovane poeta ancora alla ricerca di una sua voce, davanti alle spoglie di Beatrice Portinari. Da quel momento tutto cambierà: la sua vita come la sua poesia. Percorrendo le strade di Firenze, Dante rievoca le vicissitudini di un amore segnato dal destino, il primo incontro e l'ultimo sguardo, la malìa di una passione in virtù della quale ha avuto ispirazione e fama. È sgomento, il giovane poeta; e smarrito. Ma la sorte gli riserva altri strali. Mentre le trame della politica fiorentina minacciano dapprima i suoi affetti - dal rapporto con la moglie Gemma all'amicizia fraterna con Guido Cavalcanti - e poi la sua stessa vita, Dante Alighieri fa i conti con le tentazioni del potere e la ferita del tradimento, con l'aspirazione alla gloria letteraria e il timore di non riuscire a comporre il suo capolavoro... È un Dante intimo, rivelato nella sua fragilità ma anche nella potenza della sua visione del mondo, quello che Marco Santagata mette in scena in un romanzo che restituisce le atmosfere, le parole, le inquietudini di un Medioevo vivido e vicino. Il sommo poeta in tutta la sua umanità: lacerato dall'amore, tormentato dall'ambizione, ardentemente contemporaneo.

Come donna innamorata

Santagata Marco

Sarajevo, 28 giugno 1914. Sei colpi di rivoltella freddano Francesco Ferdinando d’Asburgo e Sophie Chotek, sposa morganatica dell’erede di Francesco Giuseppe perché “non abbastanza nobile” per diventare imperatrice. In sette capitoli, corrispondenti ai giorni in cui si dipana la querelle fra l’opinione pubblica e Alfred di Montenuovo, incaricato di organizzare le esequie, Edgarda Ferri racconta le discussioni, i puntigli, i compromessi dell’inquietante Gran Ciambellano di Corte, che non riconosce Sophie come moglie legittima dell’erede al trono, arrivando a concederle soltanto un paio di misteriosi guanti bianchi posati sulla bara, poggiata a terra e lontana da quella del marito, issata su un enorme catafalco ornato dai simboli imperiali.

Guanti bianchi

Ferri Edgarda

Πεταλούδες

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène