Narrativa

IL LADRO DI GOMME

Coupland Douglas

Descrizione: Roger Thorpe ha 43 anni, un divorzio doloroso alle spalle, qualche problema con l’alcol e un lavoro come commesso da Staples, un megastore specializzato in prodotti per l’ufficio. La sua collega Bethany – 24 anni, pelle diafana, rossetto nero e una sfilza di scheletri nell’armadio di famiglia – ha davanti a sé una prospettiva avvilente: anni a sistemare penne Bic, cartucce di toner e blocchetti di Post-it nei corridoi asettici del negozio. Ma un giorno Bethany trova per caso i diari privati di Roger, scritti in parte dal punto di vista di lei. Superato il turbamento iniziale, decide di rispondergli con una lettera, dando il via a un carteggio segreto, bizzarro e sempre più intimo, che si dipana parallelo alle vicende dei protagonisti dello Stagno del guanto, il romanzo borghese a tinte surreali che Roger sta scrivendo e che spera un giorno di riuscire a pubblicare. Con una prosa nitida e visionaria, Coupland crea un miracoloso congegno narrativo in cui tutti gli ingranaggi si combinano per dar vita a un caleidoscopico affresco dell’animo umano.

Categoria: Narrativa

Editore: ISBN

Collana: Special Books

Anno: 2013

ISBN: 9788876384080

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Ho fatto delle cazzate e delle cose buone nella vita, ma tutto è svanito da sé, ed eticamente credo di essere una persona abbastanza ordinaria, uno come gli altri. Le tue Giovanna d’Arco e i tuoi Superman non si vedono speso in giro. Il mondo è fatto perlopiù di quelli come me, che arrancano. Ecco cosa fa la gente – arranca, arranca, arranca. Anche se venire a patti con il fatto che sono come tutti gli altri mi deprime, il dolore è alleviato dalla sicurezza che mi dà il sapere di essere parte della specie umana“.

Quella di Douglas Coupland è una scrittura ironica e limpida, eppure “Il ladro di gomme” non è un libro semplice da spiegare, perché l’autore canadese di “Generazione X” si diverte a confondere i generi letterari creando un’allegra mescolanza.

Roger fa il commesso da Staples, un megastore specializzato in prodotti per l’ufficio. Quarantatré anni, divorziato, alcolista o quasi, non fatichiamo molto a comprendere il suo stato d’animo sin dalle prime pagine: “Ti capita mai di voler essere qualcun altro, chiunque altro ma non tu – quel tu con un posto fisso e una famiglia da sfamare, quel tu con una casa relativamente dignitosa, e che non smette di impegnarsi per tenere in piedi le amicizie? In altre parole, quel tu che rimarrà più o meno uguale a se stesso fino alla tomba?”

Roger tiene un diario e fin qui niente di strano.

Questo diario, però, è scritto in gran parte dal punto di vista di una giovane collega, Bethany. “Mi occupo di rifornire i corridoi 2-Nord e 2-Sud: buste trasparenti, intercalari e divisori, quaderni articoli della Post-it, boc-notes, carta da regalo e carta da lettere. Se odio questo lavoro? Sei scemo? Certo che sì“.

Quando Bethany scopre il diario di Roger, inizia a scambiarsi con lui delle lettere sempre più intime. Allo stesso tempo, Roger sta scrivendo un libro, intitolato “Lo stagno del guanto” e incentrato su una coppia litigiosa, Gloria e Steve, di cui seguiamo contestualmente le vicende.

E poi ci sono DeeDee e Kyle e Brittany e… Non vi gira un po’ la testa? A me sì.

Il meccanismo narrativo ideato da Coupland è indubbiamente contorto, anche se l’abilità dell’autore sta proprio nel farci perdere e poi subito ritrovare il bandolo della matassa, confonderci e poi farci ritornare su strada, magari una strada diversa da quella su cui ci eravamo incamminati. Insomma, la lettura de “Il ladro di gomme”, oltre a essere divertente, rappresenta anche un buon esercizio di stile. Sconsigliato agli amanti del romanzo tradizionale…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Douglas

Coupland

Libri dallo stesso autore

Intervista a Coupland Douglas


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Indio

Leone Lucilla

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf

Sotto la bottiglia

Filippo Kalomenidis

Una piccola città. L’esplosione di una bomba uccide un’innocente. Il magistrato che volevano assassinare ne esce incolume. La figlia, Eleonora, ne rimane segnata per sempre. Anni dopo, Eleonora osserva nel cielo la diagonale perfetta disegnata da tre pianeti: una coincidenza sorprendente, come quella che presto la costringerà a lasciare tutto per inseguire il suo passato. Un viaggio nei ricordi di una donna e nelle strade della provincia italiana.

Una diagonale perfetta

Di Martino Antonella