Giallo - thriller - noir

Il labirinto sepolto di Babele

De Lys Francisco J.

Descrizione: In una Barcellona avvolta nella nebbia, l'architetto e restauratore Gabriel Grieg riceve la visita di una sconosciuta, che gli dà una notizia sconvolgente: entro ventiquattr'ore il suo destino cambierà radicalmente. E in effetti, la sua vita sarà rivoluzionata dalla scoperta dell'oscuro potere della Chartam, un oggetto misterioso che gli esperti definiscono "il segreto meglio custodito degli archivi vaticani". Sulla Chartam, infatti, si fonda da secoli l'ordine gerarchico della Curia, emblematicamente raffigurato nel dipinto "La Torre di Babele" di Pieter Bruegel il vecchio. Grieg e la sua nuova compagna d'avventure si lanceranno così in un'indagine senza sosta, seguendo un tortuoso percorso che li porterà sulle tracce di una setta religiosa e di uno spregiudicato cardinale, fino a perdersi nei vicoli bui della città - dal Barrio Gotico al Montjuïc - e nei misteri iniziatici contenuti nelle opere del massimo rappresentante dell'architettura catalana: Antoni Gaudí.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Newton Compton

Collana: Nuova Narrativa Newton

Anno: 2011

ISBN: 9788854133129

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

Quando viene in mente Barcellona si pensa a una vita sfavillante e a un mondo in felice movimento.  Ma una città può avere mille volti, che si moltiplicano a seconda di chi la vive.  Lo stesso Francisco J. De Lys afferma:  “Una delle ragioni che mi hanno spinto a scrivere romanzi è far conoscere i “non-luoghi” che non compaiono nelle guide turistiche, a metà strada tra un incubo alla Poe e una fantasia di Lovecraft.”

La protagonista di questo romanzo è proprio una personalissima Barcellona, quasi medioevale, scacchiera di un ricco intreccio, che coinvolge anche Gaudí: strani indizi portano alla Sagrada Família, che nasconde molti segreti tra le pieghe dei  particolari architettonici.

Gabriel Grieg, architetto famoso, cammina attraverso vicoli deserti,  si rintana in chiese silenziose, custodi di un mondo irreale. Si fa trascinare dagli eventi e spesso viene inghiottito da luoghi misteriosi, dove il filo geografico si perde, perché sembra di essere a Roma, in Vaticano,  in quelle sale eterne che solleticano la fantasia dei fan di Dan Brown.

Ad essere personale non è solo la prospettiva “impressionista”, ma anche la storia che è manipolata dai personaggi, perché la trasformano secondo il loro passato.

L’acume dei protagonisti consente ai fatti di arricchirsi in maniera esponenziale e, se il tempo in genere è soggettivo, qui non esiste:  l’intreccio mescola i piani temporali in una dimensione fuori da ogni riferimento, rendendo il romanzo molto originale.

Spesso non si capisce su quale piano i protagonisti agiscano. Mentre cercano di salvarsi la vita, investigano sulla storia complicata che gli piomba addosso e riescono a far pace con la loro infanzia, a prescindere da quello che succederà in seguito.

Vedendola sorridere, mentre la chiamava sotto le mimose, Grieg non solo impresse in modo indelebile quella scena nella sua memoria, ma risentì, per una frazione di secondo, l’essenza del sublime pensiero che gli aveva provocato il topolino del cimitero: l’insondabile mistero  […] e persino il ricordo di lui stesso che schiacciava la terra smossa, la stessa terra con cui da bambino giocava a diseppelire scrigni pieni d’oro e pietre preziose, e dove quella notte aveva sepolto per sempre la sua vecchia copia de L’isola del tesoro.”

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Francisco

Lys

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Lys Francisco J.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Lo chiamano Oltre. Alcuni sono appena arrivati in quel mondo così simile al nostro eppure così diverso. Altri invece sono lì da secoli e sono ormai indifferenti alla perenne coltre di nubi che nasconde il sole e all’atmosfera cupa che li circonda. Ma ognuno di loro condivide lo stesso destino: dopo essere morti, sono stati condannati per l’eternità. Sia che abbiano scritto a caratteri di fuoco il loro nome nel grande libro della Storia – tiranni sanguinari, sovrani spietati, criminali di guerra – sia che nel corso della loro oscura esistenza si siano macchiati di colpe incancellabili, adesso sono tutti relegati in quel luogo maledetto. Tutti, tranne John Camp. Lui è «vivo», ed è lì per sua scelta. Perché ha giurato di salvare la donna che ama. Durante un audace esperimento di fisica delle particelle, la dottoressa Emily Loughty è scomparsa nel nulla e, quando si è deciso di ripetere il procedimento per capire cosa fosse successo, John si è posizionato nel punto esatto in cui lei era sparita e... in un attimo è stato catapultato all’Inferno. E ora deve affrontare un mondo sconosciuto e ostile per ritrovare Emily e riportarla indietro. Ma il tempo a sua disposizione è poco, e tutti e due rischiano di rimanere per sempre prigionieri nella terra dei Dannati...

Dannati

Cooper Glenn

“Tundurundù è il nomignolo affettuoso con cui mi chiamava mia madre sin dai primi mesi dell’infanzia”. Un viaggio affascinante tra pensieri e ricordi a un anno dalla morte della madre. L’occasione per una nuova consapevolezza del Trascendente che passa attraverso un rapporto materno denso di amore e di bellezza.

Tundurundù

Di Giandomenico Marco Eugenio

Beija-flor

Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti più grandi che non hanno nulla a che spartire con lei. Incapace di creare una relazione con chiunque, Lou passa la maggior parte del suo tempo libero a vivere le emozioni degli altri: guarda il calcio in televisione per osservare la gioia dei giocatori, spia le persone per strada e, soprattutto, frequenta le stazioni ferroviarie parigine perché in quei luoghi si concentra l'emozione di amanti che si salutano, di famiglie rimaste a lungo separate, di amici che si ritrovano. È proprio qui, alla stazione di Austerlitz, che Lou trova, tra la folla, una ragazza appena più grande di lei, Nolwenn, che si è lasciata alle spalle un passato difficile e ora vive da randagia. Tra le due, nel tempo di uno sguardo, si crea un'intesa speciale, che nessuna delle due aveva mai trovato prima. Due ragazze totalmente sole, diverse ma destinate, in qualche modo, a riconoscersi tra la folla della città, finiranno così per stringere un'amicizia che, nata lentamente, arriverà a cambiare la loro vita e il loro mondo. La vicenda, drammatica eppure lieve, di due vite chiamate a intrecciarsi e, se non a salvarsi, almeno a trovare nuove speranze.

GLI EFFETTI SECONDARI DEI SOGNI

Vigan Delphine, de